Fonti per la storia della scuola in Italia

Doisneau_Scuola

Nella collana «Fonti» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi sono disponibili online alcuni della serie Fonti per la storia della scuola:

1: L’istruzione normale dalla legge Casati all’età giolittiana, a cura di Carmela Covato e Anna Maria Sorge. Roma : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1994.

>>  Per accedere al volume clicca qui (file PDF)

2: Il Consiglio superiore della pubblica istruzione, 1847-1928, a cura di Gabriella Ciampi e Claudio Santangeli. Roma : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1994.

>>  Per accedere al volume clicca qui (file PDF)

4:  L’inchiesta Scialoja sulla istruzione secondaria maschile e femminile (1872-1875), a cura di Luisa Montevecchi, Marino Raicich. Roma : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1995.

>>  Per accedere al volume clicca qui (file PDF)

5:  L’istruzione universitaria (1859-1915), a cura di Gigliola Fioravanti, Mauro Moretti, Ilaria Porciani. Roma : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 2000.

>>  Per accedere al volume clicca qui (file PDF)

6: L’istruzione agraria (1861-1928), a cura di Anna Pia Bidolli, Simonetta Soldani. Roma : Ministero per i beni culturali e ambientali, Direzione generale per gli archivi, 2001.

>>  Per accedere al volume clicca qui (file PDF)

7: Gli istituti femminili di educazione e di istruzione, 1861-1910, a cura di Silvia Franchini e Paola Puzzuoli. Roma : Ministero per i beni e le attività culturali, Dipartimento per i beni archivistici e librari, Direzione generale per gli archivi, 2005.

>> Per accedere al volume clicca qui (file PDF)

Dalla Premessa alla collana:

«Nella non ricca letteratura di storia dell’istruzione manca una qualche raccolta di fonti documentarie, già scarsamente edite o del tutto inedite, che costituiscono la base per ogni ricerca che non voglia limitarsi a una rassegna del dibattito pedagogico ma voglia misurarsi da vicino con i nodi istituzionali, sociali e culturali che si riflettono e si intrecciano nella storia della scuola. […]

Per ora ci siamo limitati alla presentazione di documenti conservati all’Archivio centrale dello Stato (con la sola eccezione dei verbali del Consiglio superiore della pubblica istruzione depositati presso il ministero omonimo) e relativi alla realtà scolastica e universitaria del Regno d’Italia. I documenti presi in considerazione, in genere, si collocano tra la legge Casati del 1859 e le leggi Gentile del 1923.

I singoli volumi della collana sono curati in stretta collaborazione da uno studioso di storia e da un funzionario dell’Archivio centrale dello Stato: essi hanno, in un comune lavoro, scelto i documenti a loro avviso più significativi da una ampia serie di buste e filze fino a ora scarsamente esaminate, ne hanno curato la trascrizione, hanno provveduto a predisporre un sobrio apparato di note ed hanno ad ogni volume premesso una introduzione illustrativa articolata in una parte storica e in una parte più strettamente archivistica.

I volumi, che entreranno a far parte della collana Fonti curata dall’Ufficio centrale per i beni archivistici, saranno raggruppati in due serie distinte: una prima serie istituzionale che esaminerà i vari ordini di scuola (elementare, classica ecc.) o le varie istituzioni (Consiglio superiore, amministrazione centrale ecc.); una seconda, monografica, che offrirà i documenti relativi a questioni e episodi particolari ma significativi (inchieste, libri di testo ecc.).

La documentazione offerta dai singoli volumi è, per ragioni evidenti di spazi e di costi, antologica: in tal senso, oltre ad offrire una prima base documentaria per gli studiosi, essa intende altresì fornire lo stimolo per più ampie e dettagliate ricerche e per la predisposizione di inventari più dettagliati dei fondi disponibili. Va infine richiamata l’attenzione dei lettori sul fatto che la documentazione versata presso l’Archivio centrale dello Stato, per la non regolarità dei versamenti o in seguito a dispersioni, per lo più causate da eventi bellici, presenta vuoti e lacune che non possono non rispecchiarsi nella scelta dei documenti per i singoli volumi.

Ma il significato di questa iniziativa ci sembra vada al di là della stessa utilità che potranno trarne gli studi sulla storia della scuola in Italia, per costituire un esempio della necessaria collaborazione fra il mondo degli studi e della ricerca e le istituzioni archivistiche, nel rispetto dei diversi ruoli e nella consapevolezza di un possibile lavoro comune».

L’intera produzione editoriale della Direzione generale per gli archivi è raggiungibile dal catalogo online.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *