Archivi tag: storia medievale

Inventari e cataloghi di biblioteche medievali

Sul sito Internet cuturale sono disponibili le riproduzioni digitalizzate di 386 pubblicazioni moderne contenenti inventari e cataloghi di biblioteche medievali di area italiana.

La collezione digitale è un complemento al progetto R.I.Ca.Bi.M. (Repertorio di Inventari e Cataloghi di Biblioteche Medievali), curato dalla Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino (SISMEL).

«Obiettivo primario del Progetto di Ricerca R.I.Ca.Bi.M., avviato nel 1996 e costituitosi come redazione stabile a partire dal 2001, è la realizzazione di un repertorio di cataloghi, di inventari e di qualsiasi altra attestazione libraria presente in fonti archivistiche (come testamenti, donazioni, transazioni ed atti di varia natura) o in registri preposti a scopi precipui (note di prestito, note di spesa, note da obituari) contenenti riferimento immediato a manoscritti ed incunaboli, anticamente posseduti, o sotto forma di catalogo dettagliato o di semplice lista o di enumerazione sommaria degli stessi, purché antecedenti al 1520 e senza limiti geografici in seno all’Occidente latino» (dalla pagina di presentazione del progetto sul sito della SISMEL].

Il repertorio R.I.Ca.Bi.M. è disponibile in versione cartacea sul sito delle Edizioni del Galluzzo e consultabile online su Mirabile.

Per approfondire l’argomento si rimanda a questo articolo di recente pubblicazione:

Giovanni Fiesoli, Inventari al quadrato: il progetto R.I.Ca.Bi.M. Bilanci e questioni di metodo, Bibliothecae.it, vol. 5, no. 1 (2016), p. 17-54  (PDF scaricabile gratuitamente: <https://bibliothecae.unibo.it/article/view/6104>).

 

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/main/partner/istituto_37.html>

Mediatheca Franciscana è anche su Internet culturale

Sisf_Mediatheca

I preziosi manoscritti digitalizzati della Mediatheca Franciscana (>> vedi questo post) sono anche su Internet culturale:

«La banca dati rende disponibili le immagini digitali dei codici del Fondo Antico presso il Sacro Convento. Alcuni manoscritti hanno un’importanza primaria nell’ambito della tradizione delle fonti francescane e la biblioteca assisana viene considerata un’arca della cultura religiosa del basso medioevo.

Si ricordino il codice 338, il più antico corpus degli scritti di Francesco d’Assisi, databile alla metà del secolo XIII, contenente anche il testo del Cantico delle Creature; il codice 686, il testimone più antico e completo della Vita secunda di Francesco d’Assisi o Memoriale in desiderio animae di Tommaso da Celano; il codice 330 contenente la Legenda maior e laLegenda minor di Bonaventura da Bagnoregio; il codice 342, il testimone più antico e autorevole del Liber della b. Angela da Foligno.

Biblioteca di uno studio generale, comprendeva codici di filosofia, teologia e scienza naturale. Il primo e più importante nucleo librario identificabile è dovuto alla donazione del cardinale Matteo d’Acquasparta, già ministro generale dell’Ordine dei frati Minori e maestro di teologia; egli assegnò la sua biblioteca metà al convento di Assisi e l’altra metà al convento di S. Fortunato di Todi. Da segnalare infine i codici 1-15, la splendida Bibbia glossata parigina, detta di S. Luigi IX, impreziosita da un’importante apparato iconografico.

Il progetto, ideato dalla Società internazionale di Studi francescani, è stato finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, ‘Ufficio Centrale per i Beni librari, l’Editoria e gli Istituti Culturali’, dalla Biblioteca Digitale Italiana, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e dal Comune di Assisi».

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/collezioni/collezione_0052.html>

La Biblioteca digitale della Società Ligure di Storia Patria

testata_atti

La Società Ligure di Storia Patria, grazie al contributo di alcuni sponsor privati quali la  Compagnia di San Paolo e della Fondazione CARIGE, ha intrapreso  nell’autunno del 2011 un piano di digitalizzazione delle proprie pubblicazioni esaurite, al fine di presentare ai soci e agli utenti il ricco complesso di testi scientifici editi in oltre un secolo e mezzo di studi, riprodotti in formato digitale e liberamente scaricabili.

Periodici e collane:

Nella primavera del 2013 la Società ha intrapreso anche un ampio piano di digitalizzazione di risorse manoscritte utili allo studio e all’approfondimento della Storia della Liguria.

Manoscritti di argomento locale conservati presso l’Archivio storico del Comune di Genova:

 

URL: <http://www.storiapatriagenova.eu/BD_info.asp>

FAMA – Banca dati sulla trasmissione manoscritta dei testi medievali

FAMA_logo

Segnaliamo un prezioso strumento online a cura dell’École nationale des chartes di Parigi.

Si tratta di una banca dati che permette di studiare la fortuna dei testi medievali attraverso la loro tradizione manoscritta, indicando per ciascun testo tramandato il numero di copie manoscritte che sono attestate nelle fonti bibliografiche.

La banca data, utilissima per gli studiosi di storia e filosofia medievale, si chiama FAMA – Œuvres latines médiévales à succès e contiene al momento 1205 schede relative ad altrettanti testi medievali, per un totale di 12.534 manuscritti censiti.

Riportiamo la presentazione in lingua inglese del progetto, dalla home page del sito (l’originale in francese qui):

The number of manuscript copies that circulated is one of the criteria for gauging the impact of a medieval text. Above a certain number, it provides a relevant basis for evaluating the reception of texts in a particular domain and gives some idea of the audience reached by the work.

FAMA compiles information on the number of surviving witnesses of the most widely read medieval texts in Latin. These data are arranged according to genre, date of composition, and number of copies of each work, as well as by country of origin, date of copy, and former provenances of manuscripts. FAMA provides a point of reference for current studies allowing a global approach to cultural phenomena.

FAMA takes special care to indicate critical editions and studies on the diffusion of a work, where the geographic and chronological distribution has been established, thus reflecting the evolution of its readership and conditions of transmission (geographical, institutional, cultural milieus), and possibly its later disaffection.

FAMA currently contains 1205 entries for texts and 12534 manuscripts.

La ricerca può essere condotta per parole chiave (>> vai alla maschera di ricerca avanzata) oppure per scorrimento liste: è disponibile un elenco alfabetico degli autori e delle opere (>> vai alla lista) e un elenco dei manoscritti censiti (>> vai alla lista).

 

URL: <http://fama.irht.cnrs.fr/fr/>

ARVO Archivio digitale del Volto Santo

Volto Santo

Da pochi mesi è on line il sito web ARVO Archivio digitale del Volto Santo, un progetto molto ambizioso nato a Lucca e destinato a raccogliere uno dei patrimoni culturali più vasti e più capillarmente disseminati nel vecchio continente: la memoria del Volto Santo di Lucca e quella delle tappe intermedie del pellegrinaggio fra le grandi mete di Santiago di Compostela, Roma, Gerusalemme.

Il Volto Santo di Lucca è un crocifisso ligneo che è stato al centro di una diffusa venerazione in tutta Europa fin dal Medioevo.

È attualmente conservato in un tempietto a pianta centrale costruito da Matteo Civitali nel 1484, nella navata sinistra della cattedrale di San Martino a Lucca. La grandissima venerazione ne ha fatto il vero e proprio emblema della città, di fatto eclissando i santi protettori titolari della città, san Martino e san Paolino, tanto che la massima festa religiosa della diocesi è proprio la festa della Esaltazione della Santa Croce.

La festa dell’Esaltazione della Santa Croce ebbe origine a Gerusalemme nella prima metà del IV secolo. A partire dalla dedicazione della grande basilica sul Calvario, avvenuta il 13 Settembre del 335 d. C., ogni anno, il 14 settembre, si celebrava in essa un rito particolare durante il quale la reliquia della Santa Croce veniva elevata con un gesto di “esaltazione”, per essere mostrata alla venerazione dei fedeli. Sulla scia della liturgia gerosolimitana la festa si diffuse in Oriente e in Occidente. A Roma la troviamo già nel secolo VII, mentre a Milano cominciò ad essere celebrata ufficialmente solo dall’XI.

Sulle strade dei pellegrini transitò la cultura europea del Medioevo in uno scambio fitto, continuo per noi quasi impensabile ma che costituì la rete attraverso la quale mondi e territori lontani furono continuamente in contatto e si influenzarono vicendevolmente, nell’arte, nella letteratura, nel culto dei santi. Il Volto Santo è uno degli esempi più famosi di questa diffusione: documenti, manoscritti, miniature, affreschi, sculture, sono presenti praticamente in tutto il continente.

Il progetto ARVO Archivio digitale del Volto Santo intende avviare un recupero della messe di conoscenze sul Volto Santo a partire dalle fonti manoscritte e iconografiche, raccogliendo la vasta bibliografia su quello che fu e rimane un emblema della stessa identità lucchese.

Il progetto è stato realizzato dall’Associazione Mons Gaudii e curato da Ilaria Sabbatini in collaborazione con la SISMEL (Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino, Firenze), l’Archivio di Stato di Lucca, l’Università di Siena (Centro interdipartimentale per lo studio dell’ospedale di Santa Maria della Scala), l’Istituto storico italiano per il Medioevo,  l’Università di Tours – Francia (Département d’Histoire et d’Archéologie) e del Complesso Museale e Archeologico della Cattedrale di Lucca.

URL: <http://www.archiviovoltosanto.org/>

Gli e-book di RM – Reti Medievali

RM

Si arricchisce la proposta di e-book scaricabili gratuitamente pubblicati da Reti Medievali, il portale scientifico nato nel 1998 per gli studi medievistici.

«Reti Medievali E-book costituisce la prima iniziativa italiana di pubblicazione integrata e multiformato di studi e di testi di argomento medievistico.

Lo scopo di RM E-book è quello di favorire la più ampia distribuzione possibile di contributi originali attraverso la loro diffusione in internet ad accesso aperto.

RM E-book pubblica, con licenza Creative Commons Attribution 4.0 Internatonal, esclusivamente testi e materiali vagliati (peer-reviewed) da non meno di due lettori individuati nell’ambito di un’ampia cerchia internazionale di specialisti. Gli E-book di RM sono indicizzati nelle principali banche dati di monografie e catalogati in centinaia di biblioteche nel mondo.

RM è edita da Firenze University Press».

Elenco dei titoli pubblicati:

1.  Renato Bordone, Uno stato d’animo. Memoria del tempo e comportamenti urbani nel mondo comunale italiano  (2002).

2.  Le storie e la memoria. In onore di Arnold Esch, a cura di Roberto Delle Donne e Andrea Zorzi  (2002).

3.  Marina Gazzini, “Dare et habere”. Il mondo di un mercante milanese del Quattrocento  (2002).

4.  Papato e monachesimo “esente” nei secoli centrali del medioevo, a cura di Nicolangelo D’Acunto  (2003).

5.  Paola Guglielmotti, Ricerche sull’organizzazione del territorio nella Liguria medievale  (2005).

6.  Alto medioevo mediterraneo, a cura di Stefano Gasparri  (2005).

7.  Poteri signorili e feudali nelle campagne dell’Italia settentrionale fra Tre e Quattrocento: fondamenti di legittimità e forme di esercizio, a cura di Federica Cengarle, Giorgio Chittolini e Gian Maria Varanini  (2005).

8.  Ebrei nella Terraferma veneta del Quattrocento, a cura di Gian Maria Varanini e Reinhold C. Mueller  (2005).

9.  Giovanna Petti Balbi, Governare la città. Pratiche sociali e linguaggi politici a Genova in età medievale  (2007).

10.  Giovanni Tabacco, Medievistica del Novecento. Recensioni e note di lettura (1951-1999), a cura di Paola Guglielmotti  (2007).

11.  Le signorie dei Rossi di Parma tra XIV e XVI secolo, a cura di Letizia Arcangeli e Marco Gentile  (2007).

12.  Studi confraternali: orientamenti, problemi, testimonianze, a cura di Marina Gazzini  (2009).

13.  Isabella Lazzarini, Il linguaggio del territorio fra principe e comunità. Il giuramento di fedeltà a Federico Gonzaga (Mantova 1479)  (2009).

14.  Conflitti, paci e vendette nell’Italia comunale, a cura di Andrea Zorzi  (2009).

15.  Europa e Italia. Studi in onore di Giorgio Chittolini / Europe and Italy. Studies in honour of Giorgio Chittolini  (2011).

16.  Giovanni Tabacco, La relazione fra i concetti di potere temporale e di potere spirituale nella tradizione cristiana fino al secolo XIV, a cura di Laura Gaffuri  (2010).

17.  Roberto Delle Donne, Burocrazia e fisco a Napoli tra XV e XVI secolo. La Camera della Sommaria e il Repertorium alphabeticum solutionum fiscalium Regni Siciliae Cisfretanae  (2012).

18.  Mario Marrocchi, Monaci scrittori. San Salvatore al monte Amiata tra Impero e Papato (secoli VIII-XIII)   (2014).

URL: <http://www.rm.unina.it/rmebook/>

Nuova veste e nuovi contenuti per il sito dell’Archivio Datini di Prato

Datini

L’Archivio di Stato di Prato continua la sua politica di apertura sul web dei dati del proprio patrimonio avviata nel 2008 con la pubblicazione dell’archivio digitale del mercante Francesco di Marco Datini (1335-1410).

L’Archivio Datini è una fonte unica per la storia del mondo mercantile europeo nella seconda metà del Trecento, per conoscere le merci, i trasporti, le rotte, gli strumenti finanziari usati dagli operatori, la mentalità, le aspettative, le preoccupazioni dei protagonisti ed altro ancora. Il mondo datiniano è un universo di oltre 150.000 documenti sciolti e circa 600 registri.

Riportiamo parte dell’articolo di Ilaria Barbanti e Simone Pasquini pubblicato su regesta.com, il magazine di regesta.exe:

Dal 15 maggio l’Archivio Datini è online con una nuova veste grafica, nuovi contenuti digitali e nuove funzionalità. In questa stessa occasione è stato pubblicato anche il sito web dell’Istituto: dal nuovo sito è possibile l’accesso e la consultazione dei dati sui complessi documentari e sui soggetti produttori, nonché dell’inventario dell’Ospedale della Misericordia e Dolce, che contiene al suo interno due serie documentali di particolare interesse, completamente digitalizzate.

Nella prima sono conservate le oltre 800 lettere, datate dal 1401 al 1437, che compongono il carteggio di Giuliano Marcovaldi, rappresentante e procacciatore di affari per conto di società e mercanti interessati ai traffici tra i porti adriatici centro meridionali (sui Marcovaldi si veda la pubblicazione di Paola Pinelli “Il carteggio Marcovaldi (1401-1437) nell’Archivio di Stato di Prato”  sui Quaderni della Rassegna degli Archivi di Stato, disponibile sul sito della Direzione generale degli Archivi).

La seconda è costituita dai cosiddetti Segnali dei gettatelli, ossia i contrassegni e i biglietti che accompagnavano i bambini abbandonati e accolti dall’Ospedale della Misericordia e Dolce di Prato tra la fine del 1700 e il 1800 (sul «segnale» come testimonianza di un’identità da perdere/ritrovare si può leggere il saggio di Anna Maria Maccelli per l’École française de Rome).

L’Archivio Datini contiene documenti di amministrazione e carteggi che testimoniano in massima parte la vastissima attività svolta in campo industriale, commerciale, bancario dalle varie aziende cui Francesco Datini dette vita.

L’Archivio è articolato secondo gli otto principali fondaci che costituiscono le articolazioni dell’archivio e l’ossatura dell’ordinamento. Ciascun fondaco è suddiviso in due grandi sezioni: i libri contabili (a loro volta suddivisi nelle tradizionali serie)  e carteggio ricevuto.

I fondaci si susseguono in ordine cronologico di apertura:

  • Avignone: Libri contabili, 1363-1416 (284 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Avignone, 1368-1414 (1506 unità);
  • Prato: Libri contabili, 1348-1430 (285 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Prato,1367-1427 (10.262 unità);
  • Pisa: Libri contabili, 1382-1407 (154 unità), Carteggio ricevuto dal fondaco Pisa, 1378-1410 (38.502 unità);
  • Firenze: Libri contabili, 1381-1420 (188 unità), Carteggio ricevuto dal fondaco di Firenze, 1365-1420 (31.655 unità);
  • Genova: Libri contabili, 1384-1409 (46 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Genova, 1373-1409 (15.031 unità);
  • Barcellona: Libri contabili, 1363-1411 (65 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Barcellona, 1382-1412 (24.354 unità);
  • Valenza: Libri contabili, 1393-1412 (51 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Valenza, 1386-1419 (11.393 unità)
  • Majorca: Libri contabili, 1395-1411 (54 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Valenza, 1391-1412 (10.580 unità);

Fuori dallo schema fondaco-aziende, ci sono le seguenti sezioni:

  • Carteggio privato (lettere inviate e ricevute da Datini, dalla moglie Margherita e da alcuni dei collaboratori di Datini);
  • Carteggio specializzato (questo suddiviso per per fondaci);
  • Appendice al carteggio (copie e minute di lettere; lettere dirette a località diverse dai fondaci);
  • Atti e documenti diversi (tra cui le assicurazioni);
  • Esecuzione testamentaria;
  • Estranei.

ll nuovo sito propone anche alcuni interessanti percorsi di lettura:

URL: <http://datini.archiviodistato.prato.it/>

Fonti per la storia della Toscana / 1 : Le cronache medievali della città di Siena

Siena

Su Internet Archive sono disponibili le riproduzioni digitalizzate dei volumi del Rerum italicarum scriptores dedicati alle cronache della città di Siena.

Rerum italicorum scriptores : raccolta degli storici italiani dal cinquecento al millecinquecento ordinata da L. A. Muratori

Cronache senesi (a cura di Alessandro Lisini e Fabio Iacometti)

Tomo15, parte 6a    (>> sfoglia il volume online    >> scarica il file PDF)

  • Prefazione
  • Kalendarium ecclesiae metropolitanae senensis
  • Cronaca senese dei fatti riguardanti la città e il suo territorio di autore anonimo del secolo XIV
  • Cronaca senese conosciuta sotto il nome di Paolo di Tommaso Montauri
  • Cronaca senese attribuita ad Agnolo di Tura del Grasso, detta la Cronaca maggiore

Tomo 15, parte 6b    (>> sfoglia il volume online    >> scarica il file PDF)

  • Cronaca senese di Donato di Neri e di suo figlio Neri
  • Cronaca senese conosciuta sotto il nome di Paolo di Tommaso Montauri (continuazione: anni 1381-1431)
  • Cronaca senese di Tommaso Fecini (1431-1479)
  • Frammento di un diario senese di Cristoforo Cantoni (1479-1483)

 …

URL: <https://archive.org/details/p6arerumitalicarums15card ;    https://archive.org/details/p6brerumitalicarums15card>

Manuscripts Online: l’Inghilterra tra il 1000 e il 1500

Manuscripts

Manuscripts Online è un motore di ricerca web che fornisce accesso a risorse digitali già presenti in rete.

Il progetto, sviluppato dal HRI-Humanities Research Institute dell’Università di Sheffield con la collaborazione di numerose altre istituzioni, è finalizzato a facilitare l’accesso a fonti primarie, manoscritti, documenti storici e incunaboli prodotti in Inghilterra nel periodo che va dall’anno 1000 al 1500.

Manuscripts Online è stato ufficialmente lanciato sul web il 4 marzo 2013.

>> Consulta qui l’elenco delle risorse indicizzate dal motore di ricerca.

Manuscripts Online enables you to search a diverse body of online primary resources relating to written and early printed culture in Britain during the period 1000 to 1500. The resources include literary manuscripts, historical documents and early printed books which are located on websites owned by libraries, archives, universities and publishers.

This freely available literary resource has been developed by the University of Sheffield’s Humanities Research Institute (HRI) and has been funded by Jisc, an organisation aiming to make the United Kingdom the most digitally advanced education and research nation in the world.

Manuscripts Online was created by a partnership between the Universities of SheffieldLeicesterBirminghamYorkGlasgow and Queen’s University Belfast.

URL: <http://www.manuscriptsonline.org/>

Video del Congresso “L’Islam et l’Occident à l’époque médiévale. Transmission et diffusion des savoirs”

Congresso

Sul canale web francese Canal-U Sono disponibili in registrazione video tutti gli interventi del Congresso La philosophie dans le monde arabo-musulman au Moyen Âge, che si è tenuto all’École normale supérieure Lettres et sciences humaines di Lione dall’11 al 13 marzo 2009.

>> Vai al sito dedicato al Congresso

Elenco delle sessioni e di tutti gli interventi:

La philosophie dans le monde arabo-musulman au Moyen Âge / Président de séance : Ali Benmakhlouf

  Ouverture du Colloque

  La question de l’hellénisation du Proche-Orient à l’époque médiévale

  La circulation des sciences exactes produites en pays d’Islam vers l’Europe, à partir de la fin du XIe siècle

  Avicenne et son emprise sur la pensée postérieure, tant en terre d’Islam qu’en Occident

  Débat:  La philosophie dans le monde arabo-musulman au Moyen Âge

Traduction, langage et pensée philosophique / Président de séance : Jean-Claude Zancarini

  La logique d’Aristote et le modèle démonstratif chez les philosophes arabes classiques

  Langue arabe et logique grecque

  Traduire et lire un texte scientifique

  En quel sens peut-on parler des racines d’une culture ?

  Débat autour de la session

La transmission des savoirs du monde arabo-musulman à l’Occident / Président de séance : Makram Abbès

  Lire Aristote dans le texte de Platon. Averroès et la mutation de la médecine politique

  Astronomie et médecine chez les penseurs latins de la fin du XIIIe siècle

  Ramon Lull “arabicus christianus” : des armes matérielles aux armes intellectuelles

  Débat autour de la session

Grammaire ou choc des civilisations? / Présidente de séance : Pascale Barthélémy

  Les sciences historiques dans la culture arabo-musulmane : héritage antique et élaborations nouvelles

  L’Islam médiéval ou le miroir aux identités. Remarques sur une civilisation de la bigarrure

  Historiographie d’une évidence : la civilisation occidentale

  Du clash des civilisations au choc des intercultures: comment en est-on arrivé là?

  Débat autour de la session

L’historien, la demande sociale et la diffusion des savoirs / Président de séance : Daniel Rivet

  L’enseignement de l’histoire de l’Islam médiéval en France

  Tzvetan Todorov autour de son livre La peur des barbares 

  Débat autour de la session

The Monastic Manuscript Project: un portale per lo studio degli ordini monastici nell’Alto Medioevo

The Monastic Manuscript Project è un interessante progetto collaborativo che raccoglie la descrizione di manoscritti, link ai cataloghi, testi rilevanti per lo studio degli ordini monastici medievali.

The Monastic Manuscript Project is a database of descriptions of manuscripts that contain texts relevant for the study of early medieval monasticism, especially monastic rules, ascetic treatises, vitae patrum-texts and texts related to monastic reforms. We provide lists of manuscripts for each of these texts, which are linked to manuscript descriptions. The purpose is to offer a tool for reconstructing not only the manuscript dissemination of early medieval monastic texts but also to give access to the specific contexts in which a text appears.

The database supports current edition projects and draws attention to understudied texts and the transmission of fragments, excerpts and florilegia. It is designed to facilitate the work of students and scholars who are interested in the history and reception of texts and who want to work with manuscripts rather than rely on modern editions.

The Monastic Manuscript Project is conceptualized as a ‘Wiki’ project. Every student or scholar who works on monastic manuscripts is invited to contribute new manuscript descriptions, to fill in gaps and to submit additions and corrections to existing pages. Eventually the project will become a forum for collaborative work and the presentation of new research.

The database currently can be searched for authors, texts, manuscripts, incipits, genres, and provenances.

Segnaliamo, inoltre, la ricca e aggiornatissima  Bibliografia sulla storia del monachesimo nella tarda antichità e nel primo Medioevohttp://www.earlymedievalmonasticism.org/bibliographymonasticism.htm

URL: <http://www.earlymedievalmonasticism.org>

Lezioni di Storia medievale su iTunes U: gli scambi commerciali tra Musulmani e Cristiani nel Mediterraneo

E’ disponibile su iTunes U un corso di Storia medievale tenuto dalla prof.ssa Enrica Salvatori dell’Università di Pisa: Musulmani e Cristiani nel Mediterraneo medievale alla luce dell’economia e degli scambi

Unità 01: Cristiani e Mussulmani nel medioevo

Unità 02: Il Mediterraneo nella storiografia medievistica

Unità 03: Il Mediterraneo tardo antico

Unità 04: L’espansione dell’Islam

Unità 05: Il Dar-al-Islam e la visone dell’altro

Unità 06: Le monete altomedievali

Unità 07: La frammentazione del Dar-al-Islam

Unità 08: La lettera di Berta a Muktafi

Unità 09: Berta e il Califfo

Unità 10: Amalfi e il Levante

Unità 11: L’espansione di Pisa nel Mediterraneo

URL: <http://itunes.apple.com/us/itunes-u/storia-medievale-ii-musulmani/id517976272>

Studium Faesulanum: studi e fonti sulla storia di Fiesole e della Toscana

Curia vescovile di Fiesole, Madonna con Bambino (inizi sec. XV)

Studium Faesulanum è un centro di ricerca con sede a Vienna. La sua attività scientifica  promuove la valorizzazione del prezioso e vasto patrimonio memoriale della diocesi di Fiesole e cura la pubblicazione di studi sulla storia della diocesi di Fiesole, su Firenze e sulla Toscana.

Base per ogni ricerca del centro sono le centinaia di scritti di mons. Giuseppe Raspini (1908-2010) canonico del Capitolo della Cattedrale di S. Romolo che, nella sua lunghissima vita di storico ed archivista vescovile, ha studiato, esaminato e descritto l’intero percorso storico del complessivo territorio fiesolano.

Interessante e ricca la sezione del sito denominata Bibliotheca faesulana:

  • Bibliotheca toscana: fonti e repertori sulla storia della Toscana disponibili in riproduzione digitale
  • Bibliotheca ottomana: libri e fonti sulla campagna d’Ungheria (XVII secolo) e la potenza ottomana
  • Bibliotheca vaticana: storia del Vaticano, annuarii pontifici, biografie dei cardinali e altri repertori
  • Enciclopedie: link a repertori enciclopedici tematici o di carattere generale

Nella sezione Fondo libri, invece, sono disponibili le seguenti opere:

URL: <http://www.studiumfaesulanum.at/home.html>

Feminae: Medieval Women and Gender Index

Feminae: Medieval Women and Gender Index è una banca dati bibliografica che indicizza articoli di riviste, recensioni di libri e saggi pubblicati a partire dal 1990 che trattano a vario titolo il tema della donna nel Medioevo (ruolo sociale della donna, sessualità, studi di genere). Contiene ad oggi più di 20.000 record bibliografici.

Le riviste spogliate sono circa 500.

Feminae: Medieval Women and Gender Index covers journal articles, book reviews, and essays in books about women, sexuality, and gender during the Middle Ages. Because of the explosion of research in Women’s Studies during the past two decades, scholars and students interested in women during the Middle Ages find an ever-growing flood of publications.

Identifying relevant works in this mass of material is further complicated by the interdisciplinary nature of much of the scholarship. In order to help researchers find current articles and essays quickly and easily, librarians and scholars began compiling the Feminae: Medieval Women and Gender Index in July 1996.

Books written by a single author are not indexed in Feminae; for these, check library catalogs that have strong collections in medieval studies.

There are over 20,000 records in the database currently, and more than five hundred records are added every four months. We index the most current year for which full journal volumes are available along with backlog years, and we are now working both on 2006-2007 and on the remaining publications from 1990 through 2005.

The time period covered is 450 C.E. to 1500 C.E. with Russia extending to 1613, the beginning of the Romanov dynasty, because the sixteenth century is still medieval in social and political terms. The geographic area is Europe, North Africa, and the Middle East as well as areas in which Europeans travelled.

Subject coverage for gender and sexuality means that articles on masculinity and male homosexuality are included. Publications in English, French, German, and Spanish have been indexed since the project began in 1996. Materials in Italian (published from 1990 to the present) began to be included in the database in May 2001.

URL: <http://inpress.lib.uiowa.edu/feminae/Default.aspx>

Le pubblicazioni dell’Istituto Storico Italiano per il Medioevo disponibili online

Riportiamo un estratto dall’articolo di Guido De Blasi, Le pubblicazioni dell’Istituto Storico Italiano per il Medioevo on-line. Censimento, «Reti medievali», vol. 12, n. 1 (2011).

L’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo ha nel suo sito una pagina dedicata alle edizioni elettroniche, ove si trovano, in libero accesso, sia digitalizzazioni di volumi editi sia pubblicazioni esclusivamente elettroniche. Queste copie digitali si dividono in Saggi e atti di convegni e Articoli e sono disponibili in formato pdf.

Attualmente la collezione è numericamente poco consistente: vi sono solo 18 volumi, tra i saggi e gli atti, e 48 articoli (di cui alcuni facenti parte proprio degli atti), ma in continuo accrescimento. Tra i pochi vi sono ad esempio i volumi della collana “Studi Storici” Arsenio Frugoni, Arnaldo da Brescia nelle fonti del sec. XII, Roma 1954 e Paolo Lamma, Momenti di storiografia cluniacense, Roma 1961, di “Nuovi Studi Storici” il libro Formazione e struttura dei ceti dominanti nel Medioevo: marchesi conti e visconti nel Regno Italico (secc. IX-XII). Atti del terzo convegno di Pisa: 18-20 marzo 1999, a cura di A. Spicciani, Roma 2003.

Nel sito dell’ISIME vi è anche una sezione dedicata alle banche dati. Qui ci sono, oltre al lemmario del Repertorium, i database Onomasticon (un indice dei nomi di persona presenti in fonti cronachistiche e narrative romane del XV secolo e dei primi decenni del XVI), Repertorio delle fonti documentarie del Lazio e Archivum Arcis (contenente i materiali dell’Archivio di Castel Sant’Angelo). […]

[Leggi l’articolo in versione integrale]