Archivi tag: storia d’Italia

Guerra ai civili: le stragi nazi-fasciste in Toscana dal 1943 al 1945

santanna1

Segnaliamo un sito che  raccoglie informazioni bibliografiche e materiale documentario con lo scopo di tracciare un atlante delle stragi nazi-fasciste in Italia.

Tutti i contenuti pubblicati sul sito sono curati da un gruppo di ricerca dell’Università di Pisa coordinato dal prof. Paolo Pezzino.

Il gruppo nazionale di ricerca, in origine costituito dai nuclei di quattro regioni italiane (la Campania, la Puglia, la Toscana, l’Emilia – Romagna) ha censito, catalogato e analizzato le stragi di popolazione civile commesse dalla Wehrmacht e dai reparti della Repubblica Sociale Italiana nel periodo dell’occupazione tedesca in Italia.

Fra le regioni studiate, la Toscana costituisce un privilegiato campo di osservazione per le dimensioni e la qualità che il fenomeno della guerra ai civili assunse in questo territorio nei lunghi mesi dell’occupazione tedesca.

Combinando materiali di diversa provenienza archivistica – dai grandi archivi italiani, britannici, statunitensi e tedeschi sino alla più microscopica ricerca condotta presso gli archivi comunali toscani – con le con testimonianze orali raccolte a più riprese da Giovanni Contini, il gruppo è pervenuto alla stesura di un database completo degli episodi di strage occorsi sul territorio e di schede specifiche per ogni episodio.

URL: <http://131.114.43.50:81/stmstragi/index.php>

Bibliografia di Filippo Turati 1881-1926

Sul sito della Fondazione di studi storici Filippo Turati è consultabile una bibliografia relativa agli scritti di Filippo Turati dal 1881 al 1926.
Complessivamente, si tratta di oltre un migliaio di riferimenti bibliografici utili agli studiosi e agli utenti in genere interessati alla figura dell’intellettuale e politico socialista.

Gli scritti sono raggruppati per anno di pubblicazione. Per ciascun documento sono riportate, oltre alle indicazioni bibliografiche, alcune brevi note relative al contenuto.

La bibliografia propone in versione online il contenuto del volume a stampa:

Filippo Turati. Bibliografia degli scritti (1881-1926) a cura di Paola Furlan
Piero Lacaita Editore, 2001

URL: <http://www.pertini.it/turati/bancadati/bd_turati.html>

Emeroteca digitale della Biblioteca Augusta: periodici storici locali editi in Umbria tra la fine del ‘700 e la metà del ‘900

L’Emeroteca Digitale della Biblioteca Augusta è un servizio di consultazione online dei periodici storici locali editi in Umbria dalla fine del Settecento alla metà del Novecento.

Si possono visualizzare e sfogliare virtualmente giornali storici di informazione generale con cronaca locale, periodici umoristici o satirici, riviste culturali tra le più significative nel dibattito culturale umbro, materiali che la biblioteca possiede in raccolte complete e spesso esclusive, molto richiesti e consultati per ricerche storiche e ricostruzioni di avvenimenti locali.

Il progetto è stato realizzato nell’ambito dell’Accordo di programma quadro in materia di beni culturali tra la Regione Umbria e il Ministero per i beni e le attività culturali, nel rispetto degli standard definiti dalla Biblioteca Digitale Italiana.

Tutte le pagine dei giornali dell’Emeroteca digitale sono liberamente consultabili.

URL: <http://augusta.alchimedia.com/>

L’Archivio Giuseppe Bottai della Fondazione Mondadori

  I fondi archivistici conservati presso la Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori raccolgono documentazione che copre l’arco cronologico 1844-2005. Il nucleo principale è costituito dagli archivi storici della Arnoldo Mondadori Editore e del Saggiatore nelle loro diverse articolazioni, archivi che vengono continuamente incrementati dalla periodica acquisizione di materiale documentario sulla base delle convenzioni stipulate con entrambe le case editrici.
Ai materiali provenienti direttamente dall’AME e dal Saggiatore si sono aggiunti nel tempo importanti versamenti di fondi prodotti da dirigenti, intellettuali, autori, traduttori, illustratori che hanno collaborato o avuto comunque parte attiva nella storia delle due case editrici, nonché di fondi personali provenienti dalla famiglia Mondadori. Oltre a questi, grazie al ruolo di archivio di concentrazione nel settore editoriale riconosciuto alla Fondazione, sono qui pervenuti archivi di imprese editoriali, di autori e personalità dell’editoria e della cultura.

Depositato in più versamenti dagli eredi, l’Archivio Giuseppe Bottai è composto da oltre 1600 fascicoli conservati in 72 buste con documentazione dal 1903 al 1992, ai quali vanno aggiunte oltre 2800 immagini della sezione fotografica.
Oltre alla documentazione personale sono qui conservate carte relative alla carriera militare, ai diversi incarichi parlamentari e di governo ricoperti da Giuseppe Bottai e inerenti la sua attività giornalistico-letteraria. In particolare, si segnalano i diari personali (peraltro in parte già pubblicati); i discorsi alla Camera e al Senato e il carteggio personale e familiare. Quest’ultimo, costituito da circa 13.000 documenti, testimonia il ruolo di spicco avuto da Bottai nel panorama politico e culturale, le relazioni intrattenute con eminenti personalità, la sua partecipazione a eventi di portata storica.
La documentazione fotografica presente nell’archivio (per la maggior parte positivi su carta) documenta l’intera vita di Giuseppe Bottai. In considerazione della vicenda biografica del personaggio, tale materiale assume un valore documentario considerevole dal punto di vista della ricerca storica in campo politico, sociale e culturale. Accrescono il valore della documentazione le numerose annotazioni presenti sui supporti, molte delle quali autografe di Bottai, che consentono di contestualizzare le immagini. Anche dal punto di vista della storia della fotografia, il materiale presenta un interesse non marginale, comprendendo lavori di importanti autori individuali e collettivi, attivi nel Ventennio. Il materiale copre il periodo 1903-1958.

L’inventario, compilato su supporto informatico (applicativo Sesamo della Regione Lombardia), è consultabile on-line
La sezione fotografica è stata catalogata adottando lo standard descrittivo “scheda F” con l’applicativo AIM della Regione Lombardia, ed è ora disponibile sul sito di Lombardia Beni Culturali.
L’archivio è dichiarato di notevole interesse storico dalla Soprintendenza archivistica per la Lombardia.

URL: <http://www.fondazionemondadori.it/cms/conservazione/163/>

Lezioni di storia: Novecento italiano

  

“Dal regicidio alla Grande Guerra, dal delitto Matteotti all’8 settembre, dal miracolo economico alla contestazione, dagli anni del terrorismo a Tangentopoli e al maxiprocesso, il corso della storia ha accelerato il passo, impresso svolte, segnato l’identità del nostro paese”.

In nove lezioni magistrali (disponibili in podcast sul sito della casa editrice Laterza), gli anni cruciali che hanno dato il volto all’Italia di oggi.

.

Emilio Gentile,  1900. Inizia il secolo (scarica il file mp3)

Mario Isnenghi,  1915. Cinque modi di andare ala guerra (scarica il file mp3)

Giovanni Sabbatucci,  1924. Il delitto Matteotti (scarica il file mp3)

Claudio Pavone,  1943. L’8 settembre (scarica il file mp3)

Valerio Castronovo,  1960. Il miracolo economico (scarica il file mp3)

Marco Revelli,  1968. La grande contestazione (scarica il file mp3)

Vittorio Vidotto,  1978. Il delitto Moro (scarica il file mp3)

Salvatore Lupo, 1986. Il maxiprocesso (scarica il file mp3)

.

URL: <http://www.laterza.it/pod-nuove-lezioni.asp>

Archivio delle carte private di Alcide De Gasperi: un inventario

   

Il fondo Alcide De Gasperi è stato depositato agli Archivi Storici delle Comunità Europee di Firenze dalla figlia Maria Romana De Gasperi nel corso della solenne cerimonia che ha celebrato, il 7 novembre 2001, il venticinquesimo anniversario dell’entrata in attività dell’Istituto Universitario Europeo di Firenze.

L’insieme del fondo è costituito da circa 200 dossier privati dello statista italiano e da alcune decine facenti parte delle carte di alcuni tra i più stretti collaboratori del Presidente. Essi sono per lo più composti da corrispondenza, scritti e discorsi, note e memoranda generalmente manoscritti e non di rado inediti prodotti o ricevuti dal Presidente De Gasperi nel corso della sua vita pubblica o raccolti da Maria Romana De Gasperi.

La stessa Maria Romana De Gasperi ha preparato, con l’aiuto di una sorella, un catalogo dei documenti che sono stati conservati tra il 1953 e il 2002 presso il suo domicilio romano.

L’interesse del fondo per la ricerca storica è considerevole, in quanto i documenti illustrano apprezzabilmente la genesi e lo sviluppo successivo della Democrazia Cristiana italiana e i rapporti, spesso contrastati, che De Gasperi ha intrattenuto con correnti e personalità influenti all’interno del proprio partito. Un altro aspetto interessante di queste carte è rappresentato dalle testimonianze legate all’attività politica svolta sotto l’impero austroungarico da De Gasperi a favore dell’irredentismo trentino. Uno spazio particolare deve essere riservato ai documenti che illustrano l’opposizione al regime fascista e alle relazioni di Alcide De Gasperi con il Vaticano durante gli anni bui della dittatura. Infine, una menzione speciale meritano le carte, molto numerose e varie, che si occupano delle questioni di politica internazionale e della politica estera italiana: il Trattato di Pace, l’adesione dell’Italia al Patto atlantico, la questione di Trieste, il Piano Schuman e l’elaborazione di un trattato per la creazione di una Comunità europea di Difesa.

L’inventario provvisorio, disponibile in formato PDF, si riferisce alle carte che sono tutt’ora in possesso della famiglia De Gasperi. Anticipa il futuro trasferimento dell’archivio privato di Alcide De Gasperi presso gli Archivi Storici dell’Unione europea a Firenze che avverrà in tempi e modi ancora da concordare. Tale inventario provvisorio è fornito ai ricercatori a titolo puramente indicativo e nessuna richiesta di documenti può essere inoltrata agli Archivi fino alla data del deposito delle carte a Firenze.

  Archivio Alcide De Gaspeti : inventario provvisorio. – Firenze : Istituto Universitario Europeo; Archivi Storici dell’Unione Europea, 2003.

URL: <http://www.eui.eu/ECArchives/pdf/ADG.pdf>

Pubblicazioni storiche della Banca d’Italia disponibili in Rete

  Sul sito della Banca d’Italia sono liberamente accessibili molte pubblicazioni, tutte scaricabili in formato PDF.

Segnaliamo, in particolare, la serie Quaderni dell’Ufficio Ricerche Storiche con la quale s’intende promuovere la circolazione, in versione provvisoria, di studi storici prodotti all’interno della Banca d’Italia o presentati nel corso di seminari. I Quaderni accolgono anche lavori basati su nuclei di carte dell’Archivio storico con l’intento di valorizzare il patrimonio documentario della Banca d’Italia.

n. 1La crescita industriale delle regioni d’Italia dall’Unità alla Grande Guerra: una prima stima per gli anni censuari, Stefano Fenoaltea, Giugno 2001

n. 2La Banca d’Italia e il Consorzio Siderurgico. Fonti per la storia della siderurgia in età giolittiana nelle carte dell’Archivio della Banca d’Italia, Isabella Cerioni, Giugno 2001

n. 3La Banca d’Italia e i provvedimenti a favore dell’industria serica tra il 1918 e il 1922 nelle carte dell’Archivio della Banca d’Italia, Renata Martano, Giugno 2001

n. 4La Banca d’Italia e il progetto ENSI. Fonti per la storia dello sviluppo energetico italiano degli anni cinquanta nelle carte dell’Archivio della Banca d’Italia, Anna Rita Rigano, Giugno 2002

n. 5Produzione e consumo in Italia dopo l’unificazione: nuove evidenze e nuove ipotesi, Stefano Fenoaltea, Giugno 2002

n. 6L’Italia e la Political Economy della cooperazione: il piano Marshall e l’Unione Europea dei Pagamenti, Juan Carlos Martinez Oliva, Aprile 2003

n. 7Il commercio estero dell’Italia negli anni sessanta: specializzazione internazionale e tecnologia, Matteo Gomellini, Giugno 2004

n. 8La trappola della liquidità e i tassi d’interesse negli Stati Uniti negli anni trenta, Christopher Hanes, Giugno 2004

n. 9La ricerca economica a Via Nazionale. Una storia degli “Studi” da Canovai a Baffi (1894-1940), Ercole Tuccimei, Settembre 2005

n. 10Regimi di cambio e performance economica: l’esperienza italiana, Paolo Garofalo, Settembre 2005

n. 11Un secolo di statistiche sociali: persistenza o convergenza tra le regioni italiane? Giorgio Nuzzo, Dicembre 2006

n. 12Lo Stato imprenditore e la qualificazione tecnologica dello sviluppo economico italiano: l’esperienza dell’IRI nei primi decenni del secondo dopoguerra, Sabrina Pastorelli, Dicembre 2006

n. 13La stabilizzazione del 1947. Fattori interni e internazionali, Juan Carlos Martinez Oliva, Dicembre 2006

n. 14Il tramonto del free banking in Italia. I tentativi di riforma bancaria di Majorana Calatabiano (1877-1879), Sergio Cardarelli, Dicembre 2006

n. 15Cultura statistica e cultura politica: l’Italia nei primi decenni unitari, Alberto Baffigi, Maggio 2007

n. 16Le industrie chimiche, dei derivati del petrolio e del carbone, e della gomma nelle regioni d’Italia, 1861-1913: serie storiche, Carlo Ciccarelli e Stefano Fenoaltea, Maggio 2007

 URL: <http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/pubsto>

Gli archivi dell’Istituto di ricerche Carlo Cattaneo

L’Istituto di studi e ricerche Carlo Cattaneo è sorto nel gennaio 1965 raccogliendo l’eredità dell’Associazione di cultura e politica “Carlo Cattaneo”, costituita nel 1956 per iniziativa dello stesso gruppo di intellettuali che nel 1951 avevano fondato la rivista “il Mulino” e poi, nel 1954, l’omonima Società editrice. Il 15 maggio 1986, con decreto del Presidente della Repubblica, l’Istituto è stato riconosciuto come Fondazione ed eretto in ente morale.

Secondo quanto affermato nello statuto, il principale scopo della Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo è “promuovere ricerche, studi e ogni altra attività culturale e formativa diretta all’approfondimento e alla divulgazione della conoscenza della società italiana contemporanea, con particolare riferimento al sistema politico, alla vita e al funzionamento delle istituzioni, al ruolo e all’organizzazione dei partiti, ai comportamenti elettorali, al sistema delle autonomie locali, alle esperienze di autogoverno e ai vari aspetti di un’organizzazione sociale ordinata da un sistema di libertà collettive e individuali costituzionalmente garantite”.

L’Istituto Cattaneo ha costituito i seguenti archivi di dati e documentazione che sono, in parte, direttamente accessibili via internet:

  • Adele: archivio dati sulle elezioni e la partecipazione politica in Italia.
    L’archivio raccoglie una molteplicità di basi dati molto articolate sulle elezioni svoltesi in Italia dall’unità ad oggi, con riguardo a tutti i livello di governo (comunale, provinciale, regionale, nazionale ed europeo), oltre che alle consultazioni referendarie. Attraverso questo sito si possono svolgere interrogazioni mirate su una base dati di notevole estensione ed interesse che contiene i risultati, comune per comune, del referendum istituzionale e delle elezioni per l’Assemblea costituente (1946), oltre che di tutte le elezioni per la Camera dei Deputati (1948-2001).
  • Dica: dati di indagini campionarie. Gestisce attualmente i dati relativi a tre ricerche:
    ITANES: Italian National Election Studies (1990-2001)
    La partecipazione politica e la situazione sociale a Bologna (1984-1994)
    Osservatorio sull’astensionismo elettorale (1985-1995)
  • Argo: archivio sulle istituzioni di governo e le politiche pubbliche.
    L’archivio raccoglie in primo luogo le basi dati costituite e aggiornate nell’ambito delle ricerche per il Rapporto sulle autonomie locali in Emilia-Romagna.Tali basi dati non sono tutte accessibili via internet in quanto sono state acquisite presso fonti istituzionali che non ne consentono la diffusione a terzi.
  • Demo: dati di sfondo sulla società italiana: popolazione residente per classi d’età e sesso, movimento naturale e matrimoni della popolazione presente, confronto con i paesi dell’Unione europea su alcuni indicatori demografici; popolazione per condizione professionale, attività economica degli occupati e sesso, conflitti di lavoro, tassi di disoccupazione per aree geografiche, età e sesso o titolo di studio, confronto con i paesi dell’Unione europea sui tassi di disoccupazione; popolazione residente per titolo di studio, classi d’età e sesso, confronto con i paesi dell’Unione europea su alcuni indicatori dell’istruzione; prodotto interno lordo (ai prezzi di mercato), indice dei prezzi al consumo, consistenza del debito pubblico e indebitamento delle amministrazioni pubbliche; delitti denunciati per i quali l’autorità giudiziaria ha iniziato l’azione penale.
  • Crono: cronologia dei principali avvenimenti politici e sociali che si sono verificati in Italia dal 1993 al 2004
  • Biblio: recensioni di volumi su società e politica in Italia editi negli ultimi anni.