Tag Archives: storia del movimento operaio

Biblioteca digitale del movimento operaio tedesco (Fondazione Friedrich Ebert)

Ebert

La Biblioteca digitale della Friedrich Ebert Stiftung dà accesso a preziosi documenti che permettono di ripercorrere la storia del movimento operaio tedesco dal XIX secolo ad oggi.

Le fonti storiche digitali comprendono tutti i temi delle origini del movimento operaio, il movimento sindacale, la storia del partito socialdemocratico e della sinistra politica in Germania.

URL: <http://library.fes.de/inhalt/digitale-bibliothek.htm>

Social History Portal: un portale dedicato alla storia sociale

Social History

The Social History Portal è un sito curato dalla International Association of Labour History Institutions (IALHI) e rende disponibili tutte le risorse e i servizi precedentemente disponibili all’indirizzo URL http://labourhistory.net.

La IALHI è un’associazione internazionale che coinvolge e coordina archivi, biblioteche, centri di documentazione, musei e istituti di ricerca specializzati in storia sociale, storia e teoria del lavoro, storia del movimento sindacale e del movimento operaio dalla fine del XVIII secolo ai giorni nostri.

Il portale consente l’accesso ai contenuti digitali di 15 istituzioni europee specializzate, per un totale di oltre 900.000 oggetti digitali (libri, opuscoli, documenti d’archivio, fotografie, poster, stampe, film, video, registrazioni sonore).

Molto interessante anche la sezione dedicata allo spoglio di riviste. Purtroppo il servizio non è più aggiornato, ma sono disponibili gli indici di 128 riviste specializzate in storia del lavoro, per un totale di quasi 4.000 fascicoli.  

The Social History Portal fa parte del progetto HOPE – Heritage of the People’s Europe.

 

Search and browse digital collections on social history and the history of the labour movement from the late 18th to the beginning of the 21st century. More than 900,000 digitised objects (archives, books, brochures, leaflets, photographs, posters, prints, cartoons, sound, films and videos) from 15 specialized archives and libraries in Europe”.

URL: <http://www.socialhistoryportal.org>

Manifesti e fogli volanti del movimento operaio del primo Novecento

imgres

La BNCF – Biblioteca nazionale centrale di Firenze ha digitalizzato e reso disponibili in rete una raccolta di manifesti e fogli volanti del movimento operaio italiano del primo Novecento.

La raccolta d’immagini digitali si riferisce a circa 100 documenti (manifesti, volantini, circolari, accordi collettivi di lavoro, cartoline postali e numeri unici) fatti stampare tra la fine dell’Ottocento e la prima guerra mondiale da Camere del lavoro, sindacati di categoria (metalmeccanici, tessili, ferrovieri, edili, lavoratori agricoli ecc.), società di mutuo soccorso, cooperative e associazioni varie.

Questi documenti a stampa sono stati depositati presso la Biblioteca nazionale centrale di Firenze direttamente dalle tipografie negli anni in cui sono stati stampati, in ottemperanza alla legge allora in vigore sul deposito legale. Oggi rappresentano una importante fonte di notizie per la storia dell’Italia contemporanea.

I materiali selezionati nella raccolta digitale offrono una panoramica di circa sessanta anni a cavallo tra ‘800 e ‘900, documentando alcune fasi della storia del movimento operaio e sindacale italiano con notizie di eventi accaduti in diverse Regioni d’Italia: dal Piemonte alla Sicilia, dal Veneto alla Puglia. I documenti originali fanno parte del fondo “Pubblicazioni Minori” del Settore Materiali Speciali della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

URL: <http://www.bncf.firenze.sbn.it/pagina.php?id=149&rigamenu=Manifesti>

Inventario dell’Archivio storico della CGIL (1944-1986)

Tra le pubblicazioni degli Archivi di Stato scaricabili gratuitamente (>> vai al catalogo completo sul sito della Direzione generale degli Archivi) segnaliamo l’Inventario dell’Archivio storico della C.G.I.L., pubblicato in più volumi tra il 2002 e il 2011.

Dalla premessa al primo volume:

Gli archivi sindacali sono in generale un tassello con siderevole del patrimonio archivistico nazionale e pertanto meritano tutta l’attenzione possibile da parte di archivisti e studiosi. L’archivio della Cgil in particolare costituisce senza dubbio una fonte di primaria importanza per la storia del movimento operaio, del lavoro e dell’industria, della società italiana nel secondo dopoguerra.

Non accade spesso di trovare archivi così compatti e strutturati come quello della Cgil, che fin dall’inizio ebbe l’accortezza non solo di approntare titolari di classificazione, ma anche di aggiornarli nel corso degli anni. E’ proprio la presenza di questi strumenti che ha consentito di ricostruire un archivio molto simile a quello originario, riflesso di un’organizzazione oltremodo variegata e strutturata, non assimilabile a quella di altri enti, sia pubblici che privati.

Confederazione generale italiana del lavoro, Inventario dell’Archivio storico (1944-1957), a cura di Corridori Teresa, Romeo Ilaria, Venditti Gianni, Roma, 2002, pp. lxiv, 132, t.f.t., (Strumenti, 152).

  Scarica la parte 1    Scarica la parte 2

Confederazione generale italiana del lavoro, Inventario dell’Archivio storico. (1958-1969), a cura di Corridori Teresa, Romeo Ilaria, Venditti Gianni, , Roma, 2008, pp. xxxii, 776, t.f.t., (Strumenti, 180).

  Scarica il volume

Confederazione Generale Italiana del Lavoro. Inventario dell’Archivio storico III (1970-1986), a cura di Corridori Teresa, Romeo Ilaria, Venditti Gianni, Roma, 2011, pp. XXIII, 1004, t.f.t, (Strumenti, 191).

  Scarica il volume

L’Archivio audiovisivo del Movimento operaio e democratico

L’Archivio audiovisivo del Movimento operaio e democratico nasce nel 1979 come associazione con la denominazione di Archivio storico audiovisivo del movimento operaio (ASAMO) ed eredita il patrimonio filmico del Pci e della Unitelefilm, società di produzione cinematografica legata al Pci. Primo Presidente dell’ archivio sarà, per alcuni anni, Cesare Zavattini.

Nel 1983 il patrimonio dell’archivio viene dichiarato dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio di notevole interesse storico. E’ il primo archivio audiovisivo italiano che, grazie alla consistenza e importanza del suo patrimonio, riceve questa notifica. Nel 1985 l’Archivio viene riconosciuto come fondazione, assumendo l’attuale denominazione: Fondazione Archivio audiovisivo del Movimento operaio e democratico.

Le banche dati on line, che ne consentono la consultazione, sono continuamente aggiornate.

L’Archivio fotografico conserva oltre 250.000 immagini di argomento politico, storico-sociale, di storia del costume e della cultura, in particolare italiana. Le immagini coprono un arco temporale che va dall’inizio del Novecento a oggi, con maggiore consistenza per il periodo dal secondo dopoguerra agli anni Ottanta del XX secolo.

L’Archivio audiovisivo custodisce migliaia di film, soprattutto di non fiction, oltre a circa 250.000 foto sulla storia sociale e politica dell’Italia e di altri paesi. Sono inoltre in corso di ordinamento 3.000 ore di materiale d’archivio sonoro e cartaceo di società di produzione e di autori privati. E’ possibile accedere al patrimonio dell’Archivio audiovisivo interrogando la banca dati ospitata presso l’Archivio Luce (vai alla pagina di ricerca). Molti documentali sono liberamente consultabili in Rete.

  • Sguardo sul mondo: le inchieste inedite degli anni Sessanta e Settanta
  • Sud d’Italia: un approccio inedito alla questione meridionale italiana
  • Donne: il movimento delle donne in Italia nel secondo dopoguerra
  • La pace: i movimenti pacifisti dal secondo dopoguerra a oggi
  • Storia del Partito Comunista Italiano: le battaglie e i protagonisti del Pci nel secondo dopoguerra
  • Le feste della sinistra in Italia: La festa del lavoro e la festa dell’Unità
  • Lavoro e diritti: le battaglie per l’occupazione e i diritti dei lavoratori
  • Terrorismo e stragi: l’Italia tra terrosismo e strategia della tensione
  • Il movimento studentesco: Le lotte degli studenti e il movimento del Sessantotto
  • Guerra e resistenza: gli episodi salienti del movimento di liberazione in Italia

L’Archivio sonoro comprende 3.000 ore di sonori in presa diretta (anni Cinquanta-Ottanta), in corso di recupero e catalogazione. Il fondo rispecchia in termini di contenuti e di estremi cronologici quelli dei fondi audiovisivi dell’Unitelefilm e del Pci. Si evidenziano in particolare i discorsi di Palmiro Togliatti, tenuti in varie occasioni, soprattutto negli anni cinquanta e nei primi anni sessanta, di Giuseppe Di Vittorio e di altri leader politici della sinistra italiana. Numerose inoltre le testimonianze e le interviste ad operai e militanti dei partiti politici della sinistra, raccolte in occasione di manifestazioni, scioperi, feste de l’Unità, del Primo Maggio. Altrettanto numerose le registrazioni di assemblee, di congressi, di riunioni sindacali e del Pci.

La Fondazione Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico conserva inoltre alcuni archivi cartacei di particolare rilevanza, a cominciare dall’archivio dell’Associazione Asamo, poi Fondazione Aamod. Accanto a questo, di particolare rilievo sono gli archivi di società di produzione quali l’Unitelefilm e la Reiac e del regista e critico cinematografico Libero Bizzarri.

URL: <http://www.aamod.it/catalogo/>