Archivi tag: seconda guerra mondiale

Archivi della Resistenza: un progetto della Fondazione Gramsci

Il portale Archivi della Resistenza è stato progettato e realizzato dalla Fondazione Gramsci in collaborazione con la Fondazione Gramsci di Puglia e l’Istituto pugliese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea ‘Tommaso Fiore’.

«I fondi archivistici sono relativi all’attività delle Brigate Garibaldi, alla Direzione Nord del Partito comunista italiano, alla Corrispondenza tra la Direzione di Roma e la Direzione di Milano del Partito comunista e dai fascicoli personali dei perseguitati politici antifascisti di Puglia.

La documentazione bibliotecaria è rappresentata dalla stampa periodica libera dell’Italia meridionale, dalle numerose pubblicazioni periodiche di organizzazioni partigiane, pubblicate clandestinamente nell’Italia occupata, e dai fogli volanti pubblicati dalle stesse organizzazioni.
Il Portale rende accessibile in maniera integrata il voluminoso corpus documentario relativo agli anni 1943-1945 interamente digitalizzato e consente di accedere alle diverse basi dati e condurre ricerche integrate di documenti diversi per tipologia, operando successive selezioni a partire dalla ricerca libera. Nel corso della realizzazione del portale si è inoltre deciso di offrire ai fruitori l’accesso alla rivista Rinascita per il 1944-1945 e al quotidiano l’Unità clandestina per il triennio 1943-1945, insieme ad un’ampia selezione di fotografie conservate dall’archivio della Fondazione Gramsci».

URL: <http://archivioresistenza.fondazionegramsci.org/resistenza-gramsci/>

Fotografie dello sbarco in Normandia

Conseil Régional de Basse-Normandie / National Archives USA

Conseil Régional de Basse-Normandie / National Archives USA

PhotoNormandie è un progetto collaborativo che utilizza la piattaforma Flickr e contiene più di 3.000 foto scattate durante i giorni dello sbarco in Normandia.

Il progetto, nato nel 2007, raccoglie le foto già rese pubbliche sul sito Archives Normandie 1939-1945 (<http://www.archivesnormandie39-45.org/>, ora non più accessibile N.d.R.) lanciato nel 2004 dal Consiglio regionale della Bassa Normandia in occasione della commemorazione del sessantesimo anniversario dello sbarco. Le foto provengono dal National Archives and Records Administration (NARA) degli Stati Uniti d’America e dal Canada. A questo corpus principale si sono poi aggiunte altre 281 foto provenienti dalla Biblioteca di Cherbourg-Octeville.

Per approfondire, rimandiamo alla lettura di un articolo in forma di FAQ pubblicato nel 2012 sul sito Déjà vu: <http://culturevisuelle.org/dejavu/1097>

 

URL: <https://www.flickr.com/photos/photosnormandie>

 

Stampa clandestina della Resistenza francese durante la Seconda guerra mondiale

Presse_resistance

Su Gallica, la biblioteca digitale della BnF – Bibliothèque nationale de France,  è possibile consultare più di mille esemplari digitalizzati di stampa clandestina prodotta dalla Resistenza in Francia durante la Seconda guerra mondiale.

I documenti originali sono conservati in parte alla BnF – Bibliothèque nationale de France e in parte presso il Museo della Resistenza di Champigny-sur-Marne.

Leggi il post del blog di Gallica dedicato alla collezione:

Dès le début de l’Occupation allemande, des journaux furent confectionnés et diffusés clandestinement par des individus souhaitant lutter contre la propagande officielle et continuer le combat jusqu’à la libération du territoire français. Cette presse, témoin d’une guerre sans merci et de cette « flamme de la Résistance » qui ne s’est pas éteinte, est désormais accessible dans Gallica.

Le corpus actuellement numérisé disponible s’élève à plus de 1 350 titres, issus des collections de la Bibliothèque nationale et du Musée de la Résistance nationale de Champigny-sur-Marne.

Dans le cadre du programme de numérisation concertée «presse clandestine de la Résistance» qu’elle a initié en 2012, la BnF a procédé à la numérisation d’un corpus de 256 titres parmi les quelques 800 titres conservés au MRN à Champigny-sur-Marne, consultable sur Gallica.

Segnaliamo anche la bella mostra virtuale dedicata alla stampa clandestina organizzata dalla BnF:  La presse clandestine de la Résistence.

 

Portale internazionale per le ricerche d’archivio sull’Olocausto

EHRI_logo

Il 26 marzo 2015 è stato inaugurato il portale online del progetto internazionale finanziato dall’Unione europea EHRI – European Holocaust Research Infrastructure.

Partecipano al progetto 20 istituzioni (istituti di ricerca, archivi, biblioteche, musei) di 13 paesi  (12 paesi europei + Israele).

Il portale consente di reperire informazioni sui fondi archivistici disseminati in più di 1.800 archivi presenti in 51 paesi, con la descrizione di decine di migliaia di documenti sulla persecuzione e lo sterminio degli ebrei in Europa durante le Seconda guerra mondiale.

Leggi la presentazione ufficiale del nuovo portale:

«Today, EHRI – the European Holocaust Research Infrastructure – presented its online portal. It provides access to rich information about more than 1,800 Holocaust-related archival institutions in 51 countries, and to descriptions of tens of thousands of archival materials. Starting out in 2010 as a EC-financed initiative, scholars in 20 institutions in Europe and Israel worked together to make archives accessible and to connect collections.

EHRI is not only a digital infrastructure, but also a human network. Through a varied programme of fellowship opportunities, summer schools, workshops and conferences, EHRI is fostering new connections among Holocaust researchers, archivists and digital humanists. It thereby promotes new interdisciplinary and transnational approaches to Holocaust research.

EHRI was financed under the EU 7th Framework Programme and coordinated by NIOD Institute for War, Holocaust and Genocide Studies in Amsterdam».

>> Guarda un breve filmato introduttivo al progetto EHRI

URL: <https://portal.ehri-project.eu>

 

[via Archivalia]

Bibliografie / Il confine orientale italiano

confine

Il confine orientale italiano è stato oggetto di perduranti e sanguinosi conflitti politici e militari a causa del crocevia identitario, culturale e nazionalistico che questo confine ha attraversato in tutti i suoi spostamenti, dalla crisi dell’Impero austroungarico al secondo dopoguerra.

Segnaliamo alcune utili bibliografie sul tema:

Bibliografia a cura dell’Istituto storico grossetano della Resistenza e dell’età contemporanea
<http://www.isgrec.it/dossier_confine_orientale/materiali/bibliografia_confine_orientale.pdf>

Bibliografia a cura dell’Istituto per la storia e le memorie del ‘900 ‘Ferruccio Parri’
<http://www.istitutoparri.eu/files/bibliografia_confine_orientale.pdf>

Bibliografia a cura dell’Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione in Friuli-Venezia Giulia
<http://www.irsml.eu/images/giornoricordo/Bibliografia%20confine%20orientale.pdf>

Guerra e liberazione a Firenze: una bibliografia

firenzeliberata

In occasione del settantesimo anniversario della Liberazione di Firenze, lo SDIAF – Sistema documentario integrato dell’area fiorentina, con il coordinamento scientifico dell’Istituto Storico per la Resistenza in Toscana, ha prodotto una Guida bibliografica e documentaria dei testi sulla Liberazione presenti e accessibili nelle proprie Biblioteche e Istituti documentari.

L’elenco dei documenti e verrà via via arricchito fino a completamento del lavoro, previsto per il 25 aprile 2015.

L’ordinamento delle voci è in primo luogo geografico: si inizia con l’ampia bibliografia riguardante in generale la città di Firenze e la sua provincia, per proseguire con le singole comunità.

I testi sono stati poi divisi cronologicamente in tre fasi corrispondenti ad altrettanti momenti della vita politica di quegli anni:

      • Fascismo e Antifascismo: affermarsi del regime e prime manifestazioni di opposizione (1924-1940);
      • Guerra: fatti bellici e impatto sulla popolazione (1940-1943);
      • Resistenza, Insurrezione e Liberazione (1943-1945).

All’interno di queste serie i titoli sono ordinati per anno di edizione, dal più vecchio al più
recente.

URL: <http://sdiaf.comune.fi.it/export/sites/sdiaf/materiali/SDIAFNUOVO1.pdf>

In memoria di Marc Bloch: storico, democratico, resistente

Cittadinanza Europea

Il 16 giugno 1944, verso sera, ventotto uomini a gruppi di quattro sono condotti in un prato a nord di Lione e fucilati dalla Gestapo. Nel primo nucleo dei quattro si trova Marc Bloch, grande storico economico, fondatore con Lucien Febvre nel 1929 della rivista «Annales d’Histoire économiques et sociales» (>> vai alla riproduzione digitalizzata della rivista, disponibile su Gallica).

Per ricordare la figura di Marc Bloch, la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli di Milano organizza per il 4 giugno 2014 una conferenza del professore Massimo Mastrogregori dal titolo Fedeltà democratica. La scelta di Marc Bloch per la resistenza.

Per l’occasione la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli propone grazie al suo ricco patrimonio archivistico e bibliotecario quattro ebook gratuiti:

Fedeltà democratica. La scelta di Marc Bloch per la Resistenza di Massimo Mastrogregori (testo integrale della prolusione).

Strumenti di propaganda e strumenti di resistenza: i periodici nella Francia di Vichy di Spartaco Puttini, bibliotecario della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. In appendice il catalogo dei periodici della Resistenza francese di cui la biblioteca possiede una ricca collezione (310 diverse testate).

Pourquoi je suis républicain di Marc Bloch, con un’esclusiva introduzione dello storico Michel Dreyfus;

Alla memoria di Marc Bloch di Georges Altman e Lucien Febvre, la toccante testimonianza di due amici e colleghi.

 

URL: <http://www.fondazionefeltrinelli.it/feltrinelli-cms/cms.view?numDoc=1110&munu_str=null&fromSearch=true>

Bibliografie: Eccidi nazifascisti in Toscana (1943-1945)

testata

Segnaliamo sul sito della Regione Toscana una ricca bibliografia dedicata agli studi che hanno come tema le stragi nazifascisti perpetrate in Toscana tra il 1943 e il 1945.

Si tratta della versione online di questo volume pubblicato dall’editore Carocci nel 2003, che contiene più di 600 riferimenti bibliografici:

Guida bibliografica alla memoria / a cura di Valeria Galimi e Simone Duranti ; presentazione di Enzo Collotti. – Roma : Carocci, 2003. – 238 p., [4] c. di tav. : ill. ; 24 cm. – (Toscana tra passato e presente ; 3).

 

Opere generali

Resistenza in Italia
Occupazione tedesca, Repubblica sociale italiana 

 

OPERE SULLA TOSCANA

Resistenza in Toscana
Occupazione tedesca e Repubblica sociale italiana in Toscana

 

Opere per province

Provincia di Apuania 
Provincia di Arezzo 
Provincia di Firenze (comprende Prato fino al 1992) 
Provincia di Grosseto 
Provincia di Livorno 
Provincia di Lucca 
Provincia di Pisa 
Provincia di Pistoia 
Provincia di Prato (dal 1992) 
Provincia di Siena

 

<http://www.regione.toscana.it/storiaememoriedel900/eccidi-nazifascisti/guida-bibliografica-alla-memoria>

Inventario online dell’Archivio personale di Winston Churchill

Sir Winston Churchill

Sir Winston Churchill

Il Churchill Archives Centre ha sede a Cambridge e raccoglie tutti i documenti originali scritti, inviati e ricevuti da Winston Churchill (1874-1965) nel corso della sua vita.

E’ disponibile online gratuitamente l’inventario di tutti i documenti presenti, ricercabile per parole chiavi (>> vai all’elenco dei termini indicizzati).

Gli originali possono essere consultati direttamente presso il Churchill Archive Centre, su appuntamento.

Le riproduzioni digitali dei documenti originali sono consultabili online solo da parte degli utenti abilitati (>> leggi le norme per l’accesso a pagamento).

The Churchill Papers consist of the original documents sent, received or composed by Sir Winston Churchill during the course of his long and active life.

The Churchill Papers are held at Churchill Archives Centre where they can be consulted by appointment.

The papers contain everything from Churchill’s childhood letters and school reports to his final writings. They include his personal correspondence with friends and family, and his official exchanges with kings, presidents, politicians and military leaders.

In April 1995 grants from the Heritage Lottery Fund and the John Paul Getty Foundation purchased the Churchill Papers for the nation.

The Churchill Papers have been catalogued in a project lasting over 6 years. This catalogue, containing over 70,000 entries is now available online and allows you to locate references to individual people, subjects or events at the touch of a button. The papers of Sir Winston Churchill comprise a total of 2,185 boxes (an estimated 1 million individual documents). The material consists of a variety of formats including paper, photographs, and artefacts.

The whole collection is now commonly known as the Churchill Papers, but historically it has been divided into two distinct groups.

  • The papers dating from before 27 July 1945, when Churchill’s first term as Prime Minister ended, are known as the Chartwell Papers and were originally owned by the Chartwell Trust (catalogue reference CHAR).
  • The papers dating from after 27 July 1945 (catalogue reference CHUR) are known as the Churchill Papers and were given to Churchill College by Lady Churchill in 1969.

Full list of classes in the Chartwell Papers (CHAR). Full list of classes in the Churchill Papers (CHUR).

Since 1974 the Papers have been housed at Churchill Archives Centre. The papers were previously held at the house of Churchill’s son, Randolph Churchill, at Stour, East Bergholt, Suffolk while he worked on the official biography of his father. When Randolph died in 1968 the Chartwell Papers were transferred to the Bodleian Library, Oxford where Martin Gilbert continued work on the official biography.

URL: <http://www.chu.cam.ac.uk/archives/churchill_papers/>

FRANKLIN: la Biblioteca digitale della Franklin D. Roosevelt Library

Franklin_Roosevelt

Il 4 dicembre 2013 è stata inaugurata FRANKLIN, la Biblioteca digitale della Franklin D. Roosevelt Presidential Library: 350.000 pagine d’archivio e 2.000 fotografie storiche digitalizzate, oltre a utili strumenti di descrizione archivistica dei fondi non ancora digitalizzati.

>> Vai alle collezioni digitalizzate

Franklin_logo

FRANKLIN is a virtual research room and digital repository that provides free and open access to the digitized collections of the Roosevelt Library.

Digital copies of significant documents and photographs from the archives of the Franklin D. Roosevelt Presidential Library & Museum. FRANKLIN launches with 350,000 pages of archival documents and 2,000 historical photographs, along with many detailed descriptions of archival collections not yet digitized. Users can search the digital collections by keyword or go directly browse the full lists of digitized archival folders in a virtual research room environment.

Documents include Franklin and Eleanor Roosevelt’s New Deal and wartime correspondence with world leaders, government administrators, and regular Americans. Photographs include public domain images of the Roosevelts throughout their respective lifetimes, as well as subject areas like the Great Depression, New Deal, and World War II.

URL: <http://www.fdrlibrary.marist.edu/archives/collections/franklin/>

I notiziari della Guardia Nazionale Repubblicana

Repubblica sociale italiana

La Fondazione Luigi Micheletti di Brescia ha digitalizzato l’intero Fondo Notiziari della Guardia Nazionale Repubblicana.

La Guardia Nazionale Repubblicana (G.N.R.) è stato uno degli organismi principali della Repubblica Sociale Italiana (23 settembre 1943 – 25 aprile 1945), sorto dall’unificazione delle forze di polizia con i Carabinieri.

I notiziari dell’ufficio “I Sezione Situazione” del Comando Generale della G.N.R., che aveva sede in Brescia, erano rapporti di polizia dattiloscritti che venivano redatti e quotidianamente inviati, in via riservata, al Duce, al Comandante Generale della G.N.R., Renato Ricci, al Tenente Generale Niccolò Nicchiarelli ed a pochi altri gerarchi fascisti.

Le notizie inoltrate dai locali comandi provinciali della Guardia Nazionale Repubblicana venivano raccolte dal Comando Generale, il quale provvedeva alla stesura dei notiziari, suddividendo le informazioni per aree geografiche e per argomento: Astensioni dal lavoro o scioperi, Attività dei banditi e dei ribelli, Attività sovversiva e antinazionale, Notizie militari, Notizie pervenute nelle ultime ore, Operazioni contro banditi e ribelli, Ordine e spirito pubblico, Riservate e promemoria, Allegati, Varie.

I notiziari della G.N.R. furono recuperati da Luigi Micheletti nel luglio dell’anno 1965. Il nucleo iniziale della documentazione si riferisce al periodo che va dal novembre 1943 al novembre 1944: ad essi sono stati successivamente aggiunti buona parte dei notiziari mancanti in fotocopie, anche in differenti stesure per gli stessi giorni, fino a coprire l’arco cronologico dei 600 giorni della Repubblica Sociale Italiana.

Il Fondo “Notiziari della Guardia Nazionale Repubblicana” della Fondazione Luigi Micheletti è costituito da 16 faldoni, per un totale di 399 pezzi (si tratta di complessive 14.542 carte con vari allegati).
I notiziari della G.N.R. costituiscono una fonte seriale di grande importanza per lo studio degli anni 1943-45. Le diverse e tuttora dibattute interpretazioni storiografiche circa la natura della Repubblica di Salò, la Resistenza, la guerra civile e, più in generale, la storia dell’Italia e degli italiani negli ultimi due anni della guerra mondiale, vi trovano riscontri documentali imprescindibili.

Il progetto realizzato dalla Fondazione Micheletti si è sviluppato nelle seguenti fasi:

  • la digitalizzazione dell’intero Fondo, comprendente 14.542 carte tra cui vari allegati;
  • l’indicizzazione delle notizie: si è proceduto allo spoglio (sulla quasi totalità dei notiziari) delle informazioni concernenti i nomi di persona, di enti, di località; sulla base dei dati ottenuti è stato realizzato un database di circa 52.000 record contenente gli indici per la ricerca delle notizie; infine è stato effettuato il controllo dei dati e la bonifica da eventuali errori di inserimento e digitazione.
    È da rilevare che lo stato di conservazione di alcuni di notiziari ha compromesso la leggibilità dei testi, trattandosi di veline in cui, col passare degli anni, l’inchiostro si è espanso ed è parzialmente scolorito, determinando una difficile identificazione dei caratteri.

Il Fondo può essere consultato online con due modalità:

Ricerca: le notizie possono essere ricercate per data, provincia/regione, comune, sezione tematica, nome di persona/ente e specifica; una volta effettuata la ricerca viene fornito l’elenco delle pagine dei notiziari che contengono le informazioni cercate ed è possibile visualizzare a video i documenti digitalizzati.

Calendario: attraverso la visualizzazione di un calendario, in cui sono stati redatti i notiziari disponibili, è possibile scegliere i documenti da sfogliare e ripercorrere così giorno per giorno la storia della Repubblica Sociale Italiana attraverso le notizie raccolte dalla Guardia Nazionale Repubblicana.

URL: <http://www.notiziarignr.it/home/default.asp>

Stampa clandestina in Belgio tra le due guerre

Belgian War Press_1

The Belgian War Press è un progetto del Centro per la ricerca e la documentazione sulla guerra e la società contemporanea di Bruxelles e rende disponibili centinaia di giornali scritti, stampati e distribuiti clandestinamente in Belgio tra la prima e la seconda guerra mondiale.

“The Centre for historical research and documentation on War and contemporary Society launched a new website, The Belgian War Press, on the 14th of december 2012. Hundreds of Belgian newspapers, written, printed and spread during the two world wars can be found there. The website also provides background information on censored and clandestine war press in Belgium. Thirteen heritage libraries, archives and research centres from all over Belgium have participated in the project.

The Belgian War Press introduces you to hundreds of Belgian newspapers that were written, printed and distributed clandestinely during the two World Wars. Until now, this clandestine press had remained hidden in many archives, libraries and documentation centres. At the initiative of the Ceges/Soma and funded by Belspo, these newspapers have been digitised. It is now possible to read and search them at home. The Belgian War Press also offers background information on the censored and clandestine war press, on the project, its partners and the main reference works and catalogues.

Because of the restrictions imposed by the rights of the author, only the clandestine press of the two world wars can be consulted online on the site of The Belgian War Press. For this purpose, a search engine has been developed. You will find the different possibilities which this instrument offers here“.

URL: <http://warpress.cegesoma.be/en>

I campi fascisti: dalle guerre in Africa alla Repubblica di Salò

Campi fascisti

Il sito I campi fascisti costituisce un centro di documentazione on line sui luoghi d’internamento e di prigionia utilizzati come pratica di repressione dallo Stato italiano nel periodo che va dalla presa del potere da parte di Benito Mussolini (1922) fino alla fine della seconda guerra mondiale (1945).

Sono stati individuati dieci tipologie di luoghi d’internamento:

  • Campi di concentramento
  • Campi di lavoro coatto
  • Campi di transito
  • Località di confino
  • Località di internamento
  • Località di soggiorno obbligatorio
  • Carceri
  • Campi per prigionieri di guerra P.G.
  • Campi P.G. Distaccamenti di lavoro
  • Campi provinciali RSI (Repubblica sociale italiana)

Dall’elenco generale o da quello per tipi di luogo [dal menu a tendina ELENCO CAMPI] si può accedere alle singole schede descrittive e alle diverse risorse digitali disponibili (documenti, testimonianze, fotografie, ecc.).

Si può accedere alle schede dei singoli luoghi anche utilizzando la mappa geografica generale, oppure quelle per le singole nazioni [dal menu a tendina MAPPE]: Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Egitto, Eritrea, Etiopia, Francia, Grecia, Italia, Libia, Montenegro, Slovenia, Somalia.

Al momento sono inoltre disponibili due ulteriori elenchi:

  • il primo comprende tutti i documenti d’archivio inseriti nel data base del sito, ordinabile per ente intestatario,  per titolo e per data;
  • il secondo, ancora molto lacunoso, include le cosiddette “disposizioni“, termine con il quale s’intendono leggi, regolamenti, circolari, ordini, raccomandazioni, informative, lettere e quant’altro non sia legato direttamente a un luogo, ma faccia parte del corpus di documenti che regola o più in generale concerne le diverse forme di repressione. Questo elenco si può ordinare per data, tipologia, titolo ed ente intestatario.

Nel primo anno di attività la ricerca archivistica si è concentrata su tre enti conservatori: l’Archivio della Repubblica di Slovenia, l’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito e l’International Tracing Service di Bad Arolsen. Quasi tutti gli 800 documenti pubblicati provengono da questi archivi.

Completano il progetto alcune testimonianze audio e scritte di ex internati pubblicate per la prima volta on line.

Il progetto di documentazione, realizzato senza fini di lucro con il finanziamento della Comunità Europea, della Fondazione Museo della Shoah e di Audiodoc, è un work in progress aperto alla collaborazione di studiosi, istituti di ricerca e università.

URL: <http://www.campifascisti.it/>

I luoghi della memoria in Europa

logo_gedenkorte

Il sito internet Gedenkorte Europa, messo in rete nel gennaio 2013, ha lo scopo di agevolare la visita dei  luoghi simbolo dove si commemorano i crimini commessi dalle forze d’occupazione nazista e gli eventi della Resistenza  offrendo anche informazioni pratiche, come, ad esempio, le indicazioni stradali per raggiungerli. Oltre a ciò, il sito propone e suggerisce approfondimenti, con l’ausilio di bibliografie generali, pubblicazioni relative alla storia dei singoli paesi e indicazione di altre fonti presso cui reperire le informazioni.

In questa prima versione del progetto, sono disponibili le informazioni sui luoghi di memoria in Francia e in Italia, suddivise, rispettivamente, per dipartimento e regione.

Brevi biografie esemplari e glossari specifici completano le informazioni sui singoli fatti e luoghi. Non vi è, ovviamente, alcuna pretesa di esaustività, resa impossibile, tra l’altro, dal numero dei luoghi oggetto dei crimini dell’occupazione.

L’inserimento di altri paesi dell’Europa occidentale e meridionale – tra questi, innanzitutto la Grecia – è previsto in una seconda fase di implementazione del sito.

Il progetto, a cura dell’Associazione per lo studio della Resistenca tedesca 1933–1945, è stato reso possibile dal sostegno della Fondazione Otto Brenner e della Fondazione Rosa Luxemburg, oltre che da donazioni private.

URL: <http://www.gedenkorte-europa.eu/>

[via Archivalia]

Enciclopedia dell’Olocausto

olocausto

Holocaust Encyclopedia è un progetto a cura del Museo dell’Olocausto di Washington (United States Holocaust Memorial Museum).

Contiene anche una sezione in lingua italiana.

The Multimedia Encyclopedia of the Shoah includes more than 300 articles on the history of the destruction of the Jews of Europe.  Each entry deals with one aspect of the Shoah and is illustrated by photographies, video testimonies, objects, animated or still maps, and individual life stories.

URL: <http://www.ushmm.org/wlc/en/>