Tag Archives: Roma

AVIREL – Archivio viaggiatori italiani a Roma e nel Lazio

Grand Tour

Il viaggio a Roma, evento culminante del Grand Tour, non solo è stato per secoli un fondamentale strumento di formazione delle élites intellettuali e politiche europee, ma ha anche contribuito a diffondere gli ideali legati all’eredità classica e a mantenere vivo un immaginario di tipo classicistico; elementi, questi, che si sono stratificati come parti rilevanti della tradizione intellettuale europea.

Tali funzioni assolte dall’esperienza romana dei viaggiatori sono state diffuse dai racconti e dalle descrizioni presenti negli scritti di viaggio, spesso pubblicati in stampe fortunate; dai reperti autenticamente antichi oppure falsi riportati in patria come souvenirs; dalle immagini dei monumenti e della vita romana create ad uso dei visitatori della città; dalle incisioni e dai testi presenti nelle guide turistiche. D’altra parte è anche da questi ideali e da questo immaginario, e dai loro veicoli di diffusione, che ha continuato ad alimentarsi il secolare flusso dei viaggiatori verso Roma.

AVIREL – Archivio viaggiatori italiani a Roma e nel Lazio è uno strumento di lavoro che raccoglie e rende consultabile online questo materiale di straordinaria importanza. Esso mette a disposizione degli studiosi i testi, la bibliografia e le immagini relativi al viaggio a Roma e nel Lazio, compiuto dagli italiani nel periodo compreso fra il 1800 e il 1920/1925.

AVIREL ha sede presso il Centro Interdipartimentale di Ricerca sul Viaggio dell’Università della Tuscia.

E’ presente un Catalogo Bibliografico che fornisce accesso alle notizie bibliografiche delle opere sul viaggio a Roma e nel Lazio e, in più una Biblioteca Digitale che contiene i testi codificati nel formato TEI,  basato sulla sintassi XML e divenuto uno standard de facto nella codifica digitale dei testi umanistici.

In AVIREL è presente inoltre un Catalogo Iconografico per la ricerca e la visualizzazione delle incisioni presenti nelle opere facenti parte dell’ambito del progetto.

URL: <http://avirel.unitus.it/>

Società, sindacato, politica: Roma, l’Italia, l’Europa all’alba del Novecento (1900-1910)

Dimostrazioni e proteste degli studenti all’università ‘La Sapienza’ (Illustrazione italiana, 2 febbraio 1902)

La Biblioteca Universitaria Alessandrina di Roma conserva raccolte o annate di pubblicazioni periodiche di varia cultura e di rilevante valore storico, risalenti in particolare alla fine del XIX secolo e all’epoca fascista, che costituiscono un’importante risorsa documentaria per studiosi e ricercatori. Molte di queste riviste sono già state digitalizzate (>> leggi questo post).

Nell’ambito del progetto MOVIO, coordinato dall’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane (ICCU) e cofinanziato dalla Fondazione Telecom Italia, è stata realizzata una mostra virtuale intitolata:

Società, sindacato, politica: Roma, l’Italia, l’Europa all’alba del Novecento (1900-1910)

>>  guarda il video di presentazione del progetto (parla Maria Cristina Di Martino, direttrice della Biblioteca Universitaria Alessandrina)

Il sito è ben strutturato (>> vai alla mappa del sito) e presenta un archivio di illustrazioni e fotografie pubblicate nei giornali del primo decennio del Novecento. L’archivio fotografico-iconografico è corredato da saggi e indicazioni bibliografiche di approfondimento. L’intento è di ripercorrere, a partire da un particolare punto di osservazione, la storia sociale, politica, culturale di Roma, dell’Italia e dell’Europa: tre cerchi concentrici attorno alle tre aree tematiche che danno il titolo al progetto (sindacato – società – politica).

Percorsi tematici:

Il progetto è in fieri: sono state al momento caricate sul sito circa 2.500 delle 6.000 immagini digitalizzate. Gli organizzatori auspicano inoltre la collaborazione di altre istituzioni culturali per arricchire il sito di nuovi contenuti.

Vai alle Gallerie fotografiche:

1. ROMA
1.1 Agitazioni sociali
1.2.1 Politica e società a Roma prima di Nathan
1.2.2 Il “blocco popolare” e la “città progressista”
1.3.1 La “città che cresce”
1.3.2 Le “case popolari”
1.4.1 Lavoro e società a Roma fra tradizione e innovazione
1.4.2 Miseria, ricchezza e mito del progresso
1.4.3 L’Agro romano e le campagne laziali
1.4.4 Tempo libero, sport, vacanze, spettacoli

2. ITALIA: una nazione in movimento

3. EUROPA
3.1 Sommosse, attentati, scioperi, manifestazioni
3.2 La Rivoluzione russa del 1905

URL: <http://movio.beniculturali.it/bua/societasindacatopolitica/>

Fondi digitalizzati dell’Archivio di Stato di Roma

urbano.jpg

Avviso (giugno 2012): è online la nuova versione del servizio Imago

I cambiamenti riguardano:

1) i contenuti: sono ora integrati nel menù di scelta di Imago alcune serie che erano state aggiunte presso il CFLR in pagine separate;

2) l’interfaccia grafica: più funzionale, soprattutto per la prima visualizzazione degli elementi, che consente finalmente di “sfogliare” i registri prima di aprirli con il plug-in. Raccomandiamo in ogni caso di installare il madesimo plug-in gratuito e di configurare lo schermo a 1280*800 per una visualizzazione ottimale.

_________________

Il progetto IMAGO2 ha permesso di effettuare la riproduzione di importanti serie archivistiche, la cui buona conservazione era messa a rischio dalla frequente consultazione e movimentazione. Nell’ambito di tale progetto, presso l’Archivio di Stato di Roma sono stati digitalizzati:

  • Catasto Alessandrino – Catasto per la contribuzione alla manutenzione delle strade consolari. Le ca. 400 mappe acquerellate furono raccolte dalla Presidenza delle strade nel 1660-1661, al fine di ripartire equamente le contribuzioni tra i proprietari delle tenute adiacenti; molte sono copie di originali più antichi. Erano conservate rilegate in volumi suddivisi per strada, precedute da piante generali che delineano lo sviluppo delle singole strade consolari a partire dalle porte cittadine.
    Molte di esse sono ricche di particolari sugli edifici situati lungo il percorso della strada, nelle tenute e sulla vita economica della Campagna romana: il valore artistico della rappresentazione pittorica e le informazioni relative alla storia del territorio le rendono una delle serie più preziose dell’Archivio di Stato.
  • Catasto Urbano di Roma Il Catasto urbano di Roma nasce in parte in funzione della manutenzione delle strade cittadine, e in parte nell’ambito dell’opera di catastazione dell’intero Stato, funzionale alla imposizione della “dativa reale”. Gli architetti a cui fu appaltata la rilevazione, nel 1818, utilizzarono la pianta del Nolli (1748), suddividendola in isolati e componendola in fogli di mappa per rione. La redazione delle mappe in scala 1:1000 fu la base della compilazione dei registri descrittivi delle proprietà (brogliardi); espletati i ricorsi dei proprietari, il catasto fu attivato nel 1824. Le piante dei rioni sono da confrontare con le altre due serie cartografiche delle suddivisioni originarie e degli aggiornamenti successivi; allo stesso modo i brogliardi originali sono confrontabili con una seconda serie di brogliardi corretti e con una terza di aggiornamenti al 1871. L’insieme della documentazione fornisce – come per altre città dello Stato pontificio – una immagine fedele ed estremamente approfondita dell’assetto urbana, degli aspetti funzionali e della vita economica della Roma preunitaria. Monumenti, orti, giardini e il fiume Tevere sono spesso rappresentati con grande efficacia pittorica.
  • selezione del Catasto Gregoriano (comprendente i 600 maggiori centri urbani) –  Si tratta del primo catasto particellare di tutto lo Stato Pontificio, promosso da Pio VII nel 1816 e attivato da Gregorio XVI nel 1835. Fu realizzato dalla Presidenza generale del Censo, secondo le modalità già adottate durante l’ex Regno d’Italia dal catasto napoleonico nelle Legazioni (Bologna e le Romagne) e nelle Marche. Una copia era conservata presso le locali Cancellerie del Censo. Comprende tre serie correlate: le mappe (1:2000), le mappette a scala ridotta (1:4000 o 1:8000), i registri dei proprietari (brogliardi o sommarioni). La copia conservata presso l’Archivio di Stato di Roma è, in genere, più completa, originale e meno deteriorata di quella conservata in sede locale, che è stata spesso rimaneggiata negli anni. La cartografia offre l’immagine più completa disponibile dell’assetto territoriale e urbano delle province pontificie.
  • Mappe del cessato Catasto rustico versato dell’UTE (Ufficio Tecnico Erariale) – La copia del Catasto Gregoriano rimasta in uso presso gli uffici locali del Censo locali fu utilizzata fino al 1952, quando fu attivato il Nuovo Catasto Terreni. Mentre le variazioni sono riportate nella corposa serie di registri, la cartografia relativa, comprendente ca. 10 mila fogli di mappa, è stata annotata e rimaneggiata fino ad essere in molti casi copiata dagli originali, quando questi erano troppo deteriorati. Il passaggio allo Stato italiano e le vicende istituzionali successive comportarono spesso variazioni di circoscrizione, con passaggi di parti di un territorio comunale ad un altro. Il materiale cartografico del cessato catasto rustico è stato versato presso l’Archivio di Stato di Roma nel 1988 dall’U.T.E. (Uffico Tecnico Erariale). La sua completezza ne fa uno strumento fondamentale per la conoscenza del territorio romano, e in particolare dell’espansione di Roma Capitale al di là della cerchia muraria, nella parte, appunto, “rustica” del territorio.
  • Collezione Pergamene – Si tratta di una collezione formata originariamente con i documenti pergamenacei estratti per la maggior parte dagli archivi delle corporazioni religiose soppresse e degli ospedali e, per il rimanente, con acquisti effettuati soprattutto fra il 1884 e gli inizi del nostro secolo. In seguito vi sono state inserite le serie membranacee dei fondi archivistici acquisiti nel corso del tempo. I documenti sono disposti in due sezioni: nella prima sono ordinati per luoghi; nella seconda per tipo di documento; infine vi è un’appendice in cui sono raggruppate le pergamene di varia e incerta provenienza. Negli inventari dei fondi delle corporazioni religiose, degli ospedali o di altre istituzioni sono di regola segnalati anche i documenti membranacei inseriti nella collezione.
  • Preziosi – Con la segnatura Preziosi si indica non una particolare collezione, ma un gruppo di documenti provenienti da diversi fondi archivistici, che, nel corso degli anni, sono stati tolti dai depositi e collocati a parte in un apposito armadio per garantirne una migliore conservazione e una più efficace tutela. Si tratta di materiale di varia natura, proveniente soprattutto dagli archivi di alcuni ospedali romani; vi si possono trovare sia codici scritti e miniati nel medioevo che documenti di natura diversa (catasti di case, una collezione di autografi, un album di disegni di Pinelli) risalenti all’età moderna.
    Tra i pezzi più rilevanti, si segnalano i quattrocenteschi statuti e libri di anniversari di alcune confraternite (S.mo Salvatore, S. Maria delle Grazie), alcuni manoscritti di carattere liturgico (sec. XI) e giuridico (secc. XIV-XV) appartenenti al fondo del S.mo Salvatore.
  • Rubriche dei notai romani – La costituzione nel 1625, da parte di papa Urbano VIII, di un Archivio Urbano destinato a raccogliere copia degli atti rogati dai notai romani creò un polo stabile di controllo pubblico sulla attività notarile.
    Mentre l’Archivio Urbano passò dai palazzi del Vaticano, a quello Laterano, al palazzo Salvati e infine all’Archivio Storico Capitolino, l’Archivio di Stato di Roma conserva le corpose serie di atti originali degli studi notarili romani. Le serie di rubriche alfabetiche delle parti intervenute negli atti, redatta a più riprese (dal ‘600 a dopo l’Unità) nell’ambito dell’attività di conservazione dell’Archivio Urbano, costituiscono dunque la chiave di accesso più rapida per il reperimento degli atti, siano essi conservati presso l’Archivio di Stato che in copia presso l’Archivio Capitolino.

Nell’ambito del progetto sono state effettuate all’incirca 5 mila foto digitali a colori di mappe catastali e volumi preziosi, 25 mila scansioni a colori di mappe antiche e pergamene, 100 mila scansioni in toni di grigio di registri catastali e notarili.

URL: <http://www.cflr.beniculturali.it/>