Tag Archives: Istituto Luce

Fare gli italiani: una storia per immagini dell’Italia unita

Fare gli italiani_1

«Il progetto di una  linea del tempo digitale lungo la quale far scorrere le immagini della storia d’Italia ha preso spunto dall’esperienza della mostra Fare gli italiani 1861-2011. 150 anni di storia nazionale curata da Walter Barberis e Giovanni De Luna: in una sorta di gemellaggio l’esposizione tradotta sul web è divenuta uno spazio permanente virtuale, arricchendosi, attraverso la rete e l’uso delle tecnologie digitali, di nuovi materiali, di nuovi visitatori.

La struttura del portale e della timeline è scandita in 8 partizioni cronologiche e 14 temi  – L’Italia delle città, Le campagne, La scuola, La Chiesa, Le migrazioni, La prima guerra mondiale, La seconda guerra mondiale, Il volto della patria, La partecipazione politica, Le fabbriche, Le mafie, I trasporti, I consumi,  I mezzi comunicazione di massa – e una serie di cronologie tematiche (i governi, i libri, i film, lo sport, lo sviluppo industriale)».

Progetto a cura di Istituto Luce – Cinecittà e Comitato Italia 150.

 

URL: <http://www.faregliitaliani.it/>

L’Archivio Luce su YouTube

E’ stato siglato un accordo tra Istituto Luce Cinecittà e Google grazie al quale 30.000 filmati dell’Istituto Luce saranno disponibili su un canale dedicato di YouTube.

Dall’immenso patrimonio audiovisivo conservato dall’Istituto Luce sono state selezionate due serie storiche: il Giornale Luce e la Settimana Incom. 

La scelta dei documenti audiovisivi riversati su YouTube copre gli anni che vanno dal 1928 al 1965. I primi cinegiornali girati dall’Istituto Luce risalgono in realtà al 1927, ma i primi cinquanta sono andati smarriti. Il Luce ne produsse fino al 1945 seguendo tutta la parabola del regime fascista fino alla sua caduta: l’ultimo cinegiornale è datato 31 marzo 1945, meno di un mese prima della liberazione del Paese.

Meno di un anno dopo, il 15 febbraio 1946 usciva il primo cinegiornale prodotto dalla Incom.

L’intento ultimo dell’operazione è avvicinare quante più persone possibile a questi documenti storici e quindi diffondere la conoscenza della storia d’Italia contemporanea soprattutto tra i più giovani.

URL: <https://www.youtube.com/CinecittaLuce>

Archivi fotografici dell’Istituto Luce: il Fondo Albania

Discorso di Jacomoni in occasione della sua visita ad un campo della gioventù albanese del Littorio (1939)

Il Fondo Albania dell’Archivio storico Istituto Luce comprende 7.698 negativi, 6.751 dei quali sono stati catalogati e digitalizzati. Il fondo documenta vicende ed iniziative collegate, per tempi e temi, alla Seconda guerra mondiale e alla politica estera del regime fascista dall’ottobre 1939 al giugno 1943.

Il fondo integra e completa il materiale documentario albanese risalente alla seconda metà degli anni Venti e consultabile nell’archivio storico Cinematografico e Fotografico del Fondo Luce: nel suo insieme, la documentazione albanese – 155 servizi fotografici nel fondo Attualità;  109 cinegiornali e 29 documentari nel  fondo Cinematografico – testimonia le relazioni diplomatiche fra i due paesi (visite di ministri e regnanti, celebrazioni civili, occasioni mondane) ed offre un’importante panoramica del progressivo intensificarsi dei rapporti italo-albanesi.

Il 7 aprile 1939 lo sbarco a Durazzo di un Corpo di spedizione militare italiano segna di fatto l’occupazione dell’Albania. Nell’ottobre del 1939, all’indomani della convenzione con il sottosegretariato per gli Affari Albanesi, il LUCE costituiva un reparto incaricato dell’esecuzione di riprese fotografiche e cinematografiche in Albania, con sede a Tirana ed immediatamente operativo, e ne affidava la responsabilità ad Alfredo Cecchetti.

Frutto dell’attività del reparto è una documentazione fotografica abbondante, eterogenea e di qualità diseguale, concentrata sull’anno 1940 con ca. 3000 fotogrammi (contro gli 800 del ’39, i 1800 del 1941, i 1300 del 1942). Coerentemente con le necessità propagandistiche del regime predominano, nel fondo, testimonianze dell’azione infrastrutturale svolta o favorita dagli italiani sull’intero territorio albanese (ed in misura prevalente a Tirana) attraverso società in gran parte italiane.

Tra i soggetti delle fotografie, lavori pubblici di entità diversa (opere di bonifica, esecuzione di ponti e strade, costruzione di scuole, palazzi pubblici, ospedali, alberghi etc.) si alternano a manifestazioni del regime, a ritratti di personalità fasciste italiane ed albanesi, a riprese di feste locali, scene di vita quotidiana ed iniziative culturali.

Schiacciante la quantità di fotogrammi riguardanti il luogotenente Jacomoni e la consorte Maja Cavallero (ripresa soprattutto nello svolgimento di attività benefiche); particolarmente importanti, alla luce della scarsità dei materiali superstiti sul periodo, le foto riguardanti personaggi di rilievo nel governo, nell’amministrazione pubblica e nel partito fascista albanese (Kruia, Mborja, Verlaci, Berati, Ypi, Bushati, Koliqi etc.).

Vedi tutte le schede le fondo

Il portale Luce Camera: risorse digitali sulla storia politica e parlamentare italiana

“Frutto della collaborazione tra l’Archivio storico di Cinecittà Luce e la Biblioteca della Camera dei deputati, il portale organizza e rende fruibili online tutte le risorse digitali sulla storia politica e parlamentare prodotte e conservate dall’archivio foto-cinematografico Luce: decine di migliaia di fotografie e filmati, raccontano il lungo Novecento italiano.
Deputati, luoghi ed attività di carattere istituzionale ritratti dal fotogiornalista Adolfo Porry Pastorel per l’Italia liberale e della marcia su Roma, dai fotografi dell’Istituto Luce per gli anni del regime e del primo decennio della Repubblica, dai reporter delle grandi agenzie Dial e Vedo per gli anni Cinquanta e Sessanta,  dagli operatori dei cinegiornali del periodo fascista, delle attualità cinematografiche straniere del periodo bellico e delle testate giornalistiche dell’Italia repubblicana (Incom, Radar, Caleidoscopio) dai racconti di documentaristi, giornalisti e sceneggiatori.

Il progetto editoriale prevede diverse modalità di accesso al materiale: primi piani, focus, percorsi tematici, biografie, ricerca.
Il primo piano permette di valorizzare ricorrenze, eventi, manifestazioni istituzionali proponendo, con una scelta di documenti d’archivio, percorsi di approfondimento storico- politico. Due focus presentano con brevi testi introduttivi collezioni di immagini, serie di filmati o fotografie di notevole interesse.
Tredici itinerari tematici illustrano, con introduzioni ed immagini, selezioni di documenti fotografici ed audiovisivi sui protagonisti della vita politica (uomini e partiti), i luoghi della politica (il Palazzo di Montecitorio o la piazza di Montecitorio), i tempi della politica (Legislature del Regno, Consulta, Costituente, referendum del 2 giugno, elezioni).

Un percorso dedicato ai Presidenti della Camera nell’archivio Luce permette una navigazione biografica tra i materiali di repertorio dal 1919 al 1994, tra tanti protagonisti della vita politica del Paese che, nel Novecento, ricoprirono la carica di Presidente della Camera. L’archivio documenta quasi un secolo di storia: il primo presidente per il quale esistono materiali di repertorio è Vittorio Emanuele Orlando;  l’ultimo presidente della Camera presente nelle immagini d’archivio è Giorgio Napolitano.
Con la ricerca libera si consulta l’intera banca dati: circa 15.000 documenti audiovisivi (13.000 cinegiornali del periodo fascista e dell’Italia repubblicana, 1000 documentari, circa 800 filmati di repertorio), circa 32500 fotografie.
Un sistema di filtri consente di raffinare l’esito della ricerca: si può circoscrivere la fonte (archivio fotografico e archivio cinematografico) i periodi storici (15 lemmi del thesaurus tematico dell’archivio Luce) restringere l’arco cronologico, indicare l’anno esatto, perfezionare la navigazione inserendo un ulteriore lemma per lanciare una nuova ricerca tra i risultati”.

URL: <http://camera.archivioluce.com>

[via Storia digitale]