Tag Archives: Insmli

EPOCA – Emeroteca politica e culturale antifascista

Adunata

L’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia “Ferruccio Parri” (INSMLI), riconosciuto giuridicamente con legge 16 gennaio 1967 n. 3, è nato nell’aprile del 1949 per iniziativa dei Comitati direttivi degli Istituti storici del Piemonte, della Lombardia e della Liguria, sotto la presidenza di Ferruccio Parri. L’Istituto è un sistema federativo paritario degli Istituti e degli Enti associati (art. 1 dello Statuto). Attualmente sono associati 65 istituti operanti sul territorio nazionale, che sviluppano attività di documentazione, di ricerca e di servizi alla scuola.

L’Istituto da 50 anni svolge una notevole e articolata attività di ricerca sulla storia del Novecento italiano ed europeo, e dal 2001 è Agenzia Formativa accreditata presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Scientifica con il quale è in vigore una convenzione per la formazione e l’aggiornamento dei docenti. Affianca la ricerca con una serie di servizi qualificati, rivolti a un’utenza di studiosi, ricercatori, docenti e studenti. Fra i servizi segnaliamo i seguenti settori: la biblioteca, l’archivio, la pubblicazione di una rivista altamente specializzata, la didattica.

Con l’adesione all’Emeroteca Digitale della Biblioteca Nazionale Braidense (>> leggi questo post) l’INSMLI intende rendere progressivamente fruibili al pubblico i suoi fondi di stampa periodica politica e culturale pubblicati a partire dagli anni Venti dello scorso secolo. In particolare il progetto comprende periodici e riviste di rara reperibilità usciti tra le due guerre, prodotti dall’emigrazione politica antifascista all’estero e da intellettuali o da organizzazioni politiche e sindacali antifasciste in Italia e stampa resistenziale, ma si estende anche a talune testate del ventennio e della RSI di particolare rilievo culturale. Significative le testate provenienti dai fondi di periodici appartenuti al giornalista Carlo a Prato (1895-1961), esponente dell’emigrazione antifascista legato al mondo della diplomazia italiana del primo dopoguerra e a Ettore Tibaldi (1887-1968), presidente della Giunta provvisoria di governo della Repubblica partigiana dell’Ossola.

Il progetto è destinato ad allargarsi alla stampa degli anni della Costituente, della ricostruzione post-bellica e della Repubblica.

I documenti sono distribuiti nel formato open source DjVu, per visualizzarli è necessario installare il plug-in.

 

URL: <http://emeroteca.braidense.it/progetti/epoca.php>

Bibliografia degli scritti di Umberto Segre

Nel luglio 2007 l’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia (INSMLI) ha messo in rete la bibliografia degli scritti di Umberto Segre (a cura di Giovanni Mari). La banca dati comprende 2638 record.

Dalla presentazione:

“Nel corso dei suoi oltre sessant’anni di vita (Cuneo 1908 – Milano1969), Umberto Segre fu attivo in diversi campi dall’insegnamento alla pubblicistica, dalla riflessione filosofica alla critica letteraria: sempre con un tratto forte di indipendenza e di libertà intellettuale. Fin da giovanissimo fu un interlocutore diretto di importanti protagonisti del mondo culturale del nostro paese: da Croce a Gentile, da Carlo Rosselli a Delio Cantimori, da Aldo Capitini a Augusto Del Noce.

La sua vicenda biografica e la sua fisionomia di ebreo laico e antifascista lo aprirono nel primo dopoguerra ad una riflessione morale strettamente intrecciata alla dimensione politica: non ancora ventenne fu coinvolto nell’avventura intellettuale di “Pietre”, l’ultima rivista antifascista pubblicata negli anni del regime, che assieme all’amico Vittorio Enzo Alfieri tentò d’introdurre negli ambienti della Normale a Pisa.

Arrestato una prima volta nel 1928 e ancora l’anno successivo per la sua attività clandestina e la sua solidarietà a Benedetto Croce oppositore del Concordato, subì il carcere ed infine scelse di emigrare per due anni in Francia. Al rientro in Italia si dedicò all’insegnamento mantenendo viva la sua riflessione filosofica in contatto con amici e intellettuali conosciuti negli anni giovanili (Alfieri, Cantimori, Carlo Ludovico Ragghianti, Vittorio Foà).

Alla dimensione etica e religiosa della filosofia lo aveva indirizzato la riflessione del maestro Giuseppe Rensi negli anni della formazione a Genova e l’incontro critico con la filosofia idealista, con la quale si confrontava la generazione dei suoi giovani amici e compagni di studi dapprima alla Normale di Pisa (Alfieri, Cantimori, Capitini, Claudio Baglietto, Ragghianti) e, dopo la sua espulsione da questa, all’Università di Torino (Massimo Mila, Foà, Ludovico Geymonat).

La guerra e la tragedia della shoah coinvolsero e annientarono quasi completamente la sua famiglia: la madre Ida Luzzati e la sorella Elena, furono deportate ed assassinate ad Auschwitz dopo il rastrellamento nel ghetto di Roma dell’ottobre 1943; il fratello Mario, importante e noto studioso di epigrafia greca, con la moglie Noemi Cingoli ed il figlio Marco di non ancora due anni furono arrestati a Roma ed assassinati ad Auschwitz nell’aprile del 1944. Segre rimase segnato in profondità da questi eventi, per sempre, e su di essi scelse il silenzio.

Nel secondo dopoguerra si dedicò soprattutto all’attività pubblicistica, imponendosi come commentatore politico con intelligenti e penetranti contributi all’interno di importanti collaborazioni (da “Lo Stato Moderno” di Mario Paggi a il “Il Ponte” di Piero Calamandrei, a “Il Giorno” di Enrico Mattei, a fianco del direttore Italo Pietra e di Paolo Murialdi) e attività editoriali (da “L’Astrolabio” nel 1963 a “Politica internazionale” con Calchi Novati nel 1969). In questa attività e nell’isegnamento universitario a Milano e a Trento sviluppò prevalentemente la dimensione sociopolitica dell’analisi con un’attenzione particolare alle questioni delle relazioni internazionali e ai grandi temi del dibattito politico interno: riforma elettorale, centro sinistra, questione altoatesina, contestazione giovanile.

Le vicende della sua biografia intellettuale e della sua battaglia culturale sono tracciate nei saggi pubblicati sul numero 220-221 di “Italia contemporanea”, del settembre-dicembre 2000, che rielaborano le relazioni presentate alla giornata di studio intitolata Umberto Segre: un antifascista scomodo (Milano, Università degli Studi, 15 dicembre 1999). I saggi sono scaricabili anche online.

Una parte degli articoli e dei saggi di Umberto Segre è stata ripubblicata dalla figlia Vera e dal genero Paolo Mugnano. Ma la maggior parte della ricca produzione di articoli rimane ancora sparsa nelle numerose testate a cui Segre collaborò. Per facilitarne la consultazione l’Insmli mette a disposizione la presente bibliografia. […]

Gli scritti sono presentati in ordine cronologico. Attraverso la ricerca indicizzata è possibile fare una ricerca mirata tra le pubblicazioni periodiche italiane ed estere, fare una ricerca per pseudonimi e per tipologia di contributi. Infine, è possibile trovare l’elenco delle pubblicazioni postume, ancora in corso, curate da Vera Segre e Paolo Mugnano”.

URL: <http://www.italia-liberazione.it/umbertosegre/>

Guida agli Archivi della Resistenza

Sul sito dell’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia (Insmli) è disponibile gratuitamente, in formato pdf, la Guida agli archivi della Resistenza (con i relativi indici) pubblicata nel 1983 a cura della Commissione Archivi-Biblioteca dell’Insmli (coordinatore: Gaetano Grassi).

E’ inoltre in corso il recupero e l’inserimento di tutte le descrizioni archivistiche pubblicate nel volume all’interno di una banca dati on line degli archivi cartacei a copertura nazionale.

  • Scarica la premessa alla “Guida agli archivi della Resistenza” (Roma, MiBAC, 1983)
  • Scarica la “Guida agli archivi della Resistenza” (Roma, MiBAC, 1983)
    (file molto grande contenuto in cartella compressa: il download potrebbe richiedere parecchi minuti)

URL: <http://www.insmli.it/parrimilano/produzione-editoriale/guida-agli-archivi-della-resistenza-1983-730/>