Tag Archives: Illuminismo

Giornali e riviste dell’Illuminismo tedesco (1750-1815)

illuminismo

E’ in fase di completamento il progetto di digitalizzazione delle riviste tedesche pubblicate tra il 1750 e il 1815, realizzato dall’Università di Bielefeld con la collaborazione dell’editore Georg Olms Verlag  e dell’Accademia delle Scienze di Göttingen.

Il progetto, iniziato nel 2000, comprende i periodici contenuti nell’Index deutschsprachiger Zeitschriften 1750-1815 dell’Accademia delle Scienze di Göttingen (>> vai alla banca dati).

La terza fase, che dovrebbe concludersi nel 2016, prevede l’arricchimento della collezione con altre 31 riviste; il nuovo sito permette anche la stampa di ogni singolo articolo in pdf.

 

URL: <http://www.ub.uni-bielefeld.de/diglib/aufklaerung/neu/index.htm>

[via Bibliostoria]

L’Encyclopédie di Diderot e d’Alembert (1. ed.) disponibile su Wikisource e su ARTL Project

Encyclopedie

L’Encyclopédie ou Dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers, redatta sotto la direzione di Denis Diderot e Jean-Baptiste le Rond d’Alembert, fu pubblicata per la prima volta in 17 volumi di testo e 11 volumi di tavole tra il 1751 e il 1772. Contiene 74.000 articoli scritti da più di 130 autori ed è considerata uno dei pilastri dell’Illuminismo francese.

Sono disponibili in Rete due versioni navigabili e ricercabili del testo della prima edizione.

Wikisource (vai all’elenco alfabetico delle voci)

Si tratta di un progetto collaborativo che fa capo alla nota biblioteca digitale multilingue che accoglie testi e libri in pubblico dominio o con licenze libere.

URL: <http://fr.wikisource.org/wiki/L%E2%80%99Encyclop%C3%A9die>

 

The ARTFL Encyclopédie Project (vai all’elenco alfabetico delle voci)

Si tratta di un progetto curato dal Dipartimento di Lingue e letterature romanze dell’Università di Chicago. Questa versione digitale è interessante perché per ogni voce è possibile visualizzare anche la riproduzione digitalizzata della pagina originale. Sono presenti anche tutte le tavole illustrate.

URL: <http://fr.wikisource.org/wiki/L%E2%80%99Encyclop%C3%A9die>

Riviste digitalizzate del periodo dell’Illuminismo tedesco

kant1

Retrospektive Digitalisierung wissenschaftlicher Rezensionsorgane und Literaturzeitschriften des 18. und 19. Jahrhunderts aus dem deutschen Sprachraum

Scopo del progetto è la digitalizzazione, con accesso gratuito in rete di tutti gli articoli, di riviste pubblicate in Germania durante il periodo dell’Illuminismo e oltre, fino agli inizi del XIX secolo.

I periodici digitalizzati sono quelli registrati nel repertorio Index deutschsprachiger Zeitschriften 1750-1815 curato dall’Accademia delle Scienze di Göttingen, per un totale di circa 160 riviste e più di 118.000 articoli.

Tra i titoli più significativi:  “Deutsche Monatsschrift”, “Deutsches Museum”, “Hamburgisches Magazin”, “Journal zur Kunstgeschichte und zur Allgemeinen Literatur”, “London und Paris”, “Minerva” e “Bibliothek der schönen Wissenschaften und der freien Künste”.

Il progetto è stato realizzato dalla Biblioteca dell’Università di Bielefeld con la collaborazione dell’editore Georg Olms Verlag  e dell’Accademia delle Scienze di Göttingen.

URL: <http://www.ub.uni-bielefeld.de/diglib/aufklaerung/>

Testi elettronici clandestini del Settecento

Questo sito, curato da Gianluca Mori e ospitato sul server della Facoltà di Lettere dell’Univeristà del Piemonte Orientale, ospita una scelta limitata ma rappresentativa di testi filosofici clandestini francesi del Settecento. 

“I manoscritti filosofici clandestini sono uno dei fenomeni più interessanti del primo Illuminismo. Moltissimi testi di questo genere sono stati scoperti e studiati a partire dai lavori pionieristici di Gustave Lanson (1912) e Ira O. Wade (1938). I manoscritti più noti e diffusi sono il Traité des trois imposteurs, il Mémoire di Jean Meslier, l’Examen de la religion di Du Marsais e la Lettre de Thrasybule à Leucippe di Fréret. L’ispirazione filosofica di questi testi non è sempre la stessa. In comune, hanno soprattutto una tendenza radicalmente anticristiana, che li conduce talora a posizioni di tipo deistico (Examen de la religion) o ateo (Mémoire di Meslier, Lettre de Thrasybule à Leucippe di Fréret). Alcune edizioni critiche sono già disponibili, e una collana interamente dedicata ai testi filosofici clandestini è diretta da Antony McKenna presso la Voltaire Foundation di Oxford”. 

URL: <http://www.vc.unipmn.it/~mori/e-texts/index_it.htm>