Tag Archives: filosofia politica

Bibliografia degli scritti di Umberto Segre

Nel luglio 2007 l’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia (INSMLI) ha messo in rete la bibliografia degli scritti di Umberto Segre (a cura di Giovanni Mari). La banca dati comprende 2638 record.

Dalla presentazione:

“Nel corso dei suoi oltre sessant’anni di vita (Cuneo 1908 – Milano1969), Umberto Segre fu attivo in diversi campi dall’insegnamento alla pubblicistica, dalla riflessione filosofica alla critica letteraria: sempre con un tratto forte di indipendenza e di libertà intellettuale. Fin da giovanissimo fu un interlocutore diretto di importanti protagonisti del mondo culturale del nostro paese: da Croce a Gentile, da Carlo Rosselli a Delio Cantimori, da Aldo Capitini a Augusto Del Noce.

La sua vicenda biografica e la sua fisionomia di ebreo laico e antifascista lo aprirono nel primo dopoguerra ad una riflessione morale strettamente intrecciata alla dimensione politica: non ancora ventenne fu coinvolto nell’avventura intellettuale di “Pietre”, l’ultima rivista antifascista pubblicata negli anni del regime, che assieme all’amico Vittorio Enzo Alfieri tentò d’introdurre negli ambienti della Normale a Pisa.

Arrestato una prima volta nel 1928 e ancora l’anno successivo per la sua attività clandestina e la sua solidarietà a Benedetto Croce oppositore del Concordato, subì il carcere ed infine scelse di emigrare per due anni in Francia. Al rientro in Italia si dedicò all’insegnamento mantenendo viva la sua riflessione filosofica in contatto con amici e intellettuali conosciuti negli anni giovanili (Alfieri, Cantimori, Carlo Ludovico Ragghianti, Vittorio Foà).

Alla dimensione etica e religiosa della filosofia lo aveva indirizzato la riflessione del maestro Giuseppe Rensi negli anni della formazione a Genova e l’incontro critico con la filosofia idealista, con la quale si confrontava la generazione dei suoi giovani amici e compagni di studi dapprima alla Normale di Pisa (Alfieri, Cantimori, Capitini, Claudio Baglietto, Ragghianti) e, dopo la sua espulsione da questa, all’Università di Torino (Massimo Mila, Foà, Ludovico Geymonat).

La guerra e la tragedia della shoah coinvolsero e annientarono quasi completamente la sua famiglia: la madre Ida Luzzati e la sorella Elena, furono deportate ed assassinate ad Auschwitz dopo il rastrellamento nel ghetto di Roma dell’ottobre 1943; il fratello Mario, importante e noto studioso di epigrafia greca, con la moglie Noemi Cingoli ed il figlio Marco di non ancora due anni furono arrestati a Roma ed assassinati ad Auschwitz nell’aprile del 1944. Segre rimase segnato in profondità da questi eventi, per sempre, e su di essi scelse il silenzio.

Nel secondo dopoguerra si dedicò soprattutto all’attività pubblicistica, imponendosi come commentatore politico con intelligenti e penetranti contributi all’interno di importanti collaborazioni (da “Lo Stato Moderno” di Mario Paggi a il “Il Ponte” di Piero Calamandrei, a “Il Giorno” di Enrico Mattei, a fianco del direttore Italo Pietra e di Paolo Murialdi) e attività editoriali (da “L’Astrolabio” nel 1963 a “Politica internazionale” con Calchi Novati nel 1969). In questa attività e nell’isegnamento universitario a Milano e a Trento sviluppò prevalentemente la dimensione sociopolitica dell’analisi con un’attenzione particolare alle questioni delle relazioni internazionali e ai grandi temi del dibattito politico interno: riforma elettorale, centro sinistra, questione altoatesina, contestazione giovanile.

Le vicende della sua biografia intellettuale e della sua battaglia culturale sono tracciate nei saggi pubblicati sul numero 220-221 di “Italia contemporanea”, del settembre-dicembre 2000, che rielaborano le relazioni presentate alla giornata di studio intitolata Umberto Segre: un antifascista scomodo (Milano, Università degli Studi, 15 dicembre 1999). I saggi sono scaricabili anche online.

Una parte degli articoli e dei saggi di Umberto Segre è stata ripubblicata dalla figlia Vera e dal genero Paolo Mugnano. Ma la maggior parte della ricca produzione di articoli rimane ancora sparsa nelle numerose testate a cui Segre collaborò. Per facilitarne la consultazione l’Insmli mette a disposizione la presente bibliografia. […]

Gli scritti sono presentati in ordine cronologico. Attraverso la ricerca indicizzata è possibile fare una ricerca mirata tra le pubblicazioni periodiche italiane ed estere, fare una ricerca per pseudonimi e per tipologia di contributi. Infine, è possibile trovare l’elenco delle pubblicazioni postume, ancora in corso, curate da Vera Segre e Paolo Mugnano”.

URL: <http://www.italia-liberazione.it/umbertosegre/>

Riviste di Filosofia in lingua spagnola disponibili on line

La Biblioteca Saavedra Fajardo de pensiamento político hispánico è una biblioteca digitale creata da diverse istituzioni spagnole: l’Università della Murcia, la Fundación Séneca e il Ministero della Scienza e dell’innovazione (Ministerio de Ciencia e Innovación), con la cooperazione di un gruppo di ricercatori spagnoli e di altri paesi europei.

La Biblioteca Saavedra Fajardo mette a disposizione materiale per lo studio della filosofia spagnola dal XIII al XX scolo. Comprende più di 1.000 documenti che trattano di letteratura, religione, storia e filosofia politica. Tutti i documenti sono accessibili gratuitamente.

La sezione dedicata alla riviste (Hemeroteca) consente di visualizzare gli articoli pubblicati in dieci riviste scientifiche di filosofia in lingua spagnola:

URL: <http://saavedrafajardo.um.es/Biblioteca/IndicesW.nsf/HemerotecaR01N?OpenForm&m=7&imag=1>

Metexis: una collana di testi e saggi filosofici disponibili gratuitamente online

“La collana Methexis – studi e testi si propone di pubblicare opere che ricadono nell’ambito della filosofia politica e delle discipline affini e che possono essere o monografie inedite o traduzioni italiane di testi classici e contemporanei, specie se la traduzioni disponibili sono datate, difficilmente reperibili, o del tutto assenti. Il Bollettino telematico di filosofia politica e gli altri siti che aderiscono all’iniziativa si impegnano a pubblicare una pagina dedicata agli e-books, dalla quale sarà possibile scaricare liberamente i testi in formato pdf o, a scelta del lettore, acquistarne una copia cartacea. L’editore avrà l’esclusiva della commercializzazione di detti testi, ferma restando la libertà, per il navigatore, di scaricarli in formato pdf per uso esclusivamente personale e non commerciale”.

Elenco dei volumi pubblicati:

  URL: <http://bfp.sp.unipi.it/hj05b/?viewPage=4>

Archivio Giuliano Marini

L’Archivio Giuliano Marini è un archivio bibliografico telematico, liberamente accessibile via web, che copre il campo della filosofia e delle scienze umane. 

L’archivio, intitolato alla memoria del Professor Giuliano Marini, ordinario di Filosofia politica presso l’Università di Pisa, ha lo scopo principale di conservare i testi del Prof. Marini e di renderli facilmente accessibili. A fianco dell’intento primario, è altrettanto importante la funzione di archivio disciplinare che il sito si propone di assolvere: in quanto tale, l’Archivio Marini intende pubblicare documenti relativi alla filosofia ed alle scienze umane, con particolare attenzione agli ambiti di studio attinenti agli insegnamenti del Dipartimento di Scienze della Politica.

Tra le caratteristiche della piattaforma EPrints, che offre diverse modalità di fruizione dei documenti presenti, c’è la possibilità di fare autoarchiviazione, procedimento mediante il quale sono gli stessi utenti a poter immettere nuovi documenti nella collezione bibliografica.
I visitatori possono:

  • consultare i documenti dell’archivio e scaricarli liberamente;
  • effettuare ricerche nei titoli e nel testo dei documenti presenti;
  • registrarsi al sito.

Gli utenti registrati possono:

  • ricevere via email gli aggiornamenti sui testi inseriti;
  • fare autoarchiviazione inserendo nuovi contributi.

Gli editors dell’archivio valutano l’idoneità dei testi inviati dagli utenti ed effettuano la pubblicazione.

Il filtro editoriale è essenzialmente un controllo di coerenza con gli scopi dell’Archivio e di correttezza delle informazioni inserite. Il documento correttamente inserito nell’archivio e approvato dal comitato editoriale entra subito a far parte della collezione bibliografica.

Una presentazione dell’Archivio, disponibile su E-Lis, comprende una visita guidata alla consultazione e alla ricerca di documenti e una dimostrazione passo passo delle principali operazioni per il self-archiving.

URL: <http://archiviomarini.sp.unipi.it/>