Archivi tag: fascismo

I volti della memoria: le fotografie degli ebrei deportati dall’Italia

I volti della Memoria è un progetto della Fondazione CDEC – Centro di documentazione ebraica contemporanea che ha per scopo la raccolta, la catalogazione e la pubblicazione on line delle fotografie degli ebrei deportati o uccisi sul territorio italiano, durante la Shoah.

Il progetto, inaugurato in occasione del decennale del Giorno della Memoria (27 gennaio 2010), si articola in due parti:

1) pubblicazione di collezioni fotografiche omogenee conservate negli archivi della Fondazione CDEC;

2) pubblicazione di fotografie ricevute da privati, utenti delle pagine di questo sito.

Le foto pubblicate, con i dati anagrafici, sono consultabili in questa banca dati, dove è possibile anche svolgere una ricerca per nome.

URL: <http://www.cdec.it/home2_2.asp?idtesto=1138&idtesto1=1138>

Ebrei stranieri internati in Italia durante il periodo bellico: una banca dati

Anna Pizzuti è nata ad Alvito (Fr) nel 1949. È stata insegnante di italiano e storia. È autrice di una ricerca generale sull’internamento degli ebrei stranieri durante il periodo bellico, pubblicata on line nel sito www.annapizzuti.it, dove sono disponibili un database che contiene un elenco dettagliato degli internati, in continuo aggiornamento, e un’ampia sezione documentaria.

“L’idea di costruire e pubblicare on line un database contenente i nomi di ebrei stranieri che, nel 1943, si trovavano internati in Italia nasce con un duplice scopo.

Il primo è quello di consentire alle famiglie degli internati, ma anche a coloro che in Italia nacquero, durante il periodo di internamento dei genitori,  di recuperare le informazioni essenziali su quanto accadde in quegli anni: una sorta di “fotografia”, un po’sfocata forse, ma ugualmente comprensibile, di quelle vicende, di quelle storie.

Il secondo è quello di mettere a disposizione dei ricercatori uno strumento che contribuisca agli studi da qualche tempo, per fortuna, sempre più numerosi, sull’internamento degli ebrei stranieri nell’Italia fascista.

Il database contiene, oltre ai dati anagrafici degli internati, informazioni sull’ultimo luogo di internamento documentato, sugli eventuali spostamenti avvenuti in precedenza, ma anche le notizie, quando è stato possibile reperirle, su quello che accadde loro dopo l’8 settembre del 1943.

Il sito raccoglie numerosi materiali documentari:

  • Il database, con i dati anagrafici, le presenze, gli spostamenti, dei quasi diecimila “invisibili” rinchiusi nei campi o costretti a risiedere in “determinate località lontano dalle loro residenze” e la registrazione – purtroppo non per tutti possibile – del destino cui andarono incontro.
  • documenti, ovvero la trascrizione – completa o sintetica della parte che a me è sembrata più significa – di quella mole infinita di carte prodotta da chi diresse ed  indirizzò l’applicazione delle leggi antiebraiche.
  • Gli approfondimenti, schematici e ripresi dalle pagine di testi fondamentali, per fornire informazioni indispensabili a situare nella storia le vicende delle migliaia di persone i cui nomi sono contenuti nel database.

Non una storia completa dell’internamento degli ebrei stranieri in Italia, quindi, bensì una documentazione che va ad aggiungersi alle altre già presenti in rete, perchè la storia continui ad essere scritta”.

URL: <http://www.annapizzuti.it/>

Africa italiana: fascicoli digitalizzati dal 1927 al 1935

Africa italiana

BiASA – Periodici italiani digitalizzati è l’emeroteca digitale della Biblioteca di archeologia e storia dell’arte di Roma. Sul sito si possono visualizzare circa 800.000 immagini digitalizzate da 117 periodici italiani posseduti dalla Biblioteca e pubblicati tra il XVIII e i primi decenni del XX secolo.

Segnaliamo, in particolare, la digitalizzazione di tutti i fascicoli pubblicati tra il 1927 e il 1935 della rivista:

Africa italiana : rivista di storia e d’arte / a cura del Ministero delle colonie

URL: <http://periodici.librari.beniculturali.it/PeriodicoScheda.aspx?id_testata=36&Start=0>

Memoria antifascista a Pisa

443

Segnaliamo quattro articoli di Franco Bertolucci, direttore della Biblioteca Franco Serantini di Pisa, pubblicati sul quotidiano telematico Pisa notizie in occasione del 25 aprile.

Gli articoli ripercorrono le vicende di alcune vittime del fascismo pisano alle quali è stata dedicata una via, una piazza, un monumento, per ripercorrere simbolicamente i luoghi di Pisa nei quali è silenziosamente inscritta la memoria della Resistenza.

Storia di Ugo Rindi, tipografo

L’assassinio di Franco Cammeo, socialista

L’anarchico Angelo Sbrana

Piero Consani, primo caduto della Resistenza pisana

Bibliografia dell’antifascismo italiano

 

fratelli-rosselli_th

I fratelli Rosselli

La Bibliografia dell’antifascismo italiano è il risultato della pluriennale attività di un gruppo di studiosi afferenti a diverse università italiane. La bibliografia include sia il materiale a stampa – a carattere monografico o periodico – prodotto da tutti gli esponenti e le forze organizzate dell’antifascismo italiano durante gli anni del regime, sia la memorialistica e la produzione storiografica incentrate su quell’esperienza dall’immediato dopoguerra ai giorni nostri. 

La bibliografia è divisa in tre sezioni:

  • Testi e documenti
  • Periodici
  • Storiografia 

Le prime due sezioni sono dedicate alle fonti, ovvero contengono le schede relative alle pubblicazioni monografiche e alle testate periodiche edite dall’antifascismo italiano tra il novembre 1926 e il luglio 1943. La terza comprende invece le schede relative agli scritti sull’esperienza storica dell’antifascismo pubblicati dal 1945 al 2005. Le singole schede, oltre alle indicazioni bibliografiche, presentano alcuni campi finalizzati a fornire le informazioni necessarie per la ricerca: il campo “note” e il campo “parole chiave” per tutte e tre le sezioni; il campo “ambito geografico” solo per la sezione Storiografia.

La Bibliografia è disponibile anche su CD-Rom (Roma : Carocci, 2008).

Progetto scientifico e coordinamento di: Alberto De Bernardi, Leonardo Rapone, Alceo Riosa, Elisa Signori, Marina Tesoro, Albertina Vittoria.

Gruppo di ricerca: Elena Bignami, Gianmarco Bresadola, Monica Caiazzo, Vittorio Caporrella, Sonia Castro, Marco Cuzzi, Elisabetta Francioni, Benedetta Garzarelli, Francesco Grandi, Yuri Guaiana, Paolo Mattera, Matteo Pasetti, Agata Pernicone, Andrea Rapini, Marica Roda, Luca Tedesco, Bruno Ziglioli.

Progettazione e coordinamento informatico: Vittorio Caporrella, Leone Venticinque.

URL: <http://66.71.178.156/bibliografiaantifascismo/index.html>

Guerra ai civili: le stragi nazi-fasciste in Toscana dal 1943 al 1945

santanna1

Segnaliamo un sito che  raccoglie informazioni bibliografiche e materiale documentario con lo scopo di tracciare un atlante delle stragi nazi-fasciste in Italia.

Tutti i contenuti pubblicati sul sito sono curati da un gruppo di ricerca dell’Università di Pisa coordinato dal prof. Paolo Pezzino.

Il gruppo nazionale di ricerca, in origine costituito dai nuclei di quattro regioni italiane (la Campania, la Puglia, la Toscana, l’Emilia – Romagna) ha censito, catalogato e analizzato le stragi di popolazione civile commesse dalla Wehrmacht e dai reparti della Repubblica Sociale Italiana nel periodo dell’occupazione tedesca in Italia.

Fra le regioni studiate, la Toscana costituisce un privilegiato campo di osservazione per le dimensioni e la qualità che il fenomeno della guerra ai civili assunse in questo territorio nei lunghi mesi dell’occupazione tedesca.

Combinando materiali di diversa provenienza archivistica – dai grandi archivi italiani, britannici, statunitensi e tedeschi sino alla più microscopica ricerca condotta presso gli archivi comunali toscani – con le con testimonianze orali raccolte a più riprese da Giovanni Contini, il gruppo è pervenuto alla stesura di un database completo degli episodi di strage occorsi sul territorio e di schede specifiche per ogni episodio.

URL: <http://131.114.43.50:81/stmstragi/index.php>

Giornali fascisti dell’Alto Adige in riproduzione digitale

  A partire dal sito della Biblioteca Provinciale Italiana “Claudia Augusta” di Bolzano si possono consultare in formato digitale le annate complete di alcune riviste storiche dell’Alto Adige.

 La Provincia di Bolzano (1917-1941) 

Il primo quotidiano dell’Alto Adige in lingua italiana esce il 22 aprile 1927. Nel giro di breve tempo si impone come mezzo di informazione raggiungendo circa 3000 copie al giorno di tiratura, divenendo così organo ufficiale del fascismo altoatesino. Nella sede di via Gilm 15 si avvicendano alla direzione del giornale negli anni molti direttori, che si trovano a dover adempiere alle direttive fasciste, volte alla diffusione dell’italianità a scapito del “dovere di cronaca”. L’ultimo numero esce nel settembre del 1943.

Il piccolo posto (1922-1926)

Il bisettimanale Il piccolo posto venne fondato il 20 marzo 1922 da Umberto Murè e stampato presso la tipografia Laurin di Merano. Nel febbraio 1923 venne ceduto a Luigi Barbesino ed Emilio Desio, esponenti del fascismo locale. A stamparlo negli anni successivi furono le tipografie Atesina, Temi e infine Monauni. Sulle pagine del giornale si dava ampio spazio alla cronaca locale (soprattutto politica), talvolta con articoli anche in lingua tedesca, e ai frequenti scontri tra le diverse fazioni interne al partito fascista. L’ultimo numero del giornale uscì il 10 novembre 1926.

La Voce del Sella (1923-1927)

Il primo numero della Voce del Sella. Settimanale per le valli delle Dolomiti uscì il 23 febbraio 1923. Veniva stampato a Trento dalla tipografia Scotoni e Vitti. Pubblicava prevalentemente cronache delle valli altoatesine, ma anche notizie sul Trentino e il bellunese. La sua impronta fu fin dall’inizio di fiancheggiamento del partito e del regime fascista. L’ultimo numero uscì il 21 aprile 1927, non a caso lo stesso giorno in cui nasceva il quotidiano La Provincia di Bolzano, del quale può considerarsi il progenitore.

Tutti i periodici digitalizzati sono accessibili a partire dalla pagine principale della biblioteca (scegli la lingua per entrare nel sito e poi seleziona “Biblioteca digitale” dal menu di sinistra).

URL: <http://www.bpi.claudiaugusta.it/>