Archivi tag: ebraismo

RAMBI: Bibliografia di studi ebraici

rambi-logo

RAMBI – Repertorio bibliografico di studi ebraici è un progetto nato nel 1966 su iniziativa di Issachar Joel. Si tratta di una bibliografia di articoli accademici su temi inerenti l’ebraismo e la storia dello stato di Israele.

RAMBI si basa essenzialmente sulle collezioni della Biblioteca nazionale di Israele. Sono indicizzate migliaia di riviste a stampa o in fomato digitale e anche articoli inviati alla biblioteca da singoli ricercatori.

La banca dati contiene articoli in alfabeto latino, ebraico e cirillico. Alla fine del 2013 i record registrati erano più di 350.000.

«RAMBI – The Index of Articles on Jewish Studies was founded by Dr. Issachar Joel in 1966. It is a selective bibliography of academic articles covering all of the fields of Jewish studies as well as the study of Eretz Israel and the State of Israel.

RAMBI is based largely on the collections of the National Library. The articles listed in RAMBI are collected from thousands of journals, in print or electronic, from collections of articles and from offprints sent by researchers.

RAMBI refers to articles in Hebrew, Latin or Cyrillic letters. The database is updated on a daily basis. By the end of 2013 RAMBI included about 350,000 records, from about 21,000 different sources.

Rambi appeared in print from 1966 until 2000, volumes 1–50. The project for the conversion of the printed books (volume 1-28) to the online format was made possible by a contribution of the Littauer Foundation. Once the material was made available online, the print edition was discontinued.

A Rambi record includes – in its abbreviated form: author, title, bibliographic information and access to the full text. For further information please open the full record. Search options are: Subject, Author, Title, Source or keywords from any of these fields».

URL: <http://www.eurojewishstudies.org/redirect.php?url=http://jnul.huji.ac.il/rambi/>

Judaica Sammlung: la collezione digitale dell’Università di Francoforte

Judaica_Logo

La Collezione ebraica (Judaica Sammlung) della Biblioteca dell’Universitaria di Francoforte rappresenta la più grande raccolta di documenti in ebraico e sull’ebraismo della Germania ed è considerata in tutto il mondo tra le raccolte più significative del genere.

Il nucleo della raccolta è costituito dai documenti che, verso la fine del 19° secolo, furono acquisiti attraverso cospicue donazioni da parte degli ebrei di Francoforte e che fino al 1933 furono conservati dal Prof. Dr. Aron Freimann.

La raccolta resistette miracolosamente quasi indenne al nazionalsocialismo e alla seconda guerra mondiale, a parte lo smarrimento di alcuni libri in ebraico.

ll pregiato patrimonio storico è stato per la maggior parte digitalizzato ed è oggi accessibile liberamente online:

La Biblioteca dell’Università di Francoforte, inoltre, acquisisce regolarmente le nuove pubblicazioni, edite in qualsiasi paese del mondo e in ogni lingua, che si occupano dei vari aspetti della cultura ebraica, come per esempio la filosofia, la musica, l’arte, la letteratura.

>> Leggi la presentazione in lingua originale (tedesco) sul sito dedicato al progetto Judaica

URL: <http://sammlungen.ub.uni-frankfurt.de/judaica>

I manoscritti ebraici della Biblioteca Teresiana di Mantova

Il ghetto di Mantova

Dal Quattrocento all’Ottocento Mantova fu un centro molto importante nella storia della cultura ebraica.

Numerosi studiosi e rabbini diedero vita a collezioni rilevanti di manoscritti e stampati. Molti dei testi appartenenti a tali librerie private, di cui la più ricca fu quella formata da Marco Mortara, confluirono nella biblioteca fondata dalla Comunità nel maggio 1767.

In seguito a una convenzione stipulata il 30 dicembre 1930 tra il Comune e la Comunità, la biblioteca venne depositata presso la Biblioteca Teresiana di Mantova.

Il fondo manoscritto comprende 161 codici databili fra il XIV e il XVIII secolo, con numerosi esemplari miscellanei, per la maggior parte di origine italiana.

Le 28.911 immagini a colori sono frutto di un progetto di digitalizzazione iniziato nel 1991 e concluso nel 2003.

L’indicizzazione è limitata soltanto ad alcuni elementi identificativi essenziali. Per la catalogazione esaustiva del contenuto testuale dei codici si rimanda a:

  • Catalogue of the Kabbalistic Manuscriptsin the Library of the Jewish Community of Mantua / Giulio Busi. – Fiesole : Cadmo, 2001.
  • Catalogo dei manoscritti filosofici, giuridici e scientifici nella biblioteca della Comunità ebraica di Mantova. – Fiesole : Cadmo, 2003.

URL: <http://www.adacta.fi.it/digitalib/teresiana3/index_ebraici.php>

…….

Post correlati:

>> L’Archivio storico della Comunità ebraica di Mantova

Quest. Issues in Contemporary Jewish History: una rivista open access della CDEC

Quest. Issues in Contemporary Jewish History / Questioni di storia ebraica contemporanea è una rivista open access e peer reviewed del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC) di Milano.

La rivista pubblica contributi in lingua inglese su questioni della storia ebraica italiana e, più in generale, su problemi storici e storiografici connessi all’ebraismo.

Quest. Issues in Contemporary Jewish History / Questioni di storia ebraica contemporanea is an open acces and peer reviewed journal published by the Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC), an institute devoted to historical research that was established in Milan in 1955.

CDEC focuses its attention on the history of Italian Jews in the 20th century, the Fascist and Nazi persecutions, anti-Semitism. On these issues it leads, promotes and publishes scholarly research as well as collections of documentary sources (www.cdec.it).

The history of Italian Jewry features a number of specific traits: two thousand years of uninterrupted presence of the Jews in Rome, the historical layering of “Italian”, Ashkenazi and Sephardic Jews, a continuous confrontation with Christianity first and the Catholic Church later, a rich production of religious art and craft which is today “dispersed” in the most important Jewish museums of the world; strong ties with Jewish groups in other Mediterranean areas and an impressive participation in public life since the second half of the 19th century and through the 20th . Moving from these and other considerations – and keeping in mind the specific nature of the CDEC as an institute of historical research –  in 2008 the Institute’s Scientific Board  decided to pave the way to the realization of Quest.

E’ appena uscito il secondo numero di Quest (ottobre 2011).

Indice degli articoli pubblicati in questo fascicolo:

  • Cristiana Facchini (a cura di), Modernity and the Cities of the Jews
  • Cristiana Facchini, The City, the Ghetto and two Books. Venice and Jewish Early Modernity
  • Francesca Bregoli, The Port of Livorno and its “Nazione Ebrea” in the Eighteenth Century: Economic Utility and Political Reforms
  • Tullia Catalan, The Ambivalence of a Port-City. The Jews of Trieste from the 19th to the 20th Century
  • Joachim Schlör, Odessity: in Search of Transnational Odessa (or “Odessa the best city in the world: All about Odessa and a great many jokes”)
  • Dario Miccoli, Moving Histories. The Jews and Modernity in Alexandria 1881-1919
  • Albert Lichtblau, Ambivalent Modernity: the Jewish Population in Vienna
  • Konstantin Akinsha, Lunching under the Goya. Jewish Collectors in Budapest at the Beginning of the Twentieth Century
  • François Guesnet, Thinking Globally, Acting Locally: Joel Wegmeister and Modern Hasidic Politics in Warsaw
  • Mark A. Raider, Stephen S. Wise and the Urban Frontier: American Jewish Life in New York and the Pacific Northwest at the Dawn of the 20th Century
  • Ehud Manor, “A source of satisfaction to all Jews, wherever they may be living”. Louis Miller between New York and Tel Aviv, 1911
  • Elissa Bemporad, Issues of Gender, Sovietization and Modernization in the Jewish Metropolis of Minsk
  • Mario Tedeschini Lalli, Descent from Paradise: Saul Steinberg’s Italian Years (1933-1941)

URL: <http://www.quest-cdecjournal.it/index.php>