Tag Archives: Basilicata

Profili biografici di confinati politici durante il fascismo: Italia meridionale

Nella collana «Strumenti» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi sono disponibili per la consultazione online alcuni volumi frutto di un lavoro di ricerca dedicato alle biografie dei confinati politici durante il fascismo provenienti dall’Italia meridionale.

I profili biografici, ricostruiti grazie allo spoglio sistematico di tutti i fascicoli personali della serie Confinati politici conservata presso l’Archivio centrale dello Stato, sono stati pubblicati in cinque volumi dedicati rispettivamente a Calabria, Campania, Sicilia, Puglia, Basilicata.

Per il momento sono disponibili nella Biblioteca Digitale solo tre volumi della serie (Sicilia, Puglia, Basilicata).

SICILIA

Archivio Centrale dello Stato, Il popolo al confino. La persecuzione fascista in Sicilia, a cura di SALVATORE CARBONE e LAURA GRIMALDI, prefazione di SANDRO PERTINI, Roma 1989, pp. 840 (Strumenti, CVI).

Il volume contiene 827 biografie di confinati politici nati, domiciliati o comunque originari della Sicilia. Le biografie sono state redatte utilizzando la documentazione contenuta nei fascicoli personali delle serie archivistiche Confino politico e Casellario politico centrale del Ministero dell’interno, Direzione generale di pubblica sicurezza, Divisione affari generali e riservati conservate all’Archivio centrale dello Stato.

Il lavoro è completato, oltre che da prospetti statistici, da un ampio corredo di indici (indice nominativo, per località di nascita, di residenza, di confino, per colore politico, condizione sociale, età dei confinati; indice dei nomi citati nelle biografie; indice cronologico delle ordinanze di confino delle Commissioni provinciali; indice dei motivi della liberazione dal confino).

>> scarica il volume (dimensione del file pdf: 13,33 MB)

PUGLIA

Archivio Centrale dello Stato, Il popolo al confino. La persecuzione fascista in Puglia, a cura di KATIA MASSARA, prefazione di MICHELE CIFARELLI, Roma 1991, 2 v., pp. XII, 912 (Strumenti, CXIV).

“Oltre milleseicento anni di confino furono scontati complessivamente, fra il 1926 al 1943, dagli oppositori al regime fascista nati o residenti in Puglia. Ha potuto così essere sfatato il mito della generale acquiescenza alla dittatura delle regioni italiane meridionali. Anzi, il materiale raccolto per la Puglia, che viene qui illustrato, rivela una vivacità antifascista paragonabile a quella di regioni come l’Emilia e la Toscana. Impressiona la mole del volume, che contiene ben 913 biografie di confinati politici ricostruite, a partire dai fascicoli personali, grazie a un imponente scavo presso l’Archivio Centrale dello Stato” [dalla Prefazione].

>> scarica il volume primo (dimensioni del file pdf: 13,73 MB)

>> scarica il volume secondo (dimensioni del file pdf: 7,9 MB)

BASILICATA

Archivio Centrale dello Stato, Il popolo al confino. La persecuzione fascista in Basilicata, a cura di DONATELLA CARBONE, prefazione di COSIMO DAMIANO FONSECA. Roma 1994, pp. XXII, 280 (Strumenti, CXIX).

Sono stati censiti 155 confinati (un numero piuttosto alto se posto in rapporto al totale degli abitanti), per ciascuno dei quali, seguendo lo schema già sperimentato nei precedenti volumi, la rilevazione fornisce i dati biografici e una breve descrizione dell’attività di opposizione svolta. Nell’introduzione si riassumono le vicende dell’istituto del domicilio coatto dal periodo postunitario al fascismo e se ne analizza la concreta applicazione nella regione Basilicata.

In appendice sono pubblicati gli elenchi delle persone nei confronti delle quali il Comando militare alleato aveva adottato provvedimenti di confino, ammonizione, diffida o infine internamento nel campo di concentramento di Padula. Il volume contiene inoltre alcuni prospetti numerici: dei confinati, ripartiti rispettivamente in base alla provincia di appartenenza, alla condizione sociale, al colore politico, alla durata della pena assegnata ed effettivamente scontata, e delle ordinanze di ciascuna Commissione provinciale, elencate in base al numero degli anni di confino inflitti e alla data di ciascuna ordinanza.

Completano il volume l’indice dei nomi citati nelle biografie e nelle appendici, l’indice cronologico delle ordinanze e diversi indici dei nomi dei confinati, disposti in ordine alfabetico, per località di nascita, di residenza, di confino, per condizione sociale, colore politico, età, e suddivisi secondo la motivazione in forza della quale vennero poi liberati.

>> scarica il volume (dimensioni del file pdf: 4,04 MB)

Se sei interessato a questo argomento puoi leggere anche:

Casellario politico centrale: banca dati online

Musica della tradizione popolare di Puglia e Basilicata

Cisternino, 1995 (Fondo Morabito, foto Francesco Carparelli)

La rete degli Archivi sonori è un progetto del Ministero per i beni e le attività culturali e la Direzione generale per gli Archivi (in collaborazione con AESS-Archivio di Etnografia e Storia Sociale della Regione Lombardia, gli Archivi di Etnomusicologia dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e molte altre istituzioni)  finalizzata alla conservazione, descrizione e valorizzazione delle musiche di tradizione popolare del territorio italiano, con particolare attenzione al Sud del paese.

Con questa rete si intende creare un sistema informativo esteso a tutto il territorio nazionale, in grado di consentire una fruizione integrata di documenti sonori, cartacei, visivi, fotografici, acquisiti attraverso specifiche campagne di rilevazione.

La rete presenta al momento il materiale raccolto in Puglia e in Basilicata (gli archivi di Abruzzo e Campania sono ancora in lavorazione).

Archivio sonoro della Basilicata

>> vai all’indice dei fondi e delle raccolte

Archivio sonoro della Puglia

>> vai all’indice dei fondi e delle raccolte

URL: <http://www.archiviosonoro.org/>

Archivio Storico per la Calabria e la Lucania: digitalizzate le annate dal 1931 al 2006

Sono state digitalizzate le annate dell’Archivio Storico per la Calabria e la Lucania pubblicate dal 1931 al 2006.

La rivista, fondata nel 1931 da Paolo Orsi e Umberto Zanotti Bianco, con lo scopo di offrire alle due regioni meridionali un organo di alta cultura, ha un ambito scientifico pluridisciplinare. Abbraccia, infatti, tutta la storia politica, civile, culturale e sociale.
I contributi vanno dall’archeologia alla storia letteraria e dell’arte, dalla storia della filosofia a quella della società e del costume, dalla storia politica alla numismatica, alla epigrafia.
Pur relativa, in particolare, alla storia della Calabria e Lucania, la rivista conserva quell’ampio raggio di interessi che le fu dato da Umberto Zanotti Bianco, il quale inseriva la questione meridionale nel più largo ambito della questione delle minoranze conculcate e che ne fu il direttore dal 1946 al 1963. Succesivarnente è stata diretta da Giuseppe Isnardi (1963-1965), Ernesto Pontieri (1965-1979), Ruggero Moscati (1987), Gaetano Cingari (1988-1992), Margherita Isnardi Parente (1992-2005) e, attualmente, da Vera von Falkenhausen. Esce in un volume all’inizio di ogni anno solare.

Per accedere alle riproduzioni digitali:

  • entra nel sito http://www.animirisorsedigitali.it
  • apri la cartella sulla sinistra Lista archivi
  • apri la cartella “Archivio storico per la Calabria e la Lucania”
  • seleziona l’annata desiderata.

URL: <http://societageografica.it/animi/index.php?option=com_content&view=article&id=98&Itemid=34>