Archivi categoria: Strumenti

Documenta Catholica Omnia

Il sito Documenta Catholica Omnia della Cooperatorum Veritatis Societas si prefigge di diffondere gratuitamente via Internet le versioni ufficiali di tutti i testi della Chiesa, presentati nella lingua in cui furono vergati ed in traduzioni conformi, compresa la Patrologia latina del Migne.

Il sito, che presenta una curiosa interfaccia interamente in latino, è nato dall’esigenza di raggruppare in modo sistematico, standardizzato, coordinato e facilmente accessibile tutta la documentazione cattolica o pertinente.

URL: <http://www.documentacatholicaomnia.eu/>

Environment & Society: un portale di storia ambientale

Il portale Environment & Society, uno dei più importanti progetti del Rachel Carson Center for Environment and Society di Monaco di Baviera, intende rendere disponibili alla comunità accademica e al pubblico saggi originali, informazioni di carattere enciclopedico, mostre virtuali, libri, articoli, fonti e materiali multimediali nel campo delle cosiddette environmental humanities, un campo di indagine scientifica molto ampio e in rapida crescita che si propone di analizzare in modo olistico i rapporti tra natura e società e i modi in cui l’umanità interpreta l’ambiente naturale.

Il progetto dell’Environment & Society Portal non è esaustivo  ma si propone  piuttosto come un laboratorio dinamico ed interattivo, in costante crescita. Nella raccolta dei contenuti l’attenzione si è concentrata su singoli eventi e processi ritenuti particolarmente significativi e caratteristici, in grado insomma di riflettere in maniera esemplare le reciproche influenze tra umanità e ambiente naturale e di stimolare la riflessione sull’attuale questione ambientale.

La collaborazione e i suggerimenti dei fellows internazionali del Carson Center, oltre al contributo di partner istituzionali e, in maniera crescente, della comunità online, garantiscono una crescita progressiva di qualità dei contenuti digitali messi a disposizione.

>> Leggi online l’articolo di Wilko Graf von Hardenberg e Kimberly Coulter, Navigare la storia: considerazioni sulla creazione di un portale di storia ambientale. Diacronie. Studi di storia contemporanea, n. 10/2 (2012).

URL: <http://www.environmentandsociety.org/>

TOC (Table of Contents): gli indici di 14.000 riviste scientifiche

Segnaliamo ZID (Zeitschrifteninformationsdienst), un servizio gratuito messo a punto dall’Università di Dortmund che consente di vedere gli indici del numero corrente e dei numeri arretrati di circa 14.000 riviste scientifiche.

Si può sottoscrivere anche un servizio di alerting via posta elettronica: selezionando i titoli delle riviste di nostro interesse si riceveranno via e-mail gli indici dei fascicoli che saranno via via pubblicati.

La lista delle riviste sottoposte a spoglio è consultabile selezionando il link Zur Liste der Zeitschriften.

Per utilizzare il servizio ZID (Zeitschrifteninformationsdienst) è necessario iscriversi cliccando sul bottone «Hier anmelden!» che si trova in home page.

Vengono richiesti, nell’ordine, un nome utente a piacere (Benutzername in ZID), una password, che andrà ripetuta nel campo sottostante (Passwort), infine nome (Nachname), cognome (Vorname) e indirizzo e-mail.

Le riviste possono essere selezionate dalla lista alfabetica, oppure tramite ricerca per parole del titolo o per ISSN.

Molto utile anche la ricerca per settore disciplinare, che si attiva dal menu a tendina (vedi fig. 1).

figura 1

A partire dall’elenco dei titoli, per ogni rivista si può visualizzare l’indice dell’ultimo fascicolo («aktuelles Heft») o gli indici dei numeri arretrati («weitere Hefte»).

Le informazioni di spoglio fornite da ZID sono compatibili con il software di gestione bibliografica Zotero.

Per ricevere le notifiche via e-mail degli indici degli ultimi fascicoli pubblicati è sufficiente:  a) selezionare dall’elenco delle riviste la casella a fianco dei titoli ai quali siamo interessanti; b) cliccare sul bottone «Zu ihrem Profil hinzufügen».

Una presentazione chiara ed esaustiva del servizio ZID è disponibile sul blog  Germano-Fil (in lingua francese): http://germano-fil.hypotheses.org/995.

URL: <http://www.ub.tu-dortmund.de/zid/index.html>

Children & Youth in History

Children & Youth in History è un progetto del Roy Rosenzweig Center for History and New Media (CHNM) e dell’Università del Missouri–Kansas City che si rivolge a studenti e insegnanti con l’obiettivo di fornire strumenti per esplorare il mondo dell’infanzia nella storia.

The Roy Rosenzweig Center for History and New Media (CHNM) at George Mason University and the University of Missouri–Kansas City received funding from the National Endowment for the Humanities to create Children and Youth in History.

Children and Youth in History is designed to help teachers and students learn about the important roles of young people throughout history by providing access to information about the lived experiences of children and youth from multiple perspectives as well as changing notions about childhood and adolescence in past cultures and civilizations. The materials on this website address such questions as: What was it like to be a child or adolescent throughout history? How is childhood defined? How has it changed and how has it remained the same? What factors have shaped childhood and how did children shape history, society, and culture?

Children and Youth in History is a free website with four key features:

  • a Primary Source Database with 350 resources along with guidance on how to use those sources critically and tools for annotating and organizing the sources;
  • 60 Website Reviews that focus on valuable online resources for studying and teaching the history of childhood and youth in world history;
  • 11 Teaching Modules that provide historical context, teaching tools, and strategies for teaching with sets of primary sources drawn from the Primary Source Database; and
  • 25 Teaching Case Studies by experienced scholars and teachers that model strategies for using primary sources to teach the history of childhood and youth.

URL: <http://chnm.gmu.edu/cyh/>

Fonti sulla storia dell’integrazione europea

Sul blog francese Divenir historien-ne è stato pubblicato un interessantissimo ed articolato post dedicato alle fonti disponibili in rete sulla storia dell’unificazione europea.

Ecco, in sistesi, i siti che vengono segnalati (si suggerisce comunque la lettura integrale dell’articolo):

Récapitulatif des liens cités

________

  • Publications officielles

Portail de l’Union européenne : http://europa.eu/documentation/index_fr.htm

Eurostat : http://epp.eurostat.ec.europa.eu/portal/page/portal/eurostat/home/

Eurobaromètre : http://ec.europa.eu/public_opinion/index_fr.htm

  • Archives des institutions européennes

Services des archives des institutions de l’Union européenne :http://ec.europa.eu/dgs/secretariat_general/archives_services/index_fr.htm

Guide bleu des archives : http://www.consilium.europa.eu/documents/archives/blue-guide?lang=fr & http://www.eui.eu/HAEU/MFAdb/Welcomefr.htm

Archives historiques de l’Union européenne :http://www.eui.eu/Research/HistoricalArchivesOfEU/Index.aspx

  • Bases de données

Institut universitaire européen (IUE) :http://www.eui.eu/Research/HistoricalArchivesOfEU/FindingAidsAndResearch/LibraryandE-Ressources.aspx

Documentation et Recherche sur les questions Institutionnelles Européennes (DORIE) : http://ec.europa.eu/dorie/home.do?locale=fr&

Archive of European Integration : http://aei.pitt.edu/

Centre Virtuel de la Connaissance sur l’Europe (CVCE) : http://www.cvce.eu/

European History Primary Sources : http://primary-sources.eui.eu/

  • Bibliothèques / littérature

Bibliothèque de l’IUE : http://www.eui.eu/Research/Library/Index.aspx

Catalogue de thèses CADMUS : http://cadmus.eui.eu/handle/1814/7088

Bibliothèque centrale de la Commission européenne :http://ec.europa.eu/libraries/doc/index_fr.htm

Catalogue collectif des bibliothèques de la Commission européenne ECLAS :http://ec.europa.eu/libraries/doc/catalogues/index_fr.htm

Europe direct : http://europa.eu/europedirect/meet_us/index_fr.htm

Journal of European Integration History : http://www.eu-historians.eu/Journal

European Research Papers Archive : http://eiop.or.at/erpa/erpainfo.htm

Aggiungiamo a queste risorse dedicate alla documentazione relativa all’Unione Europea anche la pagina dei  link selezionati dalla BnF – Bibliothèque nationale de France.

Corso di paleografia online: un tutorial per imparare a leggere manoscritti inglesi tardomedievali e rinascimentali

Il sito Scriptorium:  Medieval and Early Modern Manuscripts Online è un portale che dà accesso a una collezione di manoscritti digitalizzati realizzati tra il 1450 e il 1720 e a una serie di interessantissime risorse online per gli studiosi di paleografia.

Degno di nota è l’articolato corso online di paleografia che aiuta a muovere i primi passi nella lettura dei manoscritti inglesi tardomedievali e rinascimentali.

Welcome to English Handwriting: An Online Course. Here you will find a set of resources in late-medieval and early modern palaeography, designed for students and scholars of English letters, history, theology, and philosophy – for anyone whose research embraces original English manuscript sources in this period.

At the heart of the site is a fully interactive Course, along with a series of lessons, in late medieval and early modern palaeography. In our History and Context section, you will find a set of articles describing the development of English handwriting, writing methods and technologies during this formative period. Our Materials section presents a collection of guidelines on palaeographical questions, conventions and techniques. We also provide a detailed Bibliography, suitable for beginners, but convenient also for continuing reference. See also our guidelines on how to use the course.

English Handwriting: An Online Course draws on the rich manuscript holdings of the colleges of the University of Cambridge. It reflects the generosity of a wide array of students, scholars, and technicians. Without the participation of several Cambridge college libraries and archives, we would be unable to offer any of the illustrations on this site; without the hours of dedicated transcribing undertaken by our team of students and researchers, we would be unable to offer any of the model transcriptions or other lesson materials”.

URL: <http://scriptorium.english.cam.ac.uk/handwriting/>

Museo virtuale Galileo

Le collezioni di strumenti scientifici del Museo Galileo di Firenze sono tra le più importanti del mondo. Queste raccolte conservano una testimonianza eloquente della promozione della ricerca scientifica esercitata, prima, dagli esponenti della dinastia medicea, poi, dai Granduchi lorenesi. A partire da Cosimo I, i Granduchi medicei vennero raccogliendo strumenti di straordinaria bellezza e di concezione innovativa. La collezione scientifica medicea fu inizialmente conservata nella Sala delle Carte di Palazzo Vecchio. Successivamente, fu sistemata nello Stanzino delle matematiche e nella attigua Sala delle matematiche della Galleria degli Uffizi. Continuamente accresciute, le collezioni scientifiche restarono in Galleria, accanto ai capolavori delle arti figurative e alle più singolari meraviglie naturali, fino alla metà del Settecento, quando le raccolte scientifiche furono separate dalle collezioni artistiche.

Nel 1925 fu fondata l’Università di Firenze alla quale passò la proprietà delle antiche collezioni scientifiche. Per garantirne la conservazione e valorizzazione, fu fondato nel 1927 l’Istituto e Museo di Storia della Scienza, che prese in consegna le raccolte di strumenti scientifici mediceo-lorenesi, collocandoli nella sede di Palazzo Castellani che ancora oggi lo ospita.

Nel corso degli anni gli allestimenti museali sono stati interamente riconcepiti; la biblioteca è divenuta il centro italiano di riferimento per gli studi di storia delle scienze e delle tecniche e di museologia scientifica.

Nel 2010 l’Istituto e Museo di Storia della Scienza ha assunto la nuova denominazione Museo Galileo. Le sue raccolte di strumentaria scientifica consistono di oltre 5000 pezzi, circa 1000 dei quali in esposizione permanente nelle 18 sale attualmente aperte al pubblico. L´allestimento si sviluppa su due piani di Palazzo Castellani. Il percorso espositivo è articolato secondo criteri cronologici e tematici.

Da qualche mese è disponibile online il Museo virtuale Galileo, che contiene il catalogo di tutti gli oggetti esposti ed è arricchito da innovativi prodotti multimediali realizzate con finalità didattiche.

Il Museo virtuale si articola nelle seguenti sezioni:

  • Oggetti: schede di tutti gli oggetti presenti nel Museo odinate alfabeticamente.
  • Sale: visita virtuale di tutte le sale del Museo con circa 1.000 strumenti.
  • Video per aree tematiche: multimediali che ricostruiscono i contesti e le tematiche di riferimento degli oggetti esposti, consentendo. un’esplorazione delle collezioni per soggetto.
  • Biografie: schede biografiche dei personaggi citati, ordinate alfabeticamente.
  • Approfondimenti: tutte le schede di approfondimento e glossario.

Il Museo virtuale Galileo è una produzione del Laboratorio Multimediale del Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza.

URL: <http://catalogo.museogalileo.it/indice.html>

Esercizi di paleografia medievale

L’Album interactif de paléographie médiévale è una raccolta di esercizi interattivi per prendere pratica nella trascrizione dei manoscritti medievali.

Vengono proposti 27 esempi in differenti scritture (22 in latino medievale e 5 in francese antico) che spaziano dal IX al XV secolo.

Il sito, concepito con finalità didattiche, è stato messo a punto dal Ciham di Lione, un centro specializzato nella ricerca storica e archeologica del Medioevo.

URL: <http://ciham.ish-lyon.cnrs.fr/paleographie/index.php?>

[via Archivalia]

Materiali didattici per la Paleografia latina

Segnaliamo una pagina web curata dai docenti Antonio Cartelli e Marco Palma, pubblicata sul sito del Centro editoriale di ateneo dell’Università di Cassino, che raccoglie materiali didattici per lo studio della Paleografia latina.

I Materiali didattici, concepiti in continua evoluzione e regolare arricchimento, si propongono di offrire alcuni strumenti di lavoro a chi si avvicina allo studio della paleografia latina o intende approfondirne tematiche e problemi.

Le Tavole, suddivise per tipologie grafiche, sono accompagnate dalla trascrizione e da una breve presentazione in cui sono indicati segnatura dell’esemplare riprodotto, testo, datazione, origine e riferimenti bibliografici essenziali.

Sono riportati esempi di scrittura beneventana, cancelleresca, carolina, corsiva nuova, gotica, mercantesca, umanistica.

I Testi offrono un’antologia di articoli o brani estratti da monografie, in traduzione italiana effettuata per l’occasione se originariamente apparsi in altra lingua, riguardanti diversi aspetti della cultura scritta nel medioevo.

URL: <http://cea.unicas.it/matedida/index.html>

Statistiche di fine anno per il nostro Repertorio (dallo staff di WordPress)

Riceviamo e pubblichiamo le statistiche per il 2010 relative al nostro Repertorio, elaborate dallo staff di WordPress:

Healthy blog!

The Blog-Health-o-Meter™ reads Wow.

This blog was viewed about 160,000 times in 2010.

In 2010, there were 94 new posts, growing the total archive of this blog to 491 posts. There were 137 pictures uploaded, taking up a total of 3mb. That’s about 3 pictures per week.

The busiest day of the year was December 6th with 921 views. The most popular post that day was Archivio storico de La Stampa online: tutti gli articoli del quotidiano dal 1867 al 2006.

Some visitors came searching, mostly for dizionario biografico degli italiani, nietzsche, abbreviazioni italiane, podcast storia, and rassegna storica del risorgimento.

These are the posts and pages that got the most views in 2010.

1. Archivio storico de La Stampa online: tutti gli articoli del quotidiano dal 1867 al 2006 October 2010

2. Adriano Cappelli, Dizionario delle abbreviazioni latine e italiane (versione digitale gratuita) December 2007

3. Lezioni universitarie di storia e filosofia in podcast April 2008

4. Il ‘Dizionario biografico degli italiani’ arriva in Rete February 2009

5. Percorsi tematici January 2009

Elenco di riviste e periodici storici digitalizzati

I colleghi Roberto Gollo e Vincenza Parrinello della Biblioteca Braidense di Milano hanno estrapolato dal nostro Repertorio una lista delle emeroteche digitali consultabili gratuitamente on line, arricchendola con alcune integrazioni.

Lieti e grati della collaborazione, mettiamo a disposizione anche dei nostri lettori il file PDF di questo utilissimo elenco, che offre un censimento delle banche dati di riviste, quotidiani e periodici storici italiani ed esteri disponibili in Internet in formato digitale.

Banche dati di periodici disponibili gratis on line

Atlante della documentazione comunale (secoli XII-XIV)

L’Atlante della documentazione comunale italiana, pubblicato in rete sul sito del più vasto progetto Scrineum dell’Università di Pavia, propone l’individuazione di una mappa antologica dei fac-simili e delle tipologie documentarie elaborate dall’esperienza politica comunale nei secoli XII-XIV.

Il lavoro che è stato condotto, tuttavia, intende in primo luogo attirare l’attenzione degli studiosi e dei lettori sui processi e sulle dinamiche, sempre più integrate nel maturare dell’esperienza politica comunale, che portano grosso modo ovunque, nel pieno XIII secolo, a costruire un vero e proprio sistema di documentazione specificamente comunale: un sistema che comporta anzitutto l’integrazione fra culture e tecniche documentarie di matrice notarile e strategie di documentazione, riproduzione documentaria e conservazione di acta proprie delle istanze istituzionali.

Questi processi e queste dinamiche sono, nel materiale che qui si propone, esaminati attraverso l’esempio di alcuni contesti regionali; e resta aperto il campo per future integrazioni ed ulteriori esemplificazioni. Sono pertanto illustrati:

  • i meccanismi redazionali e le scelte che informano la produzione di documenti sciolti (sentenze, ‘lodi’, trattati) nella prima fase comunale in area subalpina, lombarda, e a Genova;
  • le dinamiche e le procedure che precedono, accompagnano e definiscono la produzione di documenti-libro (o in libro) nell’età podestarile e popolare (libri iurium, statuti, registri d’ufficio e documentazione di varia natura – giudiziaria, amministrativa), con particolare attenzione alle esperienze liguri e toscane;
  • le ricadute sul sistema documentario comunale delle nuove esigenze (pratiche e ideologiche) dei regimi signorili, con la comparsa di meccanismi di formalizzazione e validazione documentaria estranei alla prassi e alla cultura notarile (con esempi, per ora, riferiti a Verona e Mantova).

Il nucleo dell’Atlante, perciò, sarà costituito soprattutto da una serie di schede (a struttura omogenea), definite da edizione, traduzione, commento e riproduzione digitale (quando possibile) dei documenti oggetto di analisi.

Al progetto collaborano, nell’ambito del PRIN Culture politiche e pratiche documentarie nell’Italia comunale e signorile (secoli XII-XIV), unità di ricerca delle università di Verona, Torino, Genova e Firenze. Responsabile scientifico del progetto è il professor Gian Maria Varanini.

URL: <http://scrineum.unipv.it/atlante/processi-documentari/>

E’ online la Guida generale degli Archivi di Stato italiani

“La Guida generale degli Archivi di Stato italiani descrive in maniera organica e secondo criteri uniformi tutti i fondi archivistici conservati presso l’Archivio centrale dello Stato e gli Archivi di Stato istituiti in ogni capoluogo di provincia – con le eventuali Sezioni dipendenti.

La documentazione prodotta dalle istituzioni statali è inquadrata nell’ambito di periodizzazioni storiche: Antichi regimi, Periodo napoleonico, Restaurazione, Regno d’Italia poi Repubblica italiana.

I Catasti, gli Archivi notarili e la documentazione prodotta da enti pubblici e istituzioni private e religiose, da famiglie e persone sono raggruppati per tipologie.

Il sistema Guida generale, oltre alla descrizione analitica dei singoli Soggetti produttori cui risultano intestati i fondi, include un profilo istituzionale generale di riferimento per quei Soggetti produttori retti da una normativa comune o afferenti ad una medesima tipologia: si tratta in prevalenza di uffici periferici dello Stato, ma anche di alcune tipologie di enti pubblici e alcune tipologie di documenti, quali ad esempio lo Stato civile; tali profili (o schede-repertorio) sono stati introdotti per tutti i Soggetti produttori a normativa comune del periodo preunitario, ma risultano completi a partire dagli Stati del Periodo napoleonico fino alla Restaurazione inclusa.
Sia i soggetti produttori che i profili istituzionali sono inquadrati in un contesto istituzionale-archivistico – cui si accede da una interfaccia grafica collegata a un puntuale contesto istituzionale-storico – che consente di presentare organicamente gli organi centrali e quelli locali o periferici degli Stati italiani nel corso dei secoli.

Vengono oggi resi pubblici i dati relativi a tutto il periodo preunitario su scala nazionale e si prevede l’immissione dell’intero patrimonio informativo, con opportuni aggiornamenti, entro la prima metà del 2010″.

URL: <http://guidagenerale.maas.ccr.it/HAPConsole.aspx?AspxAutoDetectCookieSupport=1>

La guerra arabo-israeliana del 1967: un sito dedicato alla Guerra dei sei giorni

three_soldiers_1967

Questo sito, curato da un gruppo di ricercatori e di scrittori interessati alla Guerra dei sei giorni che coinvolse nel giugno 1967 Israele, Egitto, Siria e Giordania, rappresenta un ottimo punto di partenza per approfondimenti sul tema.

“This website, managed by a group of academics and writers with an interest in the June 1967 Six-Day War between Israel and Egypt, Syria, and Jordan, offers an excellent point of departure for anyone interested in finding out more about this important event. In an accessible way, the website offers primary sources, first-hand accounts, and various related historical documents from American, Israeli, Palestinian, Arab, and UN archives, along with biographies of all key players. It is especially strong in putting the war into a wider context, providing plenty of material relating to the run-up and aftermath of the war, as well as to the war itself. In addition, the site contains first-hand testimonies and analyses from around the world, including Israel, the Jewish Diaspora, and the Arab world. It also offers extensive popular cultural material, such as movie clips and political cartoons from the Arab press” [dalla scheda di presentazione disponibile su Intute].

URL: <http://www.sixdaywar.co.uk/>