Archivi categoria: Riviste e quotidiani digitalizzati, e-journal

ICON – International Coalition on Newspapers

ICON – International Coalition on Newspapers è un progetto americano che promuve e incoraggia l’accesso ai quotidiani di tutto il mondo attraverso l’elaborazione di strumenti bibliografici specifici.

ICON cura un database ad accesso gratuito che contiene le informazioni bibliografiche relative a più di 25.000 testate giornalistiche pubblicate fuori degli Stati Uniti.

ICON cura inoltre una preziosa pagina web dove sono elencati i principali progetti di digitalizzazione  realizzati in tutto il mondo e consultabili online, elencati in ordine alfabetico per paese produttore (l’elenco è particolarmente dettagliato per quanto riguarda i progetti realizzati negli Stati Uniti). Si tratta sicuramente del repertorio più completo nel suo genere.

>>  Newspapers Digitization Projects: http://icon.crl.edu/digitization.htm

Leggi la presentazione di ICON sul sito:

“The ICON – International Coalition on Newspapers project develops strategies to preserve and improve access to newspapers from around the globe, working on issues including bibliographic access, copyright, and information dissemination. ICON was officially established in 1999 by 13 charter members and is based at the Center for Research Libraries.

ICON provides a freely accessible database of bibliographic information for more than 25,000 newspaper titles from participating institutions.The ICON Database of International Newspapers is a freely accessible electronic resource intended to provide reliable information on newspapers published outside of the United States. It includes bibliographic descriptions of titles as well as specific information on institutions’ holdings of the same. The database serves as a central locus for information on international newspaper collections available in North American libraries and in selected libraries outside North America, providing a tool for resource discovery, access, and collection management.

ICON is supported in part through grants from the National Endowment for the Humanities. Its advisory board is comprised of representatives from the Library of Congress, British Library, Library and Archives Canada, University of Illinois, and University of Washington; many other institutions participate in ICON’s preservation, database, cataloging, and survey projects”.

URL: <http://icon.crl.edu/digitization.htm>

ZEFYS: giornali storici tedeschi digitalizzati

ZEFYS – Zeitungsinformationsystem è il progetto di digitalizzazione di giornali e riviste storiche realizzato dalla Staatsbibliothek zu Berlin.

>> Consulta la lista dei giornali digitalizzati  (al momento sono disponibili più di 67.000 fascicoli di 86 testate storiche di giornali tedeschi e giornali stranieri pubblicati in Germania tra il XVIII e il XX secolo)

>> Leggi i giornali per data utilizzando l’utilissimo calendario

Il portale contiene intere annate di giornali storici digitalizzate, link a risorse web selezionate (emeroteche digitali, repertori e cataloghi di riviste digitalizzate ecc.), link a cataloghi di riviste.

  • ZEFYS provides currently more than 67,000 issues of currently 86 historical newspapers from Germany and foreign newspapers in german.
  •  Selected and intellectually classified webresources helps you to find databases and information on newspapers on the web.
  •  The bibliographic search helps you find international newspapers titles within the world’s largest bibliographic database for serial titles, the Zeitschriftendatenbank (ZDB).

URL: <http://zefys.staatsbibliothek-berlin.de/en/>

Giornali francesi di satira politica (1870 – 1899)

Tra le collezioni digitalizzate della biblioteca universitaria di Heidelberg è disponibile una bellissima raccolta di giornali satirici e caricature del periodo della Guerra franco-prussiana (1870-1871) e della Comune di Parigi.

Elenco delle riviste digitalizzate:

>> L’ Eclipse: journal hebdomadaire politique, satirique et illustré (1868-1877)

>> Le Fifre : journal hebdomadaire (1889)

>> Le Grelot: journal illustré, politique et satirique (1871-1899)

>> La Lune (1865-1868)

>> Le fils du Père Duchêne (1871)

>> La revue comique (1871)

>> La Scie (1872)

>> Le Sifflet: journal humoristique de la famille (1872-1873)

>> Collection de caricatures et de charges pour servir à l’histoire de la guerre et de la révolution de 1870-1871

URL: <http://www.ub.uni-heidelberg.de/helios/fachinfo/www/kunst/digilit/artjournals/frzzeit_frz.html>

Per un approfondimento sui giornali della Comune di Parigi disponibili in rete consigliamo la lettura d un interessante post di Jean Stouff pubblicato sul blog «Biblioweb»: Les journaux de la Commune de Paris.

Periodici digitalizzati della Biblioteca di archeologia e storia dell’arte di Roma

BiASA – Periodici italiani digitalizzati è l’emeroteca digitale della Biblioteca di archeologia e storia dell’arte di Roma, considerata in Italia la più importante istituzione del settore**.

La banca dati offre alla libera consultazione 117 testate possedute dalla Biblioteca, per un totale di 785.321 immagini, pubblicate tra il XVIII e i primi decenni del XX secolo.

Vai all’elenco delle riviste

URL: <http://periodici.librari.beniculturali.it/>

** Per un quadro informativo d’insieme sulla Biblioteca di archeologia e storia dell’arte di Roma si consiglia la lettura di questo articolo (scarica online il PDF):

Amedeo Benedetti, La Biblioteca di Archeologia e Storia dell’Arte, “Biblioteche oggi”, n. 10 (dicembre 2005), p. 33-39.

Springer Philosophy Reading Room: le riviste disponibili nei mesi di novembre e dicembre 2011

Sul sito dell’editore Springer è possibile accedere, per un periodo di tempo limitato e previa registrazione gratuita, ad alcuni fascicoli di riviste elettroniche di filosofia altrimenti disponibili solo a pagamento.

L’iniziativa, che prende il nome di Philosophy Reading Room, mette a disposizione quattro diverse riviste ogni due mesi.
:::
Riviste che saranno consultabili nei mesi di novembre e dicembre 2011 (limitatamente ai fascicoli usciti nel 2009):

► Dao: A Journal of Comparative Philosophy

Dao relates Chinese philosophy to other traditions, covering all subfields of philosophy. Uniquely, Dao looks beyond comparison of Chinese and Western philosophy. It also publishes articles on the relation between Chinese philosophy and other Asian philosophies such as Indian, Japanese, and Korean philosophy’s and between Chinese philosophy and African and Islamic philosophy.An International Journal of Analytic Philosophy

► Journal of Academic Ethic

The Journal of Academic Ethics is an interdisciplinary, peer reviewed journal devoted to the examination of ethical issues that arise in all aspects of post-secondary education, primarily within a university context. Providing a forum for the publication and discussion of original research, the journal examines ethical concerns in research, teaching, administration, and governance.

► Nanoethics: Ethics for Technologies that converge at the nanoscale

Introduced in 2007, NanoEthics: Ethics for Technologies that Converge at the Nanoscale provides a needed forum for informed discussion of ethical and social concerns related to nanotechnology, and a counterbalance to fragmented popular discussion. While the central focus of the journal is on ethical issues, discussion extends to the physical, biological and social sciences and the law. NanoEthics provides a philosophically and scientifically rigorous examination of ethical and societal considerations and policy concerns raised by nanotechnology.

► Review of Philosophy and Psychology

The Review of Philosophy and Psychology provides a forum for discussion on topics of mutual interest to philosophers and psychologists, and fosters interdisciplinary research at the crossroads of philosophy and the sciences of the mind, including the neural, behavioural and social sciences.


URL: <http://www.springer.com/Philosophy-Reading-Room>

L’Avenir: pubblicazione clandestina della Resistenza francese (1943-1944)

Segnaliamo dal blog di Gallica, la biblioteca digitale della BnF-Bibliothèque nationale de France, la disponibilità in linea del giornale clandestino francese l’Avenir, publication clandestine de la Résistance (1943-1944), conservato nel Fondo libri rari e digitalizzato con la collaborazione della Fondation de la Résistance.

Sfoglia il primo numero

« Journal provisoirement clandestin destiné aux jeunes de France », L’Avenir paraît pour la première fois le 20 août 1943. Il est l’organe de l’Organisation civile et militaire des jeunes (OCMJ), né début 1943 de la fusion de plusieurs groupes de jeunes proches de l’OCM (l’un des plus gros mouvements de résistance en zone occupée) autour des étudiants Charles Verny et François d’Humières notamment. Le journal est d’abord « imprimé sur les presses d’un français libre », Marcel Blondin, imprimeur rue Cardinet à Paris, par les soins de Marcel Knopf, puis à Colombes, 33 rue du Souvenir, par Pierre Virol, qui mourra en déportation.

Les grands moyens sont employés pour le premier numéro, imprimé en couleurs, sur quatre pages. Comme la plupart des journaux de résistants, L’Avenir se place, par le biais d’une épigraphe, sous le regard de l’Histoire, sous le jugement d’un de ses grands hommes d’État ou penseur. Ici, Clemenceau, le « Père » de la Victoire en 1914-1918 : « Quand une nation s’appelle la France elle ne capitule pas pour trois batailles perdues ». Le journal affirme aussi dès le premier numéro sa fidélité au général de Gaulle et au général Giraud qui co-président alors le Comité français de la Libération nationale. Mais surtout, L’Avenir publie en une sa définition de la Résistance, un très beau texte sur le sens donné à ce combat.

Au fil des numéros, les rubriques s’étoffent. En pages intérieures, on retrouve une revue de la presse de la Collaboration (« Eux ») et de la presse de la Résistance (« Nous »), ainsi que des consignes de sécurité pour résister ou pour distribuer clandestinement le journal, des appels à la solidarité, à l’action ou à la résistance passive, des articles spécialement destinés aux jeunes femmes éloignées des combats militaires. Les éditoriaux sont parfois signés « Claude Isnard », pseudonyme de Claude Desjardins, le directeur du journal. A l’orée de 1944, il écrit : « Nous ne permettrons pas qu’on étouffe sous un silence lâche les actes ignominieux de l’ennemi » (n°9). [Continua a leggere… ]

URL: <http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/cb32707877b/date>

Periodici parmensi digitalizzati

Biblioteca Palatina di Parma

La collezione di periodici digitalizzati della Biblioteca Palatina di Parma è costituita da un insieme di 331 testate uscite con pochi numeri o delle quali si conservano alcune testimonianze, quasi tutte risalenti ad un arco temporale compreso tra la seconda metà dell’Ottocento e la prima metà del secolo scorso, ed è distinta in raccolta di testate edite a Parma, che compongono la quasi totalità del fondo (Miscellanee Giornali Parmensi), o altrove (Miscellanee Giornali). La loro importanza storica è indubbia per ricostruire gli avvenimenti di oltre un centinaio d’anni, dal periodo postunitario alle due guerre mondiali.

Questi fogli, spesso clandestini, assumono, seppure riferiti a una realtà locale, valenza nazionale in un periodo che vide la città di Parma al centro di fermenti sociali e laboratorio di idee, dalla nascita delle prime camere del lavoro e delle leghe sindacali agli scioperi agrari del 1908, che portarono alla costituzione di una nuova corrente nel movimento sindacale italiano, la componente anarco-sindacalista, fino ai movimenti di resistenza all’insorgente fascismo, che culminarono con le barricate dell’agosto 1922.

Le due raccolte, per un totale di 13.603 carte rilegate in 290 volumi, sono state a loro volta suddivise in base al formato, Misc. Giorn. A e Misc. Giorn. Parm. A, per i giornali di dimensioni più ridotte, e Misc. Giorn. B e Misc. Giorn. Parm. B per quelli, il maggior numero, più grandi.

I giornali sono stati restaurati, rilegati, digitalizzati e catalogati in SBN.

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/collezioni/collezione_0079.html>

JSTOR Early Journal Content: accesso gratuito agli articoli pubblicati prima del 1923

A partire dal 6 settembre 2001 la banca dati testuale a pagamento JSTOR rende accessibili senza restrizioni parte dei suoi contenuti (circa il 6% dell’intero patrimonio documentario): tutti possono leggere online e scaricare (in file PDF) gli articoli pubblicati negli Stati Uniti d’America prima del 1923 e quelli pubblicati nel resto del mondo prima del 1870, vale a dire gli articoli non più soggetti a copyright ed entrati quindi nel pubblico dominio.

Si tratta di più di 500.000 articoli pubblicati su circa 200 differenti riviste.

E’ disponibile un video tutorial (in lingua inglese) che spiega come accedere ai contenuti free di JSTOR.

Free Early Journal Content on JSTOR.

Half-a-million articles in the JSTOR archive are now freely available in full-text to all. These are articles published before 1923 (in the U.S.) and 1870 (in the rest of the world) that are now in the public domain and are copyright free. For more details see JSTOR’s Early Journal Content FAQs.

URL: <http://about.jstor.org/sites/default/files/jstor-ejc_2011-08-31_0.pdf>

Periodici lucani digitalizzati: fonti per la storia della Basilicata

“La Biblioteca nazionale di Potenza, attraverso la realizzazione del Progetto Digitalizzazione di periodici lucani microfilmati, si è prefissa l’obiettivo di creare un archivio digitale che documenti la storia lucana e che sia un valido punto di riferimento per lo studio e per la valorizzazione della Basilicata.

Le testate digitalizzate si riferiscono a periodici lucani pubblicati tra il 1854 ed il 1954, i cui originali sono posseduti, per la maggior parte, dalla Biblioteca nazionale centrale di Firenze. Si tratta di materiale di difficile reperibilità, acquisito (su pellicole da 35 mm) nel corso degli anni ’90 in seguito ad una campagna di riproduzione in microfilm promossa e realizzata dalla stessa Biblioteca Nazionale di Potenza, con lo scopo di documentare, in modo più ampio, la stampa e la cultura lucana.

Grazie a questo progetto di digitalizzazione, tali periodici – la cui consultazione è molto richiesta dagli studiosi di storia locale – sono ora visionabili on-line. La produzione della copia digitale, oltre a garantire una più ampia accessibilità, soddisfa anche l’importante esigenza di potenziare l’attività di tutela dei microfilm posseduti, preservandoli, nel tempo, da possibili danneggiamenti. Sono state digitalizzate 132 testate, per un numero complessivo di oltre 30.000 pagine che, nel loro insieme, offrono un panorama rappresentativo di storia lucana”.

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/collezioni/collezione_0044.html>

La stampa francese del XVII e XVIII secolo: giornali dell’Ancien Régime disponibili online

Le gazetier universel è un repertorio di risorse digitali che elenca alfabeticamente per titolo tutti i giornali e le riviste storiche francesi del periodo dell’Ancien Régime che sono accessibili gratuitamente sul web. Per ciascun titolo è indicato il posseduto (= le annate disponibili online) con link diretto alla biblioteca digitale che consente l’accesso alle risorse documentarie.

Le gazetier universel est une bibliothèque virtuelle ordonnée de la presse d’Ancien Régime. Ce répertoire, entrepris par Denis Reynaud au printemps 2009, propose aujourd’hui 8500 liens vers plus de 400 titres de périodiques en langue française des XVIIe et XVIIIe siècles, librement consultables en ligne. Établi à partir de Google Books et de quelques autres sites, il est régulièrement complété et corrigé.

URL: <http://gazetier-universel.gazettes18e.fr/>

[via Archivalia]

African Journal Archive

Segnaliamo un interessante progetto di digitalizzazione retrospettiva di fascicoli di riviste scientifiche (scienze umane, scienze sociali, scienze naturali e tecnologia applicata) pubblicate in Africa.

The African Journal Archive is a retrospective digitisation project of full-text journal articles published in Africa, in the Sciences, Social Sciences and Humanities, providing access to a multi-disciplinary, multi-country digital archive of Africa’s research and cultural heritage contained in its journal literature.

The African Journal Archive is a project of Sabinet Gateway, a non-profit organisation promoting and supporting library and information services in Africa. The project is funded by the Carnegie Corporation of New York”.

Altre informazioni sul progetto sono disponibili qui.

URL: <http://www.sabinet.co.za/?page=african-journal-archive>

[via Bibliostoria]

Periodici di Storia medievale accessibili gratuitamente online

Segnaliamo una preziosa lista di periodici dedicati allo studio del Medioevo che sono accessibili gratuitamente online. L’elenco è parte del progetto ARLIMA – Archives de littérature du Moyen Âge.

[via Archivalia]

URL: <http://www.arlima.net/periodiques_en_ligne.html>

Doctor Virtualis: una rivista online di filosofia medievale

Doctor Virtualis è una rivista online ad accesso aperto a cura delle cattedre di Storia della filosofia medievale dell’Università degli Studi di Milano.

N° 1 (2002): Il corpo e il testo
La tradizione agostiniana e la cultura del XII secolo.  Il pensiero monastico come possibile tentativo di ricostruire una teoria complessiva della conoscenza. Le immagini, le visioni, i simboli.

N° 2 (2003)Medioevo storico e Medioevo fantastico in Jorge Luis Borges

N° 3 (2004): La metafora nel Medioevo
Il Medioevo ha avuto nozione della metafora come strumento di conoscenza?
Secondo Umberto Eco ai medievali mancò un modello classificatorio, e quindi semantico, sufficientemente agile: non seppero mettere in crisi il modello canonico dell’albero di Porfirio.

N° 4 (2005): Dal Pra e il Medioevo
Lo studio della filosofia medievale come laboratorio teorico per Mario Dal Pra. L’Università degli studi di Milano nel secondo dopoguerra alle origini di una possibile tradizione storiografica.

N° 5 (2006): Bonaventura da Bagnoregio: filosofia, teologia, relazione

N° 6 (2007): Un Medioevo per il cinema: intentio, fictio

N° 7 (2007): Tradurre l’intraducibile
Liceità e limiti della traduzione nel medioevo latino e arabo-islamico

N° 8 (2008): Tracce di debolezza nel pensiero medievale

N° 9 (2009): Laicità e Medioevo

N° 10 (2010): Musica medievale e musica contemporanea

URL: <http://riviste.unimi.it/index.php/DoctorVirtualis/>

digiPress: giornali storici della Germania digitalizzati

digiPress è una piattaforma che dà la possibilà di consultare liberamente tutti i giornali storici digitalizzati dalla Bayerische Staatsbibliothek, la biblioteca di stato bavarese.

La collezione comprende al momento 342 titoli di giornali e quotidiani pubblicati in Germania tra il 1627 e il 1933.

Utilissimi strumenti di ricerca consentono di navigare con grande facilità tra gli articoli digitalizzati.

La nuova modalità di ricerca sul testo pieno degli articoli può essere effettuata immettendo alcune parole chiave in una stringa di ricerca semplice (Volltextsuche) oppure utilizzando la modalità di ricerca avanzata (erweiterte Suche).

Qui il comunicato rilasciato dalla BSB-Bayerische Staatsbibliothek il 17/05/2017.

URL: <http://digipress.digitale-sammlungen.de/>

Archivio Storico per la Calabria e la Lucania: digitalizzate le annate dal 1931 al 2006

Sono state digitalizzate le annate dell’Archivio Storico per la Calabria e la Lucania pubblicate dal 1931 al 2006.

La rivista, fondata nel 1931 da Paolo Orsi e Umberto Zanotti Bianco, con lo scopo di offrire alle due regioni meridionali un organo di alta cultura, ha un ambito scientifico pluridisciplinare. Abbraccia, infatti, tutta la storia politica, civile, culturale e sociale.
I contributi vanno dall’archeologia alla storia letteraria e dell’arte, dalla storia della filosofia a quella della società e del costume, dalla storia politica alla numismatica, alla epigrafia.
Pur relativa, in particolare, alla storia della Calabria e Lucania, la rivista conserva quell’ampio raggio di interessi che le fu dato da Umberto Zanotti Bianco, il quale inseriva la questione meridionale nel più largo ambito della questione delle minoranze conculcate e che ne fu il direttore dal 1946 al 1963. Succesivarnente è stata diretta da Giuseppe Isnardi (1963-1965), Ernesto Pontieri (1965-1979), Ruggero Moscati (1987), Gaetano Cingari (1988-1992), Margherita Isnardi Parente (1992-2005) e, attualmente, da Vera von Falkenhausen. Esce in un volume all’inizio di ogni anno solare.

Per accedere alle riproduzioni digitali:

  • entra nel sito http://www.animirisorsedigitali.it
  • apri la cartella sulla sinistra Lista archivi
  • apri la cartella “Archivio storico per la Calabria e la Lucania”
  • seleziona l’annata desiderata.

URL: <http://societageografica.it/animi/index.php?option=com_content&view=article&id=98&Itemid=34>