Archivi categoria: Fotografie e documenti iconografici

Visual Archive Southeastern Europe: archivi fotografici dei Balcani

Sarajevo - Manifattura di tappeti (ante 1926)

Sarajevo – Manifattura di tappeti (ante 1926)

VASE – Visual Archive Southeastern Europe è un progetto curato dall’Università di Graz (Austria) che raccoglie fotografie e cartoline che testimoniano la vita quotidiana e familiare nei Balcani tra il 1860 e il 1950. Il materiale è stato raccolto in Austria, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Serbia.

Molto ricca e interessante anche la sezione dedicata alla bibliografia.

The main objective of the Visual Archive Southeastern Europe is to assemble historical and contemporary visual materials on Southeastern Europe. VASE seeks to draw attention to the visual as primary source, to enhance visual studies as a technique and method and thereby enrich the primarily text-based historical-anthropological research. By providing different types of images – e. g. photos and postcards – VASE aims at reflecting the (self-) images of Southeastern Europe, both among the academic community as well as on society at large. It may not be used for commercial purposes.

Currently the database contains approximately 2.500 images. The images were provided by partner institutions and individual collectors in Austria, Bosnia and Herzegovina, Bulgaria and Serbia.

URL: <http://gams.uni-graz.at/context:vase>

Società, sindacato, politica: Roma, l’Italia, l’Europa all’alba del Novecento (1900-1910)

Dimostrazioni e proteste degli studenti all’università ‘La Sapienza’ (Illustrazione italiana, 2 febbraio 1902)

La Biblioteca Universitaria Alessandrina di Roma conserva raccolte o annate di pubblicazioni periodiche di varia cultura e di rilevante valore storico, risalenti in particolare alla fine del XIX secolo e all’epoca fascista, che costituiscono un’importante risorsa documentaria per studiosi e ricercatori. Molte di queste riviste sono già state digitalizzate (>> leggi questo post).

Nell’ambito del progetto MOVIO, coordinato dall’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane (ICCU) e cofinanziato dalla Fondazione Telecom Italia, è stata realizzata una mostra virtuale intitolata:

Società, sindacato, politica: Roma, l’Italia, l’Europa all’alba del Novecento (1900-1910)

>>  guarda il video di presentazione del progetto (parla Maria Cristina Di Martino, direttrice della Biblioteca Universitaria Alessandrina)

Il sito è ben strutturato (>> vai alla mappa del sito) e presenta un archivio di illustrazioni e fotografie pubblicate nei giornali del primo decennio del Novecento. L’archivio fotografico-iconografico è corredato da saggi e indicazioni bibliografiche di approfondimento. L’intento è di ripercorrere, a partire da un particolare punto di osservazione, la storia sociale, politica, culturale di Roma, dell’Italia e dell’Europa: tre cerchi concentrici attorno alle tre aree tematiche che danno il titolo al progetto (sindacato – società – politica).

Percorsi tematici:

Il progetto è in fieri: sono state al momento caricate sul sito circa 2.500 delle 6.000 immagini digitalizzate. Gli organizzatori auspicano inoltre la collaborazione di altre istituzioni culturali per arricchire il sito di nuovi contenuti.

Vai alle Gallerie fotografiche:

1. ROMA
1.1 Agitazioni sociali
1.2.1 Politica e società a Roma prima di Nathan
1.2.2 Il “blocco popolare” e la “città progressista”
1.3.1 La “città che cresce”
1.3.2 Le “case popolari”
1.4.1 Lavoro e società a Roma fra tradizione e innovazione
1.4.2 Miseria, ricchezza e mito del progresso
1.4.3 L’Agro romano e le campagne laziali
1.4.4 Tempo libero, sport, vacanze, spettacoli

2. ITALIA: una nazione in movimento

3. EUROPA
3.1 Sommosse, attentati, scioperi, manifestazioni
3.2 La Rivoluzione russa del 1905

URL: <http://movio.beniculturali.it/bua/societasindacatopolitica/>

L’Archivio fotografico della CGIL

Archivio storico CGIL

Si può consultare online l’Archivio storico fotografico della Confederazione generale italiana del lavoro, considerato tra le massime raccolte fotografiche d’Italia in ambito sindacale per la qualità e quantità dei materiali conservati, per la specificità dei soggetti e per la rilevanza dei fotografi rappresentati.

Acquisito da «Rassegna Sindacale» e costantemente arricchito da nuove accessioni, l’Archivio fotografico della CGIL comprende circa 3.500 buste per un totale di 25.000 fotografie di argomento politico e storico sociale.

Le immagini coprono un arco temporale esteso, raccontando eventi, paesaggi, mutamenti sociali dall’inizio del Novecento agli anni Novanta, con maggiore consistenza per il periodo dal secondo dopoguerra agli anni Ottanta.

Si tratta di un notevole apparato iconografico, costruito negli anni da «Lavoro», settimanale rotocalco della CGIL dal 1948 al 1962 e poi da «Rassegna Sindacale», la rivista corrente della Confederazione.

Attraverso le foto in esso conservate (molte delle quali uniscono al valore documentario un intrinseco valore artistico) è possibile avere il quadro dei momenti più significativi dell’attività della CGIL e di altre organizzazioni sindacali: si può ripercorrere la storia degli scioperi, delle manifestazioni, delle lotte per i diritti dei lavoratori. Possiedono interesse storico anche le fotografie scattate durante le manifestazioni ufficiali e i Congressi, ai quali parteciparono figure celebri del sindacalismo italiano ed estero.

Completamente riordinato, schedato e reso fruibile agli studiosi, l’Archivio storico fotografico della CGIL è adesso consultabile via web a questo indirizzo: http://cgil.maas.ccr.it/cgilfotografico/#

Elenco delle serie inventariali:

  • Cgil nazionale
  • Camere del lavoro
  • Federazioni di categoria e sindacati nazionali
  • Primo maggio
  • Cgil-Cisl-Uil
  • Organizzazioni sindacali internazionali
  • Guerra mondiale, Resistenza
  • Fascismo
  • Antifascismo
  • Problemi sociali e del lavoro
  • Assistenza e previdenza
  • Infortuni sul lavoro e malattie professionali
  • Fabbriche
  • Artigianato
  • Cooperazione
  • Disastri
  • Istituzioni
  • Situazione politica e partiti
  • Pace
  • Energia nucleare
  • Elettronica
  • Organizzazioni europee e internazionali
  • Paesi esteri
  • Personaggi

Le fotografie sono state inserite anche su Europeana, il portale che fornisce l’accesso ai documenti digitalizzati da numerose istituzioni dei 27 paesi membri dell’Unione Europea (>> digita CGIL nella maschera di ricerca libera).

URL: <http://cgil.maas.ccr.it/cgilfotografico/#>

[fonte: articolo di Ilaria Romeo pubblicato sul bollettino online dell’ANAI – Associazione nazionale archivistica italiana Il mondo degli Archivi]

GeoMemories: la geografia della memoria

GeoMemories

Il progetto GeoMemories nasce con l’intento di realizzare un atlante storico-geografico con tecnologie web 2.0 attraverso l’accesso via web al patrimonio di immagini aeree conservate negli archivi dell’Aerofototeca nazionale di Roma.

Le foto aeree, realizzate tramite palloni aerostatici, partono dalla fine del 1800 sino a tutto il 1900. Per quanto riguarda la seconda guerra mondiale, le immagini provengono dagli archivi della Raf (Royal Air Force).

Sono già state acquisite in formato digitale circa 10.000 scatti: grazie a queste informazioni si riesce ad avere una copertura quasi completa dell’Italia e così è possibile confrontare queste foto con le immagini satellitari attuali di Google.

Grazie a GeoMemories sarà possibile osservare l’evoluzione del territorio italiano in 100 anni di storia: la crescita dei centri urbani con il passare dei decenni, l’erosione delle coste, i cambiamenti lungo gli argini dei fiumi e così via.

L’intento, tuttavia, si spinge oltre alla mera raccolta di immagini fotografiche: i visitatori del sito sono invitati a collaborare inviando testimonianze relative ai luoghi riprodotti nelle foto d’epoca. Ad esempio, chi riconoscerà un palazzo bombardato potrà lasciare un contributo della propria memoria storica o raccontare le vicende della famiglia che abitava in quel palazzo.

L’archivio fotografico unito alla memoria collettiva farà di GeoMemories una sorta di atlante virtuale storico degli ultimi 100 anni di questo Paese.

Il sito è in versione beta e la navigazione richiede l’istallazione del plugin di Google Earth. Si raccomanda l’utilizzo dei browser Firefox o Chrome.

>> Guarda il tutorial

****

Sul sito del CNR – Consiglio nazionale delle riceche è disponibile un’intervista a Maurizio Tesconi, ricercatore dell’Istituto di informatica e telematica di Pisa (guarda il video e leggi).

Segnaliamo anche una presentazione in lingua inglese del progetto, pubblicata sul sito del CNR:

GeoMemories offers a new way to experience the history and the geography: an historical and geographical atlas, based on Web 2.0 technology, which brings together a unique collection of historical maps, whose navigation through space and time lines opens extraordinary views on the collective historical memory.
The GeoMemories project is a collaboration between IIT and AFN (national archive of aerial photos), a section of the Central Institute for Cataloguing and Documentation (ICCD) with headquarters in Rome. Edited by AFN are kept millions of aerial images from several funds ranging from early 900 to date and constitute a fundamental heritage documentation of the Italian landscape of the last century. The fund upon which the IIT has worked is mainly the one of aerial photos taken by the Royal Air Force (RAF).
In fact, in the period between 1943 and 1945, RAF has performed thousands of flights over much of the Italian territory. The purpose of these flights was the recognition of possible military targets and the subsequent assessment of the effects of the bombing. For this purpose the aircraft were installed with the photogrammetric cameras which were triggered millions of images, with medium scales from 1:10000 to 1:50000. These images are, in quality and quantity, the main source of the project GeoMemories because they provide a large spatial and temporal coverage of the Italian territory in the period before the economic boom and, therefore, when the status of the territory was still the one that had been sedimenting over centuries.  [read more]

URL: <http://www.geomemories.org>

British Cartoons Online: satira politica inglese dal 1904 ai nostri giorni

David Low

David Low (1891-1963), The Harmony Boys

Il British Cartoon Archive raccoglie più di 130.000 vignette e disegni prodotti da artisti inglesi, molti dei quali dediti alla satira politica.

Tra i più interessanti disegnatori di vignette umoristiche a sfondo socio-politico si ricordano David Low (1981-1963), Carl Giles (1916-1995), Michael Cummings (1919-1997).

Tutti i disegni possono essere consultati gratuitamente sul database online. E’ disponibile anche una pagina dedicata alle biografie degli artisti.

*******

The British Cartoon Archive (BCA) is located in Canterbury at the University of Kent’s Templeman Library. It has a library, archive, gallery, and is dedicated to the history of British cartooning over the last two hundred years.

The BCA holds more than 130,000 original editorial, socio-political, and pocket cartoons, supported by large collections of comic strips, newspaper cuttings, books and magazines. The collection of original artwork dates back to 1904 and includes work by W.K.Hasleden, Will Dyson, Strube, David Low, Vicky, Emmwood, Michael Cummings, Ralph Steadman, Mel Calman, Nicholas Garland, Chris Riddell, Carl Giles, Martin Rowson, and Steve Bell, amongst many others.

All cartoons on our online database are catalogued and can be examined in detail via zoom technology.

URL: <http://www.cartoons.ac.uk/>

Archivio fotografico storico del Trentino

libro fotografico

Il Trentino possiede, presso i musei, gli uffici di tutela, le biblioteche e gli archivi, un importante patrimonio fotografico che, fin dagli albori della fotografia, documenta il suo territorio e la sua storia e l’attività dei fotografi trentini, ma non solo.

Una ricca parte è costituita dai patrimoni fotografici del Museo storico italiano della Guerra di Rovereto e della Fondazione Museo storico del Trentino, che contano decine di migliaia di scatti relativi soprattutto alle due Guerre Mondiali.

Il catalogo dei beni culturali, schede e fotografie, è coperto dal copyright dei vari enti proprietari dei beni, ne è quindi vietata la riproduzione e l’utilizzo senza l’autorizzazione scritta dell’ente proprietario. Per ottenere informazioni riguardo agli utilizzi consentiti di tale materiale e alle modalità di rilascio di copie è necessario contattare direttamente gli enti detentori, i quali sono a disposizione per ogni informazione.

URL: <http://www.trentinocultura.net/catalogo/beni_cult/fotografia/foto_ind.asp>

PortraitIndex

Ritratti

Il progetto PortraitIndex, finanziato dalla Fondazione tedesca per la ricerca (DFG – Deutschen Forschungsgemeinschaft), è un progetto congiunto del centro di documentazione tedesco per la storia dell’arte (Bildarchiv Foto Marburg) e altre nove istituzioni (vedi elenco).

L’obbiettivo del progetto è la raccolta, la riproduzione e la pubblicazione in formato digitale di oltre 257.000 ritratti a stampa conservati presso collezioni pubbliche e biblioteche.

Si tratta di uno strumento molto utile nell’ambito delle scienze umanistiche.

Das von der Deutschen Forschungsgemeinschaft (DFG) geförderte Projekt “Digitaler Portraitindex druckgraphischer Bildnisse der Frühen Neuzeit” ist ein gemeinsames Projekt des Deutschen Dokumentationszentrums für Kunstgeschichte – Bildarchiv Foto Marburg, zehn weiteren Kooperationspartnern und einer assoziierten Partnersammlung (s.u.). Ziel des Vorhabens ist die sammlungsübergreifende virtuelle Publikation und systematische Erschließung von über 257.000 druckgraphischen Portraits aus neun bedeutenden öffentlichen Sammlungen und Bibliotheken. Für die Kulturwissenschaften bietet der Digitale Portraitindex ein neuartiges Instrument zur Erforschung weitreichender kunst- und sozialwissenschaftlicher Fragestellungen sowie einer der wichtigsten Kunstgattungen der Epoche, des Portraits.

URL: <http://www.portraitindex.de>

VERO – Vedute di Roma online

Vedute di Roma

Etienne Duperac, Vestigie … del Palatino, Taf.10, 1575

La Bibliotheca Hertziana del Max-Planck-Institut für Kunstgeschichte di Roma cura la banca dati VERO – Vedute di Roma online (>> vai alla maschera di ricerca)

A partire dal Medioevo le immagini della città di Roma hanno destato grande interesse. La maggior parte delle immagini sono opere di grafica a stampa: xilografia, calcografia, acquaforte, più tardi litografia e altre tecniche. La diffusione delle immagini aumentò notevolmente tra il 16° e il 19° secolo.

La Bibliotheca Hertziana si dedica fin dalla sua fondazione allo studio della storia artistica della città di Roma e dispone perciò nel settore di una vasta proprietà di opere a stampa illustrate.

La biblioteca non soltanto ha digitalizzato da alcuni anni le opere di sua proprietà ma, attraverso il sistema informativo ZUCCARO, fornisce informazioni sugli artisti e sui monumenti rappresentati.

Attualmente su VERO sono presenti le riproduzioni di 7.000 vedute della città di Roma.  Il concetto “veduta” è qui inteso in senso lato e comprende la veduta a volo d’uccello, il panorama e la mappa della città, oltre a pure rappresentazioni architettoniche in forma di proiezione orizzontale e verticale e di sezione.

URL: <http://vero.biblhertz.it/html/vero/vero_01.htm>

Le collezioni d’arte dell’ACRI – Associazione Fondazioni e Casse di Risparmio

Acri

È online Acri Raccolte – L’Arte delle Fondazioni, il progetto dell’Associazione di Fondazioni e Casse di Risparmio coordinato da Elisabetta Boccia e Patrizia Rossi volto a rendere fruibile le pregevoli collezioni artistiche di 52 Fondazioni, con la possibilità di effettuare ricerche di vario tipo.

La consultazione all’interno della banca dati può essere effettuata attraverso due modalità:
> Collezioni
> Ricerca

Collezioni
Viene reso disponibile l’elenco delle collezioni delle Fondazioni partecipanti al progetto e, selezionando la denominazione desiderata, si accede all’insieme completo delle opere della singola Fondazione presenti in banca dati.

Ricerca
Vengono rese disponibili due forme di ricerca:

Semplice – forma di interrogazione che consente, attraverso l’inserimento di una sola parola, di accedere alle schede che presentano, in qualsiasi campo, la parola digitata. Inserendo la parola “dipinto” compaiono tutte le opere non solo relative alla tipologia, ma anche ad esempio le opere di scultura eseguite in legno dipinto.

Avanzata – forma d’interrogazione che consente, attraverso l’inserimento di uno o più parametri, di ricercare tutte le opere presenti in tutte le collezioni della banca dati.

URL: <http://raccolte.acri.it/>

L’arte dei Preraffaelliti online

Dante_Gabriel_Rossetti

Dante Gabriel Rossetti, ‘Venus Verticordia’

The Pre-Raphaelite Online Resource contiene circa 3.000 immagini digitalizzate della collezione del museo d’arte di Birmingham.

Il progetto è stato finanzianto dal JISC.

Informazioni sulla collezione digitale sono disponibili qui.

Birmingham Museums & Art Gallery received funding from JISC to digitise the Pre-Raphaelite collection and make it accessible online for the education community. The resulting Pre-Raphaelite Online Resource provides full record information and allows users to examine images in great detail. You can choose to browse the online collection, make simple searches or to interrogate the collection data using filtering tools. The ability to filter the collection in this way should be particularly useful for study and research. You can also interact with the online collection by creating your own personal collections of images and by discussing the works with the online community.

The Pre-Raphaelite Online Resource features 3000 digitised images from Birmingham Museums & Art Gallery’s Pre-Raphaelite collection, with major and more loosely associated artists from the movement all represented by works of art including sketches, paintings, engravings, tapestries, stained glass, ceramics and fine art objects.

In order to use the zoom feature, which allows to view details closely and pan across images, installation of the free Silverlight plug-in is required.

Birmingham Museums & Art Gallery received funding from JISC to digitise its Pre-Raphaelite collection.

Nota:  Per ingrandire le immagini è necessario installare il plug-in gratuito Silverlight.

URL: <http://www.preraphaelites.org>

La fortuna visiva di Pompei: archivio di immagini e testi dal XVIII al XIX secolo

Pompei

La fortuna visiva di Pompei raccoglie immagini e testi che documentano le varie interpretazioni e percezioni dei monumenti di Pompei dal 1748, anno della sua scoperta, ai primi del Novecento.

Il nome scelto per questo progetto di ricerca, in corso dal 2002 presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, dichiara l’intento di analizzare la percezione dell’antica Pompei, nelle sue molteplici forme e variazioni nello spazio e nel tempo, così come si coglie attraverso la documentazione grafica edita e inedita, privilegiando le testimonianze più antiche e pregevoli.

Oggetti principali della ricerca sono dunque le rappresentazioni figurative in sé (incisioni, disegni, acquerelli, etc.) e la fortuna dei soggetti che in queste sono riprodotti, relativi al sito archeologico e ai suoi monumenti. Obiettivo principale è la ricostruzione critica dell’identità culturale di Pompei, che si ottiene operando una sintesi delle forme e modalità di ricezione delle antichità vesuviane.

Le attività di ricerca e analisi condotte su questa vasta documentazione sono supportate da un Archivio e da una Biblioteca digitali, progettati con la duplice funzione di offrire ai ricercatori uno strumento per l’archiviazione e la gestione di informazioni complesse e risorse tipologicamente diverse (testi e immagini), e di rendere consultabile per tutti attraverso questo sito web un patrimonio culturale e artistico, spesso raro e difficilmente accessibile.

URL: <http://pompei.sns.it/prado_front_end/index.php?page=Home&id=1>

ll Senato nelle immagini e nei filmati dell’Archivio Luce

Dalla collaborazione tra il Senato e Cinecittà Luce è nato un portale che rende disponibili online, in un sito dedicato, i materiali audiovisivi e fotografici prodotti e conservati nell’Archivio Storico Luce sui protagonisti della vita di questo ramo del Parlamento.

Percorsi di ricerca specifici consentono di navigare la banca dati e accedere a tutta la documentazione cinematografica e fotografica di Cinecittà Luce sui politici divenuti senatori nelle diverse legislature del Regno e della Repubblica.

Uno stretto legame con il sito storico del Senato consente di navigare tra immagini, video ed atti ufficiali con facilità ed immediatezza.

Percorsi di approfondimento storico-politico, focus, percorsi tematici, biografie, campi di ricerca con filtri diversificano gli accessi al materiale.

Il portale consente di accedere a tutti i contenuti digitali individuati: 77.682 schede di descrizione dei materiali archiviati, 483 schede di authority dei senatori realizzate nel thesaurus Luce, 13.223 cinegiornali del periodo fascista e dell’Italia repubblicana, 1050 documentari, 810 filmati di repertorio , 117.957 fotografie.

Il portale, un vero e proprio archivio multimediale sulla storia e la politica del nostro Paese, consente di arricchire il patrimonio documentale disponibile in rete, promuovendo, con l’accesso alle fonti fotografiche ed audiovisive, l’integrazione di tutte le fonti disponibili per lo studio della storia politico istituzionale del Paese.

URL: <http://senato.archivioluce.it/senato-luce/>

Archivi fotografici dell’Istituto Luce: il Fondo Albania

Discorso di Jacomoni in occasione della sua visita ad un campo della gioventù albanese del Littorio (1939)

Il Fondo Albania dell’Archivio storico Istituto Luce comprende 7.698 negativi, 6.751 dei quali sono stati catalogati e digitalizzati. Il fondo documenta vicende ed iniziative collegate, per tempi e temi, alla Seconda guerra mondiale e alla politica estera del regime fascista dall’ottobre 1939 al giugno 1943.

Il fondo integra e completa il materiale documentario albanese risalente alla seconda metà degli anni Venti e consultabile nell’archivio storico Cinematografico e Fotografico del Fondo Luce: nel suo insieme, la documentazione albanese – 155 servizi fotografici nel fondo Attualità;  109 cinegiornali e 29 documentari nel  fondo Cinematografico – testimonia le relazioni diplomatiche fra i due paesi (visite di ministri e regnanti, celebrazioni civili, occasioni mondane) ed offre un’importante panoramica del progressivo intensificarsi dei rapporti italo-albanesi.

Il 7 aprile 1939 lo sbarco a Durazzo di un Corpo di spedizione militare italiano segna di fatto l’occupazione dell’Albania. Nell’ottobre del 1939, all’indomani della convenzione con il sottosegretariato per gli Affari Albanesi, il LUCE costituiva un reparto incaricato dell’esecuzione di riprese fotografiche e cinematografiche in Albania, con sede a Tirana ed immediatamente operativo, e ne affidava la responsabilità ad Alfredo Cecchetti.

Frutto dell’attività del reparto è una documentazione fotografica abbondante, eterogenea e di qualità diseguale, concentrata sull’anno 1940 con ca. 3000 fotogrammi (contro gli 800 del ’39, i 1800 del 1941, i 1300 del 1942). Coerentemente con le necessità propagandistiche del regime predominano, nel fondo, testimonianze dell’azione infrastrutturale svolta o favorita dagli italiani sull’intero territorio albanese (ed in misura prevalente a Tirana) attraverso società in gran parte italiane.

Tra i soggetti delle fotografie, lavori pubblici di entità diversa (opere di bonifica, esecuzione di ponti e strade, costruzione di scuole, palazzi pubblici, ospedali, alberghi etc.) si alternano a manifestazioni del regime, a ritratti di personalità fasciste italiane ed albanesi, a riprese di feste locali, scene di vita quotidiana ed iniziative culturali.

Schiacciante la quantità di fotogrammi riguardanti il luogotenente Jacomoni e la consorte Maja Cavallero (ripresa soprattutto nello svolgimento di attività benefiche); particolarmente importanti, alla luce della scarsità dei materiali superstiti sul periodo, le foto riguardanti personaggi di rilievo nel governo, nell’amministrazione pubblica e nel partito fascista albanese (Kruia, Mborja, Verlaci, Berati, Ypi, Bushati, Koliqi etc.).

Vedi tutte le schede le fondo

L’Histoire par l’image: la storia della Francia attraverso le immagini (1789 – 1939)

L’Historie par l’image è un portale che consente di approfondire la storia della Francia attraverso documenti iconografici conservati presso musei e archivi francesi.

Ogni documento (riproduzioni di quadri, fotografie, stampe, incisioni… ) è corredato da due schede, una relativa al contesto storico e una dedicata all’analisi dell’immagine.

Il progetto, realizzato dal Ministero francese per l’educazione, si rivolge principalmente a insegnanti e studenti ma incontra anche l’interesse di studiosi di storia e di appassionati di storia dell’arte.

Vengono proposti percorsi cronologici e tematici ed è disponibile una maschera per la ricerca avanzata (parole chiave, nome dell’artista, titolo dell’opera, soggetto). Molto interessanti anche le animazioni, piccoli documentari di approfondimento su temi specifici.

L’Histoire par l’image explore l’Histoire de France à travers les collections des musées et les documents d’archives.

Ce site s’adresse aux enseignants et à leurs élèves mais aussi aux curieux et à l’amateur d’art et d’histoire.

Actuellement en ligne sur L’Histoire par l’image : 2058 œuvres, 1086 études et 119 animations.

URL: <http://www.histoire-image.org>

bpi1700: British Printed Images to 1700

Segnaliamo bpi1700, una bellissima collezione digitale di stampe, incisioni e illustrazioni prodotte in Inghilterra prima del 1700.

This website, funded by the Arts and Humanities Research Council, makes available a database of thousands of prints and book illustrations from early modern Britain in fully-searchable form. It also offers ancillary facilities aimed to enhance users’ understanding and appreciation of the material it presents, such as various resources contextualising prints and printmaking, as well as original research on British prints to 1700.

The project began in April 2006, funded by the Arts and Humanities Research Council (AHRC) under their Resource Enhancement Scheme. Led by Professor Michael Hunter from the School of History, Classics and Archaeology at Birkbeck, University of London, bpi1700 is a collaboration between Birkbeck and technical staff at the Centre for Computing in the Humanities at King’s College, London. The project has also involved the Department of Prints and Drawings at the British Museum, and the Department of Word and Image at the Victoria and Albert Museum.

The core of the project is the database, a fully searchable library of several thousand printed images. The image records have been organized in such a way that copies and variations of the same print are gathered together within a single record (for further information on the rationale of the database, click here). Prints can be searched for by producer, by name of person depicted, and by subject, and it is possible to combine various search criteria. The subject search is based on a systematically organized thesaurus arranged by topic, based on and largely compatible with ICONCLASS (for further information see >>The subject index).

URL: <http://www.britishprintedimagesto1700.org.uk>

[via Stefan Heßbrüggen]