Archivi categoria: Posts

The Digital South Asia Library

SouthAsia

Segnaliamo una biblioteca digitale che dà accesso a opere di consultazione (dizionari, bibliografie, riviste, mappe, registrazioni sonore, libri, fotografie, dati statistici e altri documenti di varie natura) che interessano la storia dell’Asia meridionale, con particolare riferimento al periodo coloniale inglese nel subcontinente indiano.

«The Digital South Asia Library provides digital materials for reference and research on South Asia to scholars, public officials, business leaders, and other users. This program builds upon a two-year pilot project funded by the Association of Research Libraries’ Global Resources Program with support from the Andrew W. Mellon Foundation. Participants in the Digital South Asia Library include leading U.S. universities, the Center for Research Libraries, the South Asia Microform Project, the Committee on South Asian Libraries and Documentation, the Association for Asian Studies, the Library of Congress, the Asia Society, the British Library, the University of Oxford, the University of Cambridge, MOZHI in India, the Sundarayya Vignana Kendram in India, Madan Puraskar Pustakalaya in Nepal, and other institutions in South Asia.

The Digital South Asia Library is a program of the University of Chicago and the Center for Research Libraries.

  • Reference Resources: scholarly reference books and a link to full text dictionaries at Digital Dictionaries of South Asia (DDSA);
  • Images: photographs are arranged in databases organized by the original collections;
  • Maps: catalogs of maps and maps themselves, ranging from historical to topographic;
  • Statistics: statistical information from the colonial period through the present, available in a variety of formats;
  • Bibliographies and Union Lists: electronic catalogs and finding aids for dispersed resources and collections.
  • Indexes: includes periodical indexes and document delivery mechanisms.
  • Books and Journals: this section includes pedagogical books, general scholarly titles, journals and newspapers.
  • Other Internet Resources: a link to SARAI, South Asia Resource Access on the Internet».

URL: <http://dsal.uchicago.edu/>

La Grande Guerra: una rassegna stampa di 100 anni fa, dal fronte opposto a quello italiano

Trieste. 2 luglio 1914 - Lo sbarco dei feretri dell'Arciduca Francesco Ferdinando e della moglie

Trieste. 2 luglio 1914 – Lo sbarco dei feretri dell’Arciduca Francesco Ferdinando e della moglie

Tra le molteplici iniziative organizzate dall’Archivio di Stato di Trieste in occasione delle celebrazioni del centenario del Prima guerra mondiale, segnaliamo un bel progetto in corso che consiste nella pubblicazione on-line giorno per giorno, a partire dal 29 giugno, del quotidiano L’Osservatore triestino.

Il periodico, fondato nel 1784, riflette una posizione vicina a quella del governo austro-ungarico, a differenza degli articoli usciti nei primi mesi della guerra nel foglio filo irredentista Il Piccolo, la cui sede di lì a breve sarebbe stata incendiata da dimostranti filo austriaci costringendo la testata ad interrompere l’attività.

I numeri dell’Osservatore triestino sono pubblicati quotidianamente sul sito dell’Archivio di Stato corredati da un breve commento.

Vengono presentati anche alcuni occasionali approfondimenti tematici relativi a fatti ed eventi citati all’interno dell’edizione quotidiana, per offrire un quadro delle molteplici possibilità di ricerca sulla vita e gli umori a Trieste durante la guerra attraverso i documenti conservati nell’Archivio di Stato. Si ha così un punto di osservazione particolare su una città e un territorio allora parte dell’Impero austro-ungarico, una realtà di confine cosmopolita  nella quale avevano convissuto prosperando a lungo in pace comunità nazionali, linguistiche e religiose diverse, prima di conoscere le crescenti tensioni tra le forze irredentiste che aspiravano all’annessione all’Italia e il nazionalismo slavo.

In questa prima fase sperimentale le immagini sono disponibili in formato PDF e dunque scaricabili liberamente. Il progetto è da considerarsi in fieri sia per quanto riguarda la pubblicazione quotidiana deL’Osservatore triestino sia per i documenti correlati che potranno essere inseriti anche in seguito, in base ai ritmi e ai risultati della ricerca in corso, ma sempre nel giorno interessato.

Accanto numeri del giornale, con la stessa modalità si presentano anche le pagine della Triester Zeitung e del Triester Tagblatt che ne era divenuta la versione del mattino. Per completare il quadro si inserisce infine un link alla Wiener Zeitung, organo ufficiale del governo austriaco, periodico che si conserva in originale anche nell’Archivio di Stato di Trieste, ma che ora è disponibile per gli anni della guerra nel sito ANNO (>> leggi anche questo post) della Österreichisches Nationalbibliothek di Vienna.

La prima uscita presenta la data del 29 giugno 1914, giorno successivo all’attentato di Sarajevo in cui persero la vita l’arciduca Francesco Ferdinando e la moglie.

>> Vai al calendario

URL: <http://www.astrieste.beniculturali.it/index.php?it/186/grande-guerra>

Biblioteca digitale del movimento operaio tedesco (Fondazione Friedrich Ebert)

Ebert

La Biblioteca digitale della Friedrich Ebert Stiftung dà accesso a preziosi documenti che permettono di ripercorrere la storia del movimento operaio tedesco dal XIX secolo ad oggi.

Le fonti storiche digitali comprendono tutti i temi delle origini del movimento operaio, il movimento sindacale, la storia del partito socialdemocratico e della sinistra politica in Germania.

URL: <http://library.fes.de/inhalt/digitale-bibliothek.htm>

Archivio storico Pirelli

Pirelli_2

La Fondazione Pirelli ha reso disponibili in rete molti documenti del suo Archivio storico, in particolare una bella raccolta di manifesti e la rivista «Pirelli», pubblicata tra il 1948 e il 1972, modello di integrazione tra cultura e informazione tecnico-scientifica.

L’Archivio Storico Pirelli conserva oltre 3 km di documentazione sulla storia e l’attività del gruppo dalla sua fondazione nel 1872 ad oggi: uno straordinario patrimonio di documenti, fotografie, disegni, filmati, dichiarato bene culturale dallo Stato Italiano e consultato da decine di ricercatori ogni anno. Nucleo originario dell’archivio storico è la raccolta dei “documenti per la storia delle industrie Pirelli”, realizzata tra il 1942 e il 1943 in occasione dei settanta anni di vita dell’azienda. A questa si aggiungono i documenti prodotti e ricevuti dalle società del gruppo Pirelli nel corso di oltre 140 anni di storia, le sezioni “fotografie”, “disegni e manifesti”, “audiovisivi”, la raccolta completa delle riviste aziendali – tra cui la celebre rivista “Pirelli” – e l’Archivio Privato di Alberto Pirelli.

Documenti – Nucleo originario dell’Archivio Storico Pirelli, la raccolta contiene fascicoli e documenti sciolti estrapolati dagli archivi aziendali nel 1942 al fine di ricostruire una “storia delle industrie Pirelli”. Per ripercorrere la storia del gruppo multinazionale che celebrava i settanta anni di vita fu realizzata una selezione dei documenti più significativi, acquisiti in originale, o più spesso in copia fotografica o dattiloscritta. La raccolta comprende verbali, lettere, atti notarili, relazioni tecniche e contabili, brevetti, listini e cataloghi, fotografie o ancora fascicoli relativi ad Esposizioni internazionali, società partecipate, vertenze. I documenti furono disposti in origine in ordine cronologico, e tale ordine è stato mantenuto. L’inventario dei documenti per la Storia delle Industrie Pirelli viene qui pubblicato fino al 1919, ed è in corso di implementazione.

Fotografie – La sezione fotografica comprende circa un milione di pezzi tra negativi su lastra e su pellicola, stampe, diapositive. Le fotografie, prodotte o commissionate dalla funzione della Pubblicità e Comunicazione tra gli anni Dieci e gli anni Novanta del Novecento, riguardano prodotti, stabilimenti, fiere ed esposizioni, eventi aziendali, veicoli cui gli pneumatici erano destinati (automobili, motociclette, biciclette, aerei, macchine agricole) e gare sportive corse con pneumatici Pirelli.

Disegni e manifesti – La sezione comprende centinaia di bozzetti, schizzi e disegni originali commissionati a noti artisti, illustratori e graphic designers tra gli anni Dieci e gli anni Sessanta per pubblicizzare i prodotti, celebrare i traguardi raggiunti e illustrare la rivista “Pirelli”.
Tra gli autori più significativi ricordiamo Giuseppe CappadoniaAlberto BianchiGiorgio TabetBob NoordaRiccardo ManziRenato GuttusoFulvio Bianconi.
Alle opere originali si aggiungono migliaia di materiali pubblicitari a stampa prodotti tra gli anni Cinquanta e Settanta: manifesti, cataloghi, pieghevoli, cartelli vetrina.

Audiovisivi – La sezione audiovisivi comprende centinaia di film su pellicola e nastro magnetico dal 1912 agli anni Novanta: dalle riprese del Re Vittorio Emanuele II alla Bicocca realizzate da Luca Comerio, uno dei più grandi cineasti italiani del periodo muto, alle pubblicità per il cinema o per Carosello dei grandi maestri dell’animazione italiana (Pagot e Gavioli) fino alle più recenti pubblicità televisive, il fondo copre un arco cronologico cruciale nella storia della comunicazione audiovisiva che va dalle origini del cinema sino alla diffusione della televisione.

>> Leggi il comunicato su  regesta.com

URL: <http://search.fondazionepirelli.org/pirelli/>

Bari e il suo territorio: biblioteca digitale

La Cattedrale di Ruvo di Puglia

La Cattedrale di Ruvo di Puglia

Segnaliamo la collezione digitale dedicata alla storia locale di Bari e del suo territorio, consultabile sul portale Internet culturale.

«La collezione comprende circa 975 opere di 13 biblioteche del Polo SBN Terra di Bari, digitalizzate dalla Biblioteca Provinciale di Bari all’interno del progetto finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito del P.O. FESR 2007-2013. Esse coprono diverse tipologie di materiale: testi antichi (tra cui 21 incunaboli), opere moderne, circa 70 manoscritti, 26 carte geografichdella Biblioteca Provinciale di Bari, datate tra il 1500 e il 1800 raffiguranti la Puglia e il Regno di Napoli e delle Due Sicilie, più numerose carte geografiche raccolte da Onofrio Bonghi e conservate a Palo del Colle.

Tra i manoscritti si ricordano quelli del Fondo De Gemmis (di cui 41 digitalizzati), quello di Dionisio Ricchetti (1748) posseduto dall’omonima biblioteca, le Memorie storiche di Putignano scritte da Giovanni Casulli e presenti nella Biblioteca Comunale di Putignano, 3 trattati di teologia di Felice Leoni conservati dalla Biblioteca dei Cappuccini di Puglia e altri volumi provenienti dalle biblioteche dei vari conventi della Provincia religiosa cappuccina, protocolli notarili e platee relative a Palo del Colle e digitalizzati dalla Biblioteca Comunale “Giuliani”, i 18 mss musicali del fondo Festa conservati dall’A.B.M.C. di Altamura. Le opere antiche appartenenti alle biblioteche comunali di Barletta (di cui 10 cinquecentine e 1 incunabolo), Terlizzi (24 cinquecentine), Gioia del Colle, Putignano (2 cinquecentine), Ruvo di Puglia, dei Cappuccini di Puglia (1 incunabolo), i 17 incunaboli dell’A.B.M.C. di Altamura, dimostrano la ricchezza del patrimonio delle biblioteche pugliesi. Le opere moderne di fine’800-inizio’900 invece sono prevalentemente di storia locale, come ad esempio quelle edite dalla Tipografia dei Comuni Meridionali (poi Cressati) a Noci, e le circa 500 allegazioni giuridiche della Biblioteca Provinciale di Bari.

Di notevole interesse per la storia locale sono l’opera Memorabilia minoritica Prouinciae S. Nicolai Ordinis minorum regularis obseruantiae. Per a.r.p. f. Bonauenturam a Fasano, volume stampato a Bari dai tipografi Zanetti e Valeri nel 1656, importante per lo studio del francescanesimo pugliese; e la terza edizione napoletana di Historia della vita miracoli, traslatione, e gloria dell’illustrissimo confessor di Christo S. Nicolo il Magno arciuescouo di Mira, patrono, e protettore della citta di Bari. Composta dal padre Antonio Beatillo da Bari, del 1645 sulla vita di San Nicola e la traslazione delle reliquie del Santo da Myra a Bari, testimonianza del profondo legame che unisce la Città di Bari al culto di San Nicola».

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/collezioni/collezione_0106.html>

Prima guerra mondiale: giornali di trincea dei soldati francesi

bellica

In occasione delle commemorazioni dei 100 anni dallo scoppio della Prima guerra mondiale, la BnF – Bibliothèque nationale de France dedica una sezione speciale della sua biblioteca digitale Gallica ai giornali di trincea dei combattenti francesi.

Si tratta bollettini e fogli informativi autoprodotti dai soldati delle unità combattenti che venivano stampati o, nella maggior parte dei casi, riprodotti in sole poche copie effimere utilizzando i mezzi di fortuna disponibili sul fronte e nei campi di prigionia della Francia, della Germania e del fronte orientale. Molti di questi bollettini non superarono i primi numeri; altri sopravvissero alla guerra e continuarono ad essere pubblicati con regolarità. In tutti i casi, si tratta di materiale di grande interesse storico e documentario.

La digitalizzazione di questi preziosi documenti storici è il frutto della collaborazione tra la BnF e la Bibliothèque de documentation internationale contemporaine (BDIC), le due maggiori istituzioni depositarie delle copie superstiti dei giornali di trincea prodotte dai soldati francesi.

Initiée en 2003 dans un partenariat avec la BDIC, la numérisation des journaux de tranchées français concerne actuellement près de 130 titres, pour 10.000 vues environ. Enrichi de multiples provenances : collections de la Réserve des livres rares de la BnF, de l’Arsenal, de la BDIC, de la Bibliothèque historique de la Ville de Paris, cette initiative offrira, à terme, plus de deux cents titres de gazettes en ligne, rédigées et diffusées par des membres d’unités combattantes pour leurs camarades.

URL: <http://gallica.bnf.fr/html/presse-et-revues/feuilles-de-tranchees>

 

>> Per approfondire leggi il post sul blog di Gallica dedicato a questa collezione.

Fonti per la storia della Toscana / 6: Dizionario geografico fisico storico della Toscana (Repetti online)

Repetti

Segnaliamo la versione informatizzata del Dizionario geografico fisico storico della Toscana di Emauele Repetti (1776-1852), progetto a cura del Dipartimento di archeologia e storia delle arti dell’Università di Siena.

Il Dizionario, considerato una fonte di primaria importanza per lo studio del territorio, fu pubblicato prima in fascicoli e in seguito, tra il 1832 e il 1845, venne stampato in 6 volumi a Firenze presso l’Autore.

Fin dall’uscita dei primi fascicoli, l’opera fu accolta con molto entusiasmo dai contemporanei e tuttora rimane un testo di larghissima consultazione sia nel campo della ricerca storico-geografica che di quella archeologica, in quanto ricco di utili e preziose informazioni su luoghi, fiumi, monti, valli e province della regione.

La regione oggetto dell’opera del Repetti comprende, oltre al Granducato di Toscana (incluse Romagna e Massa Trabaria granducale) e alle sue isole, tutta la valle della Magra e quella del Serchio, cioè la Lunigiana, il territorio della Spezia, il Ducato di Lucca, la Garfagnana granducale ed estense.

A tutte le località (non solo i centri abitati, ma anche pievi, acquedotti, fiumi, monti, vie, ecc.) comprese entro tale area sono dedicati articoli specifici, ordinati alfabeticamente; accanto ad essi si trovano anche voci di carattere generale o di ricapitolazione, quali quella di breve introduzione alle abbazie, o quelle sull’Appennino Toscano, sul Littorale, sulle cave di marmo, sulle valli, ecc.

Tra queste voci è anche un articolo sul Granducato (poi corretto e ampliato con aggiornamenti nell’articolo Toscana Granducale del Supplemento) in cui si parla della sua formazione, della divisione ecclesiastica, governativa e giudiziaria, della superficie territoriale.

Il Dizionario è un esauriente repertorio in grado di fornire un quadro dettagliato degli insediamenti sia civili che religiosi della prima metà dell’Ottocento (a cui si aggiungono alcuni toponimi scomparsi o modificati nel nome già all’epoca del Repetti), ma fonisce anche utili informazioni per la storia del popolamento.

URL: <http://stats-1.archeogr.unisi.it/repetti/>

Documenti della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2

p2

Oggi 5 maggio sono stati resi pubblici sul portale Rete degli Archivi per non dimenticare della Direzione generale degli Archivi 119 documenti redatti dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2 (>> vai ai documenti).

Dalla pagina di presentazione del progetto:

La storia dell’Italia Repubblicana passa necessariamente attraverso il recupero e la valorizzazione delle fonti documentarie contemporanee soggette più di altre a rischi di dispersione e distruzione.

La Rete degli archivi per non dimenticare nasce con quest’obiettivo e riunisce oggi più di sessanta tra associazioni, centri di documentazione, fondazioni, archivi di Stato e istituti privati che conservano documentazione relativa al terrorismo, all’eversione, alla violenza politica e alla criminalità organizzata in tutti gli aspetti sociali, civili e politici.

In collaborazione con la Direzione generale per gli archivi è stato realizzato, il Portale Rete degli archivi per non dimenticare che raccoglie sia la memoria di persone, storie e percorsi, sia il patrimonio di buone pratiche maturate negli anni, per incoraggiare il lavoro degli storici di oggi e domani e di offrire ai cittadini strumenti e documenti per la comprensione della nostra storia recente.

Nell’intento di offrire un ulteriore contributo alla crescita democratica del nostro Paese, abbiamo realizzato quest’applicazione, dove saranno inseriti i documenti pubblici relativi al terrorismo, alla violenza politica, all’eversione e alla criminalità organizzata, a partire della documentazione prodotta dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2.

 URL: <http://www.fontitaliarepubblicana.it/>

Giornali illustrati d’arte e di satira dell’Ottocento e del Novecento

ragazza che legge

Mabel Dearmer («Pan», 1895)

L’Università di Heidelberg ha digitalizzato e reso disponibili online circa 100 giornali storici illustrati pubblicati in Europa nell’Ottocento e nei primi anni del Novecento.

Qui la presentazione del progetto in lingua inglese (>> vai alla pagina):

«Due to its focus on “European Art” Heidelberg University Library holds a major collection of historical art journals.

Within the context of the project “The European Perspective: Digitization and subject cataloguing of illustrated art and satire periodicals of the 19th and early 20th century” which started on 1st August 2013 about 20 European art and satire journals are currently digitized and made available online. The aim is not only to allow free digital access to these eminent historical resources but also to achieve an in-depthsubject cataloguing of texts and images.

The indexing of French and English caricatures dating from 1841 to 1872 and from 1894 to 1914 offers a “European perspective” on important historical events that were meaningful and formative for Europe, such as the revolutions of 1848, the Franco-Prussian War and the preliminary events leading up to the First World War. Furthermore the illustrations mirror the sociological changes of their time as well as the development of styles in caricature.The project is supported by the German Research Foundation(DFG) for the duration of two years.

In the course of the project “Digitization and subject-cataloguing of illustrated art and satire periodicals of the 19th and early 20th century” which ended in July 2013 and which was also supported by DFG, 45 German and French art journals were digitized and indexed.

Apart from these third-party-funded activities further art and satire magazines are digitized, thus 100 journals are currently made available online by Heidelberg University Library.

An alphabetical list of all periodicals as well as a summary organized by year of publication can be found here».

URL: <http://artjournals.uni-hd.de/>

FRANKLIN: la Biblioteca digitale della Franklin D. Roosevelt Library

Franklin_Roosevelt

Il 4 dicembre 2013 è stata inaugurata FRANKLIN, la Biblioteca digitale della Franklin D. Roosevelt Presidential Library: 350.000 pagine d’archivio e 2.000 fotografie storiche digitalizzate, oltre a utili strumenti di descrizione archivistica dei fondi non ancora digitalizzati.

>> Vai alle collezioni digitalizzate

Franklin_logo

FRANKLIN is a virtual research room and digital repository that provides free and open access to the digitized collections of the Roosevelt Library.

Digital copies of significant documents and photographs from the archives of the Franklin D. Roosevelt Presidential Library & Museum. FRANKLIN launches with 350,000 pages of archival documents and 2,000 historical photographs, along with many detailed descriptions of archival collections not yet digitized. Users can search the digital collections by keyword or go directly browse the full lists of digitized archival folders in a virtual research room environment.

Documents include Franklin and Eleanor Roosevelt’s New Deal and wartime correspondence with world leaders, government administrators, and regular Americans. Photographs include public domain images of the Roosevelts throughout their respective lifetimes, as well as subject areas like the Great Depression, New Deal, and World War II.

URL: <http://www.fdrlibrary.marist.edu/archives/collections/franklin/>

Storiografia giuridica e studi di genere: risorse online

Donne

Tra i repertori dedicati alla questione femminile e agli studi di genere segnaliamo Donne & Diritti. Osservatorio di storiografia giuridica, un’iniziativa che nasce all’interno delle Università italiane e alla quale partecipano docenti di Storia del diritto medievale e moderno.

L’Osservatorio è rivolto a fornire a studenti e studiosi materiali e indicazioni bibliografiche per l’approfondimento di tematiche riguardanti la storia della condizione giuridica femminile: relazioni familiari, matrimonio, maternità, sessualità, corpo, lavoro e professioni, conflitti e violenze, cittadinanza e meccanismi dell’inclusione, in una prospettiva di lunga durata che dal medioevo giunge fino alla contemporaneità.

Al contempo, l’Osservatorio vuole costituire un centro di ricerca e di diffusione scientifica, aperto al contributo di studiose e studiosi di Storia del diritto, sulla base delle specifiche competenze e con ricchezza e varietà di approcci metodologici, al fine di promuovere e diffondere una sistematica riflessione sulla dimensione storico-giuridica nella costruzione dell’identità femminile.

Si articola in 5 sezioni: MaterialiBibliografiaLinkNovitàCalendario.

La sezione Materiali contiene:

  • Fonti: una selezione di documenti, divisi per grandi scansioni cronologiche, che comprende fonti normative, giurisprudenza, dottrina, scritti politici (pamphlets, appelli etc.).
  • Testi: scritti di studiose e studiosi, già editi e fruibili on line.
  • Dossier: dedicati a vari temi – diritto penale, diritto di famiglia, diritti politici etc. − e affidati alla responsabilità di una componente dell’Osservatorio, sono pensati come contenitori ’aperti’ e sempre implementabili di materiali e strumenti (schede, modelli di lezione, rassegne storiografiche e bibliografiche) destinati all’attività didattica. Segnaliamo in particolare l’utilissimo dossier di Serena Falletta intitolato Guida alle risorse online.

La sezione Bibliografia, molto ricca e ben articolata, accoglie indicazioni di testi dedicati, dalla fine dell’Ottocento ad oggi, alla storia della condizione giuridica e sociale delle donne.

La sezione Link ospita collegamenti a siti di istituzioni pubbliche, associazioni di studiose e studiosi, università e centri di ricerca italiani e stranieri che si occupano di questioni attinenti la storia delle donne e della loro condizione giuridica.

La sezione Novità segnala studi di particolare interesse, nuovi prodotti editoriali (libri, riviste, documentari etc.) e tesi dottorali.

La sezione Calendario dà notizia di incontri, seminari, iniziative. Nella barra laterale sono in evidenza gli appuntamenti promossi dall’Osservatorio.

URL: <http://www.unipa.it/storichedeldiritto/>

Archivi storici della Psicologia italiana

Archivi di Psicologia

Il portale Archivi storici della Psicologia italiana offre la possibilità di consultare online gli archivi dei protagonisti della psicologia italiana dell’Ottocento e del Novecento.

Questo portale nasce dall’idea di mettere a disposizione le fonti documentarie relative alla storia della psicologia italiana e di ricostruire il periodo in cui la disciplina si è sviluppata in Italia attraverso le testimonianze dirette dei protagonisti, corredate da apparati critici e schede di contestualizzazione.

Il sito è stato realizzato dall’Aspi – Archivio storico della psicologia italiana con il contributo di MIUR, MIBAC e Fondazione Cariplo.

L’Aspi è un centro interdipartimentale di ricerca dell’Università degli studi di Milano-Bicocca volto alla conservazione e alla valorizzazione delle fonti primarie relative alla storia della psicologia italiana, intesa in tutte le sue articolazioni: da quella di tradizione fenomenologica alla psicologia giuridica, dalla psicologia sociale e del lavoro alla psicoanalisi e alla psicologia clinica, dalla psicologia dei processi cognitivi alla neuropsicologia. Ha sede amministrativa presso il Dipartimento di psicologia, che lo ha istituito insieme al Dipartimento dei sistemi giuridici ed economici.

Il Centro è stato creato nel 2005 in seguito alla prima acquisizione dei fondi archivistici e librari di Vittorio Benussi e Cesare Musatti. In seguito ha acquisito l’importante fondo di Giulio Cesare Ferrari, l’archivio del sociologo Giancarlo Arnao e, più recentemente, gli archivi di Vito Massarotti, direttore dell’Istituto psicotecnico dell’Azienda tranviaria municipale di Milano, Maria Antonietta Aveni Casucci (1932-2011), responsabile della sezione di psicogerontologia dell’Istituto di psicologia dell’Università degli studi di Milano, Dario Romano, docente di psicologia del lavoro all’Università degli studi di Milano-Bicocca, e Carlo Lorenzo Cazzullo, docente di psichiatria all’Università degli studi di Milano.

Sono attualmente disponibili online gli archivi di Vittorio BenussiGabriele BuccolaAgostino GemelliGaetano KanizsaFederico KiesowVito MassarottiCesare MusattiUmberto NeyrozUgo Pizzoli ed Edoardo Weiss.

Si prevede inoltre l’inventariazione e la pubblicazione on-line, nel prossimo futuro, degli archivi di Maria Antonietta Aveni Casucci, Gastone CanzianiCarlo Lorenzo CazzuloCasimiro Doniselli,Giulio Cesare Ferrari, Gildo Gastaldi, Ernesto LugaroLuigi Meschieri, Dario Romano e Tito Vignoli.

Dai documenti è possibile assistere alla nascita, allo sviluppo e al consolidarsi della psicologia italiana come disciplina scientifica autonoma. Le carte raccontano del progressivo affermarsi della psicologia sperimentale, della psicofisiologia, della neuropsicologia, della psicologia comparata, della psicoanalisi e della psicologia del lavoro.

Gli archivi collegati in un unico sistema di consultazione online permettono inoltre di ricostruire non solo i percorsi biografici e formativi degli psicologi, ma i loro rapporti epistolari e scientifici, le loro reti sociali, politiche e istituzionali.

Per accedere agli archivi è necessario registrarsi ed effettuare il login. La registrazione è gratuita.

URL: <http://www.archiviapsychologica.org/index.php?id=home>

I notiziari della Guardia Nazionale Repubblicana

Repubblica sociale italiana

La Fondazione Luigi Micheletti di Brescia ha digitalizzato l’intero Fondo Notiziari della Guardia Nazionale Repubblicana.

La Guardia Nazionale Repubblicana (G.N.R.) è stato uno degli organismi principali della Repubblica Sociale Italiana (23 settembre 1943 – 25 aprile 1945), sorto dall’unificazione delle forze di polizia con i Carabinieri.

I notiziari dell’ufficio “I Sezione Situazione” del Comando Generale della G.N.R., che aveva sede in Brescia, erano rapporti di polizia dattiloscritti che venivano redatti e quotidianamente inviati, in via riservata, al Duce, al Comandante Generale della G.N.R., Renato Ricci, al Tenente Generale Niccolò Nicchiarelli ed a pochi altri gerarchi fascisti.

Le notizie inoltrate dai locali comandi provinciali della Guardia Nazionale Repubblicana venivano raccolte dal Comando Generale, il quale provvedeva alla stesura dei notiziari, suddividendo le informazioni per aree geografiche e per argomento: Astensioni dal lavoro o scioperi, Attività dei banditi e dei ribelli, Attività sovversiva e antinazionale, Notizie militari, Notizie pervenute nelle ultime ore, Operazioni contro banditi e ribelli, Ordine e spirito pubblico, Riservate e promemoria, Allegati, Varie.

I notiziari della G.N.R. furono recuperati da Luigi Micheletti nel luglio dell’anno 1965. Il nucleo iniziale della documentazione si riferisce al periodo che va dal novembre 1943 al novembre 1944: ad essi sono stati successivamente aggiunti buona parte dei notiziari mancanti in fotocopie, anche in differenti stesure per gli stessi giorni, fino a coprire l’arco cronologico dei 600 giorni della Repubblica Sociale Italiana.

Il Fondo “Notiziari della Guardia Nazionale Repubblicana” della Fondazione Luigi Micheletti è costituito da 16 faldoni, per un totale di 399 pezzi (si tratta di complessive 14.542 carte con vari allegati).
I notiziari della G.N.R. costituiscono una fonte seriale di grande importanza per lo studio degli anni 1943-45. Le diverse e tuttora dibattute interpretazioni storiografiche circa la natura della Repubblica di Salò, la Resistenza, la guerra civile e, più in generale, la storia dell’Italia e degli italiani negli ultimi due anni della guerra mondiale, vi trovano riscontri documentali imprescindibili.

Il progetto realizzato dalla Fondazione Micheletti si è sviluppato nelle seguenti fasi:

  • la digitalizzazione dell’intero Fondo, comprendente 14.542 carte tra cui vari allegati;
  • l’indicizzazione delle notizie: si è proceduto allo spoglio (sulla quasi totalità dei notiziari) delle informazioni concernenti i nomi di persona, di enti, di località; sulla base dei dati ottenuti è stato realizzato un database di circa 52.000 record contenente gli indici per la ricerca delle notizie; infine è stato effettuato il controllo dei dati e la bonifica da eventuali errori di inserimento e digitazione.
    È da rilevare che lo stato di conservazione di alcuni di notiziari ha compromesso la leggibilità dei testi, trattandosi di veline in cui, col passare degli anni, l’inchiostro si è espanso ed è parzialmente scolorito, determinando una difficile identificazione dei caratteri.

Il Fondo può essere consultato online con due modalità:

Ricerca: le notizie possono essere ricercate per data, provincia/regione, comune, sezione tematica, nome di persona/ente e specifica; una volta effettuata la ricerca viene fornito l’elenco delle pagine dei notiziari che contengono le informazioni cercate ed è possibile visualizzare a video i documenti digitalizzati.

Calendario: attraverso la visualizzazione di un calendario, in cui sono stati redatti i notiziari disponibili, è possibile scegliere i documenti da sfogliare e ripercorrere così giorno per giorno la storia della Repubblica Sociale Italiana attraverso le notizie raccolte dalla Guardia Nazionale Repubblicana.

URL: <http://www.notiziarignr.it/home/default.asp>

La stampa anarchica in Francia: repertorio di fonti

Anarchiste_Vallotton

Félix Vallotton, “L’Anarchiste”

Segnaliamo un repertorio delle riviste anarchiche in lingua francese pubblicate tra il 1880 e il 1983: si tratta della versione online della tesi di dottorato di René Louis Bianco (1941-2005), discussa all’Università di Aix-Marseille nel 1987.

Répertoire des périodiques anarchistes de langue française : un siècle de presse anarchiste d’expression française, 1880-1983

La lista completa delle riviste censite comprende 2002 titoli.

URL: <http://bianco.ficedl.info/>

……………………

Un altro sito interessante è La Presse Anarchiste, dove sono resi dispopnibili i testi di più di 3.700 articoli pubblicati in riviste anarchiche in lingua francese tra il 1890 e il 1990.

URL: <http://www.la-presse-anarchiste.net/>

…………………………..

Segnaliamo infine il Cgecaf – Catalogue général des éditions et collections anarchistes francophones e il sito della Ficedl – Fédération internationale des centres d’études et de documentation libertaires.

Molto bella, in particolare, la sezione dedicata ai manifesti libertari: Ficedl – Affiches

URL: <http://placard.ficedl.info/?lang=fr>

Media History Digital Library: riviste storiche di cinema, radio, televisione

photoplay_cover

Media History Digital Library è una collezione digitale che raccoglie le riproduzioni ad alta definizione di oltre 800.000 pagine di riviste dedicate al cinema, alla radio e alla televisione pubblicate tra il 1903 e il 1995, oltre ad alcuni libri.

Sono presenti riviste in lingua inglese (The Film Daily, Variety, Moving Picture World, The Radio Annual, Movie Makers e molte altre), francese (Cine-Journal, La Cinématographie française, Cinéa), tedesco (Film-Magazin, Filmland), spagnolo (Cine-Mundial, Mensajero Paramount), italiano.

I documenti italiani per il momento disponibili sono la rivista Cinema (i fascicoli che vanno dall’ottobre 1939 al giugno 1940, per un totale di 692 pagine) e il libro di Pietro Antonio Gariazzo, Il teatro muto (Torino, Lattes 1919).

I fascicoli digitalizzati si possono consultare accedendo all’apposita piattaforma di ricerca Lantern (URL: <http://lantern.mediahist.org>).

Dalla pagina di presentazione del progetto:

“We are a non-profit initiative dedicated to digitizing collections of classic media periodicals that belong in the public domain for full public access. The project is supported by owners of materials who loan them for scanning, and donors who contribute funds to cover the cost of scanning. We have currently scanned over 800,000 pages, and that number is growing”.

URL: <http://mediahistoryproject.org/>