Archivi categoria: Posts

Biblioteca digitale ligure

testata_left

La Biblioteca Digitale Ligure (BDL), inaugurata il 22 giugno 2015, è un servizio offerto dalla Regione Liguria allo scopo di permettere a tutti l’accesso a contenuti digitali messi a disposizione dalle biblioteche liguri, da altre istituzioni liguri e dalla Regione stessa.

La BDL può accogliere contenuti di ogni tipo (immagini, testi, audio, video), sia derivati da originali non digitali (ad esempio libri o periodici su carta, dischi o nastri audio), sia prodotti dall’origine in formato digitale (ad esempio fotografie digitali, libri pubblicati solo come ebook).

Le collezioni presenti nella Biblioteca digitale ligure sono state realizzate da soggetti diversi nel corso di un notevole periodo di tempo, per cui possono differenziarsi per le caratteristiche tecniche delle immagini (o degli altri oggetti digitali) e dei metadati, in conseguenza dell’evoluzione dei criteri di realizzazione di queste attività e di quella degli strumenti di digitalizzazione.

Di seguito si elencano le raccolte già presenti o in fase di trattamento per l’acquisizione, con l’avvertenza che nella BDL possono anche essere presenti pezzi singoli digitalizzati autonomamente senza quindi che appartengano ad una raccolta.

  1. Cinquecentine e libri di medicina dei secoli 16. e 17. della Biblioteca Medica Mario Segale dell’Ospedale Galliera di Genova
  2. Documenti antichi, manoscritti o a stampa, di carattere geografico e cartografico
  3. Raccolta fotografica della Biblioteca Civica di Camogli
  4. Libri antichi e manoscritti della Biblioteca Civica Berio di Genova
  5. Opuscoli della Biblioteca Civica Mazzini di La Spezia
  6. Periodico “Il Mare” della Biblioteca Civica di Rapallo
  7. Manoscritti e incunaboli della Biblioteca Civica Barrili di Savona
  8. Periodici locali della Biblioteca Civica Barrili di Savona

 

La Biblioteca Digitale Ligure mette a disposizione tre diverse modalità di ricerca: ricerca semplice; ricerca avanzata; ricerca per liste.

I contenuti digitali sono accessibili anche a partire dal CBL – Catalogo delle Biblioteche Liguri che, quando è presente la versione digitale di un documento, mostra nella scheda il relativo link alla BDL.

URL: <http://bibliotecadigitale.regione.liguria.it/opacbdl/opac/bdl/index.jsp>

La Biblioteca digitale della Bodleian Library e Ippolito Rosellini

Egitto

Anche la famosa Bodleian Library dell’Università di Oxford ha una nuova piattaforma, lanciata nel luglio 2015, che consente l’accesso gratuito ai suoi tesori digitalizzati.

«Digital.Bodleian provides access to parts of the collections of the Bodleian Libraries of the University of Oxford. The project began in 2011 and the website was launched in July 2015. In August 2015 over 120.000 digital objects were freely available online, with at least another 1.5 million images awaiting release. These images come from all over the world, from different time periods, and regarding different subjects.

Basic search is available. In addition, users can browse by collection. Many different collections are available, such as educational ephemera and children’s games of the 18th and 19th centuries, Burmese life and devotion, Cobbett’s parliamentary history, exploring Egypt in the 19th century, and the Gough map. It is possible to filter the collections: by early printed books, ephemera, history and politics, maps, oriental, prints and portraits, science and natural history, or western manuscripts».

Tra le opere digitalizzate segnaliamo l’importante edizione pisana dell’opera fondante l’archeologia egiziana, che fece seguito alla  memorabile spedizione franco-toscana in Egitto capitanata da Jean François Champollion e da Ippolito Rosellini nella prima metà dell’Ottocento:

Ippolito Rosellini, I monumenti dell’Egitto e della Nubia disegnati dalla spedizione scientifico-letteraria toscana in Egitto (Pisa, Capurro, 1832-1844)

Parte Prima: Monumenti storici (Tomo primoTomo secondoTomo terzo/parte primaTomo terzo/parte secondaTomo quarto)

Parte seconda: Monumenti civili (Tomo primo)

Parte terza: Monumenti del culto (Tomo unico)

Il Dipartimento di Scienze storiche dell’Università di Pisa ha dedicato un sito all’Archivio Ippolito Rosellini. Dalla pagina di presentazione del progetto:

«Ippolito Rosellini nasce a Pisa il 13 agosto 1800. A soli ventiquattro anni è già professore di Lingue orientali all’Università di Pisa, dove si era laureato.

La teoria di Jean François Champollion (1790-1832) sulla decifrazione del geroglifico cattura presto il suo interesse e lo porta a pubblicare, alla fine del 1825, uno scritto con il quale ne espone e divulga i risultati in italiano.

In quegli stessi anni i due studiosi hanno modo di incontrarsi in Italia e poi a Parigi. Insieme concepiscono il progetto di una spedizione congiunta di francesi e toscani in Egitto, sostenuta dall’appoggio politico e finanziario dei rispettivi governanti. La risposta favorevole del Granduca di Toscana, giunta all’inizio di settembre del 1827, è la molla che convince il sovrano francese Carlo X a superare varie riserve e ostacoli e a concedere il proprio appoggio all’impresa.

Se Champollion rimane il padre indiscusso della filologia egiziana grazie alla geniale decifrazione della scrittura geroglifica (1822), è all’italiano Rosellini che si deve la pubblicazione dell’opera fondante dell’archeologia egiziana, I Monumenti dell’Egitto e della Nubia.

La spedizione franco-toscana ideata e capitanata da Champollion e Rosellini aveva come obiettivo la documentazione dei monumenti dell’antico Egitto, allora misconosciuti, e la costituzione di collezioni di antichità egiziane.

Lasciata l’Europa alla volta dell’Egitto nel luglio del 1828, la missione intraprende un avventuroso viaggio che la porta in circa quindici mesi a visitare tutti i principali siti egiziani, fra i quali Giza, Saqqara, Menfi, Beni Hassan, Tebe, File e a giungere fino ad Abu Simbel e Wadi Halfa in Nubia. Al termine dell’esplorazione in Egitto e Nubia, Rosellini riporta in Toscana una massa imponente di materiale, tra cui il prezioso patrimonio di migliaia di disegni e note manoscritte a documentazione di monumenti e siti egiziani, che la Biblioteca Universitaria di Pisa custodisce con cura dal XIX secolo, e circa 1800 antichità, oggi al Museo Egizio di Firenze.

Una piccola collezione, costituita a titolo personale dallo zio di Ippolito, Gaetano Rosellini, ingegnere e membro della Spedizione, è oggi ospitata in parte presso il Museo dell’Opera del Duomo di Pisa e in parte nelle Collezioni Egittologiche dell’Ateneo pisano».

 

URL: <http://digital.bodleian.ox.ac.uk/>

Storia dell’economia: le collezioni digitalizzate della Fondazione Einaudi

Einaudi

“Grazie all’erogazione di un contributo della Regione Piemonte sono state digitalizzate alcune delle più importanti opere economiche, italiane e straniere, in traduzione italiana, pubblicate dal 1600 al 1830 e possedute dalla Biblioteca e 198 titoli di opere, articoli e lettere di Luigi Einaudi.

Si tratta in totale di 450 titoli per un totale di circa 85.000 pagine, consultabili sul sito TECA Digitale della Regione Piemonte.

Sono, invece, in fase di pubblicazione nella Teca digitale, ma sono già usufruibili in sede, i dvd relativi a:

  • le prime tre serie della collana Biblioteca dell’economista, pubblicata dall’Utet tra il 1850 e il 1892, costituite da  43 volumi per un totale di circa 50.000 pagine.
  • il periodico «La Riforma sociale» e il suo proseguimento naturale, la «Rivista di storia economica», pubblicate tra il 1894 e il 1943 e consistenti di 51 volumi per un totale di circa 45.500 pagine.
  • il Catalogo della biblioteca di Luigi Einaudi: opere economiche e politiche dei secoli XVI-XIX, a cura di Dora Franceschi Spinazzola,  Torino, Fondazione Luigi Einaudi, 1981 in 2 volumi e  del suo Supplemento: numeri A 1-A 1000,  Torino, Fondazione Luigi Einaudi, 1991 per un totale di circa 1.300 pagine”.

[dalla home page del sito]

URL: <http://www.fondazioneeinaudi.it/biblioteca/collezioni-digitalizzate/>

 

via Bibliostoria, il blog della Biblioteca di Scienze della storia dell’Università di Milano

Fotografie dello sbarco in Normandia

Conseil Régional de Basse-Normandie / National Archives USA

Conseil Régional de Basse-Normandie / National Archives USA

PhotoNormandie è un progetto collaborativo che utilizza la piattaforma Flickr e contiene più di 3.000 foto scattate durante i giorni dello sbarco in Normandia.

Il progetto, nato nel 2007, raccoglie le foto già rese pubbliche sul sito Archives Normandie 1939-1945 (<http://www.archivesnormandie39-45.org/>, ora non più accessibile N.d.R.) lanciato nel 2004 dal Consiglio regionale della Bassa Normandia in occasione della commemorazione del sessantesimo anniversario dello sbarco. Le foto provengono dal National Archives and Records Administration (NARA) degli Stati Uniti d’America e dal Canada. A questo corpus principale si sono poi aggiunte altre 281 foto provenienti dalla Biblioteca di Cherbourg-Octeville.

Per approfondire, rimandiamo alla lettura di un articolo in forma di FAQ pubblicato nel 2012 sul sito Déjà vu: <http://culturevisuelle.org/dejavu/1097>

 

URL: <https://www.flickr.com/photos/photosnormandie>

 

Stampa clandestina della Resistenza francese durante la Seconda guerra mondiale

Presse_resistance

Su Gallica, la biblioteca digitale della BnF – Bibliothèque nationale de France,  è possibile consultare più di mille esemplari digitalizzati di stampa clandestina prodotta dalla Resistenza in Francia durante la Seconda guerra mondiale.

I documenti originali sono conservati in parte alla BnF – Bibliothèque nationale de France e in parte presso il Museo della Resistenza di Champigny-sur-Marne.

Leggi il post del blog di Gallica dedicato alla collezione:

Dès le début de l’Occupation allemande, des journaux furent confectionnés et diffusés clandestinement par des individus souhaitant lutter contre la propagande officielle et continuer le combat jusqu’à la libération du territoire français. Cette presse, témoin d’une guerre sans merci et de cette « flamme de la Résistance » qui ne s’est pas éteinte, est désormais accessible dans Gallica.

Le corpus actuellement numérisé disponible s’élève à plus de 1 350 titres, issus des collections de la Bibliothèque nationale et du Musée de la Résistance nationale de Champigny-sur-Marne.

Dans le cadre du programme de numérisation concertée «presse clandestine de la Résistance» qu’elle a initié en 2012, la BnF a procédé à la numérisation d’un corpus de 256 titres parmi les quelques 800 titres conservés au MRN à Champigny-sur-Marne, consultable sur Gallica.

Segnaliamo anche la bella mostra virtuale dedicata alla stampa clandestina organizzata dalla BnF:  La presse clandestine de la Résistence.

 

Artsy: arte sul web

images

Artsy è una risorsa web per collezionisti, appassionati d’arte, studiosi e studenti.

Raccoglie più di 250mila immagini di opere d’arte prodotte da 40mila artisti di tutti i tempi. Contiene la più vasta banca dati al mondo di arte contemporanea, con la possibilità di seguire l’attività e le mostre in corso degli artisti preferiti.

«Artsy features the world’s leading galleries, museum collections, foundations, artist estates, art fairs, and benefit auctions, all in one place. Our growing database of 250,000 images of art, architecture, and design by 40,000 artists spans historical, modern, and contemporary works, and includes the largest online database of contemporary art. Artsy is used by art lovers, museum-goers, patrons, collectors, students, and educators to discover, learn about, and collect art.

Artsy is a place to explore current and past exhibitions at museums and galleries, biennials, and cultural events, and to preview international art fairs before their doors open to the public.

One of Artsy’s most popular features for collectors is our online art fair previews. Here, you can view what exhibitors will be bringing to the fair, inquire on and collect works, and view special content such as “Insider Picks.” We preview more than 30 major art fairs including Art Basel, Frieze, The Armory Show, NADA, ArtRio, IFPDA, Zona MACO, and Design/ Miami».

URL: <https://www.artsy.net/>

 

[via Archivalia]

Oltre 700 libretti digitalizzati dall’Archivio storico Ricordi di Milano

Iris di Pietro Mascagni, copertina del libretto, illustrazione di Adolf Hohenstein, 1898

Iris di Pietro Mascagni, copertina del libretto, illustrazione di Adolf Hohenstein, 1898

Dal portale Internet culturale si accede alla riproduzione digitalizzata di oltre 700 libretti d’opera tratti dalla collezione dell’Archivio storico dell’editore Ricordi.

«L’Archivio storico Ricordi conserva più di 10.000 libretti, di cui i più antichi risalgono ai primi del XVII secolo fino ai nostri giorni. Comprende testi manoscritti e autografi, dattiloscritti e a stampa, con correzioni autografe, bozze e sunti. La raccolta mostra l’iter creativo della stesura del testo: dai primi abbozzi alle successive versioni ricche di appunti e modifiche, scritte spesso a più mani, alle bozze di stampa, al testo definitivo e al sunto in più lingue destinato a giornali e programmi di sala. Da non dimenticare la presenza di copie manoscritte e a stampa destinate al controllo della censura, morale o politica, attiva in epoca verdiana come nel più tardo ventennio fascista, quando si controllavano i testi nuovi come Volo di notte di Luigi Dallapiccola, del 1939, ma anche quelli consolidati come un Cicco e Coladel 1857. Molti esemplari riportano timbri e visti per la rappresentazione.

Fra gli oltre 700 libretti digitalizzati troviamo le bozze de La Figlia di Jorio di Alberto Franchetti corrette da Gabriele D’Annunzio e il libretto de I cavalieri di Ekebù di Franco Alfano con modifiche del librettista Arturo Rossato e le indicazioni autografe della scrittrice premio Nobel Selma Lagerlöf, autrice della novella originale. Sono conservati anche un’ampia raccolta di libretti manoscritti di opere donizettiane, la tela degli atti II e III con gli schizzi scenici per Manon Lescaut di Puccini, che appuntò anche il libretto de La lupa di Giovanni Verga, che poi non musicò. Vi sono ben 26 libretti di Giuseppe Adami autografi, fra cui diversi inediti e molti dattiloscritti e bozze per opere degli anni Trenta e Quaranta del Novecento, di cui l’Archivio ha anche le partiture originali, da Renzo Rossellini a Gian Carlo Menotti, con testi propri o di scrittori come Riccardo Bacchelli».

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/collezioni/collezione_0138.html>

 

Portale internazionale per le ricerche d’archivio sull’Olocausto

EHRI_logo

Il 26 marzo 2015 è stato inaugurato il portale online del progetto internazionale finanziato dall’Unione europea EHRI – European Holocaust Research Infrastructure.

Partecipano al progetto 20 istituzioni (istituti di ricerca, archivi, biblioteche, musei) di 13 paesi  (12 paesi europei + Israele).

Il portale consente di reperire informazioni sui fondi archivistici disseminati in più di 1.800 archivi presenti in 51 paesi, con la descrizione di decine di migliaia di documenti sulla persecuzione e lo sterminio degli ebrei in Europa durante le Seconda guerra mondiale.

Leggi la presentazione ufficiale del nuovo portale:

«Today, EHRI – the European Holocaust Research Infrastructure – presented its online portal. It provides access to rich information about more than 1,800 Holocaust-related archival institutions in 51 countries, and to descriptions of tens of thousands of archival materials. Starting out in 2010 as a EC-financed initiative, scholars in 20 institutions in Europe and Israel worked together to make archives accessible and to connect collections.

EHRI is not only a digital infrastructure, but also a human network. Through a varied programme of fellowship opportunities, summer schools, workshops and conferences, EHRI is fostering new connections among Holocaust researchers, archivists and digital humanists. It thereby promotes new interdisciplinary and transnational approaches to Holocaust research.

EHRI was financed under the EU 7th Framework Programme and coordinated by NIOD Institute for War, Holocaust and Genocide Studies in Amsterdam».

>> Guarda un breve filmato introduttivo al progetto EHRI

URL: <https://portal.ehri-project.eu>

 

[via Archivalia]

Biblioteca digitale sulla storia della Sicilia e del Mediterraneo

Mediterranea

Sul sito di «Mediterranea. Ricerche storiche», rivista di storia con sede a Palermo fondata da un gruppo di studiosi dell’Università di Palermo, è presenta una Biblioteca digitale dove è possibile scaricare la riproduzione in file PDF di molte pubblicazioni edite negli scorsi anni e dedicate alla storia della Sicilia e del Mediterraneo.

>> Accedi alla Biblioteca digitale

 

URL: <http://www.storiamediterranea.it/>

Verbali del consiglio dei ministri della Repubblica Sociale Italiana

Partito fascista repubblicano

Nella collana «Fonti» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile l’opera in due tomi:

Verbali del consiglio dei ministri della Repubblica Sociale Italiana : settembre 1943 – aprile 1945 / edizione critica a cura di Francesca Romana Scardiccione. – Roma : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1991. – (Pubblicazioni degli archivi di Stato. Sussidi ; 4).

–  leggi il Tomo I
–  leggi il Tomo II

Dall’Introduzione al primo tomo:

«La Repubblica sociale italiana, detta di Salò dal nome della città scelta come
sede del capo del governo (che in realtà risiedeva in una villa delle vicinanze, mentre
nella cittadina avevano sede solo il Ministero degli esteri e alcuni uffici della Cultura
popolare), data la sua nascita dal discorso pronunciato da Mussolini il 18 settembre
1943 attraverso radio Monaco, con il quale veniva annunciata la creazione di un
nuovo Stato “nazionale e sociale”.
Mussolini stesso, in quanto capo del partito fascista, che aveva adottato la
nuova denominazione di partito fascista repubblicano, assunse le funzioni di capo
del governo e quindi, in seguito all’indirizzo approvato dal Consiglio dei ministri del
27 settembre, anche quelle di capo dello nuovo Stato che, con deliberazione del successivo
novembre, prenderà poi il nome definitivo di Repubblica sociale italiana. Un
comunicato ufficiale del 29 settembre informava che si dava “inizio al funzionamento
del nuovo Stato fascista repubblicano, il quale troverà nella Costituente, che sarà
prossimamente convocata, la promulgazione dei suoi definitivi ordinamenti costituzionali.
Da oggi e fino a quel giorno, il duce assume le funzioni di capo del nuovo
Stato fascista repubblicano”. Contemporaneamente si delineava il programma del
governo nelle sue finalità politico-sociali e nelle strutture giuridiche: “La repubblica,
affermava Mussolini, sarà unitaria nel campo politico, decentrata in quello amministrativo,
ed avrà un pronunciatissimo contenuto sociale”.

Essa sorse nei territori dell’Italia centrale e settentrionale, che formalmente non
si trovavano ancora sotto un regime di vera e propria occupazione militare in quanto,
nonostante l’ordinanza emanata dal maresciallo Kesserling l’11 settembre, con cui si
dichiarava il territorio italiano “soggetto alle leggi tedesche di guerra”, fu soltanto con
la dichiarazione di guerra formulata dal ministero Badoglio alla Germania, il 13 ottobre
successivo, che divenne possibile parlare, da parte del governo legittimo, di oggettiva
occupazione bellica tedesca. Inoltre, eccettuate le cosiddette zone di operazioni
delle Prealpi e del Litorale Adriatico (Alpenvorland e Adriatisches Kunstenland),
nelle quali assunsero direttamente i pieni poteri con i gaulaleiter Franz Hofer e Friedrich
Reiner, nel resto del paese i tedeschi evitarono di attribuirsi ufficialmente la veste
di occupanti secondo quanto previsto dal diritto internazionale, e in particolare dalla
sez. III del regolamento annesso alla IV Convenzione dell’Aja del 1907: una decisione
in questo senso avrebbe infatti comportato il riconoscimento del governo del sud
e contraddetto quindi la scelta del governo tedesco di contestarne la legittimità, riconoscendo
invece il nuovo Stato repubblicano guidato da Mussolini.
Si delineava così una delle caratteristiche salienti della condizione giuridica dell’Italia
nel periodo tra l’8 settembre 1943 e il 25 aprile 1945: uno sdoppiamento di
autorità e di formazioni statali, ciascuna delle quali si proclamava legittima (e come
tale veniva riconosciuta sul piano internazionale dai Paesi dell’uno o dell’altro fronte
dei belligeranti) rifiutando implicitamente l’esistenza, e quindi l’operato, dell’altra;
uno sdoppiamento che, per quanto ricorrente durante la seconda guerra mondiale
anche in altri contesti nazionali, assunse nel nostro Paese connotati particolari per
l’equilibrio esistente tra i due governi, in termini territoriali e di popolazione, coincidenti
entrambi con l’evoluzione del conflitto, e per il lungo arco temporale durante
il quale si prolungò questa contrapposizione».

URL: <http://www.archivi.beniculturali.it/index.php/news-home/biblioteca-digitale/item/1291-biblioteca-digitale-%7C-verbali-del-consiglio-dei-ministri-della-repubblica-sociale-italiana-settembre-1943-aprile-1945>

Histoire générale de l’Afrique: la storia dell’Africa in una pubblicazione dell’UNESCO

Africa

Sul sito dell’Unesco è disponibile gratuitamente una monumentale opera dedicata alla storia dell’Africa in otto volumi (il nono volume è in corso di preparazione).

«Une œuvre pionnière, à ce jour inégalée dans son ambition de couvrir l’histoire de la totalité du continent africain, depuis l’apparition de l’homme. Une Histoire qui ne laisse plus dans l’ombre la période pré-coloniale et qui insère profondément le destin de l’Afrique dans celui de l’humanité en mettant en évidence les relations avec les autres continents et la part des Africains dans le dialogue des civilisations. La collection complète est publiée en huit volumes».

URL: <http://www.unesco.org/new/fr/culture/themes/dialogue/general-history-of-africa/volumes/>

[via La Criée]

La biblioteca digitale del CDEC – Centro di documentazione ebraica di Milano

Superga, tenuta “Il Saccarello”, 1932. Anna Fubini, Leo Avigdor, Lia Fubini, Primo Levi, Giulia Colombo, Anna Maria Levi

Superga, tenuta “Il Saccarello”, 1932. Anna Fubini, Leo Avigdor, Lia Fubini, Primo Levi, Giulia Colombo, Anna Maria Levi

In occasione del Giorno della Memoria, a 70 anni esatti dalla liberazione del campo di Auschwitz, il CDEC di Milano – Centro di documentazione ebraica contemporanea, pubblica la sua biblioteca digitale: fotografie, testimonianze, informazioni e documenti sono liberamente consultabili online.

«CDEC Digital Library è il portale web per l’accesso e la consultazione delle risorse informative e documentali della Fondazione CDEC sulla storia, la cultura e le tradizioni degli ebrei in Italia.

In questo portale è possibile consultare le descrizioni archivistiche e catalografiche delle risorse conservate nella Biblioteca, nell’Archivio storico, nell’Archivio fotografico e nell’Archivio audiovisivo della Fondazione CDEC, nonché accedere ad alcune delle collezioni più importanti del patrimonio documentale della Fondazione CDEC.

La prima tranche di pubblicazione riguarda i documenti e le informazioni per la storia e la memoria della Shoah in Italia.  Nuove proposte di navigazione e nuove risorse, su altri temi, saranno implementate e progressivamente aperte alla consultazione online».

 

>>  Leggi una dettagliata descrizione del progetto sul sito di Regesta.exe

URL: <http://digital-library.cdec.it/cdec-web/>

Filosofia e teologia islamica: un repertorio bibliografico

foto_home_03

Segnaliamo un repertorio bibliografico estremamente utile sulla filosofica arabo-islamica e lo studio della  kalām

Thérèse-Anne Druart, Brief Bibliographical Guide for Islamic Philosophy and Theology

2012 – 2013
2011 – 2012
2010 – 2011
2009 – 2010
2008 – 2009
2007 – 2008
2006 – 2007
2004 – 2006
2002 – 2004
1998 – 2002

Table of contents

[Via Greek into Arabic, un progetto al quale partecipano il CNR e l’Università di Pisa insieme alla Ruhr-Universität di Bochum]

Si inaugura il Portale dell’Archivio storico virtuale della Regione Sardegna

Sardegna

Dal comunicato pubblicato sul sito regesta.com:

«Da oggi [giovedì 18 dicembre 2014] i cittadini sardi e tutti gli utenti virtuali possono conoscere e approfondire la storia e l’attività della Regione Sardegna attraverso la sua produzione documentaria.

La documentazione ripercorre i primi 20 dei 65 anni della regione Sardegna: dal 1949, anno in cui si svolsero le prime elezioni del Consiglio regionale, e fu nominata la prima Giunta regionale, fino al 1969. Di anno in anno, nel rispetto della normativa vigente, le pratiche chiuse da più di 40 anni confluiranno nell’archivio storico e potranno essere descritte nel sistema informativo utilizzato e incluse nel portale. Sono inoltre presenti alcuni nuclei documentari di diversa provenienza e acquisiti a vario titolo, che sono precedenti all’istituzione della Regione autonoma.

Il portale dellArchivio virtuale permette all’utente di accedere e consultare le descrizioni archivistiche con i relativi contenuti attraverso tre canali di accesso:

  • complessi archivistici  permette di accedere ai fondi delle Direzioni generali e degli uffici degli assessorati, alla loro struttura gerarchica e ai dati descrittivi dei vari livelli;
  • soggetti produttori  apre l’elenco dei soggetti produttori delle carte conservate e accumulate dalla Regione;
  • soggetti conservatori  consente di avere l’elenco degli enti che conservano le carte d’archivio.

Ad essi si aggiungono due accessi a specifiche tipologie documentarie di rilievo:

  • atti normativi relativi alla Regione Autonoma della Sardegna (leggi statali e regionali, decreti, deliberazioni, determinazioni, circolari, ordini di servizio), con il collegamento a risorse digitali esterne, link ai testi integrali;
  • delibere di giunta della Giunta regionale, databili dal 1949 al 1972. I volumi delle delibere sono stati interamente digitalizzati (oscurando le informazioni coperte da diritto alla privacy) e descritti analiticamente, riportando, nelle schede descrittive, l’oggetto della delibera, gli organi proponenti e quelli deliberanti. In tal modo è possibile scoprire tutti i dettagli  dei processi evolutivi delle organizzazioni, degli assessorati (originariamente otto secondo il Titolo II dello Statuto speciale per la Sardegna) e dei loro mutamenti, e delle persone che nel tempo hanno ricoperto le diverse cariche istituzionali.

URL: <http://www.sardegnaarchiviovirtuale.it/archiviovirtuale/>

Il Fondo Ginori Conti della Biblioteca nazionale centrale di Firenze

Ginori_1

«Il fondo proviene da parte della collezione del principe Pietro Ginori Conti.

Discendente da antica famiglia fiorentina, nacque a Firenze nel 1865. In seguito al matrimonio con la figlia di Florestano de Larderel, uno dei più facoltosi imprenditori toscani, divenne egli stesso un abile imprenditore assumendo la carica di presidente e amministratore delegato dell’azienda del suocero. In seguito si dedicò anche all’attività politica nelle fila dei conservatori e nel 1919 divenne senatore del regno. Ma oltre all’attività economica e politica, egli fu anche appassionato cultore e studioso di storia rinascimentale fiorentina e frutto di questa passione furono gli studi su Savonarola, su Pietro di Dante Alighieri, sulle attività commerciali della famiglia Medici, sulla storia della basilica di San Lorenzo. Degno di ricordo, in particolare, è la Bibliografia delle opere di Girolamo Savonarola.

La sua passione di erudito lo portò anche a raccogliere un’ampia serie di documenti, monete, libri a stampa, materiale di cui aveva disposto il lascito alla Fondazione che portava il suo nome. Successivamente, tra il 1961 e il 1962, gli eredi disposero la donazione dei manoscritti e dei carteggi alla Biblioteca nazionale centrale di Firenze.

Il Fondo, conservato presso il settore “Manoscritti e rari” della biblioteca è composto da autografi, copialettere, codici, pergamene, e da un incunabolo. Nel Fondo è compresa anche la preziosa raccolta delle Carte Michelozzi costituite da corrispondenza e lettere del XV-XVI secolo tra cui alcune di Lorenzo dei Medici, e di altri personaggi a lui coevi».

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/collezioni/collezione_0071.html>