Archivi categoria: Posts

La storia della Russia dal 1860 al 2000: una raccolta di fotografie digitalizzate

Foto del 1958

Foto del 1958

Il Museo di arti mulimediali di Mosca ha annunciato il lancio di un sito web grazie al quale è possibile ripercorre in 80.000 scatti fotografici gli ultimi 150 anni della storia russa, dal 1860 fino al 2000. La raccolta è destinata a crescere nel tempo.

La direttrice del museo, Olga Sviblovo, ha dichiarato che l’obiettivo è quello di raccogliere in un  portale tutte le collezioni fotografiche pubbliche e private presenti in Russia.

Purtroppo non è ancora disponibile un’interfaccia in lingua inglese, anche se il progetto è in corso d’opera. Le fotografie sono comuqnue facilmente accessibili anche per chi non conosce la lingua russa, dal momento che si può semplicemente scorrere le fotografie in ordine cronologico o selezionare un anno specifico facendo scorrere il cursore lungo la linea del tempo.

Riportiamo per intero il testo di un articolo pubblicato il 17 giugno sulla webzine Russia Beyond the Headlines:

«The Moscow Multimedia Art Museum announced the launch of a new portal, History of Russia in Photographs, which exhibits about 80,000 photos dating from 1860 to 2000. The collection will be expanded daily.

The museum’s director, Olga Sviblovo, said the portal’s goal is to unite all museum and private photo collections in order to create a ‘visual Wikipedia on Russian history in photos’.

The site is a sort of photography bank, very easy and convenient to use. To visually study a section of time one does not need to know Russian. It is enough just to move two cursors on ‘the plate of time’ onto the period of interest and all the photos corresponding to the request will appear on the main page.

‘We’re now developing the site’s English version and perfecting the auto translator because searching on the site is done through tags’, explained Sviblova. ‘There are already more than 10,000 of them. For example, type in the tag boutonnière and you can see a photo of poet Alexander Blok wearing one on his jacket’.

‘We began thinking of such a portal in 1999 because we understood how important it would be to create a photographic history for future generations’, continued Sviblovo. ‘You cannot build the future without knowing your past’.

The project cooperates with all of Moscow’s museums and the state archive, as well as with regional museums and the heirs of famous Russian photographers».

URL: <https://russiainphoto.ru/>

 

[grazie a Klaus Graf per aver segnalato la notizia sul suo prezioso blog Archivalia]

Scène Européenne: un sito dedicato alla storia del teatro in Europa dal Rinascimento al Barocco

teatro europa

Scène Européenne è un progetto sulla storia del teatro in Europa dagli albori del Rinascimento fino al Barocco. Raccoglie i contributi di specialisti provenienti da Italia, Spagna, Regno Unito e Francia. Il sito è diviso in tre parti:

  • Teatro inglese: pubblicazioni sul teatro nel Rinascimento europeo, soprattutto inglese, e sul clima culturale del periodo.
  • Traduzioni introvabili: fonti difficilmente reperibili che riguardano il teatro inglese del periodo Tudor, il teatro francese del periodo barocco e il teatro spagnolo dell’età d’oro. I testi sono in scaricabili in PDF e sono accompagnati da un’introduzione.
  • Regards croisés sur la scène Européenne: contiene le pubblicazioni e gli atti di congressi e conferenze pubblicati dal Centre d’Études Supérieures de la Renaissance.

Scène Européenne è un progetto a cura del Centre d’Études Supérieures de la Renaissance.

URL: <http://umr6576.cesr.univ-tours.fr/publications/Scene_europeenne/>

Presse locale ancienne: il portale delle riviste storiche francesi

site-de-la-presse-ancienne

La Bibliothèque nationale de France, punta di eccellenza per quanto riguarda i progetti di digitalizzazione, offre ai lettori e agli studiosi di tutto il mondo il bellissimo portale Presse locale ancienne, grazie al quale è possibile esplorare con l’ausilio di mappe, percorsi tematici e cronologie, tutta la stampa periodica pubblicata in Francia tra il 1623 e il 1944.

Punto di partenza del progetto è la Bibliographie de la presse française politique et d’information générale.

La navigabilità del sito è ottima. Per le riviste digitalizzate è presente il link diretto alle riproduzioni disponibili. Per le riviste non digitalizzate, sono presenti i collegamenti ai cataloghi delle biblioteche che posseggono i fascicoli.

URL: <http://presselocaleancienne.bnf.fr/>

L’Archivio Storico della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra

imgSlide6

L’archivio digitale online della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, reso accessibile online nel 2014, consente la visualizzazione di migliaia di foto storiche di catacombe, ipogei, basiliche cimiteriali, splendidi affreschi, sculture prodotte nel corso delle campagne di documentazione degli scavi archeologici e la consultazione dei Giornali sulle attività di scavo, gli Atti e i Verbali della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

La Pontificia Commissione di Archeologia Sacra ha sede a Roma ed è stata istituita da Pio IX nel 1852 “per custodire i sacri cemeteri antichi, per curarne preventivamente la conservazione, le ulteriori esplorazioni, le investigazioni, lo studio, per tutelare inoltre le più vetuste memorie dei primi secoli cristiani, i monumenti insigni, le Basiliche venerande, in Roma, nel suburbio e suolo romano e anche nelle altre Diocesi d’intesa con i rispettivi Ordinari”.

>> leggi anche questo post

URL: <http://www.archeologiasacra.net/>

Collezioni digitalizzate dell’Università di Napoli “L’Orientale”

UniOR

La piattaforma digitUNO rende disponibili le riproduzioni digitalizzate di testi e documenti del patrimonio bibliografico raro e di pregio dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”.

Il progetto, a cura del Sistema Bibliotecario di Ateneo, utilizza la piattaforma Omeka,  un software open source funzionale e flessibile già utilizzato a livello internazionale da un gran numero di biblioteche, musei, archivi e studiosi per pubblicare le proprie collezioni digitalizzate e che aderisce agli standard internazionali di descrizione bibliografica e di rappresentazione degli oggetti digitali.

La collezione comprende libri a stampa, documenti cartografici, manoscritti.

La sezione più cospicua è quella dedicata ai libri a stampa, con una selezione di opere che vanno dal XVI secolo agli inizi nel Novecento.

Molto interessante, invece, la sezione dediata alle carte geografiche. Il fondo cartografico dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” consiste in una raccolta di documenti, realizzati in Italia e all’estero, datati tra il XVII e il XX secolo. È una collezione geo-cartografica di notevole valore, composta da oltre 4.000 prodotti, tra atlanti, carte murali, fogli sciolti, planimetrie, carte topografiche, corografiche, planisferi, carte turistiche e tematiche alle diverse scale. Di particolare rilievo sono i manufatti del XVII e XVIII secolo, mentre le acquisizioni più recenti giungono al primo decennio degli anni Duemila.

Si tratta, in gran parte, di un fondo costituito da Elio Migliorini nel secondo dopoguerra (1942-1952), curato e arricchito da Vittorina Langella durante il suo magistero all’allora Istituto Universitario Orientale (1973-1990) e successivamente ampliato da Pasquale Coppola e Salvatore Diglio. A seguito di alterne vicende, legate anche ai numerosi trasferimenti delle sedi dell’Ateneo, negli ultimi venti anni la collezione è rimasta custodita in una piccola sala nella Biblioteca al IV piano di Palazzo Corigliano e solo di recente è stato possibile avviarne un iniziale riordino, per renderla nuovamente fruibile alla consultazione.

La varietà di tipologie dei materiali cartografici conservati attesta gli interessi di studio e di ricerca delle aree del mondo alle quali “L’Orientale” ha tradizionalmente rivolto la sua attenzione ed è espressione dei riflessi geografici e dei mutamenti geopolitici intervenuti – in differenti epoche storiche – in Asia, nel Vicino Oriente, in Africa, nelle Americhe, in Europa Occidentale e Orientale.

Nella prima fase il lavoro si è concentrato sulla selezione di una parte preziosa delle opere presenti, relative ai secoli XVII e XVIII, riuscendo ad effettuare il restauro e la digitalizzazione integrale di dieci manufatti (presenti nel catalogo on-line e resi disponibili alla consultazione), che mostrano un corpus di 1.460 immagini cartografiche e iconografiche.

URL: <http://digituno.unior.it/>

Una collezione di opuscoli “mazziniani” digitalizzata

mazzini_giuseppe

La Biblioteca Gino Bianco di Forlì, della quale abbiamo già parlato in questo post, è da tempo impegnata nella digitalizzazione e pubblicazione online di riviste e opuscoli di area liberal-socialista, libertaria, radicale, repubblicana.

E’ stata appena annunciata la conclusione di un interessante progetto che ha comportato la digitalizzazione di una raccolta di circa 200 tra opuscoli e libri ritrovata nella cantina di un simpatizzante mazziniano. La raccolta si è fortunosamente salvata da ripetuti sequestri di polizia.
La digitalizzazione e la messa online è stata possibile grazie all’Associazione mazziniana italiana, sezione Emilia-Romagna, proprietaria del fondo, e alla biblioteca dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Forlì, presso la quale il fondo è depositato.

E’ disponibile un un elenco ragionato dei titoli presenti nella raccolta. Per l’elenco completo degli opuscoli consultabili, vedi qui.

Un esempio delle pubblicazioni digitalizzate:

  • G. Mazzini, Dal Papa al Concilio ; Dal Concilio a Dio, (1875)
  • G. Mazzini, Dubbio e fede, (1876)
  • G. Mazzini, Il problema sociale, (1949)
  • V. Gioberti, Lettera con cui Vincenzo Gioberti (sotto il nome di Demofilo) si associa alla Giovine Italia, (1849)
  • L. Servanzi, Come la questione sociale si possa risolvere più presto e meglio colle teorie di Giuseppe Mazzini che con quelle dei socialisti, (18..?)
  • E. Bollazzi, Della filosofia religiosa di Giuseppe Mazzini, (1884)
  • A. Saffi, Mazzini nel 1848, (1885)
  • P. Sbarbaro, Da Socino a Mazzini, (1886)
  • F. Mormina Penna, Monarchia, Repubblica e questione sociale, (1887)
  • Vita apologetica di Giuseppe Mazzini, (1887)
  • A. Bandini Buti, L’idea morale politica e sociale di Giuseppe Mazzini, (1945)

URL: <http://www.bibliotecaginobianco.it/?r=28&s=146&p=263&t=opuscoli-mazziniani>

Le lettere indirizzate a Jacob Burckhardt tra il 1842 e il 1897: una raccolta digitale

worldletter_collection4

Jacob Burckhardt (Basilea 1818 – ivi 1897) è considerato uno dei più importanti storici del XIX secolo. Dopo aver studiato teologia, filologia, storia dell’arte, filosofia, seguì all’università di Berlino i corsi in storia di Leopold von Ranke. Intraprese nel 1846 il primo viaggio in Italia. L’incontro con l’antichità lo portò a riformulare il problema della fine del mondo classico, visto non in chiave puramente negativa (Voltaire, Gibbon) ma come fondamento della nuova civiltà medievale (Die Zeit Konstantins des Grossen, 1852). Dall’insegnamento di storia dell’arte tenuto tra il 1855 e il 1858 presso il Politecnico di Zurigo nacque Der Cicerone (1855), introduzione al godimento delle opere d’arte italiane imperniata sulla figura di Raffaello. Nel 1858 cominciò a insegnare all’università di Basilea. Due anni dopo apparve Die Kultur der Renaissance in Italien. Ein Versuch, in cui Burckhardt fornì un’immagine vivacissima del Rinascimento italiano, considerato come epoca d’individualismo e di realismo, di scoperta dell’uomo e della natura. Postuma apparve l’ultima grande opera storica, la Griechische Kulturgeschichte (4 voll., 18981902). Ugualmente postume apparvero le Weltgeschichtliche Betrachtungen (1905), testimonianza della lucida, amara consapevolezza del prossimo e inevitabile avvento delle masse sulla scena della storia, cui seguirà, secondo Burckhardt, la distruzione dell’aristocrazia dello spirito e della cultura e la scomparsa di ogni libertà. Nel 1896 fu nominato socio straniero dell’Accademia dei Lincei [fonti: Enciclopedia Treccani online e Wikpedia].

«Burckhardsource.org è una biblioteca digitale creata in seno al progetto The European correspondence to Jacob Burckhardt, finanziato dallo European Research Council e coordinato dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, che si propone di creare un’edizione critica ad accesso aperto della corrispondenza allo storico dell’arte svizzero. Uno degli scopi del progetto è rispondere alle questioni filologiche per mezzo delle nuove tecnologie.

Le lettere a Jacob Burckhardt ricostruiscono una delle più significative corrispondenze del diciannovesimo secolo. Scritte da circa quattrocento corrispondenti in tedesco, italiano, inglese e francese, le lettere coprono infatti un arco temporale che va dal 1842 al 1897 e costituiscono una preziosa testimonianza di un periodo denso di importanti trasformazioni culturali. E’ in quegli anni che emerge il concetto moderno di democrazia e in cui la cultura industriale si definisce in contrasto con gli ideali neo-umanisti. La corrispondenza inoltre è una testimonianza del dibattito sulla nascita e il consolidamento della storia dell’arte come disciplina autonoma, separata dalla storia e dall’archeologia».

[da: Francesca Di Donato, Susanne Müller, Biblioteche digitali semantiche. Il progetto Burckhardtsource.org, «Bibliotime», anno XVI, numero 1, marzo 2013. URL: <http://www.aib.it/aib/sezioni/emr/bibtime/num-xvi-1/didonato.htm>]

 

URL: <http://burckhardtsource.org/>

Le lettere di August Wilhelm von Schlegel in edizione digitale

Schlegel

August Wilhelm Schlegel (Hannover 1767 – Bonn 1845) fondò a Berlino nel 1798, insieme al fratello Friedrich e alla moglie Caroline, la rivista «Athenaeum», considerata la pubblicazione programmatica del primo romanticismo tedesco. All’elaborazione teorica e alla redazione della rivista parteciparono alcune tra le personalità più importanti del panorama letterario dell’epoca, in particolare coloro che formeranno il cosiddetto gruppo di Jena, formato – oltre che dai fratelli Schlegel – da Schleiermacher, Caroline Schlegel (moglie di August), Novalis, Dorothea Mendelsshon Veit, Hülsen, Bernhardi, Sofie Bernhardi Tieck, Brinkmann, Fichte, Schelling e Tieck.

Nel 1801 August Wilhelm Schlegel tenne a Berlino le Vorlesungen über schöne Literatur und Kunst, di grande importanza sia per l’estetica sia per la critica romantica. Prendendo una posizione vicina a quella di Schelling e non risparmiando le critiche all’estetica kantiana, accusata di aver irrigidito le distinzioni dell’intelletto, Schlegel  sostenne una concezione organicistica della bellezza come espressione simbolica dell’infinito tanto nella natura quanto nell’arte. Collaborò alle Horene al Musenalmanach di Schiller, tradusse Dante, Cervantes, Calderón e soprattutto Shakespeare.

Il corpus della corrispondenza di August Wilhelm Schlegel comprende circa 4.500 lettere, acquisite nel 1873 dalla Biblioteca Reale di Dresda (oggi Sächsische Landesbibliothek – Staats- und Universitätsbibliothek Dresden – SLUB Dresden). Finora è stata pubblicata in edizioni a stampa solo una parte della raccolta: il progetto digitale che qui segnaliamo, ancora in corso d’opera, renderà accessibile per la prima volta l’intero corpus.

Per ogni lettera è liberamente disponibile online:

  • la digitalizzazione del manoscritto (compresi eventuali schizzi, abbozzi, disegni);
  • la digitalizzazione dell’eventuale edizione a stampa;
  • la trascrizione integrale del testo, ricercabile per parola.

URL: <http://august-wilhelm-schlegel.de/>

>> Per approfondire, consigliamo di leggere la voce dedicata a August Wilhelm Schlegel nella Stanford Encyclopedia of Philosophy

[via Archivalia]

Il nuovo portale di Carte da legare: gli archivi della psichiatria in Italia

Carte-da-legare

Carte da legare, il progetto della Direzione generale per gli archivi promosso per salvaguardare il patrimonio archivistico degli ex ospedali psichiatrici, si arricchisce di nuovi contenuti.

Il progetto, in corso dal 1999, è già stato illustrato in dettaglio in un altro post del nostro blog.

Il nuovo sito, lanciato il 2 febbraio, intende fornire, oltre alle descrizioni degli archivi, le statistiche dei dati socio-sanitari ricavati dalle cartelle cliniche e, inoltre, storie, immagini, filmati, link ad altri progetti ed esperienze relativi al mondo della psichiatria in generale e della cura della salute mentale.

La più importante novità del sito è costituita dalla consultazione della schedatura delle cartelle cliniche di 13 ex ospedali psichiatrici. Essa avviene dietro autorizzazione, nel rispetto della normativa sulla privacy. In tal modo si rendono finalmente pubblici i risultati di un lungo lavoro portato avanti per anni dalle Soprintendenze archivistiche territoriali, d’intesa con enti proprietari e gestori degli archivi.

URL: <http://www.cartedalegare.san.beniculturali.it/>

Le fotografie dal ghetto di Łódź (Polonia) di Henryk Ross

Le rovine della Sinagoga in Wolborska Street , distrutta dai tedeschi nel 1939

Le rovine della Sinagoga in Wolborska Street , distrutta dai tedeschi nel 1939

La Art Gallery dell’Ontario ha messo in Rete la riproduzione digitale delle fotografie scattate da Henryk Ross (1910–1991) nel ghetto di Łódź tra il 1939 e il 1945. Si tratta di un archivio dal valore storico inestimabile che consta di più di 4.000 immagini.  Ross seppellì i negativi durante l’evacuazione del ghetto e, sopravvissuto allo sterminio, li recuperò nel 1945.

La città di Łódź, seconda per numero di abitanti della Polonia, al momento dell’inizio della Seconda guerra mondiale contava circa 250.000 abitanti ed era organizzata in una comunità ricca e culturalmente molto vivace. Fin dall’inizio dell’occupazione tedesca, nei primi giorni di settembre del 1939, iniziarono le persecuzioni contro di essa e nel maggio 1940 fu chiuso il ghetto della città, nel quale furono segregati circa 200.000 ebrei.

Per organizzare la popolazione locale e mantenere l’ordine le autorità tedesche imposero l’istituzione di un Judenrat (consiglio ebraico) all’interno del ghetto. Il consiglio del ghetto era presieduto da Mordechai Chaim Rumkowski, una delle figure più controverse della storia della persecuzione ebraica. Il suo ruolo lo pose in una posizione di grande responsabilità nei confronti degli abitanti del ghetto e gran parte del suo operato continua tutt’oggi ad essere tema di discussione degli storici. Egli obbligò ad enormi sforzi produttivi la popolazione, eseguendo puntualmente gli ordini tedeschi, nella speranza di salvare parte degli ebrei rinchiusi nel ghetto. Nel 1943 oltre il 95% della popolazione adulta era impiegato all’interno di 117 laboratori ed industrie, le quali, come si vantò Rumkowski con il sindaco di Łódź, rappresentavano “una vera miniera d’oro” ( >fonte: Wikipedia). In effetti, proprio a causa dell’estrema produttività il ghetto di Łódź sopravvisse più a lungo di ogni altro ghetto in Polonia ma ciò non fu sufficiente ad evitare il disastro: della popolazione ebraica del ghetto sopravvissero alla Seconda guerra mondiale meno di 10.000 persone.

Primo Levi, nel capitolo “La zona grigia” de I sommersi e i salvati, dedica Rumkoski alcune delle sue pagine più intense. Per approfondire l’argomento rimandiamo a un bell’articolo di Marco Belpoliti pubblicato su Doppiozero il 26 gennaio 2014 e intitolato Levi, Bellow e il Re dei Giudei

 

Qui la notizia dell’apertura al pubblico dell’archivio digitale:

«The Art Gallery of Ontario has launched a searchable, interactive digital archive of over 4,000 rare photographs from its Henryk Ross Collection of Lodz Ghetto Photographs. The archive, developed in partnership with Facing History and Ourselves and with contributions from Sarah and Chaim Neuberger Holocaust Education Centre, features digital copies of Henryk Ross’s original nitrate-based negatives, captured during the Second World War in the Lodz Ghetto of Poland. The launch of the website coincides with the 70th anniversary of the unearthing of Ross’s original negatives in 1945.

Henryk Ross (1910–1991) was a Polish-Jewish photojournalist employed by the Jewish Administration’s Statistics Department. At great risk to himself, Ross took thousands of photos of daily life in Poland’s Lodz Ghetto, which was occupied by German forces in 1939 and was the country’s second largest ghetto for the Jewish population after Warsaw. Ross hid his negatives by burying them in the ground after the last remaining residents of the ghetto were sent to Auschwitz, and excavated them only after the area was liberated from Nazi occupation in January 1945. Over half of the original 6,000 negatives survived, making his collection one of the largest of its kind to survive the Holocaust.

The Henryk Ross Collection was donated to the Art Gallery of Ontario by the Archive of Modern Conflict in 2007. The launch of the digital archive will allow people around the world to search and save images, tag photographs and add information in order to continue to build Ross’s legacy and enrich the public memory of the people and historical events he wished to commemorate. The website also features lesson plans and resources for teachers and students to learn about history, modern human rights issues and social change».

URL: <http://www.agolodzghetto.com/>

 

Ringraziamo Klaus Graf per aver segnalato questa risorsa nel suo blog Archivalia, da poco migrato sulla piattaforma di blog accademici Hypothèses.

Le edizioni della BnF – Bibliothèque nationale de France

BnF

La BnF – Bibliothèque nationale de France, da sempre all’avanguardia per idee innovative, si propone adesso anche come editore di pubblicazioni sia in formato cartaceo che in formato digitale.

«La Bibliothèque nationale de France est un éditeur public dont le catalogue compte plus de mille titres. Dans le cadre de sa politique de valorisation des collections, la BnF édite des catalogues raisonnés et des ouvrages scientifiques destinés aux chercheurs et aux professionnels des bibliothèques. Ces publications de référence sont le reflet de l’excellence scientifique de l’établissement».

>> Qui il catalogo completo.

Le edizioni digitali della BnF sono accessibili dalla piattaforma OpenEdition Books con modalità freemium. A seconda delle licenze d’uso, si possono leggere su schermo alcuni estratti o, in alcuni casi, la versione integrale (>> un esempio qui) ma si deve pagare per poter scaricare i file .pdf  o .epub delle pubblicazioni.

Ci sono comunque alcune pubblicazioni totalmente gratuite, comprese alcune interessanti app interattive. Ecco alcuni esempi:

Marcel Proust, L’Agenda 1906, éd. numérique, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

Marie Soulié, La merveilleuse aventure de l’écriture, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

Monique Pelletier, Cartographie de la France et du monde le la Renaissance au siècle des lumières, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2002 (>> vai alla scheda)

Hommage à Alexandre Kojève. Actes de la « Journée A. Kojève » du 28 janvier 2003. Sous la direction de Florence de Lussy, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2007 (>> vai alla scheda)

Louis XIV: une application iPad, direction éditoriale par Françoise Juhel, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

François Ier:  une application iPad et iPhone, direction scientifique par Bruno Petey-Girard et de Magali Vène; direction éditoriale par Françoise Juhel, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

L’âge d‘or des cartes marines: une application iPad et iPhone, direction scientifique par Jean-Yves Sarazin; conseil scientifique par Catherine Hofmann, Emmanuelle Vagnon, Hélène Richard et Mireille Pastoureau; direction éditoriale par Françoise Juhel,  Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2012 (>> vai alla scheda)

Candide, l’édition enriche: une application iPad, direction scientifique par Nicholas Cronk, Alexandre Chautemps, Ève Netchine et Corinne Le Bitouzél; direction éditoriale par Françoise Juhel,  Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2012 (>> vai alla scheda)

URL: <http://editions.bnf.fr/>

The New York Public Library Digital Collections: 180.000 documenti in pubblico dominio

Fotografia di Berenice Abbott (1935)

Fotografia di Berenice Abbott (1935)

La New York Public Library ha annunciato che a partire dal 6 gennaio 2016 i documenti digitalizzati disponibili nella biblioteca digitale NYPL Digital Collections sono scaricabili e liberamente riutilizzabili senza restrizioni di copyright. Si tratta di più di 180.000 documenti, che spaziano dalle fotografie ai manoscritti, dalle mappe storiche agli spartiti musicali, dai poster alle riproduzioni di opere d’arte.

La notizia è commentata diffusamente anche sul blog della NYPL:

«Today we are proud to announce that out-of-copyright materials in NYPL Digital Collections are now available as high-resolution downloads. No permission required, no hoops to jump through: just go forth and reuse!

[…]

The public domain release spans the breadth and depth of NYPL’s holdings, from the Library’s rich New York City collection, historic maps, botanical illustrations, unique manuscripts, photographs, ancient religious texts, and more. Materials include:

Visit nypl.org/publicdomain for information about the materials related to the public domain update and links to all of the projects demonstrating creative reuse of public domain materials. Go forth, and reuse!»

 

URL: <http://digitalcollections.nypl.org/>

Un’intervista alla curatrice del blog

_DSC7543

Ringraziamo Alessia Smaniotto di OpenEdition Italia per averci dedicato tempo e attenzione!

« Elena Franchini, ben prima di essere pioniera tra i blogger in italiano sulla piattaforma Hypotheses.org (il suo Filosofia & Storia è il primo blog in italiano creato su Hypotheses.org) è stata pioniera in Italia, più in generale, nella creazione di un blog a destinazione dei ricercatori che permettesse di segnalare risorse disponibili online e utili alla ricerca: era il 2007, pochi anni dopo la nascita, in Italia, dei primi servizi gratuiti per la gestione dei blog, nei primi anni 2000. Filosofia & Storia ha raggiunto Hypotheses, piattaforma internazionale dedicata a blog accademici di area umanistica e delle scienze sociali, nel 2013. Le abbiamo chiesto se poteva rispondere via mail alle nostre curiosità sul suo percorso e sulla sua pratica del blogging, e ci ha accontentato.

Come ha conosciuto Hypotheses.org​?​

Ho scoperto Hypotheses.org perché, come bibliotecaria addetta al servizio di reference e document delivery, utilizzavo la piattaforma Revues.org per la ricerca di articoli di riviste di ambito umanistico ed ero interessata alla pubblicazione di studi accademici con modalità “open”. All’epoca gestivo un blog per la Biblioteca di Filosofia e Storia dell’Università di Pisa sulla piattaforma WordPress. Nel 2013 pubblicai un post dedicato alla collezione OpenEdition Books. […] »

Continua a leggere:  http://openeditionitalia.it/636

Un portale dedicato alla storia della musica al femminile

Musiciste

MUGI – Musik und Gender im Internet è un interessante progetto curato dalla Accademia per la musica e il teatro di Amburgo (Hochschule für Musik und Theater Hamburg) dedicato al ruolo che hanno avuto le donne nell’esercizio e nella trasmissione nella musica, per un approccio sociale agli studi musicologici nell’ambito dei più recenti studi di genere.

Il sito consente di navigare tra documenti e articoli redatti con grande cura. Purtroppo non esiste una traduzione in lingua inglese, ad eccezione di una breve pagina di presentazione del progetto e delle sue finalità. Ne riportiamo una parte:

«The project Music and Gender on the Internet was created based on women studies, gender studies, and queer studies, a field first established in the U.S. that also experienced dynamic development in Europe. Music history, even today, is explored and documented as the history of authors and their works, rather than the history of cultural behavior. Subsequently many women musicians that were active in areas such as interpretation, music pedagogy and promotion are often overlooked, because they were not apparent to the public eye.

The distinct goal of the MUGI project is therefore to further develop the methodical aspects of women and gender studies and to integrate it into musicology studies in universities and conservatoriums».

Il nocciolo del progetto è il Lexikon, raccolta di 463 voci enciclopediche dedicate non solo a donne compositrici, ma anche a interpreti, insegnanti, intellettuali che si sono distinte in campo musicale. Il Lexikon è molto ben strutturato ed è facilmente navigabile.

La sezione Multimedia è invece dedicata a contributi su temi specifici, presentati con intento divulgativo e didattico. Si veda ad esempio il modulo dedicato ad Anna Morsch, Marie Lipius, Lina Ramann, tre donne che scrissero di musica nell’Ottocento.

 

URL: <http://mugi.hfmt-hamburg.de/>

Storia del Muro di Berlino

Berlin Mauer_1961

Berlino, settembre 1961

Il sito tedesco Chronik der Mauer (qui la versione in lingua inglese) racconta con fotografie, documenti, registrazioni audio la storia del muro di Berlino ripercorrendo mese per mese tutta la storia della città divisa, dal 13 agosto 1961 al 9 novembre 1989.

Il sito è frutto della collaborazione tra il Centro per la storia contemporanea di Potsdam (Zentrum für Zeithistorische Forschung Potsdam), l’Agenzia federale per l’educazione civica (Bundeszentrale für politische Bildung) e la radio tedesca Deutschlandradio.

 

URL: <http://www.chronik-der-mauer.de/>