Archivi categoria: Bibliografie, banche dati bibliografiche

Prima guerra mondiale: una bibliografia collaborativa

Segnaliamo una ricca bibliografia di studi (monografie, articoli, saggi) dedicati alla Prima guerra mondiale.

Si tratta di una bibliografia collaborativa redatta dai membri della International Society for First World War Studies.

The society brings together postgraduates and more established academics who study the first world war. We have nearly 300 members in Europe, North America, Australasia and beyond. The society was founded in 2001 following a conference held in Lyons. Since then, further conferences have been held in Oxford, Dublin, Washington DC and London. Our most recent meeting was held in Innsbruck in September 2011. Our next conference will be held in Paris in September 2013 [da qui].

La bibliografia è disponibile anche su Zotero, un’estensione di Firefox (ma da qualche mese è disponibile anche una versione stand alone compatibile con altri browser) che consente di raccogliere e gestire risorse bibliografiche.

Per saperne di più leggi questa pagina.

URL: <http://www.firstworldwarstudies.org/?page_id=875>

Bibliografia degli scritti di Umberto Segre

Nel luglio 2007 l’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia (INSMLI) ha messo in rete la bibliografia degli scritti di Umberto Segre (a cura di Giovanni Mari). La banca dati comprende 2638 record.

Dalla presentazione:

“Nel corso dei suoi oltre sessant’anni di vita (Cuneo 1908 – Milano1969), Umberto Segre fu attivo in diversi campi dall’insegnamento alla pubblicistica, dalla riflessione filosofica alla critica letteraria: sempre con un tratto forte di indipendenza e di libertà intellettuale. Fin da giovanissimo fu un interlocutore diretto di importanti protagonisti del mondo culturale del nostro paese: da Croce a Gentile, da Carlo Rosselli a Delio Cantimori, da Aldo Capitini a Augusto Del Noce.

La sua vicenda biografica e la sua fisionomia di ebreo laico e antifascista lo aprirono nel primo dopoguerra ad una riflessione morale strettamente intrecciata alla dimensione politica: non ancora ventenne fu coinvolto nell’avventura intellettuale di “Pietre”, l’ultima rivista antifascista pubblicata negli anni del regime, che assieme all’amico Vittorio Enzo Alfieri tentò d’introdurre negli ambienti della Normale a Pisa.

Arrestato una prima volta nel 1928 e ancora l’anno successivo per la sua attività clandestina e la sua solidarietà a Benedetto Croce oppositore del Concordato, subì il carcere ed infine scelse di emigrare per due anni in Francia. Al rientro in Italia si dedicò all’insegnamento mantenendo viva la sua riflessione filosofica in contatto con amici e intellettuali conosciuti negli anni giovanili (Alfieri, Cantimori, Carlo Ludovico Ragghianti, Vittorio Foà).

Alla dimensione etica e religiosa della filosofia lo aveva indirizzato la riflessione del maestro Giuseppe Rensi negli anni della formazione a Genova e l’incontro critico con la filosofia idealista, con la quale si confrontava la generazione dei suoi giovani amici e compagni di studi dapprima alla Normale di Pisa (Alfieri, Cantimori, Capitini, Claudio Baglietto, Ragghianti) e, dopo la sua espulsione da questa, all’Università di Torino (Massimo Mila, Foà, Ludovico Geymonat).

La guerra e la tragedia della shoah coinvolsero e annientarono quasi completamente la sua famiglia: la madre Ida Luzzati e la sorella Elena, furono deportate ed assassinate ad Auschwitz dopo il rastrellamento nel ghetto di Roma dell’ottobre 1943; il fratello Mario, importante e noto studioso di epigrafia greca, con la moglie Noemi Cingoli ed il figlio Marco di non ancora due anni furono arrestati a Roma ed assassinati ad Auschwitz nell’aprile del 1944. Segre rimase segnato in profondità da questi eventi, per sempre, e su di essi scelse il silenzio.

Nel secondo dopoguerra si dedicò soprattutto all’attività pubblicistica, imponendosi come commentatore politico con intelligenti e penetranti contributi all’interno di importanti collaborazioni (da “Lo Stato Moderno” di Mario Paggi a il “Il Ponte” di Piero Calamandrei, a “Il Giorno” di Enrico Mattei, a fianco del direttore Italo Pietra e di Paolo Murialdi) e attività editoriali (da “L’Astrolabio” nel 1963 a “Politica internazionale” con Calchi Novati nel 1969). In questa attività e nell’isegnamento universitario a Milano e a Trento sviluppò prevalentemente la dimensione sociopolitica dell’analisi con un’attenzione particolare alle questioni delle relazioni internazionali e ai grandi temi del dibattito politico interno: riforma elettorale, centro sinistra, questione altoatesina, contestazione giovanile.

Le vicende della sua biografia intellettuale e della sua battaglia culturale sono tracciate nei saggi pubblicati sul numero 220-221 di “Italia contemporanea”, del settembre-dicembre 2000, che rielaborano le relazioni presentate alla giornata di studio intitolata Umberto Segre: un antifascista scomodo (Milano, Università degli Studi, 15 dicembre 1999). I saggi sono scaricabili anche online.

Una parte degli articoli e dei saggi di Umberto Segre è stata ripubblicata dalla figlia Vera e dal genero Paolo Mugnano. Ma la maggior parte della ricca produzione di articoli rimane ancora sparsa nelle numerose testate a cui Segre collaborò. Per facilitarne la consultazione l’Insmli mette a disposizione la presente bibliografia. […]

Gli scritti sono presentati in ordine cronologico. Attraverso la ricerca indicizzata è possibile fare una ricerca mirata tra le pubblicazioni periodiche italiane ed estere, fare una ricerca per pseudonimi e per tipologia di contributi. Infine, è possibile trovare l’elenco delle pubblicazioni postume, ancora in corso, curate da Vera Segre e Paolo Mugnano”.

URL: <http://www.italia-liberazione.it/umbertosegre/>

Una bibliografia sull’omosessualità (a cura della University of Chicago Library)

Il 17 maggio si è celebrata la Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia.

Cogliamo l’occasione per segnalare una bibliografia pubblicata sul sito della University of Chicago Library dedicata al tema dell’omosessualità.

La bibliografia non è recentissima (sono escluse dall’elenco le pubblicazioni prodotte negli ultimi 10 anni) ma è molto ricca e articolata. Comprende circa 4.500 titoli di monografie, per la maggior parte di area anglosassone. Per molti titoli è presente anche l’indice dei volumi.

Guide to Gay and Lesbian Resources: A Classified Bibliography Based upon the Collections of the University of Chicago Library, compiled by Frank Conaway, Sebastian Hierl, and Sem Sutter. Chicago (Illinois) : University of Chicago Library, 2002.

I. GENERAL WORKS

II. HISTORY AND ETHNOLOGY

III. GAY AND LESBIAN COMMUNITIES

IV. GAY LIBERATION MOVEMENT; GAY RIGHTS; LAW; POLITICS

V. MILITARY

VI. ECONOMIC AFFAIRS

VII. RECREATION

VIII. EDUCATION; YOUTH; AGING

IX. DOMESTIC RELATIONS

X. SEXUAL ORIENTATION: PSYCHOLOGY AND PHYSIOLOGY

XI. HEALTH; SOCIAL PROBLEMS; CRIMINOLOGY; SOCIAL SERVICES

XII. RELIGION

XIII. PHILOSOPHY

XIV. MUSIC

XV. ART AND ARCHITECTURE

XVI. MEDIA

XVII. LANGUAGE

XVIII. LITERATURE, FILM AND THEATRE

XIX. HUMOR

XX. LITERATURE APPENDIX

XXI. VIDEOS

XXII. ARCHIVE AND MANUSCRIPT HOLDINGS

INDEX

URL: <http://www.lib.uchicago.edu/e/collections/lgbt/glguide/>

Jean-Jacques Rousseau: una bibliografia a cura della BnF

In occasione del tricentenario della nascita di Jean-Jacques Rousseau che si festeggia quest’anno la BnF – Bibliothèque nationale de France pubblica sul web una bibliografia delle opere e degli studi dedicati al grande filosofo francese.

Si tratta di opere disponibili presso la Biblioteca nazionale di Parigi o accessibili online su Gallica, la biblioteca digitale della BnF.

Cette bibliographie sélective, rédigée à l’occasion du tricentenaire de la naissance de Jean-Jacques Rousseau, recense essentiellement des ouvrages disponibles en accès libre, principalement dans les salles H de la Bibliothèque d’étude (niveau haut-de-jardin) et V de la Bibliothèque de recherche (niveau rez-de-jardin).

URL: <http://www.bnf.fr/documents/biblio_rousseau.pdf>

Sullo stesso argomento leggi anche:

>> 1712 – 2012: è il tricentenario della nascita di Jean-Jacques Rousseau

>> La BnF digitalizza e mette in rete i manoscritti di Jean-Jacques Rousseau

Alcuin: una banca dati per la filosofia scolastica

Alcuin è una banca dati a cura della cattedra di filosofia dell’Università di Regensburg che, accanto a dati biografici, contiene informazioni sui testi di maestri medievali e di autori eruditi: fonti, tradizioni, informazioni, particolarità degne di nota.

Il quadro temporale abbraccia il peridoo che va dal 500 al 1500 dopo Cristo.

Il nucleo è rappresentato da autori di testi filosofici che scrivono in latino e comprende anche le fonti alle quali gli autori del testo hanno fatto riferimento (ad es. Avicenna).

La banca dati intende fornire un quadro aggiornato sullo stato della ricerca. Le informazioni inserite sono costantemente aggiornate.

URL: <http://www-app.uni-regensburg.de/Fakultaeten/PKGG/Philosophie/Gesch_Phil/alcuin/index.php>

Primo Levi: bibliografia degli scritti e della critica

Per ricordare i 25 anni dalla morte di Primo Levi segnaliamo la bibliografia a cura del Centro internazionale di studi Primo Levi di Torino.

La bibliografia delle risorse documentarie di e su Primo Levi proposta su questo sito è costituita di oltre cinquemila registrazioni e comprende le descrizioni di:

  • opere di Primo Levi in italiano;
  • opere di Primo Levi tradotte in altre lingue;
  • opere di Primo Levi (racconti, saggi critici, poesie, prefazioni, commenti, recensioni, articoli su stampa generalista) pubblicate su monografie e periodici;
  • interviste e dichiarazioni di Primo Levi;
  • letteratura critica sull’opera e sulla vita di Primo Levi.

Il repertorio bibliografico – che si propone come un lavoro in itinere ed è continuamente incrementato con contributi di cui si dà notizia via via sul sito alla pagina Nuove acquisizioni – è consultabile attraverso il catalogo in linea.
Una cospicua parte della bibliografia – per un totale di oltre tremila registrazioni, relative a monografie, periodici, opuscoli e spogli – corrisponde al patrimonio documentario del Centro internazionale di studi Primo Levi (“Fondo Primo Levi”). Esso è depositato e reso disponibile alla consultazione presso la biblioteca dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea sito nello stesso edificio dove ha sede il Centro (via del Carmine 13, Torino). Il fondo raccoglie, oltre a varie edizioni italiane e straniere degli scritti di Primo Levi, numerosi testi critici (volumi, saggi, atti di convegno, articoli su periodici) per lo più in italiano, inglese, francese, tedesco e spagnolo. Nella bibliografia è specificato per ogni entità documentaria se essa è fisicamente presente fra quelle possedute dal Centro.

URL: <https://www.primolevi.it/it/bibliografia>

Bibliografia della Sociologia Italiana: banca dati online

Il progetto Biblbiografia della Sociologia Italiana fa capo ad un gruppo di lavoro all’interno del Dipartimento di sociologia e ricerca sociale dell’Università degli Studi di Trento.

La BSI contiene i riferimenti bibliografici dei contributi dei sociologi italiani pubblicati sia in Italia che all’estero e intende coprire l’intero arco temporale di vita della sociologia italiana, dalle origini ai giorni nostri.

Sono inseriti nella banca dati anche i contributi (libri, titoli di riviste etc.) di autori stranieri sulla sociologia italiana.

URL: <http://bsi.soc.unitn.it:8080/bsi/archivio/ricerca.php>

ICON – International Coalition on Newspapers

ICON – International Coalition on Newspapers è un progetto americano che promuve e incoraggia l’accesso ai quotidiani di tutto il mondo attraverso l’elaborazione di strumenti bibliografici specifici.

ICON cura un database ad accesso gratuito che contiene le informazioni bibliografiche relative a più di 25.000 testate giornalistiche pubblicate fuori degli Stati Uniti.

ICON cura inoltre una preziosa pagina web dove sono elencati i principali progetti di digitalizzazione  realizzati in tutto il mondo e consultabili online, elencati in ordine alfabetico per paese produttore (l’elenco è particolarmente dettagliato per quanto riguarda i progetti realizzati negli Stati Uniti). Si tratta sicuramente del repertorio più completo nel suo genere.

>>  Newspapers Digitization Projects: http://icon.crl.edu/digitization.htm

Leggi la presentazione di ICON sul sito:

“The ICON – International Coalition on Newspapers project develops strategies to preserve and improve access to newspapers from around the globe, working on issues including bibliographic access, copyright, and information dissemination. ICON was officially established in 1999 by 13 charter members and is based at the Center for Research Libraries.

ICON provides a freely accessible database of bibliographic information for more than 25,000 newspaper titles from participating institutions.The ICON Database of International Newspapers is a freely accessible electronic resource intended to provide reliable information on newspapers published outside of the United States. It includes bibliographic descriptions of titles as well as specific information on institutions’ holdings of the same. The database serves as a central locus for information on international newspaper collections available in North American libraries and in selected libraries outside North America, providing a tool for resource discovery, access, and collection management.

ICON is supported in part through grants from the National Endowment for the Humanities. Its advisory board is comprised of representatives from the Library of Congress, British Library, Library and Archives Canada, University of Illinois, and University of Washington; many other institutions participate in ICON’s preservation, database, cataloging, and survey projects”.

URL: <http://icon.crl.edu/digitization.htm>

Fonti storiche del Medievo tedesco

Geschichtsquellen des deutschen Mittelalters è un repertorio dedicato alle fonti storiche del Medioevo tedesco prodotte tra il 750 e il 1500.

La banca dati si basa sugli 11 volumi del Repertorium Fontium Historiae Medii Aevi (1962-2007). La Bayerischen Akademie der Wissenschaften ha selezionato le notizie relative alle fonti tedesche e le ha indicizzate in un database interrogabile in Rete.

Sono inoltre stati disponibili, come strumenti di corredo, una serie di elenchi di voci (autori, opere, parole chiave, nomi di luoghi, nomi di santi ecc. ) che facilitano il lavoro di ricerca.

URL: <http://www.geschichtsquellen.de>

Accessibili online gli indici di oltre 150 periodici culturali italiani: la banca dati bibliografica ANALECTA

Riportiamo il comunicato pubblicato su E-R: il portale dell’Emilia Romagna relativo alla banca dati bibliografica ANALECTA:

“Dal 1 gennaio 2012 chiunque abbia una connessione internet può accedere a un vasto patrimonio bibliografico composto da oltre 100.000 registrazioni di articoli pubblicati dal 1982 ad oggi su 152 periodici italiani di cultura generale. Tutto questo è reso possibile dalla base dati bibliografica “ANALECTA“, un progetto di cooperazione, nato nel 1985 e coordinato dalla Biblioteca della Fondazione Collegio San Carlo di Modena, che ha visto la partecipazione della Biblioteca Estense Universitaria, della Biblioteca Fondazione Collegio San Carlo e del Servizio biblioteche del Comune di Modena, della Biblioteca di storia contemporanea A. Oriani di Ravenna, della Biblioteca Panizzi del Comune di Reggio Emilia e del Servizio biblioteche del Comune di Parma.
Il progetto è sostenuto finanziariamente dall’IBC-Soprintendenza beni librari e documentari con il concorso delle Amministrazioni Provinciali. Fino all’anno passato l’intera banca dati era consultabile con password, offerta gratuitamente alle biblioteche dell’Emilia-Romagna, oppure con l’acquisto del cd-rom Analecta (ne sono usciti 8 numeri dal 1997 al 2002). Oggi la banca dati è liberamente accessibile online. L’aggiornamento è bimestrale, con un incremento annuo di circa 5.000 nuove registrazioni bibliografiche.
In allegato l’elenco delle riviste coinvolte nel progetto in ordine alfabetico:
Accedi a ANALECTA

Un esempio di ricerca:
Mi interessa sapere quali riviste si sono occupate di un tema in particolare: la globalizzazione.
Cerco quindi il termine “globalizzazione” nello spazio “ricerca libera” di ANALECTA.
Il risultato sarà un elenco di articoli sull’argomento con tutte le indicazioni bibliografiche.
Attenzione: non potrò leggere l’articolo (tranne rarissimi casi, per ovvi motivi di diritto d’autore), ma saprò che Bauman ha scritto su “Adorno e la globalizzazione” in “Micromega” (una delle riviste inserite nel progetto), e precisamente nel numero 5 del 2003, da pagina 62. Per leggerlo devo andare comunque in biblioteca [o rivolgermi al servizio di document delivery ( = fornitura di  documenti in copia) presso la mia biblioteca, N.d.R.].

Elenco delle riviste sottoposte a spoglio

Approfondimento sul progetto ANALECTA

URL: <http://analecta.sebina.it/SebinaOpac/Opac>

Bibliografia sulla Storia della Germania: die Jahresberichte für deutsche Geschichte

E’ consultabile online il più importante repertorio bibliografico sulla storia della Germania:  die Jahresberichte für deutsche Geschichte.

La banca dati, accessibile gratuitamente, viene aggiornata con cadenza giornaliera. Contiene tutte i riferimenti bibliografici indicizzati dal 1974 ad oggi. Al momento il repertorio contiene circa 516.000 titoli di pubblicazioni (monografie, articoli, bibliografie, edizioni di fonti primarie ecc.)  relative alla storia della Germania [dati aggiornati a dicembre 2011].

Qui un excursus sulla storia del Jahresberichte für deutsche Geschichte.

The Jahresberichte für deutsche Geschichte list German- and foreign-language academic publications. This is the most comprehensive subject bibliography of its kind. Monographs, edited volumes (including individual contributions), periodical articles, source editions, reference works and bibliographies are registered. If possible, literature that is not distributed via the publication market is also included. Works in neighbouring disciplines as well as the historical ancillary sciences are taken into account if relevant to German history.

Only a limited range of literature pertaining to local history is admitted. In order to obtain a complete bibliography, searchers in these areas are advised to also consult the respective regional bibliographies or the meta-search engine Virtuelle Deutsche Landesbibliographie.

Cataloguing is closely geared to the standard German cataloguing rules for academic libraries (Regeln für die alphabetische Katalogisierung in wissenschaftlichen Bibliotheken, RAK-WB).

I primi volumi del repertorio (vol. 1-14), relativi ai documenti pubblicati tra il 1925 e il 1938, sono stati digitalizzati e sono disponibili sul sito della Berlin-Brandenburgischen Akademie der Wissenschaften.

The Jahresberichte volumes for the years under review 1925 to 1938, which appeared from 1927 to 1940, impressively document the development of German historical scholarship in the Weimar Republic and in Nazi Germany. During this time the Jahresberichte were not a bibliography in the pure form, but also a forum for detailed research reports. The reports and the employed classification reflect the shift from the Weimar Republic to the Nazi dictatorship as well as the reactions of eminent representatives of the discipline. Online publication makes this material available for modern research.

URL: <http://www.jdg-online.de/>

I nomi della Shoah italiana: la banca dati del CDEC

Il sito I nomi della Shoah italiana: in memoria delle vittime della persecuzione antiebraica 1943-1945 è una banca dati che contiene i nomi e le notizie biografiche delle vittime dei regimi nazista e fascista raccolti dalla Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC) in decine di anni di ricerca.

L’obiettivo del Memoriale è mantenere viva la memoria individuale e collettiva delle vittime e ritracciarne, dove possibile, il percorso di vita e di persecuzione. Si tratta dunque di un’importante iniziativa documentale ma è soprattutto un monumento alla memoria delle vittime e permette, a chi lo desidera, di ritrovare notizie e informazioni su parenti e cari scomparsi nella deportazione.

Il CDEC ha avuto fin dalla sua costituzione, nel 1955, l’obiettivo di ricostruire l’elenco delle vittime della Shoah in Italia, raccogliendo l’eredità del CRDE (Comitato Ricerche Deportati Ebrei) sorto a Roma nel 1945 sotto l’egida dell’Unione delle Comunità Israelitiche Italiane e guidato dal colonnello Massimo Adolfo Vitale.

Vitale produsse nel 1953 un primo elenco dattiloscritto delle vittime. I documenti raccolti in quell’ambito costituirono successivamente il primo patrimonio documentario del CDEC.

Nel 1972 il CDEC avviò, sulla base dell’elenco di Vitale, una nuova ricerca basata su una raccolta dei documenti disponibili in tutti gli archivi internazionali possibili.

Nel 1979 il CDEC prese in considerazione l’idea di pubblicare in un libro-memoriale l’elenco completo di tutti gli ebrei morti in Italia o deportati dall’Italia nel biennio 1943-1945. La direzione del progetto fu affidata a Liliana Picciotto.

Nuovi documenti erano nel frattempo venuti alla luce: la schedatura di 51.000 ebrei o presunti tali messa in atto dal governo fascista nel 1938, i registri-matricola delle carceri italiane con i nomi degli ebrei arrestati, i documenti del Ministero dell’Interno reperiti per le Procure tedesche nell’ambito dei processi a criminali nazisti che avevano operato in Italia. L’analisi di questo complesso documentario portò alla luce nuovi nomi e nuovi dati.

L’esito della ricerca fu pubblicato per la prima volta nel 1991 dalla casa editrice Mursia di Milano nel volume di Liliana Picciotto Il libro della memoria. Gli ebrei deportati dall’Italia (1943-1945), del quale è in preparazione la quarta edizione.

Il nuovo sito web ripropone ora quei nomi in versione digitale. Per ciascuno di essi, grazie ad un motore di ricerca, sarà possibile trovare i dati anagrafici, il luogo di arresto e di deportazione e il destino finale. Le opzioni di ricerca possibili sono cinque: nome, cognome, luogo di nascita, anno di nascita, luogo di arresto.

Nel sito sono inclusi i nomi dei deportati deceduti nei campi di sterminio, i morti negli eccidi italiani e i sopravvissuti.

Il sito sarà inaugurato ufficialmente il 26 gennaio 2012.

“Nella tradizione ebraica i nomi e la nominazione hanno valore fondamentale. Nella pagina di apertura del Memoriale sono assiepati i nomi delle vittime: ne compaiono in ordine alfabetico diverse decine; ogni 24 ore la pagina scompare e ne compare una successiva con ulteriori decine di nomi. Le persone presenti nel database sono oltre settemila, perciò si calcola che occorreranno alcuni mesi perché il ciclo sia completato e i nomi ricomincino dalla prima lettera dell’alfabeto” [dalla pagina di presentazione].

URL: <http://www.nomidellashoah.it>

[Leggi la notizia su Mosaico, il sito ufficiale della Comunità ebraica di Milano]

Post correlati:

>> Ti racconto la storia: voci dalla Shoah

Connected Histories: ricerca integrata su risorse digitali di storia inglese (1500 – 1900)

Connected Histories è un nuovo strumento che consente di condurre ricerche integrate su 15 risorse digitali che contengono documenti, fonti primarie e fonti bibliografiche utili a chi conduce studi relativi alla storia inglese moderna (dal XV al XIX secolo).

Connected Histories brings together a range of digital resources related to early modern and nineteenth century Britain with a single federated search that allows sophisticated searching of namesplaces and dates, as well as the ability to save, connect and share resources within a personal workspace.

Il motore di ricerca è stato sviluppato dal Humanities Research Institute (HRI), Università di Sheffield. Il sito web è gestito dall’Institute of Historical Research di Londra. Si tratta di un progetto non-profit realizzato con il contributo del JISC.

Qui è disponibile un breve filmato di presentazione che illustra tutte le potenzialità di ricerca offerte dal sito.

Molto belli anche i percorsi di ricerca guidati, dedicati ad aree tematiche specifiche: crimine e giustizia; storia della famiglia; storia di Londra; storia imperiale e coloniale; storia locale; storia dell’istituzione parlamentare; povertà e opere di carità; storia religiosa; storia attraverso le immagini.

Riportiamo l’elenco delle risorse e delle banche dati digitali al momento interrogabili attraverso il motore di ricerca (purtroppo molte di queste risorse sono a pagamento, quindi i dati sono accessibili solo per le istituzioni che hanno sottoscritto un contratto di abbonamento):

  • British History Online: the digital library of primary and secondary sources for the history of Britain, from the Middle Ages to c.1900 (banca dati a pagamento).
  • British Museum Images: the collection provides searchable access to almost 100,000 images, relating to early modern and 19th-century Britain (free).
  • British Newspapers, 1600-1900: the most comprehensive digital historic British newspaper archive in existence, with 3 million pages of historic newspapers, newsbooks and ephemera from national and regional papers (banca dati a pagamento).
  • Charles Booth Online Archive: it provides access to guides, digitised images and maps from the Booth archive collections at the London School of Economics and Political Science and the University of London Library (free).
  • Convict Transportation Registers Database: information on more than 123,000 of the 160,000 convicts transported to Australia between 1787 and 1867 included in the Convict Transportation Registers Series (HO 11) held in The National Archives of the UK (free).
  • House of Commons Parliamentary Papers: it gives access to page images and searchable full text for over 200,000 House of Commons sessional papers and supplementary information from 1688 onwards (banca dati a pagamento).
  • John Johnson Collection of Printed Ephemera: the collection provides access to more than 67,000 scanned items from the Bodleian Library’s holdings documenting various aspects of everyday life in Britain from the 18th to the early 20th century (banca dati a pagamento).
  • John Strype’s Survey of London Online: this is a full-text electronic version of John Strype’s enormous two-volume survey of 1720, complete with its celebrated maps and plates, which depict the prominent buildings, street plans and ward boundaries of the late Stuart capital (free).
  • London Lives 1690-1800: it provides a fully searchable edition of 240,000 manuscript pages from eight London archives and 15 datasets, giving access to 3.5 million names (free).
  • Origins.net: it offers online access to some of the richest ancestral information available. The collection searchable through Connected Histories focuses on the early modern history of London (banca dati a pagamento).
  • The Proceedings of Old Bailey Online, 1674-1913: it contains accounts of the trials conducted at London’s central criminal court between 1674 and 1913; and also the Ordinary’s Accounts – detailed narratives of the lives and deaths of convicts executed at Tyburn, published between 1676 and 1772 (free).

URL: <http://www.connectedhistories.org>

 

Bibliografie tematiche della Bibliothèque nationale de France: Storia

Bibliothèque nationale de France

La BnF – Bibliothèque nationale de France mette a disposizione una serie di bibliografie tematiche (scaricabili in formato .pdf o .rtf) preparate per offrire spunti di lettura e approfondimento su temi di attualità o in occasione di esposizioni e incontri organizzati dalla biblioteca.

Elenco delle bibliografie di argomento storico inserite dal 2009 ad oggi (vedi questo post per le bibliografie più vecchie):

URL: <http://www.bnf.fr/fr/collections_et_services/bibliographies/a.bibliographies-histoire.html>

Irish History Online: repertorio bibliografico sulla storia dell’Irlanda

Irish History Online è un repertorio bibliografico che indicizza documenti pubblicati sulla storia dell’Irlanda, dalla preistoria ai nostri giorni. Contiene i riferimenti bibliografici relativi a volumi, saggi pubblicati in volumi (compresi atti di convegni e scritti in onore di… ), articoli pubblicati in riviste. Il repertorio contiene circa 75.000 record bibliografici (dati aggiornati a novembre 2011) ed è consultabile online gratuitamente.

Irish History Online is an authoritative guide (in progress) to what has been written about Irish history from earliest times to the present. It currently contains over 75,000 bibliographic records (November 2011).

Irish History Online includes bibliographic information on books and pamphlets, articles from journals published in Ireland or internationally, and chapters from books of essays, including Festschriften and conference proceedings.

Searches can be made by author/editor, by title or keyword from title, by subject, by journal title or series, or by publication details. Irish History Online is an essential resource for the study of Irish history at any level, and is free of charge to users.

Irish History Online is now hosted by the Royal Irish Academy Library (Dublin). Irish History Online is compiled, managed and regularly updated by a small team of voluntary editors and compilers.

Irish History Online is part of a European network of fifteen historical bibliographies from thirteen countries.

URL: <http://www.irishhistoryonline.ie/>