L’Archivio Prezzolini della Biblioteca cantonale di Lugano

L’Archivio Prezzolini è la sezione manoscritta novecentesca della Biblioteca cantonale di Lugano, nata nel 1978 grazie all’acquisizione, da parte del Canton Ticino, dell’Archivio di Giuseppe Prezzolini.

I singoli fondi hanno tutti un legame con la Svizzera italiana, sia perché alcuni autori ne sono originari (Francesco Chiesa, Giuseppe Zoppi) o vi hanno soggiornato (Giuseppe Prezzolini, Giovan Battista Angioletti), sia per vicinanza affettiva (Guido Ceronetti) o familiare (Ennio Flaiano) con questa regione, sia ancora perché, tra l’uno e l’altro dei titolari dei Fondi medesimi, sussistono rapporti intellettuali o di amicizia.

L’Archivio Prezzolini (attualmente composto da 21 Fondi principali e 34 raccolte di minore entità) è accessibile al pubblico, ad eccezione dei materiali non ancora riordinati nonché di quelli vincolati per desiderio degli autori o dei loro eredi.

Di particolare interesse è la Bibliografia delle opere in volume di Giuseppe Prezzolini, aggiornata al 2007 e scaricabile come file PDF (76 pagine, 1.2 MB).

Dalla pagina di presentazione della bibliografia:
“Il 2007 è l’anno del 25° dalla scomparsa e del 125° dalla nascita di Giuseppe Prezzolini. Per questa duplice ricorrenza, pubblichiamo un aggiornamento della Bibliografia delle opere in volume dell’autore toscano, apparsa, una prima volta, presso l’editore Rusconi, nel gennaio del 1982, in occasione del suo 100° compleanno.
Alla base della nuova iniziativa la convinzione che se esiste, nel mondo della ricerca, uno strumento che, più di ogni altro, richiederebbe aggiornamenti costanti, è certamente quello bibliografico. La sua bibliografia dovrebbe essere il naturale punto di partenza per affrontare un autore: avere sott’occhi ciò che ha scritto è premessa irrinunciabile a ogni passo successivo, a ogni tentativo di contestualizzazione e di interpretazione critica.
Nel caso specifico, un confronto anche soltanto sommario tra questa Bibliografia aggiornata e quella prima rassegna del 1982 è la testimonianza più evidente non solo dell’importanza di Prezzolini nella cultura storica e letteraria dell’Italia del XX secolo, ma anche del ruolo assunto, sin dall’inaugurazione, nel 1978, dell’Archivio Prezzolini”.
 

URL: <http://www.sbt.ti.ch/bclu/?m=quotidiani>


2 pensieri su “L’Archivio Prezzolini della Biblioteca cantonale di Lugano

  1. claudio maria mancini

    Avrei necessita di sapere se nell’archivio Prezzolini sia conservata corrispondenza con mons. Umberto Benigni (1863-1934) e/o con Pietro Mataloni (1899-1966). Vi saro grato di una cortese sollecita risposta.
    Distinti saluti.
    Claudio Maria Mancini

    Rispondi
    1. EF

      Gentile dottor Mancini,

      sono spiacente di non poterla aiutare. Non siamo infatti i responsabili dell’Archivio Prezzolini: ci limitiamo a segnalare l’esistenza di risorse utili per gli studiosi (tra le quali, per l’appunto, questa).

      Le consiglio di contattare direttamente lo staff della biblioteca cantonale di Lugano: bclu-segr.sbt@ti.ch (n . di telefono della segreteria: +41 91 815 4611).

      Cordialmente,

      Elena Franchini

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.