La ‘Cosmographia’ di Tolomeo: il manoscritto della Biblioteca nazionale di Napoli

La Collezione digitale della Biblioteca nazionale di Napoli comprende, tra le altre opere, la copia digitalizzata di un prezioso manoscritto del XV secolo che tramanda la Cosmographia di Tolomeo.

Claudio Tolomeo  (100-178 d.C.), nativo di Pelusium o di Tolemaide, bibliotecario ad Alessandria d’Egitto, viene considerato il teorico del geocentrismo e l’ultimo grande geografo dell’antichità. I suoi studi, raccolti nella Γεωγραφική Υφήγησισ (Gheografiké uféghesis, Introduzione alla Geografia), sono da ritenersi la massima espressione delle conoscenze geografiche greco-romane. L’opera, quasi dimenticata nel mondo occidentale per tutto il medioevo, ma sempre apprezzata tra gli arabi,  ritornò in auge nel Rinascimento, allorquando l’umanista bizantino Manuele Crisolora, già alla fine del ‘300, la fece conoscere in Italia e il suo allievo Iacopo Angelo da Scarperia la tradusse dal greco in latino tra il 1406 e il 1409 nella Curia romana e, con il nome di Cosmographia, la dedicò al papa Alessandro V.
In essa Tolomeo tratta, in 8 libri, i princìpi della geografia, intesa come conoscenza scientifica del mondo abitato (ecumene), le costruzioni – in modo moderno – delle carte, riportando in minuziosi elenchi  oltre ottomila luoghi conosciuti con le coordinate geografiche, da cui i buoni cartografi potevano dedurre le originali ventisette carte corografiche, da lui stesso  volute, tra cui il planisfero.

Il codice napoletano, uno dei più significativi dal punto di vista grafico e miniaturistico tra quelli che ci tramandano l’opera del geografo alessandrino,  è attribuibile alla prima redazione cartografica manoscritta, effettuata intorno al 1460-66 dall’umanista tedesco Nicolò Germanico, cosmografo e cartografo, attivo nelle corti degli Este e dei Medici.

Il codice napoletano appartiene al fondo Farnese, risalente a papa Paolo III, già cardinale Alessandro Farnese (1468-1549). Esso fu portato a Napoli, nel 1736, da Carlo di Borbone, figlio di Elisabetta Farnese, dopo la conquista del Regno di Napoli nel 1734.

Claudio Tolomeo, Cosmographia
Ms. membr., lat., sec. XV (1460-66), cc. I-II,124,III-IV
Biblioteca Nazionale di Napoli, ms. V. F. 32 

URL: <http://www.bnnonline.it/biblvir/tolomeo/tolomeo.htm>


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.