Fonti per la Storia della Toscana / 8: Lucca giacobina (1799)

Lucca giacobina

Nella collana «Strumenti» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile il volume:

Giorgio Tori, Lucca giacobina. Primo governo democratico della Repubblica lucchese (1799). Vol. 1: Saggio introduttivo (Roma, 2000).

Dalla Premessa:

«Al mezzogiorno del 4 febbraio 1799 il generale Sérurier, convocato a Palazzo il Senato della Repubblica oligarchica lucchese, con gravi parole di circostanza decretò la fine dell’antica Repubblica cittadina. Si concludeva così un processo storico plurisecolare e si apriva un nuovo capitolo nella storia della città e del suo territorio. […]

La Costituzione della prima Repubblica democratica lucchese, strutturata sul modello francese della costituzione dell’anno III e soprattutto su quella della vicina Repubblica ligure, prevedeva un potere legislativo suddiviso in due Consigli, l’uno detto dei Giuniori e composto da 48 membri, l’altro di 24 membri, detto dei Seniori. […]

Il potere esecutivo fu costituito da un Direttorio composto da cinque membri e cinque ministri furono incaricati dell’amministrazione pubblica. Fu così costituito un ministro della Giustizia, uno dell’Interno, uno delle relazioni Estere uno della Guerra ed uno delle Finanze. […]

Il mutamento di governo avvenne senza eccessi e violenze private. L’entusiasmo dei novatori si manifestò soprattutto la sera del 4 febbraio, quando per decreto de Direttorio si dette una festa da ballo gratis al teatro Pantera e si illuminò il palazzo pubblico. Il giorno seguente fu piantato l’Albero della libertà in piazza San Michele e l’abate Severino Ferloni pronunziò un incendiario discorso patriottico accompagnato dal suono delle bande musicali e dalle acclamazioni del popolo accorso numeroso. La festa terminò con il Te Deum cantato nella cattedrale e un altro discorso del Ferloni inneggiante alla democrazia».

>> Per accedere al volume clicca qui


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.