Tesi di dottorato ad accesso aperto discusse in Italia: una banca dati

tesi

La piattaforma Pleiadi (Portale per la Letteratura scientifica Elettronica Italiana su Archivi aperti e Depositi Istituzionali) indicizza oltre 29000 tesi di dottorato ad accesso aperto discusse nelle Università italiane.

Questo risultato è frutto del lavoro del gruppo sull’Open Access della CRUI – Conferenza dei Rettori delle Università italiane, come è ben spiegato in un articolo di Paola Galimberti pubblicato sul sito di informazione e dibattito ROARS – Return on academic research. Riportiamo qui di seguito un ampio estratto dell’articolo:

Nel 2007 il gruppo di lavoro sull’Accesso aperto della CRUI  ha pubblicato le linee guida sull’accesso aperto alle tesi di dottorato.

Le linee guida e le raccomandazioni ivi contenute sono frutto di una accurata e approfondita indagine sul trattamento delle tesi di dottorato negli atenei italiani e di un lavoro di analisi giuridica dei testi di legge e dei regolamenti (spesso in contraddizione fra di loro) nell’ottica che la ricerca finanziata con fondi pubblici debba essere liberamente accessibile a tutti.

Di fatto le tesi di dottorato nascono come documenti pubblici, perché pubblica ne è la discussione e pubblica ne è la consultazione (anche se con alcune limitazioni) all’interno delle Biblioteche nazionali dove viene fatto il deposito legale (DM 224/99, art 6.11).

Dal sito della CRUI:

“Le linee guida (le prime di una serie di documenti in via di elaborazione, intesi come strumenti di supporto per le università italiane che hanno sottoscritto la Dichiarazione di Messina) prendono le mosse dal riconoscimento delle tesi di dottorato come prodotti della ricerca a tutti gli effetti, che quindi, secondo la Dichiarazione di Berlino e le recenti raccomandazioni della Commissione Europea, dovranno essere pubblicamente accessibili.

Poiché le tesi nascono in formato elettronico, si è verificata con le Biblioteche Nazionali Centrali di Roma e di Firenze la possibilità di adempiere agli obblighi di legge (comma 11 dell’art. 6 del d.m. 224/99 riguardante l’obbligo di deposito di copia delle tesi presso le BNC) tramite procedura di harvesting automatico oppure tramite invio sicuro dei file”.

Con le linee guida si intende individuare uno standard nazionale nella raccolta ed esposizione dei dati, che però permetta anche di colloquiare con gli altri progetti in corso in ambito europeo. A tale scopo vengono suggerite una serie di raccomandazioni, affinché gli Atenei italiani possano realizzare una procedura di deposito delle tesi di dottorato negli archivi istituzionali autonoma ma, nel contempo, basata su soluzioni simili e coerenti”.

A seguito delle raccomandazioni della CRUI, 37 atenei hanno modificato i regolamenti per il dottorato di ricerca prevedendo, come avviene in 528 istituzioni di 27 paesi europei, il deposito obbligatorio delle tesi di dottorato negli archivi aperti e la loro accessibilità eventualmente dopo un periodo di embargo (la cui motivazione va identificata nella rosa prevista dalle linee guida).

I risultati raggiunti sono visibili ad esempio attraverso la piattaforma Pleiadi, che indicizza oltre 29000 tesi di dottorato ad accesso aperto.

URL: <http://www.openarchives.it/pleiadi/>

>> Su questo argomento ti proponiamo anche il post: DART Europe E-theses: tesi di ricerca di Università europee accessibili in formato elettronico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *