Tag Archives: storia sociale

Social History Portal: un portale dedicato alla storia sociale

Social History

The Social History Portal è un sito curato dalla International Association of Labour History Institutions (IALHI) e rende disponibili tutte le risorse e i servizi precedentemente disponibili all’indirizzo URL http://labourhistory.net.

La IALHI è un’associazione internazionale che coinvolge e coordina archivi, biblioteche, centri di documentazione, musei e istituti di ricerca specializzati in storia sociale, storia e teoria del lavoro, storia del movimento sindacale e del movimento operaio dalla fine del XVIII secolo ai giorni nostri.

Il portale consente l’accesso ai contenuti digitali di 15 istituzioni europee specializzate, per un totale di oltre 900.000 oggetti digitali (libri, opuscoli, documenti d’archivio, fotografie, poster, stampe, film, video, registrazioni sonore).

Molto interessante anche la sezione dedicata allo spoglio di riviste. Purtroppo il servizio non è più aggiornato, ma sono disponibili gli indici di 128 riviste specializzate in storia del lavoro, per un totale di quasi 4.000 fascicoli.  

The Social History Portal fa parte del progetto HOPE – Heritage of the People’s Europe.

 

Search and browse digital collections on social history and the history of the labour movement from the late 18th to the beginning of the 21st century. More than 900,000 digitised objects (archives, books, brochures, leaflets, photographs, posters, prints, cartoons, sound, films and videos) from 15 specialized archives and libraries in Europe”.

URL: <http://www.socialhistoryportal.org>

Riviste tedesche illustrate della Repubblica di Weimar

Weimar

La Biblioteca dell’Università di Dresda e della Sassonia (SLUB Dresden) ha curato la digitalizzazione di alcune delle riviste più popolari in Gemania negli anni ’20, per un totale di 650 numeri, 75.000 pagine e più di 50.000 illustrazioni disponibili online.

Illustrated magazines from the era of Classic Modernism are a rich and esthetically first-rate source for the history of everyday life, culture, communication, design and photography in the period between the wars.

The SLUB Dresden has for the first time compiled digital reproductions of the most important German-language magazines of the period – with around 650 issues, 75,000 printed pages and more than 50,000 illustrations. These issues are made them available to scholars and readers interested in cultural history. This project was realized in cooperation with communication researcher Professor Dr. Patrick Rössler (University of Erfurt) and with the support of the Deutsche Forschungsgemeinschaft, the Deutschen Nationalbibliothek and Axel Springer AG, the legal successor to the former Ullstein-Presse.

Elenco delle riviste:

>> Auto-Magazin  (1928-1930)

>> Das Jüdische Magazin  (1929)

>> Das Kriminal-Magazin  (1929-1931)

>> Das Leben  (1928-1930)

>> Der Querschnitt (1921-1936)

>> Revue des Monats (1926-1931)

>> Scherl’s Magazin  (1928-1933)

>> Uhu  (1924-1934)

:::

URL: <http://www.illustrierte-presse.de/>

Children & Youth in History

Children & Youth in History è un progetto del Roy Rosenzweig Center for History and New Media (CHNM) e dell’Università del Missouri–Kansas City che si rivolge a studenti e insegnanti con l’obiettivo di fornire strumenti per esplorare il mondo dell’infanzia nella storia.

The Roy Rosenzweig Center for History and New Media (CHNM) at George Mason University and the University of Missouri–Kansas City received funding from the National Endowment for the Humanities to create Children and Youth in History.

Children and Youth in History is designed to help teachers and students learn about the important roles of young people throughout history by providing access to information about the lived experiences of children and youth from multiple perspectives as well as changing notions about childhood and adolescence in past cultures and civilizations. The materials on this website address such questions as: What was it like to be a child or adolescent throughout history? How is childhood defined? How has it changed and how has it remained the same? What factors have shaped childhood and how did children shape history, society, and culture?

Children and Youth in History is a free website with four key features:

  • a Primary Source Database with 350 resources along with guidance on how to use those sources critically and tools for annotating and organizing the sources;
  • 60 Website Reviews that focus on valuable online resources for studying and teaching the history of childhood and youth in world history;
  • 11 Teaching Modules that provide historical context, teaching tools, and strategies for teaching with sets of primary sources drawn from the Primary Source Database; and
  • 25 Teaching Case Studies by experienced scholars and teachers that model strategies for using primary sources to teach the history of childhood and youth.

URL: <http://chnm.gmu.edu/cyh/>

The Oxford African American Studies Center: accesso gratuito fino al 1. marzo 2009

oaasc

Per festeggiare l’insediamento alla Presidenza degli Stati Uniti di Barack Obama e in occasione del Black History Month, la Oxford University Press rende eccezionalmente accessibile al pubblico fino al 1. marzo 2009, gratuitamente  e senza limiti di accesso, The Oxford African American Studies Center, una risorsa preziosa per gli studiosi della storia e delle cultura delle popolazioni africane e afro-americane.

Per accedere alla piattaforma web è sufficiente fare login inserendo questi dati:

Username: barackobama

Password: president

“The Oxford African American Studies Center combines the authority of carefully edited reference works with sophisticated technology to create the most comprehensive collection of scholarship available online to focus on the lives and events which have shaped African American and African history and culture.

The Oxford African American Studies Center provides students, scholars and librarians with more than 8,000 articles by top scholars in the field. The core content includes:

In addition to the full-text of these works, the Center draws on other key resources from Oxford’s reference program, including the Concise Oxford Companion to African American Literature, the Oxford Companion to Black British History, and selected articles from other major reference titles. Over 1,750 images, more than 300 primary sources with specially written commentaries, and nearly 150 maps have been collected to enhance this reference content. 150 charts and tables offer information on everything from demographics to government and politics to business and labor to education and the arts.

  • Over 7500 articles from Oxford’s authoritative reference program — with primary source documents, images, maps, chart and tables, and much more!
  • Search and Browse features allow you to focus and refine results by era and subject category.
  • Primary Source Documents, with specially written commentaries, take you through the personal and public histories of African Americans.
  • Maps illustrate over 90 country and territory articles, with thematic maps highlighting major events from the Civil War to the Civil Rights Movement.
  • Timelines guide you through the history of African Americans in sports, the military, and more, including women’s history and Africa and the Diaspora.
  • Charts and tables provide information on everything from demographics to government and politics to business and labor to education and the arts”.

URL: <http://www.oxfordaasc.com/>

Persée: portale di riviste francesi specializzate nelle discipline delle scienze umane e sociali

Persée è uno splendido portale creato dal Ministero francese dell’educazione, dell’università e della ricerca che consente l’accesso a riviste specializzate nelle discipline delle scienze umane e sociali.
Attraverso il portale sono accessibili in rete, gratuitamente, le annate retrospettive di numerose riviste di grande rilevanza scientifica. Come si legge nella pagina di presentazione, la diffusion élargie de ce riche patrimoine scientifique permettra une meilleure valorisation de la recherche française, dans une logique d’accès public et gratuit.

Elenco delle riviste disponibili:

Actes de la recherche en sciences sociales (1975-2003)

Annales d’histoire économique et sociale (1929-2002)

Annales de géographie (1892-1942)

Archives de Sciences Sociales des Religions (1956-1999)

Bulletin de correspondance hellénique (1877-1949)

Bulletin de l’École française d’Extrême-Orient (BEFEO) (1901-2003)

Cahiers d’Études africaines (1960-2001)

Dialogues d’histoire ancienne (DHA) (1974-2005)

Histoire, économie & société (1982-2003)

Histoire & Mesure (1986-2000)

Journal de la Société des Américanistes (JSA) (1895-1939)

Journal de la Société des africanistes (1931-2003)

L’Année Psychologique (1894-2005)

L’Homme (1961-1999)

Matériaux pour l’histoire de notre temps (1985-2002)

Mélanges de l’École française de Rome (1881-2000)

Mil neuf cent : revue d’histoire intellectuelle (Cahiers Georges Sorel) (1983-2000)

Mots. Les langages du politique (1980-2000)

Paléorient (1973-2004)

Pôle Sud (1994-2003)

Politique étrangère (1936-2003)

Politix (1988-2004)

Population (1946-2003)

Recherches en Anthropologie au Portugal (1989-2004)

Réseaux – Communication – Technologie – Société (1983-2000)

Revue d’économie industrielle (1977-2004)

Revue de l’Art (1985-1999)

Revue de l’OFCE (1982-2000)

Revue économique (1950-2002)

Revue Européenne des Migrations Internationales (REMI) (1985-2001)

Revue française de science politique (1951-2002)

Revue française de sociologie (1960-1991)

Revue Tiers Monde (1960-1986)

Romantisme (1971-2003)

Vingtième siècle (1984-2001)

URL: <http://www.persee.fr/listRevues.do>

Pubblicazioni di storia gratuite: ClioPress

ClioPress – Editoria digitale per la didattica e la ricerca storica è un’iniziativa editoriale nata nel 2002 che fa capo al Dipartimento di Discipline storiche “Ettore Lepore” dell’Università Federico II di Napoli.

ClioPress assicura, attraverso la diffusione gratuita delle sue pubblicazioni in rete, la più ampia circolazione possibile ai risultati della ricerca storica, continuando comunque a garantirne la possibilità di una lettura su carta grazie alla tecnologia del print on demand.

“L’iniziativa è sorretta dalla convinzione che l’editoria digitale, se gestita direttamente all’interno delle università e degli istituti di ricerca, possa rappresentare una via d’uscita dalla spirale dei costi sempre più elevati per la stampa, lo stoccaggio e la distribuzione delle pubblicazioni scientifiche, che attanaglia l’editoria tradizionale”.

Segnaliamo, in particolare, il seguente volume, scaricabile in formato PDF (1,34 MB):

  Vivere la guerra. Percorsi biografici e ruoli di genere tra Risorgimento e primo conflitto mondiale, a cura di Laura Guidi, 168 p. (Ottobre 2007). – ISBN 978-88-88904-10-8.

Presentazione

“Attraverso i diversi saggi che lo compongono, il volume dà voce ad esperienze e percezioni soggettive di uomini e donne coinvolti in conflitti bellici tra periodo risorgimentale e Grande Guerra: fasi storiche caratterizzate da profondi elementi di continuità riguardo alla costruzione simbolica dell’identità nazionale, ma anche da altrettanto forti cesure.
Il confronto tra contesti diversi si rivela prezioso per indagare il rapporto tra genere, nazione, guerra. Partendo da uno stereotipo ancora forte, benché messo in discussione da ricerche recenti, che associa le donne al desiderio di pace e gli uomini alla volontà di competizione e di conquista, ci siamo chiesti se dai testi analizzati emergesse una specifica percezione “di genere” delle guerre, e in che misura i conflitti bellici considerati abbiano prodotto crisi e a trasformazione nelle relazioni tra donne e uomini.
Negli scritti di combattenti analizzati nel volume – borbonici e garibaldini sulla scena risorgimentale, volontari inglesi ed italiani del primo conflitto mondiale – ‘fare la guerra’ assume significati molto diversi, in relazione allo schieramento cui si appartiene e alla personalità individuale; ma rappresenta tuttavia, sempre, un momento di confronto cruciale con i modelli di virilità dominanti.
Gli scritti di Louise Colet, appassionata sostenitrice della causa italiana, le immagini di ‘angeli’ e ‘furie’ che emergono dalle memorie maschili del Risorgimento, accanto agli scritti di tante donne mobilitatesi nel 1914-18 – dall’inglese Vera Brittain, alle irredentiste e nazionaliste italiane, alla minoranza femminista che restò, controcorrente, fedele all’internazionalismo pacifista – ci ricordano che nell’Ottocento, così come nel terribile conflitto che apre il ‘secolo breve’, la guerra investì e trasformò profondamente, oltre alla vita degli uomini chiamati al fronte, anche quella delle donne – benché la memoria ‘canonica’ le abbia cancellate, presentando ogni guerra, in quanto tale, come teatro esclusivo della virilità”.

HISCO – Historical International Classification of Occupations

  A cominciare dagli anni ’50 del secolo scorso, l’ILO – International Labour Office ha sviluppato una classificazione internazionale standard delle attività lavorative (ISCO – International Standard Classification of Occupations) per definire in modo uniforme, a livello mondiale, le varie attività occupazionali.

In anni recenti, un gruppo di storici e sociologi ha cominciato a elaborare un nuovo schema di classificazione di taglio storico, basato sulla versione ISCO-1968, per descrivere le attività occupazionali esistenti nel 19° e nel primi anni del 20° secolo, chiamato HISCO (Historical International Classification of Occupations). 

Lo schema HISCO era originariamente basato sulla codifica dei 1000 titoli occupazionali maschili e femminili più frequenti contenuti in banche dati prodotte in otto diversi paesi: Belgio, Inghilterra, Canada, Francia, Germania, Olanda, Norvegia e Svezia. I dati, che attualmente ammontano a varie decine di migliaia, coprono il periodo 1690-1970, ma appartengono per la maggior parte al 19° secolo. Essi registrano i titoli occupazionali attribuiti a persone di tutte le età e documentati in registri storici parrocchiali o civili. La copertura dello schema HISCO è per ora limitata alle economie nordeuropea e atlantica, ma è previsto un ampliamento ad altre aree nel prossimo futuro.

Allo schema HISCO è asociata anche una interessante banca dati di immagini relative al mondo del lavoro. Attualmente sono state inserite le riproduzioni di opere dell’artista olandese Jan Luycken, del tedesco Hans Amman e le illustrazioni tratte dalla Encyclpédie di Diderot e D’Alembert. Le immagini rivelano non solo importanti dettagli tecnici sui processi lavorativi e sui luoghi di produzione, ma forniscono anche informazioni sugli strumenti adoperati nei vari mestieri e sui gesti compiuti dagli uomini nell’espletamento delle loro attività, oltre a testimoniare il mutamento delle tradizioni iconografiche nel tempo.

Il copyright HISCO appartiene alla Leuven (Lovanio) University Press.

URL: <http://historyofwork.iisg.nl/index.php>

Indici di riviste di storia economica e sociale a cura dell’Istituto Datini di Prato

L’Istituto internazionale di storia economica “F. Datini” di Prato offre un utilissimo servizio rendendo accessibili in rete gli indici delle riviste di storia economica e sociale presenti in alcune biblioteche di area pratese e fiorentina.

Oltre alla biblioteca della Fondazione, il lavoro di indicizzazione riguarda, per adesso, la Biblioteca Comunale “A. Lazzerini” di Prato, l’Archivio di Stato di Prato, la Biblioteca della Facoltà di Economia dell’Università di Firenze, la Biblioteca dell’Archivio Storico Diocesano, che conserva le testate prodotte dalle Società di Storia Patria.

Il sito, continuamente integrato e arricchito con nuovi indici, viene costantemente aggiornato con l’inserimento degli ultimi numeri delle riviste.

Il servizio comprende un motore di ricerca che consente, attraverso il nome dell’autore o un termine contenuto nel titolo, di accelerare l’indagine bibliografica.

Dall’aprile 2002 il servizio si arricchisce di una ulteriore opportunità. L’Istituto ha attivato un rapporto di collaborazione con un analogo servizio: Magazine Stacks, realizzato dalla Stadt- und Universitäts-Bibliothek di Francoforte e curato da Stuart Jenks e Dieter Rübsamen, che dal 1997 offre indici di periodici, prevalentemente di lingua inglese e tedesca.

Partendo dal sito dell’Istituto è possibile consultare entrambi gli archivi.

URL: <http://www.istitutodatini.it/biblio/riviste/home.htm>

Banca dati sul manifesto politico e sociale contemporaneo

garibaldi

Manifestipolitici.it è un progetto promosso dall’Istituto Gramsci Emilia-Romagna con la realizzazione tecnica di Manifesta.

Il progetto nasce dalla necessità di rispondere alla domanda di consultazione e utilizzo di fonti iconografiche per lo studio della storia dal Novecento e, contemporaneamente, dall’urgenza di salvaguardare dal deperimento un materiale documentario spesso fragile e di difficile gestione. Testimone e protagonista della nostra storia, il manifesto rappresenta una risorsa stimolante per la ricerca nei più diversi ambiti: dalla storia della grafica a quella dell’editoria, dalla storia della propaganda e della comunicazione politica a quella dell’evoluzione dei costumi e dei comportamenti.

Ad oggi nel catalogo on line Manifestipolitici.it è possibile consultare la descrizione catalografica e le immagini (cliccando su “oggetto digitale”) di oltre 10.000 manifesti prodotti dai primi anni del ‘900 fino ai giorni nostri. La banca dati offre una vasta esemplificazione della produzione nazionale ed internazionale di comunicazione politica e sociale su carta: dai manifesti storici della propaganda elettorale alla libertà creativa dei movimenti di inizio millennio, dalla comunicazione degli enti locali alle testimonianze del Sud America e di molti paesi europei, dai lavori di alcuni dei maggiori studi grafici a livello internazionale alle autoproduzioni dei movimenti giovanili. La banca dati è ad accesso libero.

Nel sito è presentata anche una novità della banca dati, ossia la sezione dedicata alle fotografie, che mostrano il manifesto nel suo contesto reale, grazie a servizi fotografici realizzati in occasione di campagne elettorali, che lo riprendono per le strade di diverse città.

URL: <http://www.manifestipolitici.it/>

BESS: Progetto di digitalizzazione per la ricerca socio-economica sul Piemonte

La BESS – Biblioteca elettronica di scienze sociali ed economiche del Piemonte ha avviato un progetto di digitalizzazione con l’obiettivo di rendere disponibile in rete, in versione integrale, una raccolta di monografie che trattano il tema dello sviluppo socio-economico in Piemonte nella seconda metà del Novecento.

Elenco dei volumi digitalizzati (selezionare “Tutte le opere” dal menu principale): <http://213.254.4.221/bess/index.jsp>

Altreitalie: il portale sull’emigrazione italiana

  Il Centro Altreitalie sulle Migrazioni Italiane, istituito nell’autunno 2005 presso la Fondazione Giovanni Agnelli si propone come luogo di ricerca, incontro, cooperazione culturale nel campo delle migrazioni italiane e delle cominità di origine italiana nel mondo.

Sul portale Altreitalie è possibile consultare e scaricare gratuitamente tutti i numeri della rivista omonima a partire dal 1996.

Sono inoltre disponibili diversi strumenti di lavoro:

  • I numeri delle migrazioni italine: dati italiani (movimento migratorio italiano con l’estero, 1861-1990; gli anni recenti: i flussi in uscita); dati dei Paesi di destinazione (per il momento sono disponibili i dati relativi a Canada, Stati Uniti, Australia);
  • Bibliografie (Bibliografia Altreitalie; Bibliografia sulle migrazioni italiane in Europa);
  • Filmografia italiana sull’emigrazione;
  • Elenaco dei documentari sull’emigrazione;
  • Osservatorio sul voto;
  • Manuale per lo studio delle migrazioni italiane.

URL: <http://www.altreitalie.it>

AESS – Archivio di etnografia e storia sociale della Lombardia

L’Archivio di etnografia e storia sociale della Regione Lombardia è un centro, a gestione pubblica, che opera per la conservazione, lo studio e la valorizzazione di documenti e immagini della vita e delle trasformazioni sociali, della letteratura e della storia orale, della cultura materiale, dei paesaggi antropici del territorio lombardo. Le ricerche sul campo promosse dall’Ufficio cultura del mondo popolare, a partire dal 1972, e realizzate con la collaborazione di associazioni culturali e ricercatori hanno prodotto un patrimonio documentario di interesse etnoantropologico, solo in parte pubblicato nella collana di volumi regionali “Mondo popolare in Lombardia” e nella collana discografica “Documenti della cultura popolare”.

Nel 1990 viene costituito l’Archivio della comunicazione e dell’immagine per l’etnografia e la storia sociale. Progettato per organizzare e rendere fruibile il patrimonio documentario raccolto è oggi – sotto l’acronimo AESS – una delle più complete banche dati sul folklore e la storia sociale di una regione.

L’Archivio svolge attività di conservazione, digitalizzazione e catalogazione di documenti di interesse etnoantropologico, promuove ricerche etnografiche sul campo, acquisisce fondi documentari sonori, fotografici e videocinematografici provenienti da collezioni private, da enti e associazioni, sostiene e coordina progetti per la conoscenza delle culture e delle tradizioni locali.

Il catalogo è consultabile in rete, con diverse modalità di ricerca, a partire dalla pagina: <http://aess.regione.lombardia.it>

Gli archivi dell’Istituto di ricerche Carlo Cattaneo

L’Istituto di studi e ricerche Carlo Cattaneo è sorto nel gennaio 1965 raccogliendo l’eredità dell’Associazione di cultura e politica “Carlo Cattaneo”, costituita nel 1956 per iniziativa dello stesso gruppo di intellettuali che nel 1951 avevano fondato la rivista “il Mulino” e poi, nel 1954, l’omonima Società editrice. Il 15 maggio 1986, con decreto del Presidente della Repubblica, l’Istituto è stato riconosciuto come Fondazione ed eretto in ente morale.

Secondo quanto affermato nello statuto, il principale scopo della Fondazione di ricerca Istituto Carlo Cattaneo è “promuovere ricerche, studi e ogni altra attività culturale e formativa diretta all’approfondimento e alla divulgazione della conoscenza della società italiana contemporanea, con particolare riferimento al sistema politico, alla vita e al funzionamento delle istituzioni, al ruolo e all’organizzazione dei partiti, ai comportamenti elettorali, al sistema delle autonomie locali, alle esperienze di autogoverno e ai vari aspetti di un’organizzazione sociale ordinata da un sistema di libertà collettive e individuali costituzionalmente garantite”.

L’Istituto Cattaneo ha costituito i seguenti archivi di dati e documentazione che sono, in parte, direttamente accessibili via internet:

  • Adele: archivio dati sulle elezioni e la partecipazione politica in Italia.
    L’archivio raccoglie una molteplicità di basi dati molto articolate sulle elezioni svoltesi in Italia dall’unità ad oggi, con riguardo a tutti i livello di governo (comunale, provinciale, regionale, nazionale ed europeo), oltre che alle consultazioni referendarie. Attraverso questo sito si possono svolgere interrogazioni mirate su una base dati di notevole estensione ed interesse che contiene i risultati, comune per comune, del referendum istituzionale e delle elezioni per l’Assemblea costituente (1946), oltre che di tutte le elezioni per la Camera dei Deputati (1948-2001).
  • Dica: dati di indagini campionarie. Gestisce attualmente i dati relativi a tre ricerche:
    ITANES: Italian National Election Studies (1990-2001)
    La partecipazione politica e la situazione sociale a Bologna (1984-1994)
    Osservatorio sull’astensionismo elettorale (1985-1995)
  • Argo: archivio sulle istituzioni di governo e le politiche pubbliche.
    L’archivio raccoglie in primo luogo le basi dati costituite e aggiornate nell’ambito delle ricerche per il Rapporto sulle autonomie locali in Emilia-Romagna.Tali basi dati non sono tutte accessibili via internet in quanto sono state acquisite presso fonti istituzionali che non ne consentono la diffusione a terzi.
  • Demo: dati di sfondo sulla società italiana: popolazione residente per classi d’età e sesso, movimento naturale e matrimoni della popolazione presente, confronto con i paesi dell’Unione europea su alcuni indicatori demografici; popolazione per condizione professionale, attività economica degli occupati e sesso, conflitti di lavoro, tassi di disoccupazione per aree geografiche, età e sesso o titolo di studio, confronto con i paesi dell’Unione europea sui tassi di disoccupazione; popolazione residente per titolo di studio, classi d’età e sesso, confronto con i paesi dell’Unione europea su alcuni indicatori dell’istruzione; prodotto interno lordo (ai prezzi di mercato), indice dei prezzi al consumo, consistenza del debito pubblico e indebitamento delle amministrazioni pubbliche; delitti denunciati per i quali l’autorità giudiziaria ha iniziato l’azione penale.
  • Crono: cronologia dei principali avvenimenti politici e sociali che si sono verificati in Italia dal 1993 al 2004
  • Biblio: recensioni di volumi su società e politica in Italia editi negli ultimi anni.

L’emigrazione negli USA (1789-1930)

Immigration to the United States, 1789-1930 è una collezione digitale che offre in libero accesso una selezione di materiale storico conservato presso le biblioteche, gli archivi e i musei della Harvard University al fine di documentare il fenomeno della migrazione verso gli Stati Uniti nel periodo che va dalla firma della Costituzione alla Grande Depressione.

La raccolta comprende circa 1.800 libri e opuscoli digitalizzati, nonché 9.000 fotografie, 200 mappe e 13.000 pagine di manoscritti e materiale d’archivio, che testimoniano l’esperienza di vita dei migranti e documentano le politiche adottate dal governo statunitense nel corso dei decenni.

Il progetto non si limita a garantire libero accesso ai documenti, ma si arricchisce di un’utile tavola cronologica che aiuta a contestualizzare il materiale disponibile fornendo, al contempo, una serie di interessanti dati statistici.

Da segnalare, per la ricchezza dei contributi, la pagina dedicata ai link esterni.

URL: <http://ocp.hul.harvard.edu/immigration>

Il lavoro femminile negli USA (1800-1930)

La Biblioteca della Harvard University ha curato la digitalizzazione di una collezione di documenti (libri, pamphlet, riviste, manoscritti, fotografie) che testimoniano le condizioni del lavoro femminile negli Stati Uniti d’America tra il 1800 e il 1930.

La collezione, che porta il titolo Women Working, 1800 – 1930, comprende circa 500.000 immagini digitalizzate di eccellente qualità, disponibili anche in versione stampabile. Nel dettaglio:

  • 7.500 pagine manoscritte
  • 3.500 libri e opuscoli
  • 1.200 fotografie

URL: <http://ocp.hul.harvard.edu/ww>