Archivi tag: storia d’Italia

Un videoportale Rai dedicato al Risorgimento e all’Unità d’Italia

La Rai lancia un videoportale dedicato alla storia del Risorgimento, in occasione dei festeggiamenti per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Il battesimo ufficiale si è tenuto oggi alla presenza di Giuliano Amato, presidente del Comitato dei Garanti per le celebrazioni del 150mo anniversario, di Giovanni Minoli, coordinatore della struttura che si occuperà della programmazione in occasione della ricorrenza e Piero Gaffuri, amministratore delegato Rai Net e direttore Rai Nuovi media.

Il portale consente l’accesso a una web tv che trasmette in streaming oltre 200 filmati sulla storia d’Italia dal 1861 ad oggi, con particolare attenzione agli anni del Risorgimento; inoltre è possibile consultare decine di biografie testuali sui principali protagonisti della storia d’Italia e dossier a tema.

URL: <http://www.150.rai.it>

La questione meridionale: biblioteca digitale della Fondazione Istituto Gramsci di Roma

Dal sito della Fondazione Istituto Gramsci di Roma si accede alla biblioteca digitale dedicata alla questione meridionale:

In questa prima sezione di monografie e opuscoli della biblioteca riprodotti su supporto digitale, presentiamo un primo approccio alla questione meridionale. Sebbene non costituisca un corpus organico, questa scelta rispecchia l’articolata composizione di coloro che hanno contribuito a delineare i termini della «questione»: giornalisti, storici, giuristi, deputati e senatori, economisti, filantropi, proprietari terrieri e sindacalisti, nati e residenti al Sud come al Nord, delle più diverse estrazioni sociali e di svariati orientamenti politici, dai socialisti, ai cattolici, ai liberali.

L’obiettivo è quello di mettere a disposizione documenti, più o meno noti, allo scopo di ripensare le fasi di avvio della discussione sulla «questione meridionale». A tal fine la rassegna di fonti si snoda dall’ultimo scorcio dell’Ottocento per giungere idealmente alla formulazione del paradigma gramsciano, punto di svolta di una riflessione che sarebbe stata ripresa nel dopoguerra dalla storiografia e dal dibattito pubblico, fino agli esiti dei nostri giorni.

URL: <http://www.bibliotecadigitalefondazionegramsci.org/index.php>

Il Risorgimento e la nascita dell’Italia contemporanea: un percorso multimediale

Il Risorgimento e la nascita dell’Italia contemporanea è un ampio progetto che nasce dalla collaborazione della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, dell’Accademia nazionale Santa Cecilia e della Fondazione Istituto Gramsci.

Nella sezione Percorsi multimediali documenti, libri, periodici, manifesti, video e file musicali documentano, in percorsi guidati, la nascita dell’idea di nazione italiana e lo sviluppo e le riletture che questa idea ha avuto dall’Ottocento al Novecento.

Diventare nazione Politica, letteratura, musica, teatro: i linguaggi dell’identità nazionale

  • La comunicazione pubblica
  • Cultura popolare
  • I molti linguaggi del mondo cattolico
  • L’idea di nazione dalla fine del Settecento fino al compimento dell’Unità nazionale
  • L’esperienza dell’esilio
  • La cultura politica di Cavour
  • Il teatro politico di Felice Cavallotti
Costruire la nazione Gli economisti nell’Italia risorgimentale
  • La discussione tra Macchi e Tommaseo
  • Industria e sviluppo economico
  • Unificare il paese
Fare gli italiani Verso la nuova Italia
  • Il Garibaldinismo
  • Etica del lavoro
  • La costruzione della ‘questione meridionale’
Essere italiani Famiglia e sviluppo dall’Italia napoleonica alI’Italia industriale
  • La fisionomia del pensiero economico italiano
  • “Il Conciliatore”
  • Governo della terra e governo degli uomini
  • Il pensiero di Sismondi e gli uomini del Risorgimento italiano
  • Governo dell’economia
Gli “altri” Italiani La nazione del lavoro tra Risorgimento e Socialismo
  • Dopo Mazzini
  • La comune di Parigi e le sue ripercussioni in Italia
  • Socialismo italiano
  • Mondo cattolico tra Unità e nuovo secolo
  • Anarchismo italiano
  • Cultura popolare
Rappresentare gli italiani «Il Gattopardo» dal romanzo al film
  • Dal romanzo al film
  • La storia e i personaggi
  • L’accoglienza del film

URL: <http://www.progettorisorgimento.it/risorgimento-cms/cms.view?munu_str=0_6&numDoc=12>

Il portale Luce Camera: risorse digitali sulla storia politica e parlamentare italiana

“Frutto della collaborazione tra l’Archivio storico di Cinecittà Luce e la Biblioteca della Camera dei deputati, il portale organizza e rende fruibili online tutte le risorse digitali sulla storia politica e parlamentare prodotte e conservate dall’archivio foto-cinematografico Luce: decine di migliaia di fotografie e filmati, raccontano il lungo Novecento italiano.
Deputati, luoghi ed attività di carattere istituzionale ritratti dal fotogiornalista Adolfo Porry Pastorel per l’Italia liberale e della marcia su Roma, dai fotografi dell’Istituto Luce per gli anni del regime e del primo decennio della Repubblica, dai reporter delle grandi agenzie Dial e Vedo per gli anni Cinquanta e Sessanta,  dagli operatori dei cinegiornali del periodo fascista, delle attualità cinematografiche straniere del periodo bellico e delle testate giornalistiche dell’Italia repubblicana (Incom, Radar, Caleidoscopio) dai racconti di documentaristi, giornalisti e sceneggiatori.

Il progetto editoriale prevede diverse modalità di accesso al materiale: primi piani, focus, percorsi tematici, biografie, ricerca.
Il primo piano permette di valorizzare ricorrenze, eventi, manifestazioni istituzionali proponendo, con una scelta di documenti d’archivio, percorsi di approfondimento storico- politico. Due focus presentano con brevi testi introduttivi collezioni di immagini, serie di filmati o fotografie di notevole interesse.
Tredici itinerari tematici illustrano, con introduzioni ed immagini, selezioni di documenti fotografici ed audiovisivi sui protagonisti della vita politica (uomini e partiti), i luoghi della politica (il Palazzo di Montecitorio o la piazza di Montecitorio), i tempi della politica (Legislature del Regno, Consulta, Costituente, referendum del 2 giugno, elezioni).

Un percorso dedicato ai Presidenti della Camera nell’archivio Luce permette una navigazione biografica tra i materiali di repertorio dal 1919 al 1994, tra tanti protagonisti della vita politica del Paese che, nel Novecento, ricoprirono la carica di Presidente della Camera. L’archivio documenta quasi un secolo di storia: il primo presidente per il quale esistono materiali di repertorio è Vittorio Emanuele Orlando;  l’ultimo presidente della Camera presente nelle immagini d’archivio è Giorgio Napolitano.
Con la ricerca libera si consulta l’intera banca dati: circa 15.000 documenti audiovisivi (13.000 cinegiornali del periodo fascista e dell’Italia repubblicana, 1000 documentari, circa 800 filmati di repertorio), circa 32500 fotografie.
Un sistema di filtri consente di raffinare l’esito della ricerca: si può circoscrivere la fonte (archivio fotografico e archivio cinematografico) i periodi storici (15 lemmi del thesaurus tematico dell’archivio Luce) restringere l’arco cronologico, indicare l’anno esatto, perfezionare la navigazione inserendo un ulteriore lemma per lanciare una nuova ricerca tra i risultati”.

URL: <http://camera.archivioluce.com>

[via Storia digitale]

L’Archivio audiovisivo del Movimento operaio e democratico

L’Archivio audiovisivo del Movimento operaio e democratico nasce nel 1979 come associazione con la denominazione di Archivio storico audiovisivo del movimento operaio (ASAMO) ed eredita il patrimonio filmico del Pci e della Unitelefilm, società di produzione cinematografica legata al Pci. Primo Presidente dell’ archivio sarà, per alcuni anni, Cesare Zavattini.

Nel 1983 il patrimonio dell’archivio viene dichiarato dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio di notevole interesse storico. E’ il primo archivio audiovisivo italiano che, grazie alla consistenza e importanza del suo patrimonio, riceve questa notifica. Nel 1985 l’Archivio viene riconosciuto come fondazione, assumendo l’attuale denominazione: Fondazione Archivio audiovisivo del Movimento operaio e democratico.

Le banche dati on line, che ne consentono la consultazione, sono continuamente aggiornate.

L’Archivio fotografico conserva oltre 250.000 immagini di argomento politico, storico-sociale, di storia del costume e della cultura, in particolare italiana. Le immagini coprono un arco temporale che va dall’inizio del Novecento a oggi, con maggiore consistenza per il periodo dal secondo dopoguerra agli anni Ottanta del XX secolo.

L’Archivio audiovisivo custodisce migliaia di film, soprattutto di non fiction, oltre a circa 250.000 foto sulla storia sociale e politica dell’Italia e di altri paesi. Sono inoltre in corso di ordinamento 3.000 ore di materiale d’archivio sonoro e cartaceo di società di produzione e di autori privati. E’ possibile accedere al patrimonio dell’Archivio audiovisivo interrogando la banca dati ospitata presso l’Archivio Luce (vai alla pagina di ricerca). Molti documentali sono liberamente consultabili in Rete.

  • Sguardo sul mondo: le inchieste inedite degli anni Sessanta e Settanta
  • Sud d’Italia: un approccio inedito alla questione meridionale italiana
  • Donne: il movimento delle donne in Italia nel secondo dopoguerra
  • La pace: i movimenti pacifisti dal secondo dopoguerra a oggi
  • Storia del Partito Comunista Italiano: le battaglie e i protagonisti del Pci nel secondo dopoguerra
  • Le feste della sinistra in Italia: La festa del lavoro e la festa dell’Unità
  • Lavoro e diritti: le battaglie per l’occupazione e i diritti dei lavoratori
  • Terrorismo e stragi: l’Italia tra terrosismo e strategia della tensione
  • Il movimento studentesco: Le lotte degli studenti e il movimento del Sessantotto
  • Guerra e resistenza: gli episodi salienti del movimento di liberazione in Italia

L’Archivio sonoro comprende 3.000 ore di sonori in presa diretta (anni Cinquanta-Ottanta), in corso di recupero e catalogazione. Il fondo rispecchia in termini di contenuti e di estremi cronologici quelli dei fondi audiovisivi dell’Unitelefilm e del Pci. Si evidenziano in particolare i discorsi di Palmiro Togliatti, tenuti in varie occasioni, soprattutto negli anni cinquanta e nei primi anni sessanta, di Giuseppe Di Vittorio e di altri leader politici della sinistra italiana. Numerose inoltre le testimonianze e le interviste ad operai e militanti dei partiti politici della sinistra, raccolte in occasione di manifestazioni, scioperi, feste de l’Unità, del Primo Maggio. Altrettanto numerose le registrazioni di assemblee, di congressi, di riunioni sindacali e del Pci.

La Fondazione Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico conserva inoltre alcuni archivi cartacei di particolare rilevanza, a cominciare dall’archivio dell’Associazione Asamo, poi Fondazione Aamod. Accanto a questo, di particolare rilievo sono gli archivi di società di produzione quali l’Unitelefilm e la Reiac e del regista e critico cinematografico Libero Bizzarri.

URL: <http://www.aamod.it/catalogo/>

L’Unità: archivio digitale di tutti i numeri (1926- )

unità

Sul sito del quotidiano L’Unità sono disponibili in versione digitalizzata tutte le annate del giornale a partire dal primo storico numero, pubblicato il 12 febbraio 1924.

Quest’opera di digitalizzazione supera di gran lunga, per facilità d’uso e completezza dell’archivio, un precedente progetto di digitalizzazione tuttora accessibile attraverso il sito della Biblioteca Digitale Piemontese (leggi qui).

URL: <http://archivio.unita.it>

I documenti diplomatici italiani (3 novembre 1903 – 28 marzo 1905)

Continua la pubblicazione gratuita online dei volumi della collana I documenti diplomatici italiani, a cura dell’Istituto poligrafico e zecca dello Stato:

ico_pdf I documenti diplomatici italiani. Terza serie: 1896 – 1907. Vol. VIII (3 novembre 1903 – 28 marzo 1905). – Roma : Istituto poligrafico e zecca dello Stato, 2007. – 1008 p.  (3 MB)

“Questo volume, ottavo della serie terza, inizia il 3 novembre 1903 con la nascita del Ministero presieduto da Giovanni Giolitti e giunge fino al 28 marzo 1905 con la fine del Ministero stesso, alla cui presidenza è succeduto il 16 marzo Tommaso Tittoni, che già ricopriva la carica di ministro degli esteri. Il volume coincide dunque con l’inizio della attività di Tittoni alla direzione della politica estera, attività destinata a durare fino al dicembre 1909, con una interruzione di alcuni mesi tra la fine del 1905 e il maggio del 1906”.

URL: <http://www.bv.ipzs.it/bv-pdf/0061/MOD-VP-07-1-5_1004_1.pdf>

I documenti diplomatici italiani (1° luglio 1949 – 26 gennaio 1950)

Continua la pubblicazione gratuita online dei volumi della collana I documenti diplomatici italiani, a cura dell’Istituto poligrafico e zecca dello Stato:

ico_pdf I documenti diplomatici italiani. Undicesima serie: 1948 – 1953. Vol. III (1 luglio 1949 – 26 gennaio 1950). – Roma : Istituto poligrafico e zecca dello Stato, 2007. – 784 p.  (3 MB)

“Con questo volume, il terzo della serie undicesima, si conclude la pubblicazione del materiale documentario relativo alla politca estera del quinto ministero De Gasperi. Il volume inizia il 1° luglio 1949 e termina il 26 gennaio 1950. Contiene quindi i documenti riguardanti gli ultimi sette mesi di attività di quel lungo ministero, che è stato protagonista dei due fondamentali negoziati che hanno portato alla partecipazione dell’Italia al Trattato dell’Atlantico del Nord (4 aprile 1949), come membro originario, e al suo ingresso ufficiale nel processo di integrazione europea che ebbe il suo inizio formale con l’stituzione del Consiglio d’Europa (5 maggio 1949).

Nei primi due volumi di questa serie si sono ampiamente documentati tali negoziati. Nel presente volume, molto più breve degli altri due, c’è anzitutto il materiale che riguarda l’esecuzione dei suddetti trattati: progetti e discussioni per quel che sarà la struttura organizzativa dei suddetti trattati; progetti e discussioni per quel che sarà la struttura organizzativa della futura NATO; primi tentativi di funzionamento e dialettica tra Consiglio dei ministri e Assemblea consultiva per quanto riguarda il Consiglio d’Europa”.

URL: <http://www.bv.ipzs.it/bv-pdf/0061/MOD-VP-07-1-18_1005_1.pdf>

Casellario politico centrale: banca dati online

archivio-2
:::
“La creazione di un’anagrafe delle persone considerate pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica risale all’età crispina. Con la circolare n. 5116 del 25 maggio 1894nell’ambito della Direzione generale di pubblica sicurezza fu istituito un ufficio con il compito di curare l’impianto e il sistematico aggiornamento dello schedario degli oppositori politici. Anarchici, repubblicani, socialisti ma anche oziosi e vagabondi furono oggetto di una capillare attività di sorveglianza che alimentò un consistente archivio di fascicoli personali.
L’organizzazione dell’ufficio e dell’archivio fu modificata con successive circolari (1896, 1903, 1909, 1910 e 1911) fino ad assumere il nome di Casellario politico centrale con legislazione eccezionale del 1925 e del 1926.
Durante il periodo fascista l’attività di sorveglianza e controllo della polizia si amplificò comprendendo non più soltanto i politici ma tutta una indeterminata categoria di persone, definita genericamente antifascista, e gli allogeni ossia le minoranza etniche soprattutto della Venezia Giulia.
L’archivio è costituito da 152.589 fascicoli personali con documentazione prevalentemente compresa tra il 1894 e il 1945. I fascicoli contengono note informative, relazioni, verbali di interrogatori, provvedimenti di polizia, indicazioni di iscrizione nella Rubrica di frontiera o nel Bollettino delle ricerche e spesso una scheda biografica che riporta sinteticamente e cronologicamente tutta l’attività dello schedato. I documenti di data successiva al 1945 si riferiscono alle pratiche per la concessione dei benefici accordati ai perseguitati politici del regime fascista.
L’archivio conserva anche materiale a stampa (giornali, volantini, manifesti, opuscoli) e documentazione fotografica.
I fascicoli del Casellario politico centrale sono pervenuti all’Archivio centrale dello Stato a partire dal 1910 in più versamenti.
Le informazioni della banca dati sono organizzate in due aree relative rispettivamente all’unità archivistica e all’intestatario.

La prima area riporta:
– contenitore (busta)
– numero originale del fascicolo (dalla lettera A alla lettera R tale numero è in fase di inserimento);
– denominazione (cognome, nome, eventuale pseudonimo o soprannome e per le donne anche cognome del coniuge). La paternità non è visualizzabile per il suo carattere riservato;
– estremi cronologici;
– nota archivistica (è segnalata ad esempio l’articolazione in più parti del fascicolo o l’assenza di documentazione o il rinvio ad altro fascicolo della stessa o di altra serie).
Infine è segnalata la presenza nel fascicolo della scheda biografica, di documentazione a stampa e della documentazione fotografica, quest’ultima in fase di inserimento.

La seconda area  riporta:
– dati anagrafici: data di nascita; luogo di nascita; luogo di residenza;
– appartenenza politica;
– condizione, mestiere o professione;
– annotazioni: provvedimenti di polizia (confino politico, ammonizione, diffida, iscrizione nella Rubrica di frontiera, internamento); condanne della giurisdizione ordinaria (offese al capo del Governo) o politica (Tribunale speciale per la difesa dello Stato);  radiazione dall’elenco dei sovversivi”.

Bibliografia dell’antifascismo italiano

 

fratelli-rosselli_th

I fratelli Rosselli

La Bibliografia dell’antifascismo italiano è il risultato della pluriennale attività di un gruppo di studiosi afferenti a diverse università italiane. La bibliografia include sia il materiale a stampa – a carattere monografico o periodico – prodotto da tutti gli esponenti e le forze organizzate dell’antifascismo italiano durante gli anni del regime, sia la memorialistica e la produzione storiografica incentrate su quell’esperienza dall’immediato dopoguerra ai giorni nostri. 

La bibliografia è divisa in tre sezioni:

  • Testi e documenti
  • Periodici
  • Storiografia 

Le prime due sezioni sono dedicate alle fonti, ovvero contengono le schede relative alle pubblicazioni monografiche e alle testate periodiche edite dall’antifascismo italiano tra il novembre 1926 e il luglio 1943. La terza comprende invece le schede relative agli scritti sull’esperienza storica dell’antifascismo pubblicati dal 1945 al 2005. Le singole schede, oltre alle indicazioni bibliografiche, presentano alcuni campi finalizzati a fornire le informazioni necessarie per la ricerca: il campo “note” e il campo “parole chiave” per tutte e tre le sezioni; il campo “ambito geografico” solo per la sezione Storiografia.

La Bibliografia è disponibile anche su CD-Rom (Roma : Carocci, 2008).

Progetto scientifico e coordinamento di: Alberto De Bernardi, Leonardo Rapone, Alceo Riosa, Elisa Signori, Marina Tesoro, Albertina Vittoria.

Gruppo di ricerca: Elena Bignami, Gianmarco Bresadola, Monica Caiazzo, Vittorio Caporrella, Sonia Castro, Marco Cuzzi, Elisabetta Francioni, Benedetta Garzarelli, Francesco Grandi, Yuri Guaiana, Paolo Mattera, Matteo Pasetti, Agata Pernicone, Andrea Rapini, Marica Roda, Luca Tedesco, Bruno Ziglioli.

Progettazione e coordinamento informatico: Vittorio Caporrella, Leone Venticinque.

URL: <http://66.71.178.156/bibliografiaantifascismo/index.html>

Archivi della Democrazia cristiana

dc1

L’Istituto Luigi Sturzo ha realizzato un sito web dedicato alle fonti per la storia della Democrazia cristiana, che prevede l’informatizzazione e la messa in Rete degli inventari e del patrimonio iconografico contenuti nell’archivio storico del partito.
Il progetto offre un’ampia possibilità di consultazione di fonti archivistiche e bibliografiche e intende rispondere alle esigenze di informazione e di approfondimento critico intorno alle vicende che hanno segnato cinquant’anni di esistenza di un partito che ha inciso profondamente nella storia del nostro paese, dalla fine della seconda guerra mondiale ai primi anni Novanta.

>> La cronologia
L’area cronologica contiene schede in formato testo, che ricostruiscono in sei periodi, la storia del partito dal 1943 al 1993.

>> Le fonti per la storia del DC. Inventari e fonti a stampa
In questa sezione sono disponibili, per la consultazione e la stampa, gli inventari delle carte prodotte dagli organi e dalle strutture centrali del partito e degli archivi personali dei principali esponenti della Democrazia cristiana, i cui archivi sono conservati in Istituto.

In questa sezione sono presenti inoltre:
– le riproduzioni digitali dei manifesti prodotti dalla Democrazia cristiana – Servizio propaganda e stampa;
– l’archivio fotografico del quotidiano Il Popolo, provenienti dai servizi fotografici, prodotti dal giornale relativi a Consigli Nazionali, Congressi Nazionali e Assemblee del Partito;
– la raccolta degli audiovisivi prodotti dalla Democrazia cristiana – Servizio propaganda e stampa;
– le riproduzioni digitali degli Statuti emanati dal partito dal 1945 in poi;
– le riproduzioni digitali dei nove numeri dell’edizione clandestina de Il Popolo;
– le fonti bibliografiche: questa sezione consente di avere accesso al catalogo SBN della biblioteca dell’Istituto e contestualmente a quello nazionale, offrendo la bibliografia fondamentale sulla storia della DC; sono presenti inoltre le banche dati del materiale a stampa prodotto dalle strutture del partito (opuscoli, inserti, ecc.).

>> Percorsi
La terza sezione prevede dei percorsi tematici di approfondimento storiografico la cui elaborazione è affidata al comitato scientifico del progetto. Le informazioni contenute nella sezione Cronologia e l’apparato informativo sulle strutture del partito sono tratte da F. MALGERI, Storia della Democrazia cristiana, Roma, Cinque Lune – Palermo, Mediterranea, 1987

Il progetto è realizzato dall’Area studi e ricerche e dal Laboratorio digitale dell’Istituto Sturzo.

URL: <http://www.archividc.it/index.htm>

Censimento delle fonti per la storia della Repubblica sociale italiana

8

Il 4 dicembre 2008, nell’ambito della scuola di archivistica dell’Archivio di Stato di Milano, è stato presentato il Censimento delle fonti per la storia della Repubblica sociale italiana, promosso e curato dalla Fondazione Istituto per la storia dell’età contemporanea – Isec. 

“Il Censimento delle fonti per la storia della Repubblica Sociale Italiana è stato progettato in considerazione della dispersione dei documenti della Repubblica avvenuta al momento della sua sconfitta.
Il Censimento è stato effettuato presso gli Archivi di Stato locali, presso gli Istituti per la storia della Resistenza e presso altri enti che hanno prestato la loro collaborazione.
Al momento esso presenta la massima parte dei fondi documentari conosciuti, relativi agli organi dello Stato fascista repubblicano, al Partito Fascista Repubblicano nonché alle sue organizzazioni – soprattutto quelle militari.
Al Censimento si affianca la bibliografia La stampa della RSI 1943-1945 curata da Marco Borghi, Fondazione ISEC e Guerini ed., Milano 2006″.

URL: <http://www.fondazioneisec.it/rsi/>

I documenti diplomatici italiani (24 marzo – 22 giugno 1919)

Continua la pubblicazione gratuita online dei volumi della collana I documenti diplomatici italiani, a cura dell’Istituto poligrafico e zecca dello Stato:

ico_pdf I documenti diplomatici italiani. Sesta serie: 1918 – 1922. Vol. III (24 marzo – 22 giugno 1919). – Roma : Istituto poligrafico e zecca dello Stato, 2007. – 1080 p.  (4 MB)

“Il periodo coperto da questo volume (24 marzo – 22 giugno 1919), per quanto relativamente breve, è estremamente denso di avvenimenti e di problemi, poiché corrisponde ad una fase decisiva della conferenza di Versailles, mentre coincide con gli ultimi travagliati mesi del Ministro Orlando. Si apre infatti con la costituzionie a Parigi del Consiglio dei quattro e si chiude con le dimissioni del Ministro Orlando, a seguito del voto della camera del 19 giugno.

Inaugurata ufficialmente il 18 gennaio pomeriggio al Quay d’Orsay – lo stesso giorno della ricostituzione del Ministero Orlando – la Conferenza della pace registra proprio il 24 marzo una svolta importante con l’istituzione di un Consiglio dei quattro (Wilson, Clemenceau, Lloyd George, Orlando), accanto al Consiglio dei dieci per la trattatazione delle questioni più importanti, e ciò con il dichiarato scopo di abbreviare le discussioni e imprimere carattere più autorevole e al tempo stesso più riservato alle decisioni.

Il conflitto era terminato con gli armistizi del 1918, ma i problemi da risolvere sono numerosi e complessi, con riflessi anche sul piano militare. E la diplomazia italiana appare impegnata a tutto campo nei settori più disparati in cui si ritengono in gioco gli interessi del paese.

Accanto alle discussioni generali per la preparazione dei trattati di pace, i nodi da sciogliere sono tanti: la questione adriatica e i rapporti con il nuovo Stato serbo-croato-sloveno; l’Albania; le operazioni in Anatolia e i rapporti con la Grecia e con la Turchia; la questione dei compensi coloniali; le clausole militari e di disarmo; le riparazioni. Ma anche, naturalmente, le tormentate relazioni con Wilson e con gli alleati, i riflessi della situazione interna sulla politica estera, le contrastanti concezioni circa le linee da seguire. E poi tutta una serie di problemi particolari, di minore importanza, certo, ma comunque significativi del momento vissuto dall’Italia nelle sue ambizioni di grande potenza giovane e in ascesa”.

URL: <http://www.bv.ipzs.it/bv-pdf/0061/MOD-VP-06-1-26_963_1.pdf>

I documenti diplomatici italiani (1. gennaio – 22 maggio 1939)

Disponibile gratuitamente in rete il volume pubblicato nel 2006 dalla Libreria dello Stato (Istituto poligrafico e zecca dello Stato):

ico_pdf I documenti diplomatici italiani. Ottava serie: 1935 – 1939. Vol. XI (1. gennaio – 22 maggio 1939). – 1064 p.  (3 MB)

“Questo volume, undicesimo della serie ottava, racchiude il materiale relativo al periodo che dal 1. gennaio giunge al 22 maggio 1939, giorno in cui è sottoscritta l’alleanza italo-tedesca nota come Patto d’Acciaio. Viene così completata la serie ottava con la saldatura al volume XII, il primo della raccolta ad essere pubblicato nel lontano 1952.

La distruzione dello Stato cecoslovacco, a metà marzo, è l’avvenimento più importante di questo periodo, per la gravità della crisi cui dà luogo e, ancor più, per la sua rilevanza in quella catena di fatti che porta allo scoppio della seconda guerra mondiale”.

URL: <http://www.bv.ipzs.it/bv-pdf/0061/MOD-VP-06-1-25_501_1.pdf>

Guerra ai civili: le stragi nazi-fasciste in Toscana dal 1943 al 1945

santanna1

Segnaliamo un sito che  raccoglie informazioni bibliografiche e materiale documentario con lo scopo di tracciare un atlante delle stragi nazi-fasciste in Italia.

Tutti i contenuti pubblicati sul sito sono curati da un gruppo di ricerca dell’Università di Pisa coordinato dal prof. Paolo Pezzino.

Il gruppo nazionale di ricerca, in origine costituito dai nuclei di quattro regioni italiane (la Campania, la Puglia, la Toscana, l’Emilia – Romagna) ha censito, catalogato e analizzato le stragi di popolazione civile commesse dalla Wehrmacht e dai reparti della Repubblica Sociale Italiana nel periodo dell’occupazione tedesca in Italia.

Fra le regioni studiate, la Toscana costituisce un privilegiato campo di osservazione per le dimensioni e la qualità che il fenomeno della guerra ai civili assunse in questo territorio nei lunghi mesi dell’occupazione tedesca.

Combinando materiali di diversa provenienza archivistica – dai grandi archivi italiani, britannici, statunitensi e tedeschi sino alla più microscopica ricerca condotta presso gli archivi comunali toscani – con le con testimonianze orali raccolte a più riprese da Giovanni Contini, il gruppo è pervenuto alla stesura di un database completo degli episodi di strage occorsi sul territorio e di schede specifiche per ogni episodio.

URL: <http://131.114.43.50:81/stmstragi/index.php>