Tag Archives: storia di Venezia

Gli archivi digitali della Fondazione Cini di Venezia

Cini

“Dal 3 luglio 2015 sono consultabili in rete circa 22.000 documenti appartenenti agli archivi digitali della Fondazione Cini di Venezia, che ha affidato a regesta.exe il compito di realizzare un’infrastruttura tecnologica per la gestione e la diffusione di un patrimonio culturale che raccoglie più di 90 fondi, oltre 5 milioni di documenti, fotografie e libri.

Una rapida incursione tra gli archivi pubblicati all’interno del sito istituzionale consentirà di conoscere meglio i materiali custoditi dalla Fondazione, anche grazie alle modalità di ricerca e navigazione realizzate. La navigazione a filtri proposta all’utente evidenzia infatti, in modo estremamente efficace i rapporti, le risonanze, le intersezioni continue tra musicisti, pittori, coreografi, scrittori restituendo organicità e unitarietà alla cultura artistica e letteraria del Novecento italiano e con essa ai preziosi archivi conservati e curati dalla Fondazione Cini”.

>> Leggi tutto l’articolo sul sito si regesta.exe

 

La banca dati CIVES: privilegi di cittadinanza veneziana, dalle origini all’anno 1500

CIVES

CIVES è una banca dati contenente tutti i privilegi di cittadinanza veneziana trovati nelle fonti d’archivio fino all’anno 1500.

Il gruppo di ricerca del progetto CIVES ha lavorato sotto la guida del prof. Reinhold Mueller (Università degli Studi di Venezia).

URL: <http://www.civesveneciarum.net/>

 

[ringraziamo il dott. Andrea Bocchi per la segnalazione]

Catalogo analitico online della stampa periodica veneziana (1866-1969)

Stampa veneziana

Il 7 dicembre 2012 è stato presentato a Venezia in conferenza stampa il progetto Un secolo di carta: Catalogo analitico online della stampa periodica veneziana (1866-1969).

Il progetto è stato avviato dall’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea (Iveser) nell’anno 2000 grazie ad un iniziale finanziamento erogato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Venezia (ora Fondazione di Venezia).

Il fine dichiarato è quello di censire, catalogare e valorizzare la stampa periodica (quotidiani, riviste, bollettini, notiziari, annuari, numeri unici, strenne, almanacchi, ecc.), che fu per lungo tempo il principale strumento di comunicazione e informazione, nonché di rappresentazione (e autorappresentazione) “identitaria” della comunità: una fonte documentaria di primaria importanza per ricostruire il profilo del giornalismo veneziano e l’evoluzione delle vicende storiche del territorio dal 1866 al 1969.

Il catalogo è stato organizzato nella sua forma più elementare e intuiva, elencando le testate in ordine alfabetico. Le schede descrittive sono state raggruppate anche in sei periodi storici, per ciascuno dei quali è disponibile anche un breve inquadramento storico/editoriale dedicato all’arco temporale di riferimento.

Assieme all’elenco alfabetico e al periodo storico sono presenti altri strumenti utili per la ricerca:
1)    Ricerca per parole chiave
2)    Ricerca per anno
3)    Ricerca per tipologia di pubblicazione
4)    Ricerca libera

È possibile anche effettuare ricerche multiple e incrociate: ad esempio il numero delle testate di una specifica tipologia (“Periodici sportivi”) in un determinato anno, o uno specifico argomento in una tipologia di periodici o in un anno di riferimento.

>> Vai alla Guida alla consultazione

URL: <http://www.unsecolodicartavenezia.it/>

Archivio di Stato di Venezia: riproduzioni digitali di serie archivistiche (progetto Divenire)

Il progetto Divenire nasce nel 2006 per iniziativa dell’Archivio di Stato di Venezia attraverso la collaborazione con il Consiglio nazionale delle ricerche di Firenze, con l’obiettivo di realizzare un sistema informatico per la creazione, la gestione e la consultazione via web di immagini e descrizioni di serie documentarie, o di parti significative di esse, tratte dai fondi dell’Archivio stesso.

La riproduzione digitale, che protegge gli originali dal logoramento prodotto da una qualsiasi forma di consultazione diretta, ha inteso privilegiare nuclei documentari non casuali ed episodici, ma il più possibile completi, relativamente al livello cui il complesso documentario riprodotto si pone, corredati da una descrizione analitica che ne contestualizzi la conoscibilità.

>> Introduzione al progetto, a cura del Direttore dell’Archivio Raffaele Santoro   (file .pdf)

Nella prima fase ci si è rivolti alle pergamene, appartenenti in prevalenza a fondi di corporazioni religiose soppresse, ai registri prodotti dai principali Consilia veneziani fino a tutto il XV secolo, e nel contempo alle fonti catastali, ambitissime per la loro molteplice valenza informativa.

Materiali attualmente disponibili

  • Diplomatico: si tratta dei più antichi documenti in pergamena appartenenti a fondi capitolari e monastici, i quali costituiscono il primo nucleo di un diplomatico on-line che si andrà ad implementare. Le schede archivistiche e i regesti sono tratti dal monumentale Codice diplomatico veneziano a cura di Luigi Lanfranchi, direttore dal 1968 al 1973 dell’Archivio di Stato di Venezia, che ci ha lasciato la trascrizione ed i regesti, corredati da apparato critico, delle pergamene fino a tutto il secolo XII, e i regesti per il secolo successivo:
    1. San Zaccaria, pergamene
    2. San Daniele, pergamene (sciolte o inserite in buste con documentazione cartacea)
    3. San Matteo di Mazzorbo, pergamene
    4. San Giovanni evangelista di Torcello, pergamene
  • Registri delle deliberazioni degli organi costituzionali della Repubblica:
    1. Maggior consiglio, Deliberazioni. Registri
    2. Maggior consiglio, Deliberazioni. Rubriche
    3. Senato, Deliberazioni, Misti. Registri
    4. Senato, Deliberazioni, Misti. Rubriche
    5. Senato, Deliberazioni, Secreti alfabetici. Registri
    6. Senato, Deliberazioni, Secreti. Registri
    7. Senato, Deliberazioni, Secreti. Rubriche
    8. Senato, Deliberazioni, Mar. Registri
    9. Senato, Deliberazioni, Mar. Rubriche
    10. Consiglio di dieci, Deliberazioni, Misti. Registri
  • Mappe e disegni, presenti all’interno delle unità che compongono i fondi:
    1. Giudici del piovego
    2. Censo Stabile. In particolare, le mappe del cosiddetto catasto austriaco
    3. Provveditore sopraintendente alla camera dei confini
    4. Savi ed esecutori alle acque. SEA, Fondo, nonché disegni ordinati ab antiquo in serie identificate con idronimo:
      • SEA, Adige;
      • SEA, Brenta;
      • SEA, Laguna;
      • SEA, Lidi;
      • SEA, Piave;
      • SEA, Po;
      • SEA, Sile;
      • SEA, Diversi (raccoglie disegni non riconducibili ad uno specifico idronimo).
  • Condizioni di decima:
    1. Raccoglie le ‘autodichiarazioni’ dei beni immobili ovunque posseduti dai residenti nella Dominante, presentate all’ufficio dei Dieci savi sopra le decime, soprattutto nel corso di quell’anno, dopo la completa distruzione dell’archivio nell’incendio di Rialto del 10 gennaio 1514.

URL: <http://www.archiviodistatovenezia.it/web/index.php?id=63>