Tag Archives: storia dell’Unione Sovietica

La storia della Russia dal 1860 al 2000: una raccolta di fotografie digitalizzate

Foto del 1958

Foto del 1958

Il Museo di arti mulimediali di Mosca ha annunciato il lancio di un sito web grazie al quale è possibile ripercorre in 80.000 scatti fotografici gli ultimi 150 anni della storia russa, dal 1860 fino al 2000. La raccolta è destinata a crescere nel tempo.

La direttrice del museo, Olga Sviblovo, ha dichiarato che l’obiettivo è quello di raccogliere in un  portale tutte le collezioni fotografiche pubbliche e private presenti in Russia.

Purtroppo non è ancora disponibile un’interfaccia in lingua inglese, anche se il progetto è in corso d’opera. Le fotografie sono comuqnue facilmente accessibili anche per chi non conosce la lingua russa, dal momento che si può semplicemente scorrere le fotografie in ordine cronologico o selezionare un anno specifico facendo scorrere il cursore lungo la linea del tempo.

Riportiamo per intero il testo di un articolo pubblicato il 17 giugno sulla webzine Russia Beyond the Headlines:

«The Moscow Multimedia Art Museum announced the launch of a new portal, History of Russia in Photographs, which exhibits about 80,000 photos dating from 1860 to 2000. The collection will be expanded daily.

The museum’s director, Olga Sviblovo, said the portal’s goal is to unite all museum and private photo collections in order to create a ‘visual Wikipedia on Russian history in photos’.

The site is a sort of photography bank, very easy and convenient to use. To visually study a section of time one does not need to know Russian. It is enough just to move two cursors on ‘the plate of time’ onto the period of interest and all the photos corresponding to the request will appear on the main page.

‘We’re now developing the site’s English version and perfecting the auto translator because searching on the site is done through tags’, explained Sviblova. ‘There are already more than 10,000 of them. For example, type in the tag boutonnière and you can see a photo of poet Alexander Blok wearing one on his jacket’.

‘We began thinking of such a portal in 1999 because we understood how important it would be to create a photographic history for future generations’, continued Sviblovo. ‘You cannot build the future without knowing your past’.

The project cooperates with all of Moscow’s museums and the state archive, as well as with regional museums and the heirs of famous Russian photographers».

URL: <https://russiainphoto.ru/>

 

[grazie a Klaus Graf per aver segnalato la notizia sul suo prezioso blog Archivalia]

Sound Archives: European memories of the Gulag

Testimonianze inedite sui Gulag e i campi di prigionia sovietici (1939-1953) raccolte da un’équipe internazionale di studiosi e rese pubbliche sul sito Sound Archives: European memories of the Gulag.

La maggior parte delle interviste e dei documenti video sono in lingua russa ma in alcuni casi è disponibile anche una versione con traduzione in lingua inglese.

From 1939 to 1953, nearly one million people were deported to the Gulag from the European territories annexed by the USSR at the start of the Second World War and those that came under Soviet influence after the War: some to work camps but most as forced settlers in villages in Siberia and Central Asia.

An international team of researchers has collected 160 statements from former deportees, photographs of their lives, documents from private and public archives and films. Many of these witnesses had never spoken out before.

The labour camps and special settlements of the Soviet gulag are part of European and not simply Russian experience. In the countries that have recently joined the European Union there are memories and an inheritance that are unknown elsewhere in Europe. This experience deserves to be part of the construction of the memory of Europe as a whole.

With support from Radio France Internationale (RFI), a research team of European anthropologists, geographers, historians and sociologists set out to find archival documents, survivors’ testimonies, objects and personal documents relating to the deportation to the Soviet Union of citizens of the Central and East European countries annexed, occupied or “liberated” by the Soviets during or after the Second World War.

We recorded their memories in their countries of origin — Czech Republic, Estonia, Germany, Hungary, Latvia, Lithuania, Poland, Romania and Ukraine — and the countries where they settled after their liberation, such as France, Italy and the UK. We also went to Siberia and Kazakhstan to find those who stayed where they had been resettled.

These are the materials we have made available here. Our aim is to preserve the life stories of our witnesses and to show under various headings the key events in which many of them shared. Combining theme and biographical rooms, maps and timelines, we wish to make known our witnesses’ lives and point out the relationship between their life stories and historical events.

URL: <http://museum.gulagmemories.eu/en>

L’arte del manifesto in Russia nel Novecento

efanov-1931

Il sito Russian Poster è il risultato di un lungo progetto di ricerca sulla storia del manifesto russo di propaganda dal 1812 ad oggi. Sono stati inoltre raccolti e catalogati manifesti degli agitprop sovietici, rappresentazioni teatrali di propaganda e informazione politica indirizzate alla popolazione analfabeta.

Dalla pagina di presentazione del sito (per leggere il testo completo, in tedesco, selezionare ‘Information’ nel menu in alto a destra a partire dalla home page; la traduzione che proponiamo è nostra):

Propaganda per un’utopia. L’arte del manifesto nel 20. secolo in Russia

Obiettivo del progetto

Scopo del progetto, durato quasi 12 anni (dal 1992 al 2004), è stato scrivere per la prima volta la storia di 150 anni di manifesti russi e sovietici. Una sfida impegnativa, perché il materiale è vasto ed eterogeneo.

Contesto storico

Nell’Unione Sovietica il manifesto rappresentò lo strumento principale di propaganda dell’utopia della società comunista e delle sue realizzazioni come potenza mondiale industriale e politica. I risultati furono particolarmente rilevanti a causa dell’elevato grado di diffusione del fenomeno. L’uso del manifesto ebbe la funzione di promuovere modificazioni nel comportamento e nella coscienza della popolazione. Mentre prima della rivoluzione (e ancora negli anni venti) gli stili dei manifesti erano vari, durante gli anni trenta essi divennero espressione esclusiva del realismo socialista. Durante la perestrojka il manifesto diventò uno strumento per muovere critiche al sistema. Parte integrante della storia artistica e politica dell’Unione Sovietica, il manifesto conservò in ogni momento storico un’importanza cruciale come strumento di persuasione.

Il progetto, sostenuto tra il 1998 e il 2001 dalla Fondazione Fritz Thyssen, si propone di analizzare lo sviluppo dei manifesti russi e sovietici dalla fine del 19.  secolo fino ai tempi più recenti, evidenziando la dipendenza delle realizzazioni dai vari contesti storico-politici.

Realizzazione del progetto

A partire dal 1992 il Dr Klaus Waschik (responsabile del progetto) e la dottoressa Nina Baburina (Biblioteca di Stato Russa) cominciarono a raccogliere una vasta documentazione che, con 300 manifesti, rappresenta il nucleo di partenza della banca dati. Contemporaneamente fu condotta una ricerca sugli artisti esecutori dei manifesti. La collaborazione si realizzò in varie fasi: censimento dei manifesti presenti a Mosca; riproduzione fotografica degli esemplari recuperati; attribuzione della paternità intellettuale di ogni manifesto; commento in lingua russa. Il trattamento dei dati ebbe luobo presso l’Istituto Lotman, dove i documenti vennero passati allo scanner, digitalizzati e trasferiti in una banca dati contenente testo e immagini. Nel frattempo si procedette alla traduzione dei testi e delle didascalie in lingua tedesca, per cui oggi i dati sono accessibili al pubblico nelle due lingue.

Risultati

Dopo un ampio lavoro preliminare, nel 1998 venne avviata la stesura del testo di una storia illustrata del manifesto russo. Contemporaneamente venne preparata una versione in DVD, con intenti storico didattici. Grazie anche a incentivi della Comunità Europea, i DVD furono realizzati tra il 1998 e il 2002. Vennero pubblicate due edizioni, in lingua russa e  in lingua tedesca.

Il lavoro terminò nell’inverno 2002/2003. Le due pubblicazioni furono presentate presso la Fiera del Libro di Francoforte nel 2003.

Contemporaneamente fu creato il sito russianposter.ru, che contiene anche materiale inedito, come una storia dei manifesti russi scritta in tedesco.

Come ulteriori risultati si possono ricordare due ampie monografie sulla politica dei manifesti sovietica e, in preparazione, un’enciclopia sugli autori di manifesti russi e sovietici.

URL: <http://russianposter.ru>