Archivi tag: storia dell’arte

Le lettere indirizzate a Jacob Burckhardt tra il 1842 e il 1897: una raccolta digitale

worldletter_collection4

Jacob Burckhardt (Basilea 1818 – ivi 1897) è considerato uno dei più importanti storici del XIX secolo. Dopo aver studiato teologia, filologia, storia dell’arte, filosofia, seguì all’università di Berlino i corsi in storia di Leopold von Ranke. Intraprese nel 1846 il primo viaggio in Italia. L’incontro con l’antichità lo portò a riformulare il problema della fine del mondo classico, visto non in chiave puramente negativa (Voltaire, Gibbon) ma come fondamento della nuova civiltà medievale (Die Zeit Konstantins des Grossen, 1852). Dall’insegnamento di storia dell’arte tenuto tra il 1855 e il 1858 presso il Politecnico di Zurigo nacque Der Cicerone (1855), introduzione al godimento delle opere d’arte italiane imperniata sulla figura di Raffaello. Nel 1858 cominciò a insegnare all’università di Basilea. Due anni dopo apparve Die Kultur der Renaissance in Italien. Ein Versuch, in cui Burckhardt fornì un’immagine vivacissima del Rinascimento italiano, considerato come epoca d’individualismo e di realismo, di scoperta dell’uomo e della natura. Postuma apparve l’ultima grande opera storica, la Griechische Kulturgeschichte (4 voll., 18981902). Ugualmente postume apparvero le Weltgeschichtliche Betrachtungen (1905), testimonianza della lucida, amara consapevolezza del prossimo e inevitabile avvento delle masse sulla scena della storia, cui seguirà, secondo Burckhardt, la distruzione dell’aristocrazia dello spirito e della cultura e la scomparsa di ogni libertà. Nel 1896 fu nominato socio straniero dell’Accademia dei Lincei [fonti: Enciclopedia Treccani online e Wikpedia].

«Burckhardsource.org è una biblioteca digitale creata in seno al progetto The European correspondence to Jacob Burckhardt, finanziato dallo European Research Council e coordinato dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, che si propone di creare un’edizione critica ad accesso aperto della corrispondenza allo storico dell’arte svizzero. Uno degli scopi del progetto è rispondere alle questioni filologiche per mezzo delle nuove tecnologie.

Le lettere a Jacob Burckhardt ricostruiscono una delle più significative corrispondenze del diciannovesimo secolo. Scritte da circa quattrocento corrispondenti in tedesco, italiano, inglese e francese, le lettere coprono infatti un arco temporale che va dal 1842 al 1897 e costituiscono una preziosa testimonianza di un periodo denso di importanti trasformazioni culturali. E’ in quegli anni che emerge il concetto moderno di democrazia e in cui la cultura industriale si definisce in contrasto con gli ideali neo-umanisti. La corrispondenza inoltre è una testimonianza del dibattito sulla nascita e il consolidamento della storia dell’arte come disciplina autonoma, separata dalla storia e dall’archeologia».

[da: Francesca Di Donato, Susanne Müller, Biblioteche digitali semantiche. Il progetto Burckhardtsource.org, «Bibliotime», anno XVI, numero 1, marzo 2013. URL: <http://www.aib.it/aib/sezioni/emr/bibtime/num-xvi-1/didonato.htm>]

 

URL: <http://burckhardtsource.org/>

Gli archivi digitali della Fondazione Cini di Venezia

Cini

“Dal 3 luglio 2015 sono consultabili in rete circa 22.000 documenti appartenenti agli archivi digitali della Fondazione Cini di Venezia, che ha affidato a regesta.exe il compito di realizzare un’infrastruttura tecnologica per la gestione e la diffusione di un patrimonio culturale che raccoglie più di 90 fondi, oltre 5 milioni di documenti, fotografie e libri.

Una rapida incursione tra gli archivi pubblicati all’interno del sito istituzionale consentirà di conoscere meglio i materiali custoditi dalla Fondazione, anche grazie alle modalità di ricerca e navigazione realizzate. La navigazione a filtri proposta all’utente evidenzia infatti, in modo estremamente efficace i rapporti, le risonanze, le intersezioni continue tra musicisti, pittori, coreografi, scrittori restituendo organicità e unitarietà alla cultura artistica e letteraria del Novecento italiano e con essa ai preziosi archivi conservati e curati dalla Fondazione Cini”.

>> Leggi tutto l’articolo sul sito si regesta.exe

 

Artsy: arte sul web

images

Artsy è una risorsa web per collezionisti, appassionati d’arte, studiosi e studenti.

Raccoglie più di 250mila immagini di opere d’arte prodotte da 40mila artisti di tutti i tempi. Contiene la più vasta banca dati al mondo di arte contemporanea, con la possibilità di seguire l’attività e le mostre in corso degli artisti preferiti.

«Artsy features the world’s leading galleries, museum collections, foundations, artist estates, art fairs, and benefit auctions, all in one place. Our growing database of 250,000 images of art, architecture, and design by 40,000 artists spans historical, modern, and contemporary works, and includes the largest online database of contemporary art. Artsy is used by art lovers, museum-goers, patrons, collectors, students, and educators to discover, learn about, and collect art.

Artsy is a place to explore current and past exhibitions at museums and galleries, biennials, and cultural events, and to preview international art fairs before their doors open to the public.

One of Artsy’s most popular features for collectors is our online art fair previews. Here, you can view what exhibitors will be bringing to the fair, inquire on and collect works, and view special content such as “Insider Picks.” We preview more than 30 major art fairs including Art Basel, Frieze, The Armory Show, NADA, ArtRio, IFPDA, Zona MACO, and Design/ Miami».

URL: <https://www.artsy.net/>

 

[via Archivalia]

BALaT – Belgian Art Links and Tools: un portale sull’arte del Belgio

BALaT

BALaT – Belgian Art Links and Tools è un portale curato dal KIK-IRPA Koninklijk Instituut voor het Kunstpatrimonium (Royal Institute for Cultural Heritage), l’istituzione responsabile per la conservazione, lo studio, la conservazione e il restauro del patrimonio artistico del Belgio. Dà accesso a quattro banche dati, interrogabili una per volta o simultaneamente: una ricchissima fototeca che contiene più di 600.000 negativi; una biblioteca digitalizzata contenente circa 80.000 libri e articoli su temi relativi all’arte; il Dictionnaire des peintres belges du XIVesiècle à nos jours depuis les premiers maîtres des anciens Pays-Bas méridionaux et de la principauté de Liège jusqu’aux artistes contemporains, dizionario biografico dei pittori vissuti in Belgio dal XIV secolo ai nostri giorni; un repertorio di persone e istituzioni.

«BALaT allows you to search 4 different data bases simultaneously:

KIK-IRPA’s online photo library: 682.767 photo negatives covering all aspects of Belgium’s art heritage (visual arts, artistic crafts, architecture, archaeology and landscapes). Some of these photographs date from the end of the 19th century. This collection is constantly expanding thanks to new photographic campaigns and to the photographs of the works of art treated at the institute;

KIK-IRPA’s Library: 80.000 books and articles related to cultural heritage (art history, conservation-restoration and scientific analyses). Every document (journal articles included) is indexed with a specialized thesaurus;

– The Dictionnaire des peintres belges du XIVesiècle à nos jours depuis les premiers maîtres des anciens Pays-Bas méridionaux et de la principauté de Liège jusqu’aux artistes contemporains (La Renaissance du Livre, Brussels, 1995): covers the lives and work of no less than 6.300 painters, from Van Eyck to Wilchar and passing by Rubens and Rops; from well-known to rather obscure representatives of Belgian painting;

– A repertory of persons and institutions. This list counts 200.000 artists, craftsmen, researchers, authors of publications, conservator-restorers, photographers, collectors, historical or fictional figures represented in the works of art, museums, churches, learned societies, etc..

Just an example. Looking for information on Rubens? By using BALaT, you will find both photographs of works of art by Rubens and portraits of Rubens painted by other artists available in the photo library, books about Rubens available at the library, a link to the corresponding entry in the Dictionnaire des peintres belges, museums that own an art work by Rubens (repertory of institutions) and so on.

It is possible to search all four databases simultaneously or just one of them. Basic and advanced search are available. Images are shown in high resolution and can be downloaded in JPEG format (with exception of the photos taken in the last ten years, which are only available upon order)».

URL: <http://balat.kikirpa.be/>   [via EHPS – European History Primary Sources]

Pubblicazioni del Bauhaus disponibili online

Bauhaus

«Grazie al lavoro di digitalizzazione svolto dalla Bibliothèque Kandinsky di Parigi, è ora possibile scaricare gratuitamente i principali titoli della scuola Bauhaus, fondata nel 1919 a Weimar, in Germania, dall’architetto Walter Gropius e destinata a cambiare l’arte del Novecento. La collezione – tutta in .pdf e, sì, in tedesco – comprende opere di Paul Klee, Kandinsky, Piet Mondrian e molti altri».

Via Studio

URL: <http://monoskop.org/Bauhaus>

Carteggi e manoscritti di Edvard Munch digitalizzati

“The Sky suddenly / turned blood-red / I paused, leaned / against the fence tired / to death” (MM T 2367)

“The Sky suddenly / turned blood-red / I paused, leaned / against the fence tired / to death” (MM T 2367)

Il Munch-Museum di Oslo ha avviato un progetto di digitalizzazione di tutte le lettere e i manoscritti di Edvard Munch.

>> Qui la piattaforma wiki che illustra il progetto e consente di consultare le prime 1747 lettere digitalizzate (su un totale di 5842).

>> Qui una raccolta di lettere e manoscritti in lingua tedesca.

>> Qui l’annuncio del lancio di una sezione dedicata agli scritti in lingua inglese:

«The English edition includes 68 of Munch’s literary sketches and notes on art. A total of 1100 manuscript pages have been translated. The authorised English translations of this selection of Munch’s writings are equipped with commentaries and accompanied by supplementary articles and facsimiles of the originals».

 

URL: <http://www.emunch.no/>

Metropolitan Museum: 400.000 immagini liberamente scaricabili

MET

Riportiamo un post pubblicato sul bel blog Storie dell’Arte:

Tho­mas P. Cam­p­bell, Di­ret­tore e CEO del Me­tro­po­li­tan Mu­seum of Art di New York, ha an­nun­ciato ve­nerdì scorso che più di 400.000 im­ma­gini di­gi­tali ad alta ri­so­lu­zione di opere di pub­blico do­mi­nio nella col­le­zione del mu­seo ame­ri­cano pos­sono es­sere sca­ri­cate per uso non com­mer­ciale — an­che in pub­bli­ca­zioni scien­ti­fi­che rea­liz­zate con qual­siasi me­dia — senza do­ver ri­chie­dere l’autorizzazione del Mu­seo e senza tasse.

Il nu­mero di im­ma­gini di­spo­ni­bili, già as­sai con­sie­de­re­vole, au­men­terà con la re­go­lare ag­giunta di nuovi file digitali.

Si tratta, se­condo Cam­p­bell, di una scelta open ac­cess con la quale an­che il Me­tro­po­li­tan si uni­sce ad un nu­mero cre­scente di mu­sei che for­ni­scono l’accesso gra­tuito alle im­ma­gini di opere d’arte di pub­blico dominio.

L’iniziativa è de­no­mi­nata Open Ac­cess for Scho­larly Con­tent (OASC ) e con­sente di ac­ce­dere alle im­ma­gini d’arte della col­le­zione che il mu­seo ri­tiene es­sere di do­mi­nio pub­blico e prive di ul­te­riori re­stri­zioni co­no­sciute. Que­ste im­ma­gini sono ora di­spo­ni­bili per uso scien­ti­fico con qual­siasi media.

[Grazie a Ilaria Sabbatini per la segnalazione]

 

>> Leggi anche questo post: Pubblicazioni online del Metropolitan Museum di New York

Le audiocassette della rivista Audio Arts riversate in digitale sul sito della Tate Gallery

Audio Arts

La Tate Gallery di Londra ha annunciato il riversamento in Rete di tutti gli archivi digitali della rivista “sonora” Audio Arts, ideata da William Furlong nel 1973 e pubblicata su audiocassette. Questa rivista dal format originale raccoglie più di 1.600 interviste ad artisti, critici d’arte, intellettuali.

Audio Arts was an innovative sound magazine published on cassettes, established by William Furlong in 1973. Tate recently acquired the magazine’s collection of master tapes, including unique recordings of artists, as well as of writers and thinkers – Joseph Beuys, Nam June Paik, James Joyce and Noam Chomsky amongst them.

URL: <http://www.tate.org.uk/audio-arts>

 

[via Archivalia]

Giornali illustrati d’arte e di satira dell’Ottocento e del Novecento

ragazza che legge

Mabel Dearmer («Pan», 1895)

L’Università di Heidelberg ha digitalizzato e reso disponibili online circa 100 giornali storici illustrati pubblicati in Europa nell’Ottocento e nei primi anni del Novecento.

Qui la presentazione del progetto in lingua inglese (>> vai alla pagina):

«Due to its focus on “European Art” Heidelberg University Library holds a major collection of historical art journals.

Within the context of the project “The European Perspective: Digitization and subject cataloguing of illustrated art and satire periodicals of the 19th and early 20th century” which started on 1st August 2013 about 20 European art and satire journals are currently digitized and made available online. The aim is not only to allow free digital access to these eminent historical resources but also to achieve an in-depthsubject cataloguing of texts and images.

The indexing of French and English caricatures dating from 1841 to 1872 and from 1894 to 1914 offers a “European perspective” on important historical events that were meaningful and formative for Europe, such as the revolutions of 1848, the Franco-Prussian War and the preliminary events leading up to the First World War. Furthermore the illustrations mirror the sociological changes of their time as well as the development of styles in caricature.The project is supported by the German Research Foundation(DFG) for the duration of two years.

In the course of the project “Digitization and subject-cataloguing of illustrated art and satire periodicals of the 19th and early 20th century” which ended in July 2013 and which was also supported by DFG, 45 German and French art journals were digitized and indexed.

Apart from these third-party-funded activities further art and satire magazines are digitized, thus 100 journals are currently made available online by Heidelberg University Library.

An alphabetical list of all periodicals as well as a summary organized by year of publication can be found here».

URL: <http://artjournals.uni-hd.de/>

OpenBibArt: Repertori bibliografici di Storia dell’arte

inist

OpenBibArt è un sito curato dall’istituto di ricerca francese INIST-CNRS (Institut de l’Information Scientifique et Technique – Centre national de la recherche scientifique). Permette di interrogare online i principali repertori bibliografici di Storia delle Arti prodotti dall’INIST-CNRS:

Répertoire d’Art et d’Archéologie: pubblicato tra il 1973 e il 1990, questo repertorio contiene 208.000 riferimenti bibliografici a monografie e articoli pubblicati tra il 1972 e il 1989.

Bibliographie d’Histoire de l’Art: pubblicato tra il 1991 e il 2008, questo repertorio bibliografico curato dall’INIST e dal Getty Research Institute contiene 401.523 riferimenti bibliografici a monografie, articoli, saggi, cataloghi di mostre, atti di convegni e tesi pubblicati tra il 1990 e il 2007 su tutti gli argomenti relativi all’arte e all’archeologia. E’ considerata la più importante banca dati bibliografica nel settore storico artistico e offre una bibliografia completa, a copertura internazionale, degli scritti accademici sulla storia dell’arte occidentale dall’antichità ai giorni nostri. Si può consultare liberamente anche dal sito del Getty (leggi questo post del 2010).

Gli studi pubblicati tra 1910 e il 1972 sono invece consultabili in una banca dati separata, ospitata sul bellissimo portale AGORHA (Accès global et organisé aux ressources en histoire de l’art) dell’INHA – Institut national d’histoire de l’art:  

Répertoire d’art et d’archéologie numérisé (1910 – 1972)

 

Il sito è disponibile in lingua inglese e in lingua francese.

The enhancement site OpenBibArt offers open access consultation, to all the bibliographical references from the Répertoire d’Art et d’Archéologie and from the Bibliographie d’Histoire de l’Art produced by INIST-CNRS. This site was designed for art historians, on an international scale, researchers and on a broader basis professionals and art lovers.

URL: <http://www.openbibart.fr/>

Il catalogo dei musei della Francia & risorse per la didattica della Storia dell’arte

Jean-Baptiste Carpeaux (1827-1873)

Jean-Baptiste Carpeaux (1827-1873)

JOCONDE – Portail des collections des musées de France è il portale dedicato ai musei della Francia: il catalogo contiene più di 500.000 schede relative a oggetti di varia natura (belle arti, archeologia, etnologia, storia, scienze e tecnica) valorizzati attraverso percorsi tematici, approfondimenti e mostre virtuali.

Si tratta di un sito molto ricco e articolato, a cura del Ministero della cultura francese.

Dalla home page:

Le catalogue regroupe près de 500.000 notices d’objets de toute nature (archéologie, beaux-arts, ethnologie, histoire, sciences et techniques…) valorisées par des parcours thématiques, des zooms et des expositions virtuelles.

Joconde est le fruit d’un partenariat constant entre le bureau de la diffusion numérique des collections du service des musées de France et les musées participants.

 

Un altro portale molto interessante per i docenti e gli studiosi di Storia delle arti è Histoire des arts, curato dal Ministero della cultura francese e dall’IRI – Institut de Recherche et d’Innovation (>> leggi una pagina di presentazione).

Il sito segnala 5.000 risorse digitali qualificate, prodotte da circa 350 istituzioni culturali francesi, che sono state selezionate perché particolarmente adatte per avviare percorsi didattici nelle scuole (dalla scuola primaria alla scuola secondaria superiore).

Il catalogo informatico del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi

Gabinetto Disegni e Stampe

Segnaliamo il progetto EUPLOOS, che nasce dalla collaborazione tra il Kunsthistorisches Institut in Florenz Max-Planck-Institut, della Scuola Normale Superiore di Pisa e della Soprintendenza speciale per il patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il polo museale della città di Firenze, con particolare riferimento al Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi.

L’iniziativa si propone di rendere disponibile in rete l’intera raccolta del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi (oltre 150.000 opere tra disegni, incisioni, miniature e fotografie databili dal Trecento ai giorni nostri) attraverso la realizzazione di un catalogo completo su supporto informatico e di favorire in tal modo un ideale dialogo internazionale tra la comunità degli studiosi, ma anche tra quanti desiderano avvicinarsi al mondo della grafica.

Nella prima fase della costruzione del sito si è ritenuto opportuno pubblicare le schede manoscritte originate dall’opera sistematica di inventariazione e classificazione avviata a partire dal 1879 da Pasquale Nerino Ferri (1851-1917), allora direttore dell’Istituto, cui si devono diversi strumenti di lavoro, sia manoscritti che dati alle stampe. Tali schede, purtroppo assai manipolate nel tempo, hanno finora costituito gli unici strumenti di consultazione delle opere in dotazione al pubblico, peraltro esclusivamente nella sede del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi.

Lo schedario Ferri è servito come strumento di base per un Inventario disegni per autori che documenta lo stato attuale delle classificazioni correnti in uso presso la collezione: la riclassificazione implica talvolta cambi di attribuzione e dunque l’inventario è soggetto a varianti e si configura come uno strumento dinamico, con tutte le caratteristiche del work in progress.

Il Catalogo dei disegni invece contiene anche schede prodotte da giovani studiosi, integrate con riferimenti bibliografici molto dettagliati. Si tratta di un lavoro in corso d’opera che sarà auspicabilmente completato nel corso dei prossimi anni.

URL: <http://www.polomuseale.firenze.it/gdsu/euploos/#/progetto>

L’arte dei Preraffaelliti online

Dante_Gabriel_Rossetti

Dante Gabriel Rossetti, ‘Venus Verticordia’

The Pre-Raphaelite Online Resource contiene circa 3.000 immagini digitalizzate della collezione del museo d’arte di Birmingham.

Il progetto è stato finanzianto dal JISC.

Informazioni sulla collezione digitale sono disponibili qui.

Birmingham Museums & Art Gallery received funding from JISC to digitise the Pre-Raphaelite collection and make it accessible online for the education community. The resulting Pre-Raphaelite Online Resource provides full record information and allows users to examine images in great detail. You can choose to browse the online collection, make simple searches or to interrogate the collection data using filtering tools. The ability to filter the collection in this way should be particularly useful for study and research. You can also interact with the online collection by creating your own personal collections of images and by discussing the works with the online community.

The Pre-Raphaelite Online Resource features 3000 digitised images from Birmingham Museums & Art Gallery’s Pre-Raphaelite collection, with major and more loosely associated artists from the movement all represented by works of art including sketches, paintings, engravings, tapestries, stained glass, ceramics and fine art objects.

In order to use the zoom feature, which allows to view details closely and pan across images, installation of the free Silverlight plug-in is required.

Birmingham Museums & Art Gallery received funding from JISC to digitise its Pre-Raphaelite collection.

Nota:  Per ingrandire le immagini è necessario installare il plug-in gratuito Silverlight.

URL: <http://www.preraphaelites.org>

Pubblicazioni online del Metropolitan Museum di New York

Fin dal 1870, anno in cui venne aperto al pubblico, il Metropolitan Museum di New York ha sempre curato la pubblicazione a stampa di guide alle collezioni permanenti, cataloghi di mostre temporanee, bollettini e riviste.

Il direttore del Met, Thomas Campbell, ha annunciato pochi giorni fa l’apertura di una sezione del sito web appositamente dedicata alle pubblicazioni edite per conto del museo: sono già disponibili e scaricabili con download gratuito 370 pubblicazioni pregiate e ricche di illustrazioni, pubblicate a partire dal 1964, che rappresentano un prezioso strumento di studio e di ricerca per gli storici dell’arte (>> vai all’elenco completo delle pubblicazioni disponibili gratis).

I cataloghi più recenti potranno invece essere acquistati on demand in stampa digitale, con rilegatura in brossura e riproduzioni delle foto a colori, grazie a una collaborazione con la Yale University Press.

From its founding in 1870, the Metropolitan Museum has published exhibition catalogues, collection catalogues, and guides to the collections. Today it is one of the leading museum publishers in the world, and its award-winning books consistently set the standard for scholarship, production values, and elegant design. Each year, the Met produces about thirty exhibition and collection catalogues and general-audience books, as well as informative periodicals such as the quarterly Metropolitan Museum of Art Bulletin and the annual Metropolitan Museum Journal.

MetPublications is a portal to the Met’s comprehensive publishing program. Beginning with nearly 650 titles published from 1964 to the present, this resource will continue to expand and could eventually offer access to nearly all books, Bulletins, and Journals published by the Metropolitan Museum since the Met’s founding in 1870. It will also include online publications.

MetPublications includes a description and table of contents for almost every title, as well as information about the authors, reviews, awards, and links to related Met bibliographies by author, theme, or keyword. Current titles that are in-print may be previewed and fully searched online, with a link to purchase the book. The full contents of almost all other titles may be read online, searched, or downloaded as a PDF, at no cost. Books can be previewed or read and searched through the Google Books program. Many out-of-print books are available for purchase, when rights permit, through print-on-demand capabilities in association with Yale University Press.

Leggi l’articolo su Exibart del 12 ottobre 2012.

URL: <http://www.metmuseum.org/metpublications>

Le lettere di Vincent van Gogh: edizione digitale online

Lettera di Vincent van Gogh al fratello Theo,
settembre 1881(Amsterdam, Van Gogh Museum)

Segnaliamo la bella edizione digitale delle lettere di Vincent Van Gogh che contiene tutte le lettere al fratello Theo, agli artisti e amici Paul Gauguin e Emile Bernard e a molti altri destinatari.

L’edizione online contiene le riproduzioni in facsimile di tutti gli originali, la trascrizione diplomatica integrata con note e riferimenti alle opere d’arte citate, una traduzione in lingua inglese.

L’edizione di riferimento è stata pubblicata nel 2009 a cura del Museo Van Gogh di Amsterdam, in collaborazione con l’Istituto Huygens.

URL: <http://vangoghletters.org/vg/>