Tag Archives: Storia

Guida alle fonti per la storia dei movimenti in Italia (1966-1978)

Dal sito della Direzione generale degli Archivi è possibile scaricare una pubblicazione intitolata:

Guida alle fonti per la storia dei movimenti in Italia (1966-1978)

La Guida, frutto di un censimento promosso dalla Fondazione Basso e dalla Direzione generale per gli archivi del Mibac (che lo ha finanziato con un contributo), è stata pubblicata dalla stessa Direzione generale nel 2003 nella collana delle Pubblicazioni degli Archivi di Stato. Dal settembre 2007 la pubblicazione è consultabile in formato pdf.

URL: <http://www.archivi.beniculturali.it/DGA-free/Strumenti/Strumenti_CLXII.pdf>

The John F. Kennedy Library Digital Archives

La J.F.Kennedy Presidential Library and Museum di Boston ha reso disponibile al mondo un archivio digitale dedicato agli anni della presidenza di J.F. Kennedy, un patrimonio che costituisce una testimonianza preziosa della vita politica americana di quegli anni e della vita privata di uno dei presidenti più amati della storia. L’archivio comprenderà  milioni di documenti digitalizzati grazie alla collaborazione tra la Biblioteca J.F. Kennedy di Boston e la J.F.Kennedy Foundation e soprattutto grazie al sostegno economico di alcuni gruppi industriali, tra i quali la AT&T telecomunicazioni e la Raytheon, gigante dell’industria degli armamenti, ma contiene anche fotografie, pubbliche e private, discorsi pubblici, materiali audio video.

Nell’attività di digitalizzazione si è data precedenza al materiale più richiesto in sede, in particolare, documenti relativi all’attività presidenziale e i manoscritti di Kennedy. Tra gli audiovisivi, risultavano di particolare interesse i file con le registrazioni delle conversazioni con i principali capi di Stato. Saranno dunque  resi disponibili trecento files audio contenenti più di mille telefonate, discorsi e interventi in pubblico, una settantina di filmati, millecinquecento fotografie.

La Biblioteca di Boston è la prima delle biblioteche presidenziali che viene resa fruibile worldwide attraverso la rete.

Fonti:

http://www.corriere.it/esteri/11_gennaio_13/biblioteca-kennedy-boston-materiale-online_0b8f5674-1f0d-11e0-bc88-00144f02aabc.shtml

http://www.jfklibrary.org/Research/Search-Our-Collections/Browse-Digital-Collections.aspx

 

Lezioni di storia contemporanea in podcast

Sul portale Federica Web Learning dell’Università Federico II di Napoli sono disponibili i podcast del Corso di Storia contemporanea tenuto dalla professoressa Lucia Valenzi.

Lezione 01:  Metodi e fonti per la storia contemporanea

Lezione 02:  Concetti e termini di economia

Lezione 03:  Le trasformazioni sociali della prima parte dell’Ottocento

Lezione 04:  La prima metà dell’Ottocento

Lezione 05:  L’età dell’imperialismo

Lezione 06:  La prima guerra mondiale e il primo dopoguerra

Lezione 07:  Il fascismo italiano

Lezione 08:  La crisi del 1929 e il nazismo

Lezione 09:  Nazismo e antisemitismo

Lezione 10:  Seconda guerra mondiale

Lezione 11:  La guerra fredda e l’Italia nel secondo dopoguerra

Lezione 12:  Decolonizzazione e Medio Oriente

Lezione 13:  Gli anni Sessanta e i nuovi soggetti: giovani e donne

Lezione 14:  La società e la politica italiana dal Centrosinistra ad oggi

Lezione 15:  La crisi del comunismo e i conflitti recenti

Lezione 16:  La crisi del sistema di Bretton Woods e la globalizzazione

URL: <http://www.federica.unina.it/podstudio/lettere-e-filosofia/storia-contemporanea/>

Libri digitalizzati sulla storia recente di Torino

La Biblioteca intedipartimentale ‘Giole Solari’ e la Biblioteca di storia ‘Giovanni Tabacco’ di Torino segnalano alcune pubblicazioni fuori commercio che sono disponibili gratuitamente in riproduzione digitale.

Ecco l’elenco delle pubblicazioni disponibili:

>> La rivolta di piazza Statuto: Torino, luglio 1962 / Dario Lanzardo
Milano: Feltrinelli, 1979

>> L’alienazione e anomia nella grande industria : ricerca sui lavoratori dell’automobile / Giuseppe Bonazzi ; prefazione di Vittorio Foa
Milano: Avanti!, 1964

>> Il tempo della città : ricerca sull’uso del tempo quotidiano a Torino / Maria Carmen Belloni ; presentazione di Luciano Gallino
Milano: Franco Angeli, 1984

>> Trent’anni di storia della cultura a Torino : (1920-1950) / Norberto Bobbio
Cassa di Risparmio di Torino, 1977

>> Stati uniti d’Italia / Carlo Cattaneo ; a cura di Norberto Bobbio
Torino : Chiantore, 1945

>> Il fondamento della filosofia giuridica di G. G. F. Hegel / Alessandro Passerin d’Entrèves; con prefazione di G. Solari


Fogli volanti e manifesti della Biblioteca Franco Serantini di Pisa: catalogo e riproduzioni digitalizzate

La Biblioteca Franco Serantini di Pisa ha avviato l’opera di digitalizzazione del proprio posseduto di manifesti murali e fogli volanti composto da diverse migliaia di pezzi, che coprono un arco temporale che va dall’Unità ai giorni nostri, focalizzando l’attenzione sul periodo che va dall’Unità d’Italia alla nascita della Repubblica.

La prima fase del progetto ha previsto un censimento, molto sommario, dei fogli volanti del periodo temporale previsto presenti nelle collezioni e nei fondi della biblioteca. Si è passati poi alla digitalizzazione del materiale selezionato e poi alla catalogazione. La catalogazione, tuttora in corso, è effettuata con il software open source Koha.

Lo scopo di questo progetto è quello di valorizzare un materiale, considerato per decenni materiale minore e quindi poco conservato negli archivi e nelle biblioteche e soprattutto poco reso visibile, sepolto il più delle volte nei magazzini in attesa di essere inventariato e catalogato. Negli ultimi anni stiamo assistendo fortunatamente ad un risveglio dell’interesse per i fogli volanti e i manifesti. Tale nuova attenzione si colloca nel più ampio quadro dell’utilizzo della digitalizzazione dei testi manoscritti e a stampa per preservarne la conservazione e la memoria. I fogli volanti così come i manifesti sono infatti materiali più facilmente deperibili dei libri (per la scarsa qualità della carta, spesso di pochissima grammatura, e per la mancanza di una legatura che consolida) e quindi i più indicati per l’utilizzo delle nuove tecnologie, adatte anche a limitarne l’uso frequente. Le campagne di digitalizzazione hanno reso anche necessaria una riflessione adeguata sui criteri biblioteconomici e catalografici per il trattamento di questo materiale, riflessione che per ora è avvenuta in maniera poco omogenea e limitata spesso a fasce selzionate di materiale (come i bandi, i manifesti grafici, i fogli volanti antichi).

Il valore storico e documentario di questo materiale è indubbio. Grazie all’immediatezza dei messaggi veicolati e l’uso della grafica e delle illustrazioni, i fogli volanti e i manifesti sono stati capaci di raggiungere ampi strati della popolazione urbana, comprese le fasce sociali non acculturate o solo parzialmente alfabetizzate. Caratteristica di queste pubblicazioni è la loro natura occasionale, spesso legata all’ambiente locale. Questo legame con l’evento o con i fatti avvenuti in un determinato momento temporale rendono questo materiale unico e fondamentale per un’adeguata ricostruzione storica, non solo per conservare la memoria degli avvenimenti ma per capirli e approfondirli da ogni angolazione e per rompere il velo d’oblio che circonda e avvolge personaggi e figure, definite ‘minori, della Storia.

URL: <http://bfskoha.ns0.it/>

L’Archivio audiovisivo del Movimento operaio e democratico

L’Archivio audiovisivo del Movimento operaio e democratico nasce nel 1979 come associazione con la denominazione di Archivio storico audiovisivo del movimento operaio (ASAMO) ed eredita il patrimonio filmico del Pci e della Unitelefilm, società di produzione cinematografica legata al Pci. Primo Presidente dell’ archivio sarà, per alcuni anni, Cesare Zavattini.

Nel 1983 il patrimonio dell’archivio viene dichiarato dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio di notevole interesse storico. E’ il primo archivio audiovisivo italiano che, grazie alla consistenza e importanza del suo patrimonio, riceve questa notifica. Nel 1985 l’Archivio viene riconosciuto come fondazione, assumendo l’attuale denominazione: Fondazione Archivio audiovisivo del Movimento operaio e democratico.

Le banche dati on line, che ne consentono la consultazione, sono continuamente aggiornate.

L’Archivio fotografico conserva oltre 250.000 immagini di argomento politico, storico-sociale, di storia del costume e della cultura, in particolare italiana. Le immagini coprono un arco temporale che va dall’inizio del Novecento a oggi, con maggiore consistenza per il periodo dal secondo dopoguerra agli anni Ottanta del XX secolo.

L’Archivio audiovisivo custodisce migliaia di film, soprattutto di non fiction, oltre a circa 250.000 foto sulla storia sociale e politica dell’Italia e di altri paesi. Sono inoltre in corso di ordinamento 3.000 ore di materiale d’archivio sonoro e cartaceo di società di produzione e di autori privati. E’ possibile accedere al patrimonio dell’Archivio audiovisivo interrogando la banca dati ospitata presso l’Archivio Luce (vai alla pagina di ricerca). Molti documentali sono liberamente consultabili in Rete.

  • Sguardo sul mondo: le inchieste inedite degli anni Sessanta e Settanta
  • Sud d’Italia: un approccio inedito alla questione meridionale italiana
  • Donne: il movimento delle donne in Italia nel secondo dopoguerra
  • La pace: i movimenti pacifisti dal secondo dopoguerra a oggi
  • Storia del Partito Comunista Italiano: le battaglie e i protagonisti del Pci nel secondo dopoguerra
  • Le feste della sinistra in Italia: La festa del lavoro e la festa dell’Unità
  • Lavoro e diritti: le battaglie per l’occupazione e i diritti dei lavoratori
  • Terrorismo e stragi: l’Italia tra terrosismo e strategia della tensione
  • Il movimento studentesco: Le lotte degli studenti e il movimento del Sessantotto
  • Guerra e resistenza: gli episodi salienti del movimento di liberazione in Italia

L’Archivio sonoro comprende 3.000 ore di sonori in presa diretta (anni Cinquanta-Ottanta), in corso di recupero e catalogazione. Il fondo rispecchia in termini di contenuti e di estremi cronologici quelli dei fondi audiovisivi dell’Unitelefilm e del Pci. Si evidenziano in particolare i discorsi di Palmiro Togliatti, tenuti in varie occasioni, soprattutto negli anni cinquanta e nei primi anni sessanta, di Giuseppe Di Vittorio e di altri leader politici della sinistra italiana. Numerose inoltre le testimonianze e le interviste ad operai e militanti dei partiti politici della sinistra, raccolte in occasione di manifestazioni, scioperi, feste de l’Unità, del Primo Maggio. Altrettanto numerose le registrazioni di assemblee, di congressi, di riunioni sindacali e del Pci.

La Fondazione Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico conserva inoltre alcuni archivi cartacei di particolare rilevanza, a cominciare dall’archivio dell’Associazione Asamo, poi Fondazione Aamod. Accanto a questo, di particolare rilievo sono gli archivi di società di produzione quali l’Unitelefilm e la Reiac e del regista e critico cinematografico Libero Bizzarri.

URL: <http://www.aamod.it/catalogo/>

La storia della Provincia di Assia-Nassau: due quotidiani storici digitalizzati (1906-1932)

La Biblioteca di Wiesbaden (Hessische Landesbibliothek Wiesbaden) ha digitalizzato il proprio posseduto relativo a due quotidiani storici locali dei primi decenni del Novecento che costituiscono una preziosa testimonianza degli avvenimenti accaduti nella Provincia di Assia-Nassau (in tedesco: Hessen-Nassau) tra il 1906 e il 1932.

La Provincia di Assia-Nassau fu una provincia del Regno di Prussia dal 1868 al 1918, poi una provincia dello Stato Libero di Prussia fino al 1944.

Quotidiani storici digitalizzati:

URL: <http://www.hlb-wiesbaden.de/index.php?dom=1&lang=22&p=226>

L’Unità: archivio digitale di tutti i numeri (1926- )

unità

Sul sito del quotidiano L’Unità sono disponibili in versione digitalizzata tutte le annate del giornale a partire dal primo storico numero, pubblicato il 12 febbraio 1924.

Quest’opera di digitalizzazione supera di gran lunga, per facilità d’uso e completezza dell’archivio, un precedente progetto di digitalizzazione tuttora accessibile attraverso il sito della Biblioteca Digitale Piemontese (leggi qui).

URL: <http://archivio.unita.it>

Cuadernos de Historia Contemporánea: tutti i numeri gratis dal 1988 al 2006

cuadernos

Segnaliamo la possibilità di accedere gratuitamente a tutti i numeri della rivista della Università Complutense di Madrid Cuadernos de Historia Contemporánea pubblicati tra il 1988 e il 2006.

[via: blog del prof. Arnau Gonzàlez i Vilalta, docente di Storia moderna e contemporanea presso l’Università Autonoma di Barcellona (UAB)]

URL: <http://www.ucm.es/BUCM/revistasBUC/portal/modulos.php?name=Revistas2_Historico&id=CHCO&num=CHCO070722>

I 40 anni dallo sbarco sulla Luna: la storia delle missioni spaziali (1969-1972) in podcast

“Dalla Terra alla Luna – Quaranta anni fa, Neil Armstrong e Edwin Aldrin misero piede sulla Luna. Per la prima volta nella storia, rappresentanti della specie umana furono in grado di lasciare la Terra per raggiungere un altro corpo celeste.
Questa eccezionale impresa avvenne solo dodici anni dopo il lancio dello Sputnik, il satellite sovietico che è stato il primo “compagno di viaggio artificiale” della nostra Terra.
Dopo il successo dell’Apollo XI, altri dieci uomini sono riusciti a raggiungere la superficie lunare: in tutto sei missioni avvenute nel brevissimo intervallo di tempo che va dal 1969 al 1972.

George Méliès, La voyage dams la lune

Per celebrare i 40 anni dal primo allunaggio, il programma radiofonico di RadioDue Alle otto della sera mette in onda un ciclo di trasmissioni condotte da Umberto Guidoni per ripercorrere la storia delle missioni spaziali intraprese nel triennio 1969-1972.

Dalla Terra alla Luna – Quaranta anni fa, Neil Armstrong e Edwin Aldrin misero piede sulla Luna. Per la prima volta nella storia, rappresentanti della specie umana furono in grado di lasciare la Terra per raggiungere un altro corpo celeste.

Questa eccezionale impresa avvenne solo dodici anni dopo il lancio dello Sputnik, il satellite sovietico che è stato il primo ‘compagno di viaggio artificiale’ della nostra Terra.

Dopo il successo dell’Apollo XI, altri dieci uomini sono riusciti a raggiungere la superficie lunare: in tutto sei missioni avvenute nel brevissimo intervallo di tempo che va dal 1969 al 1972.

L’intero ciclo di trasmissioni, in onda dal lunedì al venerdì alle ore 20.00 a partire dal 29 giugno, può essere riascoltato in podcast sul sito di RadioDue.

URL: <http://www.radio.rai.it/radio2/alleotto/dallaterraallaluna>

La storia della Stasi alla radio (e in podcast)

emblema_stasi_svg

La trasmissione radiofonica Alle otto della sera, in onda dal lunedì al venerdì alle ore 20.00 su RadioDue, propone un ciclo di 20 puntate a cura di Paolo Soldini intitolato La Stasi sopra Berlino.

“L’incredibile storia di quello che fu l’apparato repressivo più efficiente, più pervasivo e più crudele tra quelli che caratterizzarono gli anni più oscuri della guerra fredda.
La Stasi, abbreviazione per Staatssicherheit, l’organismo per la sicurezza dello stato nella Rdt (Repubblica democratica tedesca), accumulò nei suoi archivi di Berlino est non meno di sei milioni di dossier contro veri o presunti ‘nemici dello Stato’. Fascicoli messi insieme con le indagini di 200 mila agenti e con le delazioni di circa 180 mila ‘collaboratori volontari’: una quantità impressionante di persone che facevano la spia in cambio di denaro, di favori, di buone prospettive di carriera, per avidità, per viltà o perché costrette da veri e propri ricatti. Nelle cantine della Stasi, nella tristemente famosa Normannenstrasse, si trovarono le tracce di vicende umane tristissime e penose: figli che spiavano i genitori, mogli che riferivano sulle convinzioni e sulle attività dei mariti, affetti venduti, amicizie piegate al tradimento. Un’attenzione particolare è dedicata non solo ai metodi della polizia segreta, ma pure alle vicende di chi, come vittima o come persecutore, ne fece l’esperienza diretta: le tante storie che attraversarono, intrecciandosi, la Storia della Stasi sopra Berlino. La ricostruzione dell’apparato di sicurezza insiste però anche sugli aspetti paradossali, talvolta grotteschi che segnarono una macchina la quale, crescendo su se stessa, finì per perdere ogni senso e continuò a vivere e a macinare destini umani solo per perpetrare la propria logica. Metafora, al di là della contingenza storica, del rapporto malato che il Potere, ogni Potere, può instaurare con il popolo quando lo consideri composto non da cittadini ma da sudditi”.

Le puntate, in onda dal 6 aprile al 1. maggio 2009, possono essere riascoltate in podcast sul sito di RadioDue.

URL: <http://www.radio2.rai.it/dl/portaleRadio/Page-e5cd8562-4b68-4128-9a5b-42f8bd6b607e-ricerca.html?site=raitv&getfields=*&requiredfields=programmaTV%3AAlle+8+della+sera&filter=0&q=la+stasi+sopra+berlino>

La guerra arabo-israeliana del 1967: un sito dedicato alla Guerra dei sei giorni

three_soldiers_1967

Questo sito, curato da un gruppo di ricercatori e di scrittori interessati alla Guerra dei sei giorni che coinvolse nel giugno 1967 Israele, Egitto, Siria e Giordania, rappresenta un ottimo punto di partenza per approfondimenti sul tema.

“This website, managed by a group of academics and writers with an interest in the June 1967 Six-Day War between Israel and Egypt, Syria, and Jordan, offers an excellent point of departure for anyone interested in finding out more about this important event. In an accessible way, the website offers primary sources, first-hand accounts, and various related historical documents from American, Israeli, Palestinian, Arab, and UN archives, along with biographies of all key players. It is especially strong in putting the war into a wider context, providing plenty of material relating to the run-up and aftermath of the war, as well as to the war itself. In addition, the site contains first-hand testimonies and analyses from around the world, including Israel, the Jewish Diaspora, and the Arab world. It also offers extensive popular cultural material, such as movie clips and political cartoons from the Arab press” [dalla scheda di presentazione disponibile su Intute].

URL: <http://www.sixdaywar.co.uk/>

Riviste dell’area conservatrice americana: articoli online

journals

Intercollegiate Studies Institute (ISI) è un’organizzazione non-profit fondata nel 1953 con l’obiettivo di dar voce al movimento conservatore nato e sviluppatosi in seno al mondo intellettuale statunitense a partire dal dopoguerra. L’istituto pubblica monografie e riviste di di interesse storico e politico.

ISI Journal Archive è un sito attraverso il quale si accede gratuitamente alle annate retrospettive di tre importanti riviste di storia e filosofia della politica pubblicate dall’ISI: Intercollegiate Review, Modern Age e Political Science Reviewer.

  • Intercollegiate Review. A Journal of Scholarship and Opinion: sono disponibili in formato PDF tutti gli articoli pubblicati a partire dal 1965. 
  • Modern Age. A Quarterly Review: sono disponibili in formato PDF tutti gli articoli pubblicati a partire dal 1957.
  • Political Science Reviewer. An Annual Review of Scholarship: sono disponibili in formato PDF tutti gli articoli pubblicati a partire dal 1971.

URL: <http://www.firstprinciplesjournal.com/journal/>

Lezioni di giornalismo in podcast

Sul sito dell’Auditorium Parco della Musica di Roma si possono scaricare i podcast relativi a un ciclo di Lezioni di giornalismo che si sono tenute tra dicembre 2007 e giugno 2008.

  • Amira Hass: Cronache dall’occupazione
  • David Remnick: La stampa americana nell’era di internet
  • Alexander Stille: L’Italia vista dagli altri
  • Francesco Zizola: Il mondo attraverso un obiettivo
  • Fred Pearce: Raccontare la scienza
  • Robert Fisk: Il nostro inviato al fronte

Le conferenze degli ospiti stranieri sono disponibili in lingua originale e in traduzione italiana.

Tra novembre 2008 e gennaio 2009 si è tenuto un nuovo ciclo di incontri, intitolato Lezioni speciali di giornalismo, che ha visto come ospiti Concita De Gregorio (scarica il file mp3), Gianni Riotta (scarica il file mp3) e Eugenio Scalfari (scarica il file mp3).

URL: <http://www.auditorium.com/eventi/podcast?id_podcast=4914313>

Biblioteca digitale spagnola su migrazioni e interculturalità

cabeceralogo

La Biblioteca Digital sobre Migraciones e Interculturalidad è un’iniziativa della fondazione FUDEPA (Fundación para el Desarrollo de los Pueblos de Andalucía) che ha come obiettivo la raccolta e la messa a disposizione di tutta la documentazione pubblicata in Spagna (monografie, articoli di riviste, letteratura grigia)  relativa alle tematiche connesse al fenomeno delle migrazioni e della interculturalità (razzismo, xenofobia, educazione interculturale e relativa legislazione in materia).

Si può accedere alla collezione come utente ospite o come utente registrato: per gli utenti ospiti l’accesso è limitato a circa il 60% dei documenti disponibili.

“Colección de documentos constituida básicamente por monografías, revistas y literatura gris, publicadas en España, pero también procedentes de otros países, sobre temas como inmigración en España y Europa, teoría de las migraciones y movimientos migratorios, interculturalidad, educación intercultural, racismo y xenofobia, y legislación sobre estas materias. El nº de documentos disponibles se incrementa constantemente, la mayoría de ellos a texto completo. A esta biblioteca se puede acceder como usuario registrado o como usuario sin registrar. La diferencia es que el usuario no registrado sólo tiene acceso a un 60% aproximadamente de los textos completos, mientras que el registrado lo tiene al 100%. aColección de documentos constituida básicamente por monografías, revistas y literatura gris, publicadas en España, pero también procedentes de otros países, sobre temas como inmigración en España y Europa, teoría de las migraciones y movimientos migratorios, interculturalidad, educación intercultural, racismo y xenofobia, y legislación sobre estas materias. El nº de documentos disponibles se incrementa constantemente, la mayoría de ellos a texto completo. A esta biblioteca se puede acceder como usuario registrado o como usuario sin registrar. La diferencia es que el usuario no registrado sólo tiene acceso a un 60% aproximadamente de los textos completos, mientras que el registrado lo tiene al 100%”.   

URL: <http://www.uhu.es/biblioteca/bib_digital_migracion/bib_digital_migracion.html>