Tag Archives: Stasi

I documenti della STASI: inventari e strumenti archivistici online

Stasi

Gli archivi della STASI, l’organizzazione del Ministero per la sicurezza di Stato (Ministerium für Staatssicherheit) della ex Germania dell’Est, sono oggi conservati e gestiti dall’Agenzia federale BStU – die Behörde des Bundesbeauftragten (>> vai alla pagina in lingua inglese).

«The Agency of the Federal Commissioner for the Stasi Records (BStU – Die Behörde des Bundesbeauftragten) safeguards and administers the records of the former State Security Service of the GDR. It makes them accessible on the basis of the Stasi Records Act (StUG)».

A partire da settembre 2014 la consultazione degli inventari e degli strumenti archivistici prodotti nel corso degli anni sarà via via sempre più agevole perché gli strumenti di ricerca sono stati integrati in ARGUS, il portale ufficiale per la ricerca dei documenti dell’Archivio federale tedesco e sono ricercabili anche del Portale europeo degli archivi (>> per approfondire leggi anche questo post).

Per saperne di più si rimanda alla pagina informativa sul sito dell’Agenzia federale BStU (solo in lingua tedesca).

Argus       >>  vai alla ricerca in ARGUS

 

URL: <http://www.bstu.bund.de/DE/Archive/Aktuelles/texte/20140829_argus.html>

La storia della Stasi alla radio (e in podcast)

emblema_stasi_svg

La trasmissione radiofonica Alle otto della sera, in onda dal lunedì al venerdì alle ore 20.00 su RadioDue, propone un ciclo di 20 puntate a cura di Paolo Soldini intitolato La Stasi sopra Berlino.

“L’incredibile storia di quello che fu l’apparato repressivo più efficiente, più pervasivo e più crudele tra quelli che caratterizzarono gli anni più oscuri della guerra fredda.
La Stasi, abbreviazione per Staatssicherheit, l’organismo per la sicurezza dello stato nella Rdt (Repubblica democratica tedesca), accumulò nei suoi archivi di Berlino est non meno di sei milioni di dossier contro veri o presunti ‘nemici dello Stato’. Fascicoli messi insieme con le indagini di 200 mila agenti e con le delazioni di circa 180 mila ‘collaboratori volontari’: una quantità impressionante di persone che facevano la spia in cambio di denaro, di favori, di buone prospettive di carriera, per avidità, per viltà o perché costrette da veri e propri ricatti. Nelle cantine della Stasi, nella tristemente famosa Normannenstrasse, si trovarono le tracce di vicende umane tristissime e penose: figli che spiavano i genitori, mogli che riferivano sulle convinzioni e sulle attività dei mariti, affetti venduti, amicizie piegate al tradimento. Un’attenzione particolare è dedicata non solo ai metodi della polizia segreta, ma pure alle vicende di chi, come vittima o come persecutore, ne fece l’esperienza diretta: le tante storie che attraversarono, intrecciandosi, la Storia della Stasi sopra Berlino. La ricostruzione dell’apparato di sicurezza insiste però anche sugli aspetti paradossali, talvolta grotteschi che segnarono una macchina la quale, crescendo su se stessa, finì per perdere ogni senso e continuò a vivere e a macinare destini umani solo per perpetrare la propria logica. Metafora, al di là della contingenza storica, del rapporto malato che il Potere, ogni Potere, può instaurare con il popolo quando lo consideri composto non da cittadini ma da sudditi”.

Le puntate, in onda dal 6 aprile al 1. maggio 2009, possono essere riascoltate in podcast sul sito di RadioDue.

URL: <http://www.radio2.rai.it/dl/portaleRadio/Page-e5cd8562-4b68-4128-9a5b-42f8bd6b607e-ricerca.html?site=raitv&getfields=*&requiredfields=programmaTV%3AAlle+8+della+sera&filter=0&q=la+stasi+sopra+berlino>