Tag Archives: nazismo

Portale internazionale per le ricerche d’archivio sull’Olocausto

EHRI_logo

Il 26 marzo 2015 è stato inaugurato il portale online del progetto internazionale finanziato dall’Unione europea EHRI – European Holocaust Research Infrastructure.

Partecipano al progetto 20 istituzioni (istituti di ricerca, archivi, biblioteche, musei) di 13 paesi  (12 paesi europei + Israele).

Il portale consente di reperire informazioni sui fondi archivistici disseminati in più di 1.800 archivi presenti in 51 paesi, con la descrizione di decine di migliaia di documenti sulla persecuzione e lo sterminio degli ebrei in Europa durante le Seconda guerra mondiale.

Leggi la presentazione ufficiale del nuovo portale:

«Today, EHRI – the European Holocaust Research Infrastructure – presented its online portal. It provides access to rich information about more than 1,800 Holocaust-related archival institutions in 51 countries, and to descriptions of tens of thousands of archival materials. Starting out in 2010 as a EC-financed initiative, scholars in 20 institutions in Europe and Israel worked together to make archives accessible and to connect collections.

EHRI is not only a digital infrastructure, but also a human network. Through a varied programme of fellowship opportunities, summer schools, workshops and conferences, EHRI is fostering new connections among Holocaust researchers, archivists and digital humanists. It thereby promotes new interdisciplinary and transnational approaches to Holocaust research.

EHRI was financed under the EU 7th Framework Programme and coordinated by NIOD Institute for War, Holocaust and Genocide Studies in Amsterdam».

>> Guarda un breve filmato introduttivo al progetto EHRI

URL: <https://portal.ehri-project.eu>

 

[via Archivalia]

I luoghi della memoria in Europa

logo_gedenkorte

Il sito internet Gedenkorte Europa, messo in rete nel gennaio 2013, ha lo scopo di agevolare la visita dei  luoghi simbolo dove si commemorano i crimini commessi dalle forze d’occupazione nazista e gli eventi della Resistenza  offrendo anche informazioni pratiche, come, ad esempio, le indicazioni stradali per raggiungerli. Oltre a ciò, il sito propone e suggerisce approfondimenti, con l’ausilio di bibliografie generali, pubblicazioni relative alla storia dei singoli paesi e indicazione di altre fonti presso cui reperire le informazioni.

In questa prima versione del progetto, sono disponibili le informazioni sui luoghi di memoria in Francia e in Italia, suddivise, rispettivamente, per dipartimento e regione.

Brevi biografie esemplari e glossari specifici completano le informazioni sui singoli fatti e luoghi. Non vi è, ovviamente, alcuna pretesa di esaustività, resa impossibile, tra l’altro, dal numero dei luoghi oggetto dei crimini dell’occupazione.

L’inserimento di altri paesi dell’Europa occidentale e meridionale – tra questi, innanzitutto la Grecia – è previsto in una seconda fase di implementazione del sito.

Il progetto, a cura dell’Associazione per lo studio della Resistenca tedesca 1933–1945, è stato reso possibile dal sostegno della Fondazione Otto Brenner e della Fondazione Rosa Luxemburg, oltre che da donazioni private.

URL: <http://www.gedenkorte-europa.eu/>

[via Archivalia]

Enciclopedia dell’Olocausto

olocausto

Holocaust Encyclopedia è un progetto a cura del Museo dell’Olocausto di Washington (United States Holocaust Memorial Museum).

Contiene anche una sezione in lingua italiana.

The Multimedia Encyclopedia of the Shoah includes more than 300 articles on the history of the destruction of the Jews of Europe.  Each entry deals with one aspect of the Shoah and is illustrated by photographies, video testimonies, objects, animated or still maps, and individual life stories.

URL: <http://www.ushmm.org/wlc/en/>

Hannah Arendt: alle origini del saggio “La banalità del male”

The_New_Yorker_1963_02

Copertina del The New Yorker (febbraio 1963)

Nel 1961 Hannah Arendt seguì a Gerusalemme il processo Eichmann come corrispondente del «The New Yorker» e fu sulle colonne di quel giornale che questo resoconto (scritto nell’estate e nell’autunno del 1962 e terminato nel novembre del medesimo anno mentre la Arendt era ospite del Center for Advanced Studies della Wesleyan Universty) uscì per la prima volta, nel febbraio e nel marzo 1963.

Esso fu poi ripubblicato in forma più ampia, come libro, nel maggio 1963, con il titolo Eichmann in Jerusalem. A Report on the Banality od Evil (nelle edizioni in lingua italiana: La banalità del male: Eichmann a Gerusalemme).

Negli archivi online del «The New Yorker» si possono leggere le cinque parti del resoconto del processo al gerarca nazista Adolf Eichmann nella sua versione originale (cliccare sulla riproduzione delle pagine per ingrandire le immagini, l’attesa può durare anche un paio di minuti):

>> Parte prima

>> Parte seconda

>> Parte terza

>> Parte quarta

>> Parte quinta

[via OpenCulture]

Memoria: un film documentario sulla Shoah italiana

memoria

Memoria, scritto da Marcello Pezzetti e Liliana Picciotto della Fondazione CDEC – Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano, è stato realizzato da Ruggero Gabbai per Forma International nel 1997 e selezionato al Festival del Cinema di Berlino.

Il film documentario propone le interviste a 90 sopravvissuti ebrei italiani al campo di Auschwitz. E’ il racconto dalla viva voce dei testimoni delle diverse fasi della Shoah italiana, dall’applicazione delle leggi antiebraiche del 1938 allo scoppio della guerra, dagli arresti nel 1943 alla deportazione ad Auschwitz, fino alla liberazione nel 1945 e al ritorno a casa.

La versione integrale del film (durata: ca. 90 minuti) è disponibile in versione integrale, con sottotitoli in inglese, su YouTube.

URL: <https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=j_RBlqfvGlk#!>

Neueste Zeitung: notizie da Francoforte dal 1931 al 1942

La Goethe Universität di Francoforte ha digitalizzato tutti i numeri del quotidiano locale Neueste Zeitung usciti tra il 1931 al 1942: un interessante spaccato della storia della Germania, notizie di cronaca e di politica dalla fine della Repubblica di Weimar alla Seconda guerra mondiale.

URL: <http://sammlungen.ub.uni-frankfurt.de/frankfurt/periodical/titleinfo/3426502>

[via Archivalia]

La banca dati virtuale delle opere d’arte trafugate dai nazisti

Einsatzstab Reichsleiter Rosenberg (ERR) era il nome della speciale task-force istituita da Alfred Rosenberg, tra i massimi ideologi del Nazismo e uno degli uomini più vicini ad Adolf Hitler, giustiziato poi nel ’46 dopo essere stato processato a Norimberga.
Attraverso operazioni direttamente collegate e funzionali all’olocausto, ERR aveva il compito di impadronirsi delle opere d’arte e degli oggetti di interesse culturale nei paesi occupati dal Terzo Reich surante la 2a Guerra Mondiale. Tra i saccheggi più famosi, quello delle collezioni appartenenti a moltissime famiglie ebree di Francia e Belgio.
L’intero archivio di questi oggetti (quadri, sculture, mobili e altri oggetti) è ora online, con i registri e le fotografie dell’epoca, in cui si vedono anche uffciali nazisti e impiegati del Reich intenti a catalogare le opere all’interno del museo parigino Jeu de Paume”.

fonte: La Repubblica (galleria fotografica)

URL: <http://www.errproject.org/jeudepaume/>

Campi di lavoro 1939-1945 (Zwangsarbeit 1939-1945)

Zwangsarbeit 1939-1945 è un progetto tedesco che raccoglie la testimonianza, attraverso la digitalizzazione di interviste audio e video, di 590 ex deportati nei campi di lavoro forzato nazisti provenienti da 26 diversi paesi.

Il progetto è frutto della cooperazione della Freie Universität Berlin e del Deutschen Historischen Museum, con il sostegno della Fondazione “Erinnerung, Verantwortung und Zukunft”.

Per accedere alla banca dati è necessario registrarsi compilando un modulo online: entro 48 ore vengono inviate le credenziali (username e password) per il login.

Dalla pagina di presentazione in inglese:

“Forced Labor 1939-1945” commemorates the more than twelve million people who were forced to work for Nazi Germany. Nearly 600 former forced laborers from 26 countries tell their life stories in detailed audio and video interviews. The interviews were digitized and have been made accessible online to support education and research.

The online archive provides access to nearly 600 life stories told by former forced laborers from 26 countries. The project aims to conserve, as well as to make easily available and securely accessible, the collection of audio and video interviews in many different languages that have been compiled by the Institute for History and Biography at the FernUniversität Hagen.

The survivors’ memories have been available for use by schools and memorials and for education and research since January 2009. The development of the online platform, further translations, indexing and preparation for educational use will be continued.

The project is supported by the Foundation “Remembrance, Responsibility and Future” in cooperation with the Freie Universität Berlin and the German Historical Museum.

URL: <http://www.zwangsarbeit-archiv.de/en/index.html>

Poster di propaganda nei Paesi Bassi occupati (1940-1945)

10-1

Nel 1944, attraverso le frequenze di Radio Orange, il governo olandese esiliato a Londra lanciò un appello all’intera popolazione dei territori occupati per incoraggiare la raccolta di materiale documentario relativo agli anni della guerra.

Nel 1945, dopo la liberazione, il materiale raccolto cominciò ad essere depositato presso l’Istituto olandese per la documentazione sulla guerra (Nederlands Instituut voor Oorlogsdocumentatie – NIOD), appositamente costituito allo scopo di evitare la dispersione dei documenti. Nel corso degli anni a seguire vennero depositati e catalogati  circa 5.000 manifesti del periodo dell’occupazione tedesca.

L’affissione di  manifesti negli spazi pubblici costituì un importante strumento di propaganda durante la Seconda guerra mondiale. I tedeschi dedicarono molta cura alla diffusione di poster caratterizzati da slogan incisivi e immagini efficaci per influenzare l’opinione pubblica nei paesi occupati.

La collezione digitale War posters 1940-1945 (Oorlogsaffiches 1940-1945) è curata dal Nederlands Instituut voor Oorlogsdocumentatie e dalla Koninklijke Bibliotheek e contiene la riproduzione digitalizzata, a colori, di tutti i manifesti conservati.

Dalla pagina introduttiva (disponibile in fiammingo e in inglese):

“Posters were an important propaganda medium during the second World War. During the first year of the war, German propaganda was still restrained. The posters regularly dealt with the changes effected by the war on daily life. From 1941, the German propaganda machine was in full swing, and posters encouraged the public to join the SS or to go work in GermanyNSB propaganda called for support of a National Socialist Dutch state, and the seemingly impartial Winterhulp (Winter Relief) used posters to advertise.

As Germany’s fortunes in the war diminished, the propaganda grew more sharply anti-allied and grimmer. Posters warned against allied air-raids, threatened with heavy punishment for any form of resistance and announced executions. The underground also created posters on occasion, and in London, posters were produced already in 1944 to be hung up in liberated Holland.

In Dutch East Indies, the Japanese occupying forces used posters to promote their ideal of a Great Asia”.

URL: <http://www.geheugenvannederland.nl/?/en/collecties/oorlogsaffiches_1940-1945>

Leggi anche:

>> Poster della Prima e della Seconda guerra mondiale

Processo di Norimberga: documenti digitalizzati

   “Processo di Norimberga” è il nome comunemente usato per indicare due distinti gruppi di processi ai nazisti coinvolti nella seconda guerra mondiale e nell’olocausto. I processi si tennero dal 1945 al 1949 nel Palazzo di Giustizia di Norimberga (Nürnberg), l’unica corte tedesca abbastanza grande che non fosse stata distrutta dai bombardamenti alleati.

Il primo e più famoso di questi processi fu il Processo ai principali criminali di guerra davanti al Tribunale Militare Internazionale (IMT), che giudicò gli alti gerarchi nazisti catturati o ancora ritenuti in vita. Il secondo gruppo, comprendente 12 processi a carico di altri criminali di guerra, venne celebrato da corti militari statunitensi. Si ricorda, tra essi, il famoso Processo ai dottori.

La Biblioteca di Giurisprudenza di Harvard (Harvard Law School Library) custodisce circa un milione di pagine di documenti relativi al Processo di Norimberga. E’ stato avviato un progetto di digitalizzazione di tutto il materiale ivi conservato.

URL: <http://nuremberg.law.harvard.edu/>