Tag Archives: Milano

L’Archivio storico del Teatro La Scala di Milano è disponibile online

La Scala

Il Teatro La Scala di Milano ha digitalizzato e reso disponibili alcuni documenti del suo Archivio storico, offrendo al pubblico degli appassionati e degli studiosi la possibilità di accedere con facilità alla storia e al patrimonio artistico di uno dei teatri più famosi del mondo.

Sono disponibili numerosi documenti sulle opere, i balletti, i concerti eseguiti alla Scala a partire dal 1950: cronologie, cast, locandine, libretti, trame, discografie, introduzioni alle opere, 50.000 fotografie di spettacoli e artisti.

Il sito offre una vetrina web al momento semplificata rispetto all’enorme quantità di elementi contenuti nell’archivio esteso, l’Archivio DAM, che è quotidiano strumento di lavoro per i reparti del teatro.

URL: <http://www.archiviolascala.org/>

Acta Ecclesiæ Mediolanensis

Dal sito della Biblioteca Ambrosiana di Milano si accede alla digitalizzazione degli Acta Ecclesiæ Mediolanensis, fonte giuridica dell’età moderna di grande interesse per gli studiosi di storia ecclesiastica.

“Gli Acta Ecclesiæ Mediolanensis (= Atti giuridici della Chiesa Milanese) furono pubblicati per la prima volta nel 1582 per raccogliere e divulgare l’imponente legislazione promossa da san Carlo Borromeo durante la sua attività come arcivescovo di Milano (i Sinodi Diocesani) e come metropolita della regione ecclesiastica che su Milano gravitava (i Concili Provinciali). Tale legislazione, che applicava in maniera puntigliosa le indicazioni provenienti dal Concilio di Trento da poco concluso (1565) in tema di riforma interna della Chiesa, ci offre una importante fonte per conoscere e interpretare non solo la vita della Chiesa di tardo Cinquecento, ma anche la vita della società, ancora permeata di spirito cristiano. Nell’opera legislativa di Carlo Borromeo troviamo infatti precise indicazioni sulla struttura della Diocesi Ambrosiana e sulla sua articolazione in Pievi e Parrocchie, sull’amministrazione dei sacramenti e sull’anagrafe parrocchiale (primo esempio di anagrafe in senso proprio, in anticipo di due secoli sull’anagrafe civile), sulle scuole di catechesi (forme embrionali di vere e proprie forme di alfabetizzazione) e sulle confraternite laicali (importanti espressioni di aggregazione con finalità di mutua assistenza e di carità sociale), fino ad arrivare a indicazioni di carattere igienico-sanitario.

L’importanza degli Acta è comprovata dal fatto che si diffusero in tutto il mondo cattolico, in Europa e in America latina, e divennero il “paradigma” della legislazione ecclesiastica di epoca post-tridentina almeno fino alla fine dell’Ottocento, come dimostrano le numerose edizioni e le numerose traduzioni nelle principali lingue europee.

L’ultima pubblicazione fu curata da Achille Ratti (poi papa Pio XI), quando era Prefetto della Biblioteca Ambrosiana, e vide la luce nell’ultimo decennio dell’Ottocento: questa edizione, ormai storica, viene ora presentata per la prima volta in formato elettronico”.

URL: <http://www.ambrosiana.eu/cms/integrazione_presentazione-2097.html>

[via Bibliostoria]

La “Storia di Milano” di Pietro Verri in digitale

La biblioteca digitale DigitaMi offre la possibilità di consultare liberamete in rete la Storia di Milano di Pietro Verri (1728-1797).

1: [Storia di Milano] Tomo primo in cui si narrano le vicende della città incominciando dai più rimoti principi sino alla fine del dominio dei Visconti

Pubblicato nel 1783 dalla Stamperia di Giuseppe Marelli, il primo volume in 4° della Storia di Milano, che si chiude con la morte del duca Filippo Maria Visconti avvenuta nel 1447, non incontrò il favore del pubblico milanese, tanto che Verri amareggiato sospese il lavoro. Fu la dimostrazione di stima ricevuta da Giuseppe II, che lo decorò della “croce di Santo Stefano”, a indurre Verri a riprendere l’opera, dedicandosi alla redazione dei successivi capitoli. Ma la stampa del secondo volume, iniziata nel 1797, fu portata a termine solo nel 1798, dopo la morte dello scrittore.
La prima edizione qui proposta apparteneva a Stendhal, che iniziò a leggerla proprio durante la sua permanenza a Milano. Nella nota in italiano scritta sulla copertina che chiude il volume: «13 Juin 1821 Jo lascio la patria col coriere di Svizera».

Leggi l’opera Scarica il volume in formato RTF

2: [Storia di Milano] Tomo secondo in cui si descrive lo Stato della Repubblica Milanese, il dominio degli Sforza, e de’ successivi sovrani sino ai principi del pontificato di S. Carlo Borromeo

Nel 1797, mentre il secondo volume era già in corso di stampa, Verri morì lasciando la sua Storia incompiuta. L’opera, completata dall’abate Anton Francesco Frisi, che riordinò i manoscritti del Verri, uscì dalla Stamperia di Giuseppe Marelli l’anno seguente [Ivi, nota a pag. 208]. Nel 1824 fu pubblicata una nuova edizione della Storia di Milano a cura del barone Pietro Custodi, che corresse le parti scritte dal Frisi e la continuò fino al 1792. [cfr. la versione scaricabile]
Sono presenti anche in questo secondo volume le annotazioni di Stendhal: sono giudizi e commenti sul testo, ma anche note che appartengono alla sua sfera intima e privata, come quel «qui felice 7.Septembre 1811.» annotato a matita a fianco del casato Maraviglj che dava il nome alla contrada in cui abitava Angela Pietragrua, suo primo amore milanese. [Ivi, pag. 284]

Leggi l’opera Scarica il volume in formato RTF

DigitaMi è una biblioteca digitale di documenti rappresentativi della tradizione storica e culturale di Milano. Il fondo, che comprende opere rare e preziose, spazia dai testi letterari di grandi scrittori milanesi e lombardi a quelli di autori minori, dalle descrizioni di costume alle vicende storiche, senza ignorare le tradizioni popolari e la letteratura dialettale.

La collezione, ad oggi selezionata dal patrimonio della Biblioteca Sormani, si arricchirà del contributo di altre biblioteche milanesi, nello sforzo comune di ricostruire la memoria della città. Vi saranno allora descrizioni di Milano ad opera di viaggiatori e scrittori illustri; repertori iconografici; classici italiani e stranieri apparsi nelle grandi collane di editori milanesi, a testimonianza del ruolo che Milano ha svolto come importante canale di diffusione della cultura straniera in Italia.

Considerato il pregio delle edizioni, si trovano in DigitaMi sia le immagini sia i testi elettronici delle opere digitalizzate, per consentire al lettore il piacere di “sfogliare” un’edizione originale potendo effettuare anche ricerche full-text.

URL: <http://www.digitami.it/presentazione.do>