Tag Archives: manoscritti medievali

FAMA – Banca dati sulla trasmissione manoscritta dei testi medievali

FAMA_logo

Segnaliamo un prezioso strumento online a cura dell’École nationale des chartes di Parigi.

Si tratta di una banca dati che permette di studiare la fortuna dei testi medievali attraverso la loro tradizione manoscritta, indicando per ciascun testo tramandato il numero di copie manoscritte che sono attestate nelle fonti bibliografiche.

La banca data, utilissima per gli studiosi di storia e filosofia medievale, si chiama FAMA – Œuvres latines médiévales à succès e contiene al momento 1205 schede relative ad altrettanti testi medievali, per un totale di 12.534 manuscritti censiti.

Riportiamo la presentazione in lingua inglese del progetto, dalla home page del sito (l’originale in francese qui):

The number of manuscript copies that circulated is one of the criteria for gauging the impact of a medieval text. Above a certain number, it provides a relevant basis for evaluating the reception of texts in a particular domain and gives some idea of the audience reached by the work.

FAMA compiles information on the number of surviving witnesses of the most widely read medieval texts in Latin. These data are arranged according to genre, date of composition, and number of copies of each work, as well as by country of origin, date of copy, and former provenances of manuscripts. FAMA provides a point of reference for current studies allowing a global approach to cultural phenomena.

FAMA takes special care to indicate critical editions and studies on the diffusion of a work, where the geographic and chronological distribution has been established, thus reflecting the evolution of its readership and conditions of transmission (geographical, institutional, cultural milieus), and possibly its later disaffection.

FAMA currently contains 1205 entries for texts and 12534 manuscripts.

La ricerca può essere condotta per parole chiave (>> vai alla maschera di ricerca avanzata) oppure per scorrimento liste: è disponibile un elenco alfabetico degli autori e delle opere (>> vai alla lista) e un elenco dei manoscritti censiti (>> vai alla lista).

 

URL: <http://fama.irht.cnrs.fr/fr/>

DIAMM – Digital Image Archive of Medieval Music

Manoscritti musicali

DIAMM (the Digital Image Archive of Medieval Music) è una risorsa per lo studio dei manoscritti musicali medievali.

Fin dalla sua nascita, che risale al 1998, lo scopo principale del progetto DIAMM è quello di raccogliere le schede descrittive e (quando possibile) le immagini digitalizzate di manoscritti polifonici conservati in biblioteche e archivi di tutto il mondo.

Disponibile anche una ricca bibliografia dedicata agli studi internazionali sulla musica medievale.

*************

From its beginnings in 1998, the purpose of DIAMM (the Digital Image Archive of Medieval Music) was to obtain and archive digital images of European sources of medieval polyphonic music, captured directly from the original document.

The project started as a collaboration between scholars at the University of Oxford and Royal HollowayUniversity of London, and is now based in Oxford in collaboration with the University Music Faculty and the Bodleian Library. DIAMM has created an electronic archive of more than 14,000 images, to assure their permanent preservation, and is able to present a significant number of them through this website to facilitate detailed study of this music and its sources.

DIAMM has been funded by the Arts and Humanities Research Council and is currently supported by the Andrew W Mellon Foundation. It incorporates work from the Motet database compiled by Thomas Schmidt-Beste and funded by the Deutsche Forschungsgemeinschaft.

URL: <http://www.diamm.ac.uk/>

DigiPal: The Digital Resource and Database for Palaeography, Manuscript Studies and Diplomatic

DigiPal

DigiPal è una risorsa online curata dal Dipartimento di Informatica umanistica del Kings College di Londra. Il progetto si propone di fornire nuovi strumenti per lo studio della paleografia e della diplomatica medievale (manoscritti di area anglosassone), combinando la riproduzione digitale di documenti con la descrizione degli stili e del ductus.

The Digital Resource and Database for Palaeography, Manuscript Studies and Diplomatic (DigiPal) is a new resource for the study of medieval handwriting, particularly that produced in England during the years 1000–1100, the time of Æthelred, Cnut and William the Conqueror. It currently has about 300 images of manuscript pages and over 12,000 images of individual letters.

Funded by the European Research Council (ERC), as part of the European Commission’s FP7 programme, the project aims to bring new methods in Digital Humanities to the study of medieval handwriting in its diplomatic and manuscript context by combining digital catalogues, descriptions of handwriting, and images of documents and their constituent letter-forms. It will finish at the end of September 2014.

The project aims to bring digital technology to bear on scholarly discussion in new and innovative ways. It combines digital photographs of medieval handwriting with detailed descriptions and characterisations of the writing, as well as the text in which it is found, and the content and structure of the manuscript or document as a whole. It incorporate differents ways of exploring and manipulating the information, such as annotated images, as well as more conventional text-based browse and search; before the project’s end in 2014 it will also include dynamic maps, timelines and image-processing. It therefore allows scholars to apply new developments in palaeographical method which have been discussed in theory but which have proven difficult or impossible to implement in practice.  [Leggi tutto]

URL: <http://digipal.eu/>

 

[via Archivalia]

Manoscritti irlandesi digitalizzati

Irish Scripts on Screen è una biblioteca digitale curata dalla Scuola di Studi celtici di Dublino. Contiene le riproduzioni digitali di alcuni di preziosi manoscritti conservati presso biblioteche pubbliche e istituti di ricerca irlandesi (ma non solo).

>> Vai alle Collezioni

Irish Script on Screen (ISOS) is a project of the School of Celtic Studies, Dublin Institute for Advanced Studies.

The project is funded by the Dublin Institute for Advanced Studies.

The object of ISOS is to create digital images of Irish manuscripts, and to make these images – together with relevant commentary – accessible on a WWW site. The purpose of such a site is to provide an electronic resource which will:

  • provide exposure on the internet for a vital part of Ireland’s cultural heritage.
  • place these primary materials at the disposal of scholars and students.
  • contribute to the conservation of these valuable books and documents by creating images of high-resolution detail which, generally speaking, will reduce the need to handle the artefacts themselves.

Manuscript images are available in two formats:

small jpgs (c. 150-500 KB). These images are intended for the general user.They may be viewed by clicking on the relevant thumbnail. The image will open in a new window.

large jpgs (c. 1.5-5MB). These images are intended for the more specialist user (scholars, students, etc.). They may be viewed only following registration with the ISOS project: login details (username and password) will then be supplied.

URL: <http://www.isos.dias.ie/english/index.html>

Mediatheca Franciscana: manoscritti del fondo antico del sacro convento di Assisi

La Mediatheca Franciscana rende disponibili le immagini digitali dei codici del Fondo Antico conservati presso il Sacro Convento di Assisi. Alcuni manoscritti hanno un’importanza primaria nell’ambito della tradizione delle fonti francescane e la biblioteca assisana viene considerata un’arca della cultura religiosa del basso medioevo.

La biblioteca del Sacro Convento di Assisi si è costituta sin dal sec. XIII come biblioteca della comunità francescana residente presso la chiesa-santuario di S. Francesco. Gli studiosi sono ormai concordi nell’affermare che nel Sacro Convento fu attivo uno scriptorium che realizzò innanzitutto  manoscritti liturgici e omiletici destinati al culto ed all’attività pastorale e nel contempo manoscritti biblici, filosofici e teologici destinati allo studio. La produzione di questo centro scrittorio è documentata anche grazie all’uso di una grafia particolare, denominata littera assisiensis.

Accanto alla produzione libraria propria del centro scrittorio assisano, notevole è stato l’arricchimento della biblioteca medievale dovuta ad acquisizioni di manoscritti prodotti in altri luoghi. La biblioteca di Assisi fu la più ricca biblioteca francescana d’Europa sino alla fine del secolo XIV, paragonabile alle prestigiose biblioteche monastiche e a quelle universitarie. L’inventario redatto da fra Giovanni di Iolo nel 1381 ne è la più significativa testimonianza.

Ecco alcuni dei tesori presenti nella biblioteca digitale:

  • il codice 338, il più antico corpus degli scritti di Francesco d’Assisi, databile alla metà del secolo XIII, contenente anche il testo del Cantico delle Creature;
  • il codice 686, il testimone più antico e completo della Vita secunda di Francesco d’Assisi o Memoriale in desiderio animae di Tommaso da Celano;
  • il codice 330 contenente la Legenda maior e la Legenda minor di Bonaventura da Bagnoregio;
  • il codice 342, il testimone più antico e autorevole del Liber della beata Angela da Foligno.
  • i codici 1-15, la splendida Bibbia glossata parigina (detta di S. Luigi IX), impreziosita da un importante apparato iconografico.

Il progetto, ideato dalla Società internazionale di Studi francescani, è stato finanziato dal Ministero dei beni e delle attività culturali, dalla Biblioteca digitale italiana, dalla Fondazione Cassa di risparmio di Perugia e dal Comune di Assisi.

URL: <http://www.sisf-assisi.it/mediatheca.HTM>

Europeana Regia: manoscritti medievali e rinascimentali digitalizzati

Europeana Regia, nato all’interno del più ampio progetto Europeana, si propone di digitalizzare e rendere fruibili gratuitamente in rete 874 preziosi manoscritti del Medioevo e del Rinascimento, con la collaborazione di cinque grandi biblioteche: la Bibliothèque nationale de France, la Bayerische Staatsbibliothek, la Biblioteca Històrica dell’Università di Valencia, la Herzog August Bibliothek di Wolfenbüttel, la Biblioteca Reale del Belgio. La conclusione del progetto è prevista per giugno 2012.

I codici manoscritti (scorri qui l’elenco completo dei codici già digitalizzati) sono stati raggruppati in tre sottocollezioni:

Europeana Regia è un progetto finanziato dalla Commissione europea.

January 2010 marked the beginning of the Europeana Regia project, which will digitise 874 rare and precious manuscripts from the Middle Ages and the Renaissance, with the collaboration of five major libraries located in four countries and the support of the European Commission. The project is expected to run for thirty months (January 2010 to June 2012) and will draw together three collections of royal manuscripts that are currently dispersed and which represent European cultural activity at three distinct periods in history: the Biblioteca Carolina (8th and 9th centuries), the Library of Charles V and Family (14th century) and the Library of the Aragonese Kings of Naples (15th and 16th centuries). These manuscripts will be fully accessible on the websites of the partner libraries and will also be included in Europeana.

URL: <http://www.europeanaregia.eu>

e-codices: manoscritti medievali digitalizzati dalla Svizzera

logo-e-codices

Intento del progetto e-codices è rendere accessibili i manoscritti medievali conservati in Svizzera grazie alla creazione di una biblioteca virtuale. Le riproduzioni digitali integrali dei manoscritti presenti nel sito sono corredate di descrizioni scientifiche. L’offerta è diretta in particolare a quanti si occupano di ricerca sui codici, ma si rivolge anche a tutti gli interessati.  

Al momento sono accessibili 380 manoscritti di 16 diverse biblioteche, per un totale di oltre 140.000 pagine digitalizzate in formato immagine ad alta risoluzione. La biblioteca virtuale verrà progressivamente arricchita.

e-codices, a cura dell’Istituto di Studi Medievali dell’Università di Friburgo, è un ampliamento del progetto CESG – Codices electronici Sangallenses (Biblioteca digitale dell’abbazia di San Gallo).

  • Progetti di e-codices in corso
  • Progetti conclusi
  •  

    URL: <http://www.e-codices.unifr.ch/it>