Tag Archives: inventari di fondi archivistici

Le fonti archivistiche : catalogo delle guide e degli inventari editi (1861-1991)

Fonti Archivistiche

Nella Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è consultabile il volume:

Le fonti archivistiche : catalogo delle guide e degli inventari editi (1861-1991) / Ufficio centrale per i beni archivistici ; a cura di Maria Teresa Piano Mortari e Isotta Scandaliato Ciciani ; introduzione e indici dei fondi [di] Paola Carucci. – [Roma] : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici ; 1995. – 537 p. ; 25 cm. – (Pubblicazioni degli archivi di Stato. Sussidi ; 8). – ISBN: 88-7125-101-6.

«La ricerca sulle fonti archivistiche presenta una specifica difficoltà in ordine all’informazione relativa all’esistenza dei fondi, alla sede in cui sono conservati, al loro stato di ordinamento, alla presenza o meno di adeguati strumenti di ricerca.
L’arco cronologico cui si riferiscono le fonti archivistiche va dal Medioevo ai nostri giorni: ogni istituzione pubblica, ecclesiastica o privata, famiglie e singole personalità hanno prodotto nello svolgimento della loro attività un proprio archivio. Vicende legate alla storia politico-istituzionale, ragioni dinastiche e giuridiche, cessioni e concentrazioni di attribuzioni o di attività, distruzioni legittime e illegittime o accidentali, rimaneggiamenti globali o parziali dovuti al riuso dei documenti per finalità amministrative o riordinamenti determinati da interventi per fini di ricerca, la cui metodologia può variare nel tempo e risultare incongrua in un momento successivo, incidono sulla quantità delle fonti che si tramandano ai posteri, sulla loro configurazione che viene a modificarsi nel tempo, sulla loro ultima destinazione» [dall’Introduzione, p. 7].

Per comunicare le informazioni sulle fonti archivistiche si procede alla compilazione di guide e inventari, che descrivono nella loro globalità fondi ordinati e non ordinati, fornendo di massima ai ricercatori un primo livello di informazione sulle fonti censite; fanno il punto della situazione a un certa data e, quando si tratti di fondi conservati in sedi non istituzionalmente destinate alla ricerca storica, mirano anche a influire indirettamente sulla loro futura conservazione, rendendone nota l’esistenza.

URL: <http://151.12.58.123/dgagaeta/pdf.php?file=Sussidi/5715f272031bc.pdf>

Irish Archives Resources: guida agli fondi archivistici conservati in Irlanda

Logo

Il portale IAR – Irish Archives Resource consente di esplorare gli archivi presenti in Irlanda. Fornisce la descrizione dei fondi archivistici presenti sul territorio.

«This portal will link you to archival collections throughout the island of Ireland. You can use this portal to locate archives relating to your area of interest or research topic.

The Irish Archives Resource (IAR) is an online database which contains searchable archival descriptions.

The purpose of the IAR Portal is to:

  • Allow users to locate archives and records that are relevant to their research.
  • Increase the use of archives by directing researchers to the relevant Archives Services.
  • Encourage the development and publication of comprehensive, standardised archive descriptions».

URL: <http://www.iar.ie/>

Archivi digitali della Camera dei Deputati: mappa degli inventari

Loro Archivio storico

L’Archivio storico della Camera dei deputati conserva i documenti originali prodotti ed acquisiti dalla Camera dalle sue origini di assemblea rappresentativa del Regno di Sardegna, prevista dallo Statuto albertino del 1848, fino a nostri giorni. Al periodo risorgimentale risalgono anche le carte del Parlamento napoletano (1848-1849), istituito dalla Costituzione promulgata nel Regno di Napoli il 10 febbraio 1848.

I fondi archivistici sono organizzati in corrispondenza dei diversi periodi della storia politica ed istituzionale italiana e comprendono i documenti del Regno di Sardegna, del Regno d’Italia, della transizione costituzionale e della Repubblica, a partire dal 1948.

Il patrimonio archivistico comprende anche una serie di archivi privati d’interesse politico-parlamentare e culturale, l’archivio fotografico del Cerimoniale e due archivi d’interesse artistico ed architettonico, relativi ai disegni dell’architetto Ernesto Basile per i lavori di ampliamento di palazzo Montecitorio (1908-1918) ed ai progetti presentati in occasione del concorso nazionale per la realizzazione di un nuovo palazzo della Camera dei deputati (1967). L’Archivio storico conserva inoltre la raccolta delle riprese audiovisive dei lavori dell’Assemblea della Camera dei deputati, a partire dal 1989.

Dal sito dell’Archivio storico della Camera dei Deputati del Parlamento italiano si può accedere ai fondi ed alle serie archivistiche per cui è disponibile un inventario in formato digitale.

Per una ricognizione completa del patrimonio archivistico dell’Archivio storico si può fare riferimento alla Guida ai fondi dell’Archivio storico della Camera dei deputati (formato PDF 3.2 MB).

Archivio della Camera Regia:

Archivi della transizione costituzionale:

Archivi del periodo repubblicano:

Archivi privati:

Archivi fotografici:

Architettura d’Archivio:

URL: <http://archivio.camera.it/patrimonio/mappa_archivi>

Archivi storici delle chiese venete

Archivi_veneto

Ecclesiae Venetae è un progetto realizzato d’intesa tra le diocesi di Venezia, Padova, Vicenza, Verona, Treviso, Vittorio Veneto, la Direzione generale per gli archivi del Ministero per i beni e le attività culturali e la Regione Veneto.

Gli archivi delle sei diocesi venete vengono a comporsi in un insieme coordinato di sistemi archivistici  consultabili sia come banca dati cumulativa e unitaria, sia con accessi specifici per il patrimonio delle singole diocesi. Tutti i fondi sono a loro volta scanditi nelle proprie partizioni interne e leggibili nella rete fino a livello di unità e sottounità archivistiche, per un complesso di circa 67.000 schede.

URL: <http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?RicProgetto=ev>

Inventario dell’Archivio storico della CGIL (1944-1986)

Tra le pubblicazioni degli Archivi di Stato scaricabili gratuitamente (>> vai al catalogo completo sul sito della Direzione generale degli Archivi) segnaliamo l’Inventario dell’Archivio storico della C.G.I.L., pubblicato in più volumi tra il 2002 e il 2011.

Dalla premessa al primo volume:

Gli archivi sindacali sono in generale un tassello con siderevole del patrimonio archivistico nazionale e pertanto meritano tutta l’attenzione possibile da parte di archivisti e studiosi. L’archivio della Cgil in particolare costituisce senza dubbio una fonte di primaria importanza per la storia del movimento operaio, del lavoro e dell’industria, della società italiana nel secondo dopoguerra.

Non accade spesso di trovare archivi così compatti e strutturati come quello della Cgil, che fin dall’inizio ebbe l’accortezza non solo di approntare titolari di classificazione, ma anche di aggiornarli nel corso degli anni. E’ proprio la presenza di questi strumenti che ha consentito di ricostruire un archivio molto simile a quello originario, riflesso di un’organizzazione oltremodo variegata e strutturata, non assimilabile a quella di altri enti, sia pubblici che privati.

Confederazione generale italiana del lavoro, Inventario dell’Archivio storico (1944-1957), a cura di Corridori Teresa, Romeo Ilaria, Venditti Gianni, Roma, 2002, pp. lxiv, 132, t.f.t., (Strumenti, 152).

  Scarica la parte 1    Scarica la parte 2

Confederazione generale italiana del lavoro, Inventario dell’Archivio storico. (1958-1969), a cura di Corridori Teresa, Romeo Ilaria, Venditti Gianni, , Roma, 2008, pp. xxxii, 776, t.f.t., (Strumenti, 180).

  Scarica il volume

Confederazione Generale Italiana del Lavoro. Inventario dell’Archivio storico III (1970-1986), a cura di Corridori Teresa, Romeo Ilaria, Venditti Gianni, Roma, 2011, pp. XXIII, 1004, t.f.t, (Strumenti, 191).

  Scarica il volume