Tag Archives: giorno della memoria

Le fotografie dal ghetto di Łódź (Polonia) di Henryk Ross

Le rovine della Sinagoga in Wolborska Street , distrutta dai tedeschi nel 1939

Le rovine della Sinagoga in Wolborska Street , distrutta dai tedeschi nel 1939

La Art Gallery dell’Ontario ha messo in Rete la riproduzione digitale delle fotografie scattate da Henryk Ross (1910–1991) nel ghetto di Łódź tra il 1939 e il 1945. Si tratta di un archivio dal valore storico inestimabile che consta di più di 4.000 immagini.  Ross seppellì i negativi durante l’evacuazione del ghetto e, sopravvissuto allo sterminio, li recuperò nel 1945.

La città di Łódź, seconda per numero di abitanti della Polonia, al momento dell’inizio della Seconda guerra mondiale contava circa 250.000 abitanti ed era organizzata in una comunità ricca e culturalmente molto vivace. Fin dall’inizio dell’occupazione tedesca, nei primi giorni di settembre del 1939, iniziarono le persecuzioni contro di essa e nel maggio 1940 fu chiuso il ghetto della città, nel quale furono segregati circa 200.000 ebrei.

Per organizzare la popolazione locale e mantenere l’ordine le autorità tedesche imposero l’istituzione di un Judenrat (consiglio ebraico) all’interno del ghetto. Il consiglio del ghetto era presieduto da Mordechai Chaim Rumkowski, una delle figure più controverse della storia della persecuzione ebraica. Il suo ruolo lo pose in una posizione di grande responsabilità nei confronti degli abitanti del ghetto e gran parte del suo operato continua tutt’oggi ad essere tema di discussione degli storici. Egli obbligò ad enormi sforzi produttivi la popolazione, eseguendo puntualmente gli ordini tedeschi, nella speranza di salvare parte degli ebrei rinchiusi nel ghetto. Nel 1943 oltre il 95% della popolazione adulta era impiegato all’interno di 117 laboratori ed industrie, le quali, come si vantò Rumkowski con il sindaco di Łódź, rappresentavano “una vera miniera d’oro” ( >fonte: Wikipedia). In effetti, proprio a causa dell’estrema produttività il ghetto di Łódź sopravvisse più a lungo di ogni altro ghetto in Polonia ma ciò non fu sufficiente ad evitare il disastro: della popolazione ebraica del ghetto sopravvissero alla Seconda guerra mondiale meno di 10.000 persone.

Primo Levi, nel capitolo “La zona grigia” de I sommersi e i salvati, dedica Rumkoski alcune delle sue pagine più intense. Per approfondire l’argomento rimandiamo a un bell’articolo di Marco Belpoliti pubblicato su Doppiozero il 26 gennaio 2014 e intitolato Levi, Bellow e il Re dei Giudei

 

Qui la notizia dell’apertura al pubblico dell’archivio digitale:

«The Art Gallery of Ontario has launched a searchable, interactive digital archive of over 4,000 rare photographs from its Henryk Ross Collection of Lodz Ghetto Photographs. The archive, developed in partnership with Facing History and Ourselves and with contributions from Sarah and Chaim Neuberger Holocaust Education Centre, features digital copies of Henryk Ross’s original nitrate-based negatives, captured during the Second World War in the Lodz Ghetto of Poland. The launch of the website coincides with the 70th anniversary of the unearthing of Ross’s original negatives in 1945.

Henryk Ross (1910–1991) was a Polish-Jewish photojournalist employed by the Jewish Administration’s Statistics Department. At great risk to himself, Ross took thousands of photos of daily life in Poland’s Lodz Ghetto, which was occupied by German forces in 1939 and was the country’s second largest ghetto for the Jewish population after Warsaw. Ross hid his negatives by burying them in the ground after the last remaining residents of the ghetto were sent to Auschwitz, and excavated them only after the area was liberated from Nazi occupation in January 1945. Over half of the original 6,000 negatives survived, making his collection one of the largest of its kind to survive the Holocaust.

The Henryk Ross Collection was donated to the Art Gallery of Ontario by the Archive of Modern Conflict in 2007. The launch of the digital archive will allow people around the world to search and save images, tag photographs and add information in order to continue to build Ross’s legacy and enrich the public memory of the people and historical events he wished to commemorate. The website also features lesson plans and resources for teachers and students to learn about history, modern human rights issues and social change».

URL: <http://www.agolodzghetto.com/>

 

Ringraziamo Klaus Graf per aver segnalato questa risorsa nel suo blog Archivalia, da poco migrato sulla piattaforma di blog accademici Hypothèses.

Il nazismo e lo sterminio degli ebrei: una lezione tenuta dal prof. Francesco M. Feltri

feltri

Per la Giornata della Memoria 2013, il Liceo XXV Aprile di Portogruaro ha invitato il professor Francesco Maria Feltri, docente e ricercatore autore del manuale di storia Chiaroscuro (edizione SEI), a tenere una lezione per presentare alle classi quinte il sistema dei campi di concentramento e la Shoa.

La Rete dei docenti di Storia della Provincia di Venezia presenta sul suo bel sito la registrazione audio della conferenza, che merita di esser segnalata per la chiarezza della presentazione  e per l’incisività dei documenti mostrati.
Tutte le immagini utilizzate sono reperibili al sito Viaggio visivo nel Novecento totalitario  e le schede in cui sono inserite forniscono un utile approfondimento all’argomento proposto.

Gli audio della conferenza sono in formato .mp3:

Prima parte  (47 minuti)

  • Un racconto per immagini
  • I campi di concentramento nella nuova società nazista
  • I campi di concentramento non nascono per gli ebrei
  • L’”equivoco” Primo Levi
  • I primi provvedimenti fino alle leggi di Norimberga

Elenco delle immagini commentate (si consiglia di seguire i link mentre si ascolta la lezione):

figura 1   figura 2   figura 3   figura 4   figura 5   figura 6   figura 7   figura 8   figura 9   figura 10   figura 11   figura 12   figura 13   figura 14   figura 15   figura 16   figura 17

Seconda parte  (38 minuti)

  • L’invasione della Polonia
  • L’invasione dell’Urss e le operazioni in Ucraina
  • I campi di sterminio: Belzec e Sobibor
  • La particolarità di Auschiwitz

Elenco delle immagini commentate (si consiglia di seguire i link mentre si ascolta la lezione):

figura 1   figura 2   figura 3   figura 4   figura 5   figura 6   figura 7   figura 8   figura 9   figura 10   figura 11   figura 12   figura 13   figura 14   figura 15   figura 16   figura 17

URL: <http://www.retestoriaprovinciavenezia.it/?p=691>

Enciclopedia dell’Olocausto

olocausto

Holocaust Encyclopedia è un progetto a cura del Museo dell’Olocausto di Washington (United States Holocaust Memorial Museum).

Contiene anche una sezione in lingua italiana.

The Multimedia Encyclopedia of the Shoah includes more than 300 articles on the history of the destruction of the Jews of Europe.  Each entry deals with one aspect of the Shoah and is illustrated by photographies, video testimonies, objects, animated or still maps, and individual life stories.

URL: <http://www.ushmm.org/wlc/en/>

Giorno della Memoria: strumenti per la didattica

Giornata della Memoria

In occasione del Giorno della Memoria 2014 segnaliamo una serie di risorse per la didattica (scuola di base e scuole superiori) disponibili in rete.

1.  Sul sito della Fondazione CDEC – Centro di documentazione ebraica contemporanea vengono proposti suggerimenti di lettura, documenti, testimonianze che contengono indicazioni e suggerimenti per una conoscenza di base sulla persecuzione e la deportazione degli ebrei.

2.  Sul portale multilingue Holocaust Encyclopedia, a cura del Museo dell’Olocausto di Washington, è disponibile una sezione in lingua italiana che contiene schede di approfondimento sul nazismo e la persecuzione degli ebrei in Europa.

3. Sul sito di Rai Scuola c’è una sezione speciale dedicata al Giorno della memoria: lo speciale è realizzato attraverso i filmati presi dalle Teche Rai e con un video-reportage girato direttamente nei campi di sterminio da una delegazione di Rai Educational e del MIUR.

>> Vai allo speciale di Rai Scuola

4. Il nazismo e i campi di sterminio: lezione tenuta dal prof. Francesco Maria Feltri, docente e ricercatore autore del manuale di storia Chiaroscuro, alle classi quinte superiori del Liceo XXV Aprile di Portogruaro (Venezia).

 

Segnaliamo infine la bella intervista a Vittorio Foa sul tema della memoria messa in rete dalla Biblioteca Gino Bianco di Forlì.

Memoria: un film documentario sulla Shoah italiana

memoria

Memoria, scritto da Marcello Pezzetti e Liliana Picciotto della Fondazione CDEC – Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano, è stato realizzato da Ruggero Gabbai per Forma International nel 1997 e selezionato al Festival del Cinema di Berlino.

Il film documentario propone le interviste a 90 sopravvissuti ebrei italiani al campo di Auschwitz. E’ il racconto dalla viva voce dei testimoni delle diverse fasi della Shoah italiana, dall’applicazione delle leggi antiebraiche del 1938 allo scoppio della guerra, dagli arresti nel 1943 alla deportazione ad Auschwitz, fino alla liberazione nel 1945 e al ritorno a casa.

La versione integrale del film (durata: ca. 90 minuti) è disponibile in versione integrale, con sottotitoli in inglese, su YouTube.

URL: <https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=j_RBlqfvGlk#!>

I nomi della Shoah italiana: la banca dati del CDEC

Il sito I nomi della Shoah italiana: in memoria delle vittime della persecuzione antiebraica 1943-1945 è una banca dati che contiene i nomi e le notizie biografiche delle vittime dei regimi nazista e fascista raccolti dalla Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC) in decine di anni di ricerca.

L’obiettivo del Memoriale è mantenere viva la memoria individuale e collettiva delle vittime e ritracciarne, dove possibile, il percorso di vita e di persecuzione. Si tratta dunque di un’importante iniziativa documentale ma è soprattutto un monumento alla memoria delle vittime e permette, a chi lo desidera, di ritrovare notizie e informazioni su parenti e cari scomparsi nella deportazione.

Il CDEC ha avuto fin dalla sua costituzione, nel 1955, l’obiettivo di ricostruire l’elenco delle vittime della Shoah in Italia, raccogliendo l’eredità del CRDE (Comitato Ricerche Deportati Ebrei) sorto a Roma nel 1945 sotto l’egida dell’Unione delle Comunità Israelitiche Italiane e guidato dal colonnello Massimo Adolfo Vitale.

Vitale produsse nel 1953 un primo elenco dattiloscritto delle vittime. I documenti raccolti in quell’ambito costituirono successivamente il primo patrimonio documentario del CDEC.

Nel 1972 il CDEC avviò, sulla base dell’elenco di Vitale, una nuova ricerca basata su una raccolta dei documenti disponibili in tutti gli archivi internazionali possibili.

Nel 1979 il CDEC prese in considerazione l’idea di pubblicare in un libro-memoriale l’elenco completo di tutti gli ebrei morti in Italia o deportati dall’Italia nel biennio 1943-1945. La direzione del progetto fu affidata a Liliana Picciotto.

Nuovi documenti erano nel frattempo venuti alla luce: la schedatura di 51.000 ebrei o presunti tali messa in atto dal governo fascista nel 1938, i registri-matricola delle carceri italiane con i nomi degli ebrei arrestati, i documenti del Ministero dell’Interno reperiti per le Procure tedesche nell’ambito dei processi a criminali nazisti che avevano operato in Italia. L’analisi di questo complesso documentario portò alla luce nuovi nomi e nuovi dati.

L’esito della ricerca fu pubblicato per la prima volta nel 1991 dalla casa editrice Mursia di Milano nel volume di Liliana Picciotto Il libro della memoria. Gli ebrei deportati dall’Italia (1943-1945), del quale è in preparazione la quarta edizione.

Il nuovo sito web ripropone ora quei nomi in versione digitale. Per ciascuno di essi, grazie ad un motore di ricerca, sarà possibile trovare i dati anagrafici, il luogo di arresto e di deportazione e il destino finale. Le opzioni di ricerca possibili sono cinque: nome, cognome, luogo di nascita, anno di nascita, luogo di arresto.

Nel sito sono inclusi i nomi dei deportati deceduti nei campi di sterminio, i morti negli eccidi italiani e i sopravvissuti.

Il sito sarà inaugurato ufficialmente il 26 gennaio 2012.

“Nella tradizione ebraica i nomi e la nominazione hanno valore fondamentale. Nella pagina di apertura del Memoriale sono assiepati i nomi delle vittime: ne compaiono in ordine alfabetico diverse decine; ogni 24 ore la pagina scompare e ne compare una successiva con ulteriori decine di nomi. Le persone presenti nel database sono oltre settemila, perciò si calcola che occorreranno alcuni mesi perché il ciclo sia completato e i nomi ricomincino dalla prima lettera dell’alfabeto” [dalla pagina di presentazione].

URL: <http://www.nomidellashoah.it>

[Leggi la notizia su Mosaico, il sito ufficiale della Comunità ebraica di Milano]

Post correlati:

>> Ti racconto la storia: voci dalla Shoah