Tag Archives: Francia

CALAMES (CAtalogue en Ligne des Archives et des Manuscrits de l’Enseignement Supérieur)

Logo-Calames

Calames è un catalogo online che contiene la descrizione dei fondi archivistici e dei manoscritti conservati presso le università e gli istituti di ricerca francesi.

Una parte dei record del catalogo Calames deriva da due precedenti cataloghi: il repertorio nazionale dei manoscritti letterari francesi del XX secolo (Palme : Répertoire national des manuscrits littéraires français du vingtième siècle) e il catalogo generale dei manoscritti conservati presso le biblioteche pubbliche francesi (Catalogue général des manuscrits des bibliothèques publiques de France), una pubblicazione a stampa pubblicata a partire dalla seconda metà dell’Ottocento (>> consulta tutti i volumi online).

“Catalogue collectif mis en œuvre par l’ABES, Calames (CAtalogue en Ligne des Archives et des Manuscrits de l’Enseignement Supérieur) décrit les fonds de manuscrits et d’archives conservés dans les universités françaises et, plus largement, dans les établissements français d’enseignement supérieur et de recherche”.

Leggi una pagina di presentazione del catalogo e le istruzioni per la ricerca.

Elenco delle biblioteche presenti in Calames:

AIX-EN-PROVENCE. Maison méditerranéenne des sciences de l’homme
AIX-MARSEILLE 3. BU Droit Sci.Eco.
AMIENS. BU Lettres SHS
ANGERS. Bibliothèque universitaire
ATHENES. Ecole française
BESANCON. BU Médecine pharmacie
BEZIERS. CIRDOC
BORDEAUX 1. BU Sciences
BORDEAUX 2. BU Santé
BORDEAUX 3. BU Lettres
BORDEAUX 4. BU Droit
BREST. C. R. Bretonne Celtique
CAEN. BU Droit Lettres
CHAALIS. Musée Jacquemart-André
CHANTILLY. Bibliothèque du château
CHATENAY-MALABRY. Ecole centrale Paris
CLERMONT-FERRAND. BCC
CLERMONT-FERRAND. SICD
DIJON. BU Droit Lettres
EVREUX. Société libre de l’Eure
GRENOBLE 2/3. BU Droit Lettres
LE MANS. SCD
LILLE 3. BU
LYON. Bibliothèque Diderot de Lyon
LYON. BIU-LSH
LYON. Université catholique
MAISONS-ALFORT. Ecole Vétérinaire
METZ. SCD
MONTPELLIER. BU Lettres
MONTPELLIER. BU Médecine
NANCY. BU Droit
NANTERRE. BDIC
NICE. BU Lettres Arts Sci.Hum.
PALAISEAU. Ecole polytechnique
PARIS 1. SCD
PARIS 3. Bibliothèque Gaston Baty
PARIS 8
PARIS. Académie de Médecine
PARIS. Archives Academie Française
PARIS. Bibliothèque littéraire Jacques Doucet
PARIS. Bibliothèque Mazarine
PARIS. Bibliothèque Sainte-Geneviève
PARIS. Bibliothèque Thiers
PARIS. BIU Cujas
PARIS. BIU Santé – Médecine
PARIS. BIU Santé – Pharmacie
PARIS. BULAC
PARIS. CNAM
PARIS. Ecole française d’Extrême-Orient
PARIS. Ecole militaire
PARIS. ENS Ulm
PARIS. INHA
PARIS. Institut Catholique
PARIS. Institut de France
PARIS. Musée Curie
PARIS. Musée Jacquemart-André
PARIS. Muséum d’Histoire Naturelle
PARIS. Sciences Po
PARIS. Société Hist. Protestantisme français
PARIS. Sorbonne-BIU Centrale
PERPIGNAN. BU Lettres-Sciences humaines
POITIERS. BU Droit-Lettres
RENNES 1. BU Droit éco. gestion
RENNES 2. BU
SAINT-DENIS. SCD Réunion
STRASBOURG. B.N.U.S.
TOULOUSE. SICD-Livre ancien
TOURS. SCD
VALENCIENNES. BU Sciences Lettres

 

URL: <http://www.calames.abes.fr>

Il catalogo dei musei della Francia & risorse per la didattica della Storia dell’arte

Jean-Baptiste Carpeaux (1827-1873)

Jean-Baptiste Carpeaux (1827-1873)

JOCONDE – Portail des collections des musées de France è il portale dedicato ai musei della Francia: il catalogo contiene più di 500.000 schede relative a oggetti di varia natura (belle arti, archeologia, etnologia, storia, scienze e tecnica) valorizzati attraverso percorsi tematici, approfondimenti e mostre virtuali.

Si tratta di un sito molto ricco e articolato, a cura del Ministero della cultura francese.

Dalla home page:

Le catalogue regroupe près de 500.000 notices d’objets de toute nature (archéologie, beaux-arts, ethnologie, histoire, sciences et techniques…) valorisées par des parcours thématiques, des zooms et des expositions virtuelles.

Joconde est le fruit d’un partenariat constant entre le bureau de la diffusion numérique des collections du service des musées de France et les musées participants.

 

Un altro portale molto interessante per i docenti e gli studiosi di Storia delle arti è Histoire des arts, curato dal Ministero della cultura francese e dall’IRI – Institut de Recherche et d’Innovation (>> leggi una pagina di presentazione).

Il sito segnala 5.000 risorse digitali qualificate, prodotte da circa 350 istituzioni culturali francesi, che sono state selezionate perché particolarmente adatte per avviare percorsi didattici nelle scuole (dalla scuola primaria alla scuola secondaria superiore).

Persée: portale di riviste francesi specializzate nelle discipline delle scienze umane e sociali

Persée è uno splendido portale creato dal Ministero francese dell’educazione, dell’università e della ricerca che consente l’accesso a riviste specializzate nelle discipline delle scienze umane e sociali.
Attraverso il portale sono accessibili in rete, gratuitamente, le annate retrospettive di numerose riviste di grande rilevanza scientifica. Come si legge nella pagina di presentazione, la diffusion élargie de ce riche patrimoine scientifique permettra une meilleure valorisation de la recherche française, dans une logique d’accès public et gratuit.

Elenco delle riviste disponibili:

Actes de la recherche en sciences sociales (1975-2003)

Annales d’histoire économique et sociale (1929-2002)

Annales de géographie (1892-1942)

Archives de Sciences Sociales des Religions (1956-1999)

Bulletin de correspondance hellénique (1877-1949)

Bulletin de l’École française d’Extrême-Orient (BEFEO) (1901-2003)

Cahiers d’Études africaines (1960-2001)

Dialogues d’histoire ancienne (DHA) (1974-2005)

Histoire, économie & société (1982-2003)

Histoire & Mesure (1986-2000)

Journal de la Société des Américanistes (JSA) (1895-1939)

Journal de la Société des africanistes (1931-2003)

L’Année Psychologique (1894-2005)

L’Homme (1961-1999)

Matériaux pour l’histoire de notre temps (1985-2002)

Mélanges de l’École française de Rome (1881-2000)

Mil neuf cent : revue d’histoire intellectuelle (Cahiers Georges Sorel) (1983-2000)

Mots. Les langages du politique (1980-2000)

Paléorient (1973-2004)

Pôle Sud (1994-2003)

Politique étrangère (1936-2003)

Politix (1988-2004)

Population (1946-2003)

Recherches en Anthropologie au Portugal (1989-2004)

Réseaux – Communication – Technologie – Société (1983-2000)

Revue d’économie industrielle (1977-2004)

Revue de l’Art (1985-1999)

Revue de l’OFCE (1982-2000)

Revue économique (1950-2002)

Revue Européenne des Migrations Internationales (REMI) (1985-2001)

Revue française de science politique (1951-2002)

Revue française de sociologie (1960-1991)

Revue Tiers Monde (1960-1986)

Romantisme (1971-2003)

Vingtième siècle (1984-2001)

URL: <http://www.persee.fr/listRevues.do>

Manifesti e bandi nella Francia occupata

Il Comitato di storia della Seconda guerra mondiale nacque nel dicembre 1951 dalla fusione della Commissione di storia dell’occupazione e della liberazione della Francia (CHOLF-Commission d’histoire de l’occupation et de la libération de la France) e dal Comitato di storia della guerra, creati rispettivamente nell’ottobre 1944 e nel giugno 1945 per conservare la memoria degli anni 1939-1945. 

Il nuovo organismo, animato dallo storico Henri Michel, ebbe l’incarico di raccogliere testimonianze sulla Resistenza e sul periodo dell’occupazione, coordinando al tempo stesso dossier e pubblicazioni sulla Seconda guerra mondiale. Quando, nel 1980, il Comitato fu sciolto per essere sostituito dall’Istituto di storia del tempo presente (IHTP-Institut d’Histoire du Temps présent), tutto il materiale raccolto venne depositato presso l’Archivio nazionale (serie 72AJ).

Tra i risultati più interessanti del lavoro di quegli anni spicca una importante collezione di manifesti, comprendente un migliaio di pezzi che vanno dagli inizi degli anni Trenta al dopoguerra. Essa fornisce una preziosa testimonianza dei principali avvenimenti che sconvolsero la Francia in quel periodo.

Il materiale riguarda i seguenti momenti storici:

  • anteguerra (pacifismo, ascesa del nazismo, guerra di Spagna);
  • operazioni militari nel 1930-1940;
  • occupazione tedesca in Belgio, Olanda, Polonia;
  • occupazione tedesca in Francia e repressione;
  • Governo di Vichy, France libre, alleati, Resistenza interna;
  • Liberazione;
  • periodo posteriore alla Liberazione.

Si tratta di una raccolta di grande rilevanza storica, che comprende sia avvisi ufficiali (condanne, notifiche di espropriazioni, consegne militari e altri atti di autorità), sia materiale di propaganda (manifesti e volantini), spesso molto interessante dal punto di vista iconografico.

Gran parte dei documenti sono stati digitalizzati e sono oggi disponibili al pubblico.

URL: http://www.culture.gouv.fr/documentation/archim/affichescomitehistoire.htm

Testi elettronici clandestini del Settecento

Questo sito, curato da Gianluca Mori e ospitato sul server della Facoltà di Lettere dell’Univeristà del Piemonte Orientale, ospita una scelta limitata ma rappresentativa di testi filosofici clandestini francesi del Settecento. 

“I manoscritti filosofici clandestini sono uno dei fenomeni più interessanti del primo Illuminismo. Moltissimi testi di questo genere sono stati scoperti e studiati a partire dai lavori pionieristici di Gustave Lanson (1912) e Ira O. Wade (1938). I manoscritti più noti e diffusi sono il Traité des trois imposteurs, il Mémoire di Jean Meslier, l’Examen de la religion di Du Marsais e la Lettre de Thrasybule à Leucippe di Fréret. L’ispirazione filosofica di questi testi non è sempre la stessa. In comune, hanno soprattutto una tendenza radicalmente anticristiana, che li conduce talora a posizioni di tipo deistico (Examen de la religion) o ateo (Mémoire di Meslier, Lettre de Thrasybule à Leucippe di Fréret). Alcune edizioni critiche sono già disponibili, e una collana interamente dedicata ai testi filosofici clandestini è diretta da Antony McKenna presso la Voltaire Foundation di Oxford”. 

URL: <http://www.vc.unipmn.it/~mori/e-texts/index_it.htm>

Quotidiani “storici” francesi in digitale

   I quotidiani francesi del XIX e della prima metà del XX secolo sono una fonte insostituibile di conoscenza della vita politica, economica, letteraria, artistica e scientifica del tempo. Una testata come Le Temps aprì la vita politica francese alle notizie provenienti dall’estero e Ouest-Eclair fu tra le prime riviste a diffondere in provincia il dibattito politico nazionale.

Il ricorso massiccio all’illustrazione rinforzò ulteriormente l’impatto popolare della carta stampata: il Petit Parisien superò nel 1904 il milione di copie, una cifra davvero impressionante anche se raffrontata alle tirature dei nostri giorni.

Il progetto di digitalizzazione intrapreso dalla BnF – Bibliothèque nationale de France renderà liberamente accessibili in Internet circa tre milioni e mezzo di pagine di quotidiani.
Al momento sono già consultabili i seguenti titoli, nella consistenza indicata tra parentesi:

Bibliografia nazionale francese online

A partire dal sito della Bibliothèque nationale de France (BnF) si può accedere gratuitamente ai fascicoli della Bibliographie nationale française, la bibliografia generale nazionale corrente che registra le pubblicazioni edite o prodotte in Francia e depositate presso la BnF in ottemperanza alla legge sul deposito legale.

La Bibliographie nationale française si compone di cinque serie, che escono con diversa periodicità:

  • Libri (un numero ogni 15 giorni, per un totale di 26 numeri all’anno)
  • Seriali (un numero al mese, per un totale di 11 numeri all’anno)
  • Musica (un numero ogni 4 mesi, per un totale di 3 numeri all’anno)
  • Audiovisivi (un numero ogni 6 mesi, per un totale di 2 numeri all’anno)
  • Carte geografiche (un numero all’anno)

Sono disponibili, oltre ai numeri del 2007, cumulativi delle annate dal 2001 al 2006.

Le notizie bibliografiche sono indicizzate in base all’ambito disciplinare degli argomenti trattati nelle pubblicazioni. Lo schema di classificazione adottato è quello della CDD (Classificazione Decimale Dewey).

Filosofia: Classe 100

Storia: Classe 900