Tag Archives: fotografie storiche

La storia della Russia dal 1860 al 2000: una raccolta di fotografie digitalizzate

Foto del 1958

Foto del 1958

Il Museo di arti mulimediali di Mosca ha annunciato il lancio di un sito web grazie al quale è possibile ripercorre in 80.000 scatti fotografici gli ultimi 150 anni della storia russa, dal 1860 fino al 2000. La raccolta è destinata a crescere nel tempo.

La direttrice del museo, Olga Sviblovo, ha dichiarato che l’obiettivo è quello di raccogliere in un  portale tutte le collezioni fotografiche pubbliche e private presenti in Russia.

Purtroppo non è ancora disponibile un’interfaccia in lingua inglese, anche se il progetto è in corso d’opera. Le fotografie sono comuqnue facilmente accessibili anche per chi non conosce la lingua russa, dal momento che si può semplicemente scorrere le fotografie in ordine cronologico o selezionare un anno specifico facendo scorrere il cursore lungo la linea del tempo.

Riportiamo per intero il testo di un articolo pubblicato il 17 giugno sulla webzine Russia Beyond the Headlines:

«The Moscow Multimedia Art Museum announced the launch of a new portal, History of Russia in Photographs, which exhibits about 80,000 photos dating from 1860 to 2000. The collection will be expanded daily.

The museum’s director, Olga Sviblovo, said the portal’s goal is to unite all museum and private photo collections in order to create a ‘visual Wikipedia on Russian history in photos’.

The site is a sort of photography bank, very easy and convenient to use. To visually study a section of time one does not need to know Russian. It is enough just to move two cursors on ‘the plate of time’ onto the period of interest and all the photos corresponding to the request will appear on the main page.

‘We’re now developing the site’s English version and perfecting the auto translator because searching on the site is done through tags’, explained Sviblova. ‘There are already more than 10,000 of them. For example, type in the tag boutonnière and you can see a photo of poet Alexander Blok wearing one on his jacket’.

‘We began thinking of such a portal in 1999 because we understood how important it would be to create a photographic history for future generations’, continued Sviblovo. ‘You cannot build the future without knowing your past’.

The project cooperates with all of Moscow’s museums and the state archive, as well as with regional museums and the heirs of famous Russian photographers».

URL: <https://russiainphoto.ru/>

 

[grazie a Klaus Graf per aver segnalato la notizia sul suo prezioso blog Archivalia]

La documentazione storica e fotografica delle catacombe dagli archivi della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra

santagnese

Riportiamo una notizia molto interessante pubblicata sul sito regesta.com, la newsletter di regesta.exe (azienda specializzata in progetti di valorizzazione dei beni culturali e tecnologie per la comunicazione dei contenuti digitali):

“L’archivio digitale della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra viene reso disponibile su un nuovo sito web. La collezione delle prime 10.000 foto storiche di catacombe, ipogei, basiliche cimiteriali, splendidi affreschi, sculture, apre squarci spesso inediti su tesori a volte ancora inaccessibili ai non addetti ai lavori; le 20.000 riproduzioni digitali degli Atti e dei Verbali della Commissione, dei Giornali di scavo, delle corrispondenze raccontano la quotidianità di un lavoro minuzioso e appassionato (rilievi e piante di luoghi dei lavori, riproduzioni di iscrizioni, elenco dei monumenti con indicazione esatta topografica e con annessi calchi delle epigrafi, bolli e iscrizioni) lungo oltre 160 anni di vita della Commissione” [leggi tutto l’articolo].

Le immagini sono disponibili gratuitamente solo in bassa definizione.

I documenti sono disponibili in riproduzione integrale solo a pagamento: si può però consultare la descrizione inventariale.

Per acquistare le foto digitali in alta risoluzione o per richiedere copia della documentazione storica disponibile è necessario registrarsi.

 

URL: <http://www.archeologiasacra.net/pcas-web/>

Visual Archive Southeastern Europe: archivi fotografici dei Balcani

Sarajevo - Manifattura di tappeti (ante 1926)

Sarajevo – Manifattura di tappeti (ante 1926)

VASE – Visual Archive Southeastern Europe è un progetto curato dall’Università di Graz (Austria) che raccoglie fotografie e cartoline che testimoniano la vita quotidiana e familiare nei Balcani tra il 1860 e il 1950. Il materiale è stato raccolto in Austria, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Serbia.

Molto ricca e interessante anche la sezione dedicata alla bibliografia.

The main objective of the Visual Archive Southeastern Europe is to assemble historical and contemporary visual materials on Southeastern Europe. VASE seeks to draw attention to the visual as primary source, to enhance visual studies as a technique and method and thereby enrich the primarily text-based historical-anthropological research. By providing different types of images – e. g. photos and postcards – VASE aims at reflecting the (self-) images of Southeastern Europe, both among the academic community as well as on society at large. It may not be used for commercial purposes.

Currently the database contains approximately 2.500 images. The images were provided by partner institutions and individual collectors in Austria, Bosnia and Herzegovina, Bulgaria and Serbia.

URL: <http://gams.uni-graz.at/context:vase>

GeoMemories: la geografia della memoria

GeoMemories

Il progetto GeoMemories nasce con l’intento di realizzare un atlante storico-geografico con tecnologie web 2.0 attraverso l’accesso via web al patrimonio di immagini aeree conservate negli archivi dell’Aerofototeca nazionale di Roma.

Le foto aeree, realizzate tramite palloni aerostatici, partono dalla fine del 1800 sino a tutto il 1900. Per quanto riguarda la seconda guerra mondiale, le immagini provengono dagli archivi della Raf (Royal Air Force).

Sono già state acquisite in formato digitale circa 10.000 scatti: grazie a queste informazioni si riesce ad avere una copertura quasi completa dell’Italia e così è possibile confrontare queste foto con le immagini satellitari attuali di Google.

Grazie a GeoMemories sarà possibile osservare l’evoluzione del territorio italiano in 100 anni di storia: la crescita dei centri urbani con il passare dei decenni, l’erosione delle coste, i cambiamenti lungo gli argini dei fiumi e così via.

L’intento, tuttavia, si spinge oltre alla mera raccolta di immagini fotografiche: i visitatori del sito sono invitati a collaborare inviando testimonianze relative ai luoghi riprodotti nelle foto d’epoca. Ad esempio, chi riconoscerà un palazzo bombardato potrà lasciare un contributo della propria memoria storica o raccontare le vicende della famiglia che abitava in quel palazzo.

L’archivio fotografico unito alla memoria collettiva farà di GeoMemories una sorta di atlante virtuale storico degli ultimi 100 anni di questo Paese.

Il sito è in versione beta e la navigazione richiede l’istallazione del plugin di Google Earth. Si raccomanda l’utilizzo dei browser Firefox o Chrome.

>> Guarda il tutorial

****

Sul sito del CNR – Consiglio nazionale delle riceche è disponibile un’intervista a Maurizio Tesconi, ricercatore dell’Istituto di informatica e telematica di Pisa (guarda il video e leggi).

Segnaliamo anche una presentazione in lingua inglese del progetto, pubblicata sul sito del CNR:

GeoMemories offers a new way to experience the history and the geography: an historical and geographical atlas, based on Web 2.0 technology, which brings together a unique collection of historical maps, whose navigation through space and time lines opens extraordinary views on the collective historical memory.
The GeoMemories project is a collaboration between IIT and AFN (national archive of aerial photos), a section of the Central Institute for Cataloguing and Documentation (ICCD) with headquarters in Rome. Edited by AFN are kept millions of aerial images from several funds ranging from early 900 to date and constitute a fundamental heritage documentation of the Italian landscape of the last century. The fund upon which the IIT has worked is mainly the one of aerial photos taken by the Royal Air Force (RAF).
In fact, in the period between 1943 and 1945, RAF has performed thousands of flights over much of the Italian territory. The purpose of these flights was the recognition of possible military targets and the subsequent assessment of the effects of the bombing. For this purpose the aircraft were installed with the photogrammetric cameras which were triggered millions of images, with medium scales from 1:10000 to 1:50000. These images are, in quality and quantity, the main source of the project GeoMemories because they provide a large spatial and temporal coverage of the Italian territory in the period before the economic boom and, therefore, when the status of the territory was still the one that had been sedimenting over centuries.  [read more]

URL: <http://www.geomemories.org>