Tag Archives: fondi archivistici

Il nuovo portale di Carte da legare: gli archivi della psichiatria in Italia

Carte-da-legare

Carte da legare, il progetto della Direzione generale per gli archivi promosso per salvaguardare il patrimonio archivistico degli ex ospedali psichiatrici, si arricchisce di nuovi contenuti.

Il progetto, in corso dal 1999, è già stato illustrato in dettaglio in un altro post del nostro blog.

Il nuovo sito, lanciato il 2 febbraio, intende fornire, oltre alle descrizioni degli archivi, le statistiche dei dati socio-sanitari ricavati dalle cartelle cliniche e, inoltre, storie, immagini, filmati, link ad altri progetti ed esperienze relativi al mondo della psichiatria in generale e della cura della salute mentale.

La più importante novità del sito è costituita dalla consultazione della schedatura delle cartelle cliniche di 13 ex ospedali psichiatrici. Essa avviene dietro autorizzazione, nel rispetto della normativa sulla privacy. In tal modo si rendono finalmente pubblici i risultati di un lungo lavoro portato avanti per anni dalle Soprintendenze archivistiche territoriali, d’intesa con enti proprietari e gestori degli archivi.

URL: <http://www.cartedalegare.san.beniculturali.it/>

Irish Archives Resources: guida agli fondi archivistici conservati in Irlanda

Logo

Il portale IAR – Irish Archives Resource consente di esplorare gli archivi presenti in Irlanda. Fornisce la descrizione dei fondi archivistici presenti sul territorio.

«This portal will link you to archival collections throughout the island of Ireland. You can use this portal to locate archives relating to your area of interest or research topic.

The Irish Archives Resource (IAR) is an online database which contains searchable archival descriptions.

The purpose of the IAR Portal is to:

  • Allow users to locate archives and records that are relevant to their research.
  • Increase the use of archives by directing researchers to the relevant Archives Services.
  • Encourage the development and publication of comprehensive, standardised archive descriptions».

URL: <http://www.iar.ie/>

Archivportal-D: una porta di accesso agli archivi della Germania

Archivportal-D

Archivportal-D è il nuovo servizio offerto dalla Biblioteca digitale tedesca (Deutsche digitale Bibliothek). E’ il punto di partenza per la ricerca negli Archivi della Germania: contiene informazioni sulle istituzioni, sui singoli fondi archivistici, sulle modalità di accesso alla consultazione e, quando possibile, dà accesso anche alla riproduzione digitale di documenti.

>> Guarda una breve presentazione delle funzionalità e delle modalità di ricerca di Archivportal-D

URL: <https://www.archivportal-d.de/>

Censimento degli archivi dell’Inquisizione in Italia

foto_inquisizione

Negli ultimi venti anni le prospettive di ricerca sull’Inquisizione in Italia e sui temi connessi sono state profondamente mutate da un avvenimento archivistico senza precedenti: l’apertura nel 1998 degli archivi centrali del Sant’Ufficio e dell’Indice, conservati presso la Congregazione per la Dottrina della Fede in Vaticano.

Nel dicembre 2002 la Direzione generale per gli archivi  e la Congregazione per la Dottrina della Fede hanno stipulato un primo accordo teso a sostenere l’inventariazione dei fondi conservati presso l’archivio della Congregazione. Il lavoro avviato ha ben presto mostrato l’esigenza di conoscere in termini il più possibile esaurienti e precisi il panorama complessivo della documentazione disponibile, specificandone localizzazione, natura, caratteristiche e condizioni di conservazione e di consultabilità, sia a livello centrale che nelle molteplici sedi di conservazione sull’intero territorio italiano e anche all’estero.

Sulla scia di questi sviluppi sia storiografici sia archivistici si è avviata nel 2003 una collaborazione tra storici universitari, dirigenti dell’amministrazione archivistica di Stato e l’Archivio per la Congregazione per la Dottrina della fede per mettere in cantiere un censimento degli archivi e della documentazione inquisitoriale in Italia che rispondesse ai più aggiornati criteri. A tal fine è stato adottato un adeguato modello concettuale di rappresentazione e di descrizione dei fondi. In tal senso si è fatto ricorso al SIUSA – Sistema informativo unificato delle Soprintendenze archivistiche, un sistema informativo relazionale che si prefigura come particolarmente adatto anche per censimenti tematici.

Il risultato di questo progetto è il sito Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia, recentemente arricchito con le schede relative al censimento degli archivi per l’Inquisizione in Piemonte.

Il sistema informativo prevede la possibilità di descrivere e ricercare:

A)  Complessi archivistici 

L’indagine può essere avviata attraverso due opzioni di ricerca guidata:

    • indice dei fondi scanditi nelle partizioni che li compongono;
    • indice generale dei complessi relativa a complessi archivistici di ogni livello.

Ricerche significative possono essere effettuate pure a partire da specifiche tipologie documentarie (processi per delitti contro la fede, lettere dell.Inquisizione romana, ecc.), delle quali viene offerta una sintetica descrizione generale: a partire da esse si può risalire alle descrizioni dei relativi complessi archivistici presenti nella banca dati.

B)  Soggetti produttori

L’indagine può essere avviata attraverso due opzioni di ricerca guidata:

      • enti (dalla diversa natura giuridica quali Inquisizioni periferiche, magistrature statali…);
      • famiglie (voce esclusa per la documentazione inquisitoriale);
      • persone (singoli inquisitori nel medioevo, commissari speciali, oppure giudici laici in casi particolari).

Ricerche significative possono essere effettuate pure a partire da:

      • i contesti storico-istituzionali all’interno dei quali hanno operato i soggetti che hanno prodotto la documentazione;
      • profili istituzionali generali contenenti notizie comuni ad analoghi soggetti produttori (ad es. tribunale vescovile…);
      • gli ambiti territoriali interessati dall’attività dei soggetti che hanno prodotto la documentazione;
      • i soggetti che li conservano.

URL: <http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?RicProgetto=inquisizione>

Per approfondire:

Anna Pia Bidolli, Il Sistema Archivistico nazionale e i documenti dell’Inquisizione in Italia, in «Giornale di storia» (2011).

Archivi storici delle chiese venete

Archivi_veneto

Ecclesiae Venetae è un progetto realizzato d’intesa tra le diocesi di Venezia, Padova, Vicenza, Verona, Treviso, Vittorio Veneto, la Direzione generale per gli archivi del Ministero per i beni e le attività culturali e la Regione Veneto.

Gli archivi delle sei diocesi venete vengono a comporsi in un insieme coordinato di sistemi archivistici  consultabili sia come banca dati cumulativa e unitaria, sia con accessi specifici per il patrimonio delle singole diocesi. Tutti i fondi sono a loro volta scanditi nelle proprie partizioni interne e leggibili nella rete fino a livello di unità e sottounità archivistiche, per un complesso di circa 67.000 schede.

URL: <http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?RicProgetto=ev>

Guida agli archivi italiani di architettura contemporanea

La Guida agli istituti soci di AAA/Italia (Associazione nazionale Archivi Architettura contemporanea) e agli archivi degli architetti e ingegneri conservati e vigilati è un primo passo verso il censimento degli archivi italiani di architettura contemporanea entrati a far parte, tramite lasciti e depositi, di dotazioni pubbliche o appartenenti a istituzioni accessibili al pubblico.

Il censimento è motivato dalla particolare situazione italiana, caratterizzata da una pluralità di istituzioni che a diverso titolo si occupano di archivi e di documentazione nel campo dell’architettura, ma anche da una oggettiva frammentazione nella localizzazione fisica degli archivi stessi.

I dati, le notizie e le segnalazioni sono stati raccolti in occasione della realizzazione del catalogo della mostra Le Visioni dell’Architetto. Tracce dagli archivi italiani di architettura, tenutasi a Venezia durante la Biennale Architettura 2008.

La guida è un work in progress che ha lo scopo di facilitare l’individuazione e lo studio degli archivi italiani di architettura contemporanea da parte delle istituzioni, degli studiosi e degli operatori di settore.

> scarica qui la Guida agli archivi AAA-Italia

Carte da legare: gli archivi degli ex ospedali psichiatrici italiani

Carte da legare è un progetto della Direzione generale per gli archivi promosso per salvaguardare il patrimonio archivistico degli ex ospedali psichiatrici dopo la loro definitiva chiusura e per valorizzarne il contenuto culturale sotto il profilo medico-psichiatrico e sociale.

Il progetto è anche una occasione di sintesi tra le diverse iniziative locali già in atto per la salvaguardia del complesso di beni degli ospedali psichiatrici (strutture architettoniche, archivi, biblioteche, collezioni, strumentari, suppellettili sanitarie).

Una visione organica di tutela che permetterà di conservare un grande patrimonio di fonti sulla memoria di queste istituzioni e delle tante storie umane dei pazienti, medici e infermieri che hanno affollato le “cittadelle della follia”.

Il progetto è articolato su tre livelli di intervento, metodologicamente omogenei sulla base di criteri condivisi:

  • il censimento degli archivi, per il quale è stata utilizzata una scheda strutturata sui campi della banca dati Siusa. Il lavoro che è stato realizzato dalle Soprintendenze archivistiche, ha permesso di delineare per la prima volta il quadro complesso ed articolato della storia delle istituzioni manicomiali in Italia e dei loro archivi;
  • il riordinamento ed inventariazione della documentazione: gli inventari realizzati sono disponibili in rete attraverso link predisposti nelle schede relative allo specifico ospedale psichiatrico, ovvero attraverso la consultazione della sezione Inventari on line del sito;
  • la formazione di una banca dati delle cartelle cliniche mirata alla rilevazione dei dati anagrafici e socio-sanitari dei ricoverati attraverso il programma informatico ArcanaMente appositamente realizzato dalla Direzione generale per gli archivi per garantire una rilevazione dei dati omogenea attraverso l’adozione di regole di schedatura rigorose.

I risultati del censimento e degli interventi di inventariazione sono a disposizione dell’utenza sia nel portale del SIUSA (Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche) sia nel sito del progetto Carte da legare, nel quale è anche possibile effettuare ricerche e realizzare statistiche sui dati ricavati dalle cartelle cliniche schedate ed avere a disposizione fonti documentarie e audiovisive di approfondimento.

Entrambi i siti sono work in progress e saranno aggiornati in linea con l’avanzamento dei lavori del progetto. Al momento si presentano i risultati del censimento di 55 ospedali psichiatrici su 67 individuati.

URL: <http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?RicProgetto=carte>

Guida agli Archivi di Spagna e America latina

Il Censimento degli Archivi della Spagna e dell’America Latina è un progetto del ministero spagnolo dell’educazione e della cultura.

L’idea di avviare in Spagna un censimento dei fondi archivistici risale agli anni Sessanta del Novecento e ha dato come primo frutto una pubblicazione stampata nel 1972 (Censo guia de archivos espanoles. Madrid: Ministerio de Educacion y Ciencia, Direccion General de Archivos y Bibliotecas, 1972). Il lavoro, mai abbandonato, ha trovato in internet il veicolo d’informazione ideale: i risultati del censimento sono adesso consultabili sulla pagina web della direzione generale degli Archivi di stato.

La elaboración del Censo Guía de Archivos de España e Iberoamérica es una de las funciones que ha venido desarrollando el Ministerio de Educación, Cultura y Deporte, a través de la Subdirección General de los Archivos Estatales. El proyecto de elaborar un instrumento que censara todos los archivos españoles nació en los años 60, impulsado desde la Inspección General de Archivos, dando como primer fruto una publicación impresa en 1972, que consolidó el término de Censo Guía de Archivos Españoles. La labor fue continuada dentro de las actividades del CIDA, que difundió la información primero a través de los PIC (Puntos de Información Cultural) y, más recientemente, por internet a través de la página web de la Subdirección General de los Archivos Estatales.

Si en un primer momento el objetivo del proyecto se limitó a los archivos españoles, posteriormente su alcance se ha ido ampliando a otros países del ámbito hispano, con la idea de contribuir también a la difusión y conservación de su patrimonio documental.

El Censo Guíade Archivos ha de entenderse con un doble carácter funcional: por un lado, es un instrumento de control, enfocado a la defensa del patrimonio documental y, por otro, es un instrumento de difusión básico para el conocimiento de los archivos por parte de la Administración, los ciudadanos y los usuarios.

Desde el punto de vista de los contenidos, el Censo Guía de Archivos proporciona información de:

  • Los Archivos, definidos como la institución, unidad administrativa o persona privada encargada de la custodia y servicio de la documentación. Desde este punto de vista, el Censo Guía es un directorio de archivos. Responde a la pregunta Dónde.
  • Los Fondos / Colecciones Documentales que custodia cada Archivo, descritos de acuerdo con las normas ISAD-G, respondiendo a la pregunta Qué.
  • Fichero de Autoridades con información de contexto sobre los productores de la documentación. Responde a la pregunta Quién.

Por ello el usuario, a la hora de plantearse una estrategia de búsqueda en el Censo Guía de Archivos podrá hacerlo sobre la información relativa a los archivos o sobre la información referente a los Fondos / Colecciones Documentales que custodian dichos centros, o bien podrá combinar ambas.

URL: <http://censoarchivos.mcu.es/CensoGuia/portada.htm>

L’Archivio digitale dell’Accademia della Crusca

L’Accademia della Crusca custodisce da secoli il più importante archivio per la storia della lingua italiana, unica testimonianza dell’attività dell’Istituto fin dalla sua fondazione nel 1583.

La sua peculiarità consiste nella tipologia dei documenti che conserva. Oltre ai documenti relativi alla compilazione delle cinque edizioni delVocabolario (1612, 1623, 1691, 1729-1738, 1863-1923) si annoverano: diariverbalilezioni accademiche e atti amministrativiconcorsi letterariraccolte di carteggitesti di linguadonazioni di spoglistudi e dizionari di studiosi non accademici. Esiste infine un fondo di 147 opere manoscritte, databili tra il XIII e il XIX secolo, depositato presso la Biblioteca dell’Accademia e in via di catalogazione.

Ogni singola unità archivistica è identificata da un numero arabo progressivo (da 1 a 1462). I documenti comprendono materiale eterogeneo (volumi, faldoni, scatole, ecc.) per uno spazio lineare complessivo di circa 275 metri, sistemato in 25 armadi collocati in due ambienti.
Per la tipologia del materiale che conserva, L’Archivio dell’Accademia si compone di due sezioni:

• l’Archivio Storico «Severina Parodi» che conserva i più antichi documenti dell’Accademia
• l’Archivio Moderno che contiene importanti carte del Novecento.

L’Archivio digitale dell’Accademia della Crusca intende fornire agli studiosi un innovativo strumento di ricerca che agevoli la consultazione dei documenti salvaguardandone i diritti di autore e di proprietà. I documenti sono stati schedati nel rispetto degli standard internazionali di archiviazione ISAD e inseriti in una piattaforma informatica comune realizzata interamente con tecnologia internet/intranet. Il programma informatico permetterà nel prossimo futuro di gestire banche dati eterogenee (immagini, audio, video, trascrizioni) che sono in via di allestimento.

Di recente sono state rese disponibili anche le annate digitalizzate dei 10 volumi degli Atti dell’Accademia della Crusca (1819-1923):

Accanto al Vocabolario, gli Accademici danno vita, fin dall’inizio dell’Ottocento, ai volumi degli Atti. Dieci importanti volumi, editi fra il 1819 e il 1923, che testimoniano le varie attività della Crusca, prima fra tutte i lavori per la quinta impressione del Vocabolario. Oltre i resoconti annuali, gli Atti raccolgono le lezioni tenute presso l’Accademia su argomenti di lingua e di letteratura e le commemorazioni e gli elogi degli accademici e soci scomparsi. Un materiale di grande interesse, dunque, che adesso viene offerto agli studiosi in versione digitale. Si potranno quindi seguire anno dopo anno i lavori per ilVocabolario e consultare i testi letti in Crusca da personalità quali Giovan Battista Niccolini, Giovan Battista Zannoni, Lorenzo Collini, Marco Tabarrini, Marco Minghetti, Isidoro del Lungo, fino alla lezione di Caterina Franceschi Ferrucci, la prima donna a essere eletta accademica della Crusca.

Consulta i volumi (riservato agli utenti registrati)

N.B. Per consultare i l’Archivio digitale è necessario registrarsi sul sito. La registrazione è gratuita.

URL: <http://www.adcrusca.it/>

AST – Archivi Storici Toscani

Il progetto Archivi Storici Toscani (AST) si propone il recupero in formato digitale e la diffusione sul web della cospicua produzione di inventari a stampa degli archivi storici comunali toscani, per garantirne una divulgazione più ampia di quella avuta finora.

Oltre a recuperare i contenuti e gran parte dell’assetto editoriale dei volumi editi, AST permette di consultare in un unico ambiente le descrizioni di complessi archivistici, soggetti produttori (enti, persone, famiglie) e istituti di conservazione: ciò consente una ricerca e un recupero comuni, indipendentemente dagli inventari in cui le descrizioni sono state pubblicate, e offre in consultazione un vero e proprio sistema integrato di fonti per lo studio della storia toscana, costituito nel suo insieme dai patrimoni conservati negli archivi comunali.

Il progetto è stato tecnicamente realizzato impiegando i metalinguaggi di marcatura e XML in particolare, producendo tracciati di descrizione largamente compatibili sia con gli standard archivistici internazionali sia con le norme descrittive adottate in altri progetti afferenti al Sistema Archivistico Nazionale.
Attualmente sono stati recuperati sessantatré inventari di archivi storici comunali situati nelle province di Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa e Carrara, Pisa, Pistoia, Prato e Siena. Altri inventari sono in corso di recupero e saranno progressivamente inseriti nel sistema.

AST è un progetto della Regione Toscana realizzato dalla Scuola Normale Superiore.

URL: <http://ast.sns.it/>

Archivio storico nazionale dei movimenti contadini: guida ai fondi

Nel settembre del 2008, a seguito di un intervento di riordino finanziato dall’Istituto per i Beni Culturali dell’Emilia Romagna, è stata resa disponibile sul web una guida ai fondi costituenti l’Archivio storico nazionale dei movimenti contadini italiani e il Fondo Emilio Sereni, conservati presso l’Istituto Alcide Cervi di Gattatico (Reggio Emilia).

Dalla pagina di presentazione dell’Archivio:

“Lo strumento permette oggi di orientarsi attraverso le carte, in alcuni casi anche a livello di fascicolo, avendo in gran parte recuperato gli strumenti descrittivi precedentemente approntati durante gli anni ’90 del XX secolo, quando i nuclei archivistici erano depositati presso la sede romana dell’Istituto.

Nel dettaglio, la descrizione è rimasta a livello di serie e sottoserie per quanto riguarda i fondi di Alleanza Nazionale Contadini e Federazione nazionale mezzadri e coloni, mentre è scesa a livello di unità (fascicolo o registro) nei casi delle carte della Costituente Contadina, del nucleo archivistico Emilio Sereni, del Fondo Nazionale Assegnatari, e dei documenti di Confederterra e Federbraccianti, riportando in integrum gli inventari analitici di F. Albanese e di F. Di Giulio, già pubblicati negli Annali dell’Istituto Alcide Cervi, o descrivendo per la prima volta la documentazione”.

Archivio storico nazionale dei movimenti contadini italiani

L’Archivio storico nazionale dei Movimenti contadini italiani raccoglie e organizza i materiali documentari affidati in donazione o in deposito all’Istituto Alcide Cervi da organizzazioni politiche, sindacali e da privati, attinenti alla storia dei movimenti contadini italiani dalle origini ai nostri giorni.

  • Archivio storico della Federazione nazionale mezzadri e coloni (1944-1977)
  • Archivio storico dell’Associazione nazionale assegnatari (1954-1958)
  • Archivio storico dell’Alleanza nazionale dei contadini (1955-1977)
  • Documenti Confederterra-CGIL e Federbraccianti-CGIL (1947-1963)
  • Costituente contadina (1974-1977)

Fondo Emilio Sereni

Fondo librario dato in gestione all’Istituto Cervi dallo stesso Emilio Sereni nel 1972, all’atto della sua costituzione.

L’Archivio di documentazione (1000 buste circa): riflette la vastità degli interessi di Sereni, solito ricercare, collezionare e catalogare una mole enorme di libri e di periodici. Nell’archivio sono, difatti, raccolti materiali tipologicamente diversi (opuscoli, libri, articoli tratti da riviste specializzate, ritagli di giornale e, talora, documenti non a stampa) ma uniti da un nesso tematico. Tale archivio sui generis è suddiviso in due sezioni: la prima (600 buste) è relativa a temi politico-economici (ma anche geografici, archeologici, linguistici, etnografici, folclorici, sociologici, ecc.); la seconda (409 buste) riguarda argomenti di carattere agrario.

URL: <http://www.fratellicervi.it/content/view/243/194/>

Fondi d’archivio francesi sulla Seconda guerra mondiale

Dalla «drôle de guerre» (la guerra fittizia, 1. settembre 1939- 10 maggio 1940) alla Liberazione: il catalogo collettivo nazionale francese dei fondi d’archivio digitalizzati Patrimone numérique dedica un dossier alle risorse che documentano i principali avvenimenti che segnarono la Francia nella Seconda guerra mondiale: l’esodo, l’occupazione, il regime di Vichy, la propaganda, i campi d’internamento e le persecuzioni, il governo provvisorio a Londra, i combattimenti contro i nazisti.

Viene presentata al pubblico una mappatura completa dei progetti di digitalizzazione già conclusi o ancora in corso d’opera. La maggior parte dei fondi digitalizzati al momento è consultabile solo presso gli Archivi presso i quali i documenti sono conservati. Segnaliamo tuttavia due fondi che sono disponibili ad accesso libero:

Campi d’internamento francese, 1939-1945: fondi fotografici

“Les camps d’internement sont apparus dès 1939 afin de regrouper, notamment, les réfugiés étrangers allemands ou de la guerre civile espagnole. Entre 1940 et 1944, les camps se multiplièrent sur l’ensemble du territoire. Y étaient internés les victimes des législations antisémites et de manière générale de persécutions raciales, ainsi que les opposants au régime de Vichy, comme par exemple les résistants ou les communistes. Certains de ces camps furent le point de départ vers les camps d’extermination.

Initialement, l’administration des camps d’internement français fut confiée au ministère de la Guerre avant d’être rattachée, en novembre 1940, au secrétariat général à la police du ministère de l’Intérieur. L’inspection générale des camps fut créée en septembre 1941 chargée du contrôle des camps, elle dressait un rapport à la suite des inspections qu’elle y effectuait. Les inspecteurs réalisaient, au cours de ces inspections, des clichés qui venaient à l’appui de ces rapports.

Les photographies présentées ici sont une sélection de ces clichés. Elles portent sur 9 camps différents : Sisteron (Alpes-de-Haute-Provence), Les Milles (Bouches-du-Rhône), Récébédou (Haute-Garonne), Pithiviers (Loiret), Gurs (Pyrénées-Atlantiques), Rivesaltes (Pyrénées-Orientales), Brens (Tarn), Saint- Sulpice-La-Pointe (Tarn), Saint-Paul-d’Eyjeaux (Haute-Vienne).

Le fonds de l’inspection générale des camps dont proviennent ces rapports et clichés, est conservé au Centre historique des Archives nationales dans la sous-série F7 15086 à 15111. Ces dossiers sont librement communicables au CARAN.

Ces photographies constituent une source iconographique unique de par le nombre de camps concernés. Elles représentent aussi bien les internés dans leur vie quotidienne que les installations, baraques, barbelés et miradors. C’est néanmoins une vision officielle qui nous est offerte, gommant ainsi les aspects les plus tragiques de l’histoire des camps d’internement”.


Manifesti murali della Seconda guerra mondiale, 1939-1945

“Le Comité d’histoire de la deuxième guerre mondiale est né en décembre 1951 de la fusion de la Commission d’histoire de l’occupation et de la libération de la France, la CHOLF, et du Comité d’histoire de la guerre, créés respectivement en octobre 1944 et en juin 1945 pour préserver la mémoire des années 1939-1945.

Le Comité avait également rassemblé une importante collection d’affiches, comprenant un millier de pièces et s’étendant du début des années trente à l’après-guerre. Leur plan de classement, à la fois chronologique et thématique, est ainsi organisé : avant-guerre (pacifisme, montée du nazisme, guerre d’Espagne); opérations militaires en 1939-1940; occupation allemande en Belgique, aux Pays-Bas et en Pologne; occupation allemande en France et répression; Gouvernement de Vichy; France libre, alliés, Résistance intérieure; Libération; période postérieure à la Libération.

Cet ensemble exceptionnel, où les documents écrits tels que des consignes militaires ou des avis officiels de condamnation voisinent avec un matériel de propagande à l’iconographie très fournie, est particulièrement riche pour ce qui concerne l’État français”.

URL: <http://www.numerique.culture.fr/mpf/pub-fr/dossier-guerre39-45.html?from1=dosguerre39-451>

The Archives Hub: fondi archivistici delle istituzioni di ricerca del Regno Unito

The Archives Hub è un portale che dà accesso alla descrizione di migliaia di fondi archivistici conservati presso oltre 180 istituzioni universitarie e di ricerca del Regno Unito.

The Archives Hub è un progetto finanziato dal JISC.

Dalla pagina delle FAQ:

The Archives Hub provides descriptions of archives held in UK universities and colleges and a number of research institutes and museums. It does not hold any archives but rather provides a means to cross-search descriptions of archives. In order to find out more about a collection and about access arrangements, you will need to contact the repository that holds the material. The Hub descriptions always include a link to the contact details from the repository name. Click on this link to get to the Archon entry for the repository, which provides email, telephone number, website and address details. Archon is The National Archives’ directory of archive repositories.

URL: <http://www.archiveshub.ac.uk/index.html>