Tag Archives: Emanuela Mazzina

«Senza rossetto»: raccolta di videointerviste alle donne italiane che votarono per la prima volta 70 anni fa

voto_donne

“Senza rossetto” è un lavoro di raccolta di testimonianze di donne che andarono a votare per la prima volta (senza rossetto sulle labbra, per non sporcare la scheda che doveva essere umettata e incollata, pena l’invalidazione) per le elezioni amministrative del marzo-aprile 1946 e successivamente, il 2 giugno 1946,  per l’elezione di un’Assemblea costituente e la scelta della forma istituzionale dello Stato, se Repubblica o Monarchia.

Il progetto vuole raccontare l’importanza simbolica e politica che il voto, vissuto come concessione o conquista o naturale conseguenza dei tempi, come diritto o dovere, ebbe sulla percezione di sé.

Il progetto è ideato e curato da Silvana Profeta ed Emanuela Mazzina.

Senza rossetto è stato promosso ed è sostenuto da Regesta.exe, con la partecipazione della Fondazione AAMOD e dell’Istituto Luigi Sturzo.

Le curatrici del progetto dichiarano: «L’ambizione che abbiamo è quella di continuare questo lavoro di documentazione per arrivare fino al 18 aprile del 2018, quando cadrà il settantesimo anniversario dell’elezione del primo Parlamento repubblicano».

URL: <http://www.senzarossetto.net/>

 

L’Archivio di Antonio Cederna

Segnaliamo il portale dedicato all’Archivio di Antonio Cederna, giornalista, combattivo intellettuale, animatore, per circa 40 anni, di celebri battaglie in difesa del patrimonio ambientale e culturale.

“Un patrimonio di 1721 unità archivistiche, dichiarato di notevole interesse storico dalla Soprintendenza archivistica per il Lazio ai sensi dell’art. 13 d.l. 22 gennaio 2004, n. 42. Un archivio eterogeneo composto di documentazione eterogenea – corrispondenza ufficiale e personale, appunti autografi, prime stesure delle pubblicazioni del giornalista, materiale a stampa di diversa tipologia, fotografie, ritagli di giornale, carte e mappe, disegni, pubblicazioni – in corso di inventariazione e digitalizzazione.

L’Archivio Antonio Cederna è stato versato dalla famiglia così  come era conservato a casa.

Una piccola parte di documentazione era stata raccolta da Cederna in base alla sua tipologia specifica – ritagli di giornale, fotografie, corrispondenza – ma la maggior parte dei fascicoli dell’archivio si è formato per l'”accumulo” della documentazione più varia relativa a ogni tema preso in esame da Cederna e diventato oggetto dei suoi interventi e delle sue battaglie; i fascicoli raccolgono e conservano le carte di Cederna giornalista o esponente di Italia Nostra, ma anche di Cederna Consigliere al Comune di Roma e Deputato al Parlamento e infine di Cederna Presidente dell’Azienda Consorziale Parco dell’Appia Antica. Vi si trova tutta la documentazione ricevuta, raccolta, prodotta da Cederna: corrispondenza ufficiale e personale, appunti autografi, stesure manoscritte e dattiloscritte di libri e articoli, materiale a stampa, fotografie, ritagli di giornale, carte e mappe, disegni, pubblicazioni. L’intera documentazione copre un arco cronologico compreso tra il 1947 e l’agosto 1996, con alcuni documenti personali precedenti e un fascicolo relativo a un incontro in ricordo di Cederna del 1997″.

Leggi tutto l’articolo di Emanuela Mazzina pubblicato su «Il Mondo degli Archivi» (2011/2).

URL: <http://www.archiviocederna.it>