Tag Archives: collezioni digitali

Judaica Sammlung: la collezione digitale dell’Università di Francoforte

Judaica_Logo

La Collezione ebraica (Judaica Sammlung) della Biblioteca dell’Universitaria di Francoforte rappresenta la più grande raccolta di documenti in ebraico e sull’ebraismo della Germania ed è considerata in tutto il mondo tra le raccolte più significative del genere.

Il nucleo della raccolta è costituito dai documenti che, verso la fine del 19° secolo, furono acquisiti attraverso cospicue donazioni da parte degli ebrei di Francoforte e che fino al 1933 furono conservati dal Prof. Dr. Aron Freimann.

La raccolta resistette miracolosamente quasi indenne al nazionalsocialismo e alla seconda guerra mondiale, a parte lo smarrimento di alcuni libri in ebraico.

ll pregiato patrimonio storico è stato per la maggior parte digitalizzato ed è oggi accessibile liberamente online:

La Biblioteca dell’Università di Francoforte, inoltre, acquisisce regolarmente le nuove pubblicazioni, edite in qualsiasi paese del mondo e in ogni lingua, che si occupano dei vari aspetti della cultura ebraica, come per esempio la filosofia, la musica, l’arte, la letteratura.

>> Leggi la presentazione in lingua originale (tedesco) sul sito dedicato al progetto Judaica

URL: <http://sammlungen.ub.uni-frankfurt.de/judaica>

Biblioteca Benedetto Croce: i Taccuini di lavoro e la rivista Napoli nobilissima

Dal portale Internet culturale si accede alla collezione digitale della Fondazione Biblioteca Benedetto Croce di Napoli.

“La collezione comprende i Taccuini di lavoro di Benedetto Croce e il periodico Napoli nobilissima. Rivista d’arte e topografia napoletana (1892-1907).

Vergati tra il 1906 ed il 1949, i Taccuini di lavoro – ad eccezione di alcune parti, che Croce stesso diede alle stampe (B. Croce, Quando l’Italia era tagliata in due. Estratto di un diario, luglio 1943-giugno 1944, Bari, Laterza 1948, ristampato anastaticamente nel 2002) – rimasero a lungo inediti. Trascritti dal manoscritto autografo nella sua ultima stesura, a cura di Alda e Lidia Croce, furono pubblicati dalla Fondazione Biblioteca Benedetto Croce nel 1992 (B. Croce, Taccuini di lavoro, voll. I-VI, ed. fuori commercio in 500 copie num., Napoli, 1992, pp. 3000). Di recente, a cura della Fondazione, è stato redatto il relativo Indice dei nomi (B. Croce, Taccuini di lavoro. Indice dei nomi, Napoli, Arte Tipografica, 2011).

Il manoscritto dei Taccuini è conservato nell’Archivio della Fondazione, nelle sue diverse redazioni autografe: dai Diari (36 «libricini di vario formato»), ai sei volumi rilegati in pergamena che contengono la redazione definitiva.

Il periodico Napoli nobilissima, fondato a Napoli nel 1892 da Benedetto Croce, Riccardo Carafa d’Andria, Giuseppe Ceci, Luigi Conforti, Salvatore Di Giacomo, Michelangelo Schipa, Vittorio Spinazzola, il periodico ebbe cadenza mensile e fu stampato dall’editore Pierro. Il titolo della rivista venne scelto da Croce, che ne teorizzò il programma: scrivere la storia artistica e topografica di Napoli, al fine di conservare, proteggere e migliorare il patrimonio antico della città. Nel corso del primo quindicennio di vita, la rivista ospitò articoli di carattere divulgativo, ma promosse anche ricerche volte a raccogliere il materiale per una storia dell’arte meridionale. Oltre ai fondatori, firmarono importanti articoli altri esponenti di rilievo del panorama culturale meridionale, fra i quali Bartolommeo Capasso, Giustino Fortunato, Fausto Nicolini.

Nel 1907 si chiuse, con il Commiato di Croce, la prima serie della rivista; seguirono una serie II (1920-1922) ed una serie III (1961-)”.

Accedi alla collezione

Judaica Europeana: documenti sulla storia degli ebrei in Europa

Mark Gertler (1914), The London Jewish Museum of Art

Il progetto Judaica Europeana, avviato nel 2010 e finanziato dal programma eContentplus della Commissione Europea, ha la finalità di dare accesso alla cultura ebraica attraverso il portale Europeana.

A tale scopo, Judaica collabora con numerose istituzioni per identificare, digitalizzare e aggregare contenuti che attestano il contributo ebraico alla cultura europea, per favorirne l’integrazione nel repository di Europeana e incoraggiarne l’uso da parte di istituzioni scolastiche ed accademiche.

Il progetto dà accesso online a un gran numero di documenti e contenuti di interesse ebraico provenienti da varie istituzioni europee: documenti, libri a stampa, manoscritti, periodici, registrazioni sonore, immagini, fotografie, video, cartoline e manifesti.
Il portale è coordinato dall’European Association for Jewish Culture di Londra: 10 partner effettivi e 16 associati (tutti istituti di cultura di rilevanza internazionale) hanno reso disponibili i propri fondi, al fine di consentire un accesso unificato alle loro collezioni digitali.

Attualmente nel portale sono consultabili oltre 45 milioni di record che comprendono circa 7.000 opere della collezione Freimann della Biblioteca Universitaria di Francoforte, 4.000 canzoni yiddish della Biblioteca Medem-Maison de la Culture Yddish di Parigi, i titoli musicali del Centre Français des Musiques Juives, 1.900 opere della Biblioteca dell’Alliance Israélite Universelle e circa 15 mila opere del Jewish Museum di Londra.

Fra i contributi italiani i fondi dell’Archivio di Stato di Venezia e della Biblioteca Palatina di Parma. Segnaliamo inoltre la traduzione italiana di una parte del thesaurus dello Shoah Foundation Institute dell’Università della California, pubblicato sul sito che rende disponibili le testimonianze italiane sull’olocausto, conservate a Roma presso l’Archivio Centrale dello Stato (leggi anche qui).

I risultati del progetto sono sintetizzati nella Newsletter:
http://www.judaica-europeana.eu/Newsletter.html

URL: <http://www.judaica-europeana.eu/>

DanThe: un portale per la valorizzazione del patrimonio culturale della Toscana

Danthe

DanThe (Digital and Tuscan heritage) è la nuova guida al patrimonio culturale digitale toscano. Il portale, presentato a Firenze il 29 ottobre 2009, è frutto della collaborazione tra la Regione Toscana, l’Università degli studi di Firenze e il Ministero per i beni e le attività culturali.

Il portale presenta le seguenti caratteristiche:

» selezionapresenta le collezioni digitali relative ai beni culturali toscani, di carattere sia scientifico che divulgativo, prodotte da archivi, biblioteche, musei, soprintendenze, università e altre istituzioni culturali toscane;

» permette un accesso unificato e diretto a risorse distribuite su diversi siti regionali e nazionali e a informazioni su prodotti disponibili off-line;

» raccoglie le schede catalografiche di beni culturali presenti sul territorio toscano.

Il catalogo delle collezioni digitali propone una selezione ragionata delle raccolte di documenti (testi, immagini, video, audio) in formato digitale censite e catalogate nell’ambito del progetto europeo Michael (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe).

URL: <http://www.danthe.it>