Tag Archives: cinegiornali

85.000 filmati storici della British Pathé caricati su YouTube

pathe

Ancora una segnalazione di Klaus Graf pubblicata sull’ottimo blog Archivalia: la British Pathé ha caricato su YouTube la sua intera collezione di filmati storici (leggi qui un breve articolo in italiano).

Qui la notizia ufficiale pubblicata sul sito della British Pathé:

Newsreel archive British Pathé has uploaded its entire collection of 85,000 historic films, in high resolution, to its YouTube channel. This unprecedented release of vintage news reports and cinemagazines is part of a drive to make the archive more accessible to viewers all over the world.

“Our hope is that everyone, everywhere who has a computer will see these films and enjoy them,” says Alastair White, General Manager of British Pathé. “This archive is a treasure trove unrivalled in historical and cultural significance that should never be forgotten. Uploading the films to YouTube seemed like the best way to make sure of that.”

British Pathé was once a dominant feature of the British cinema experience, renowned for first-class reporting and an informative yet uniquely entertaining style. It is now considered to be the finest newsreel archive in existence. Spanning the years from 1896 to 1976, the collection includes footage – not only from Britain, but from around the globe – ofmajor events, famous faces, fashion trends, travel, sport and culture. The archive is particularly strong in its coverage of the First and Second World Wars.

Alastair White continues: “Whether you’re looking for coverage of the Royal Family, the Titanic, the destruction of the Hindenburg, or quirky stories about British pastimes, it’ll be there on our channel. You can lose yourself for hours.”

This project is being managed by German company Mediakraft, which has been responsible for numerous past YouTube successes. The company will be creating new content using British Pathé material, in English and in foreign languages.

You can view and share films from this invaluable resource here.

 

URL: <https://www.youtube.com/britishpathe>

L’Archivio Luce su YouTube

E’ stato siglato un accordo tra Istituto Luce Cinecittà e Google grazie al quale 30.000 filmati dell’Istituto Luce saranno disponibili su un canale dedicato di YouTube.

Dall’immenso patrimonio audiovisivo conservato dall’Istituto Luce sono state selezionate due serie storiche: il Giornale Luce e la Settimana Incom. 

La scelta dei documenti audiovisivi riversati su YouTube copre gli anni che vanno dal 1928 al 1965. I primi cinegiornali girati dall’Istituto Luce risalgono in realtà al 1927, ma i primi cinquanta sono andati smarriti. Il Luce ne produsse fino al 1945 seguendo tutta la parabola del regime fascista fino alla sua caduta: l’ultimo cinegiornale è datato 31 marzo 1945, meno di un mese prima della liberazione del Paese.

Meno di un anno dopo, il 15 febbraio 1946 usciva il primo cinegiornale prodotto dalla Incom.

L’intento ultimo dell’operazione è avvicinare quante più persone possibile a questi documenti storici e quindi diffondere la conoscenza della storia d’Italia contemporanea soprattutto tra i più giovani.

URL: <https://www.youtube.com/CinecittaLuce>

Il portale Luce Camera: risorse digitali sulla storia politica e parlamentare italiana

“Frutto della collaborazione tra l’Archivio storico di Cinecittà Luce e la Biblioteca della Camera dei deputati, il portale organizza e rende fruibili online tutte le risorse digitali sulla storia politica e parlamentare prodotte e conservate dall’archivio foto-cinematografico Luce: decine di migliaia di fotografie e filmati, raccontano il lungo Novecento italiano.
Deputati, luoghi ed attività di carattere istituzionale ritratti dal fotogiornalista Adolfo Porry Pastorel per l’Italia liberale e della marcia su Roma, dai fotografi dell’Istituto Luce per gli anni del regime e del primo decennio della Repubblica, dai reporter delle grandi agenzie Dial e Vedo per gli anni Cinquanta e Sessanta,  dagli operatori dei cinegiornali del periodo fascista, delle attualità cinematografiche straniere del periodo bellico e delle testate giornalistiche dell’Italia repubblicana (Incom, Radar, Caleidoscopio) dai racconti di documentaristi, giornalisti e sceneggiatori.

Il progetto editoriale prevede diverse modalità di accesso al materiale: primi piani, focus, percorsi tematici, biografie, ricerca.
Il primo piano permette di valorizzare ricorrenze, eventi, manifestazioni istituzionali proponendo, con una scelta di documenti d’archivio, percorsi di approfondimento storico- politico. Due focus presentano con brevi testi introduttivi collezioni di immagini, serie di filmati o fotografie di notevole interesse.
Tredici itinerari tematici illustrano, con introduzioni ed immagini, selezioni di documenti fotografici ed audiovisivi sui protagonisti della vita politica (uomini e partiti), i luoghi della politica (il Palazzo di Montecitorio o la piazza di Montecitorio), i tempi della politica (Legislature del Regno, Consulta, Costituente, referendum del 2 giugno, elezioni).

Un percorso dedicato ai Presidenti della Camera nell’archivio Luce permette una navigazione biografica tra i materiali di repertorio dal 1919 al 1994, tra tanti protagonisti della vita politica del Paese che, nel Novecento, ricoprirono la carica di Presidente della Camera. L’archivio documenta quasi un secolo di storia: il primo presidente per il quale esistono materiali di repertorio è Vittorio Emanuele Orlando;  l’ultimo presidente della Camera presente nelle immagini d’archivio è Giorgio Napolitano.
Con la ricerca libera si consulta l’intera banca dati: circa 15.000 documenti audiovisivi (13.000 cinegiornali del periodo fascista e dell’Italia repubblicana, 1000 documentari, circa 800 filmati di repertorio), circa 32500 fotografie.
Un sistema di filtri consente di raffinare l’esito della ricerca: si può circoscrivere la fonte (archivio fotografico e archivio cinematografico) i periodi storici (15 lemmi del thesaurus tematico dell’archivio Luce) restringere l’arco cronologico, indicare l’anno esatto, perfezionare la navigazione inserendo un ulteriore lemma per lanciare una nuova ricerca tra i risultati”.

URL: <http://camera.archivioluce.com>

[via Storia digitale]

Archivio dell’Istituto Luce

   L’Archivio dell’Istituto Luce conserva un vastissimo patrimonio filmico e fotografico composto da documenti di propria produzione (a partire dal 1924, anno della sua nascita) e da collezioni private e fondi audiovisivi acquisiti nel tempo da fonti diverse.
Il patrimonio è attualmente composto da 12.000 cinegiornali, 4.700 documentari e da altre tipologie di film che vanno dalla cinematografia delle origini fino alla documentazione degli eventi e della vita sociale degli ultimi decenni. Sono inoltre conservati in Archivio un milione di metri di “girato non montato” che compongono il “repertorio” Incom e Luce, oggi in corso di catalogazione e informatizzazione.
A questo vanno aggiunti circa 3 milioni di fotografie di produzione Luce o di provenienza esterna, oggi in fase di ordinamento e digitalizzazione.
Le diverse testate dei cinegiornali coprono un arco temporale che va dal 1928 al 1990 e sono costituite dai “Giornali Luce”, prodotti dallo stesso Istituto nel ventennio fascista, e dai vari notiziari del periodo repubblicano acquisiti successivamente.
Il fondo dei documentari comprende i “soggetti” prodotti dall’Istituto tra il 1924 e il 1943, i documentari realizzati o distribuiti dall’Azienda nell’ambito delle sue funzioni istituzionali a partire dal dopoguerra e tutte le acquisizioni di materiale prodotto esternamente (a cominciare dagli anni Sessanta).
La “miscellanea” comprende fondi minori acquisiti da enti pubblici e privati. Fra i più importanti citiamo: una lunga intervista a Edda Ciano Mussolini, il “repertorio D’Incerti” composto da spezzoni e filmati sulla prima guerra mondiale, un fondo di repertori sulla rivoluzione d’ottobre e sui primi anni della storia dell’Urss.
Sono inoltre consultabili presso l’Archivio Luce, in virtù di recenti convenzioni, fondi appartenenti a terzi, come ad esempio alcune testate di cinegiornali della Cineteca Nazionale della Scuola Nazionale di Cinema, un fondo di audiovisivi dell’Archivio Centrale dello Stato, alcuni filmati non fiction della Cineteca del Friuli, un fondo documentaristico dello Stato Maggiore dell’Esercito.

URL: <http://www.archivioluce.com/archivio/>