Tag Archives: biblioteche digitali

Biblioteca digitale della Valle d’Aosta

18

Cordela è la raccolta di documenti digitali della Biblioteca regionale Bruno Salvadori e dell’Archivio storico regionale di Aosta.

Nata in seguito a campagne di digitalizzazione dei periodici storici locali avviate nel 2012, Cordela si è successivamente sviluppata fino a rendere oggi accessibili in forma digitale diverse tipologie di documenti: giornali e riviste, manoscritti, libri, cartografia storica, manifesti, stampe e disegni.

I fondi attualmente più rilevanti presenti in Cordela sono le collezioni di periodici storici, i registri parcellari del catasto del Regno di Sardegna, carte geografiche antiche e manifesti di esposizioni estive di artigianato di tradizione.

  • Attraverso le pagine dei giornali, è possibile leggere le cronache coeve di eventi quali la concessione dello Statuto Albertino, le guerre di indipendenza, l’Unità d’Italia, la questione linguistica, fino all’oscuro ventennio della dittatura e alle trasformazioni socioeconomiche del secondo dopoguerra.
  • Il Catasto Sardo offre una rappresentazione inedita completa del territorio valdostano intorno al 1770, periodo di grandi riforme e innovazioni istituzionali. Vi sono segnati i nomi dei proprietari di terre e fabbricati e l’entità dei rispettivi beni.
  • Sorta per rappresentare il teatro delle terre delle dinastie regnanti, la cartografia storica si è via via perfezionata fino a raggiungere ragguardevoli livelli tecnici e grafici a partire dai lavori di Tomaso Borgonio (1683) e di Giacomo Stagnon (1772).

L’accesso a Cordela è possibile da tutti i computer, tablet e smartphone dotati di collegamento internet.

I soli documenti protetti dalla normativa in materia di diritti d’autore, contrassegnati da un lucchetto, sono consultabili unicamente nelle sedi delle biblioteche regionali di Aosta, Morgex, Châtillon, Verrès e Donnas.

I libri e i periodici sono generalmente trattati in modalità OCR: in tal modo si possono effettuare ricerche per parole “full text”.

Per tutte le tipologie di documenti è possibile effettuare una ricerca semplice per parole contenute nelle schede descrittive (autore, titolo, anno, …) o una ricerca avanzata che permette di filtrare i risultati incrociando dati diversi.

E’ previsto un regolare sviluppo e aggiornamento delle collezioni negli anni, per mettere a disposizione del pubblico altri libri antichi e preziosi di interesse locale e le principali fonti archivistiche della storia valdostana.

URL: <http://cordela.regione.vda.it/home.aspx>

Deutsches Textarchiv: biblioteca digitale in lingua tedesca

biblioteca_digitale

Deutsches Textarchiv (DTA) è un progetto di carattere interdisciplinare, finanziato della DFG – Deutsche Forschungsgemeinschaft, che ha consentito la digitalizzazione di circa 2.500 opere fuori diritti, in lingua tedesca, apparse tra il XVII e il XX secolo.

Si tratta di testi digitalizzati e poi trattati con sistemi di marcatura del testo secondo le tecniche di linguistica computazionale più avanzate (i testi sono tutti in formato HTML e sono disponibile anche in un formato TEI P5).

Questo trattamento consente una ricerca molto raffinata di nomi, singoli vocaboli e varianti del testo.

La collezione comprende classici di Storia, Storia dell’arte, Musicologia, Filologia, Filosofia, Diritto, Geografia, Scienze sociali, Chimica, Medicina, Biologia, Geologia, Matematica, Fisica.

>> vai alla pagina Wikipedia (in lingue tedesca) dedicata al progetto

URL: <http://www.deutschestextarchiv.de/>

The New York Public Library Digital Collections: 180.000 documenti in pubblico dominio

Fotografia di Berenice Abbott (1935)

Fotografia di Berenice Abbott (1935)

La New York Public Library ha annunciato che a partire dal 6 gennaio 2016 i documenti digitalizzati disponibili nella biblioteca digitale NYPL Digital Collections sono scaricabili e liberamente riutilizzabili senza restrizioni di copyright. Si tratta di più di 180.000 documenti, che spaziano dalle fotografie ai manoscritti, dalle mappe storiche agli spartiti musicali, dai poster alle riproduzioni di opere d’arte.

La notizia è commentata diffusamente anche sul blog della NYPL:

«Today we are proud to announce that out-of-copyright materials in NYPL Digital Collections are now available as high-resolution downloads. No permission required, no hoops to jump through: just go forth and reuse!

[…]

The public domain release spans the breadth and depth of NYPL’s holdings, from the Library’s rich New York City collection, historic maps, botanical illustrations, unique manuscripts, photographs, ancient religious texts, and more. Materials include:

Visit nypl.org/publicdomain for information about the materials related to the public domain update and links to all of the projects demonstrating creative reuse of public domain materials. Go forth, and reuse!»

 

URL: <http://digitalcollections.nypl.org/>

La Sapienza Digital Library

Sapienza

Sapienza Digital Library nasce da un progetto di ricerca realizzato in collaborazione tra l’Università La Sapienza di Roma e il Consorzio Cineca.

Sapienza Digital Library si pone come una infrastruttura digitale per la comunicazione di patrimoni culturali, scientifici ed ambientali appartenenti alla Sapienza e ad enti collegati o a donatori.

Elenco delle collezioni di risorse digitali disponibili:

Abbazie e monasteri cistercensi – Le forme dell’arte cistercense: architettura, scultura e miniatura.
La collezione fu avviata a metà degli anni Settanta dalla prof.ssa Angiola Maria Romanini, allora docente di Arte medievale presso l’Istituto di storia dell’arte dell’Università  (531 risorse digitali).

Archivi & Computer – Recupero retrospettivo della rivista «Archivi & Computer»  (52 risorse digitali).

Archivio Franca Rame Dario Fo – Selezione di materiali dell’Archivio della compagnia teatrale Fo Rame.
L’Archivio si compone di una ricca collezione di registrazioni, foto, copioni, manoscritti, stesure progressive dei lavori svolti, disegni, dipinti, bozzetti, manifesti, copie di contratti, fatture, libri, articoli, pubblicazioni italiane e straniere, premi e tutto quanto racconta la vita artistica, politica, personale di Franca Rame e Dario Fo  (933 risorse digitali).

Classici delle discipline economiche della Biblioteca Barone – Opere di scienze economiche, giuridiche, politiche, storiche e sociali.
La raccolta digitalizzata è una parte della sezione di libri antichi e di pregio della Biblioteca Barone, costituita in larga misura da opere della donazione Manna. Si tratta di testi soprattutto di economia: opere generali, di storia economica e su specifici argomenti quali la finanza, il lavoro, il mercato, l’organizzazione industriale, i cicli economici; sono presenti, però, anche molte opere di giurisprudenza, di scienza della politica, di storia italiana, europea e di Stati extraeuropei, soprattutto dei secoli XVIII e XIX  (22 risorse digitali).

Il fondo antico e di pregio della Biblioteca G. Castelnuovo – La matematica e i progressi della scienza dall’antichità all’età moderna.
Le opere provengono, per la maggior parte, dalla Biblioteca della Reale Scuola di Applicazione degli Ingegneri. Le edizioni più preziose del fondo antico della biblioteca sono quelle comprese tra il XV ed il XVIII secolo; i nove incunaboli, le 140 cinquecentine, e le pregiate edizioni del ‘600 e del ‘700 documentano in maniera completa il cammino della matematica attraverso i secoli  (34 risorse digitali).

Il fondo librario antico Giovanni Macchia – Fondo antico di libri di teatro e sul teatro.
Alle preziose cinquecentine si affiancano edizioni rare, quali: la prima edizione completa delle commedie del Goldoni edita dal Pasquali (Venezia 1761) in 17 volumi e con 80 tavole incise, le opere del Metastasio (Parigi 1780/82) in 12 volumi con 31 tavole incise, il Dictionnaire de musique di Rousseau (Parigi 1768), ecc.  (390 risorse digitali).

Immagini di strutture e costruzioni nel mondo – Architetture nel mondo studiate e fotografate da Carlo Severati.
La collezione di diapositive conservata presso la Biblioteca centrale di architettura nasce come servizio didattico per l’insegnamento della storia dell’architettura contemporanea a partire dagli anni Ottanta. Numerose le tematiche di interesse: dalle diapositive dedicate alle opere degli architetti italiani ed europei a quelle relative all’architettura americana e ibero-americana e orientale, con significative sezioni dedicate al Giappone, a quelle relative a determinate epoche storiche (tra le altre, la Germania tra le due guerre), o a tendenze e movimenti specifici (razionalismo, bauhaus, costruttivismo etc.)  (96 risorse digitali).

Ingegneria, tecnica e architettura dagli albori al XIX secolo – I libri antichi della Biblioteca Centrale della Facoltà di Ingegneria.
La Biblioteca “G.Boaga” fu costruita nel 1873 come Biblioteca della Scuola di Applicazione degli Ingegneri in Roma, ma essa già preesisteva dal 1817 quando Pio VII istituì la Scuola di Ingegneria. Il suo fondo antico (libri editi dal 1450 al 1830) è composta di 793 volumi. Parte dei volumi sono stati digitalizzati all’interno del Progetto Prodigi e la digitalizzazione prosegue con le attività del Progetto Google  (27 risorse digitali).

La collezione storica della Biblioteca centrale di Architettura – Trattati per la storia dell’architettura e dell’urbanistica.
La collezione si compone di trattati che testimoniano l’evoluzione generale dell’arte del costruire, libri sull’architettura civile e militare, volumi sull’urbanistica romana, testi classici su ordini e prospettiva. I volumi più antichi risalgono al XVI secolo  (360 risorse digitali).

Le biblioteche di illustri studiosi presso la Biblioteca Monteverdi – Fondi specialistici per la Filologia e linguistica italiana e romanza.
Presso la Biblioteca Monteverdi è stato depositato il fondo librario della Società Filologica Romana (Fondo Ernesto Monaci). E’ stato catalogato e in parte digitalizzato a cura della Biblioteca, tramite il Progetto Prodigi e il Progetto Google. Sono inoltre posseduti dalla Biblioteca, a seguito di acquisizioni e/o donazioni, altri fondi speciali tra i quali spiccano le biblioteca specializzate dei proff. Vincenzo Crescini e Mario Pelaez   (164 risorse digitali).

Le tesi di dottorato in fisica, astronomia e scienza dei materiali – I lavori specialistici di ricerca svolta nei corsi di dottorato  (362 risorse digitali).

Libri di architettura e storia del disegno dal XVI al XIX secolo – Le collezioni della biblioteca di “Guglielmo De Angelis d’Ossat”  (107 risorse digitali).

Missione archeologica italiana nell’Oasi di Farafra – Collezione di materiali archeologici, etnografici e paesaggistici.
Farafra è situata a sudovest del Fayum, in quello che a lungo è stato chiamato deserto libico. La Missione archeologica italiana nell’Oasi di Farafra è stata fondata nel 1986 dalla prof.ssa Barbara Barich, del Dipartimento di scienze dell’antichità della Sapienza  (59 risorse digitali).

Rappresentazione della natura nel fondo antico di Biologia ambientale – La Biblioteca del Dipartimento di Biologia Ambientale ha un proprio patrimonio bibliografico antico e raro, formato da un nucleo di libri antichi costituito da fondi di diverse provenienze che ricoprono valore artistico e scientifico perché rappresentano l’incontro tra la bellezza estetica e l’importanza, nel tempo, della ricerca botanica e dei suoi continui sviluppi  (81 risorse digitali).

Riviste teatrali della Biblioteca del Burcardo: «La scena di prosa» – Rivista settimanale di informazione e critica teatrale pubblicata a Milano dal 1902 al 1915 e diretta dal critico Luigi Bevacqua Lombardo  (516 risorse digitali).

Statistica, probabilità e demografia dalle origini all’età moderna – I libri provengono in parte dal fondo librario del “Comitato italiano per lo studio dei problemi della Popolazione” fondato e diretto da Corrado Gini dal 1929 al 1965 e poi da Nora Federici. Il fondo possiede preziose cinquecentine, seicentine e libri del Settecento, fino alle collezioni Ottocentesche, particolarmente interessanti per la storia degli studi statistici in Italia e nel mondo  (109 risorse digitali).

Videoteca di spettacolo – Il catalogo comprende un copioso numero di film, dagli esordi al cinema contemporaneo; filmati di opere teatrali e di danza; film documentari, fra cui le produzioni dell’allora Dipartimento di arti e scienze dello spettacolo; opere liriche; documentari di video arte  (4647 risorse digitali).

 

URL: <http://sapienzadigitallibrary.uniroma1.it/>

Biblioteca digitale ligure

testata_left

La Biblioteca Digitale Ligure (BDL), inaugurata il 22 giugno 2015, è un servizio offerto dalla Regione Liguria allo scopo di permettere a tutti l’accesso a contenuti digitali messi a disposizione dalle biblioteche liguri, da altre istituzioni liguri e dalla Regione stessa.

La BDL può accogliere contenuti di ogni tipo (immagini, testi, audio, video), sia derivati da originali non digitali (ad esempio libri o periodici su carta, dischi o nastri audio), sia prodotti dall’origine in formato digitale (ad esempio fotografie digitali, libri pubblicati solo come ebook).

Le collezioni presenti nella Biblioteca digitale ligure sono state realizzate da soggetti diversi nel corso di un notevole periodo di tempo, per cui possono differenziarsi per le caratteristiche tecniche delle immagini (o degli altri oggetti digitali) e dei metadati, in conseguenza dell’evoluzione dei criteri di realizzazione di queste attività e di quella degli strumenti di digitalizzazione.

Di seguito si elencano le raccolte già presenti o in fase di trattamento per l’acquisizione, con l’avvertenza che nella BDL possono anche essere presenti pezzi singoli digitalizzati autonomamente senza quindi che appartengano ad una raccolta.

  1. Cinquecentine e libri di medicina dei secoli 16. e 17. della Biblioteca Medica Mario Segale dell’Ospedale Galliera di Genova
  2. Documenti antichi, manoscritti o a stampa, di carattere geografico e cartografico
  3. Raccolta fotografica della Biblioteca Civica di Camogli
  4. Libri antichi e manoscritti della Biblioteca Civica Berio di Genova
  5. Opuscoli della Biblioteca Civica Mazzini di La Spezia
  6. Periodico “Il Mare” della Biblioteca Civica di Rapallo
  7. Manoscritti e incunaboli della Biblioteca Civica Barrili di Savona
  8. Periodici locali della Biblioteca Civica Barrili di Savona

 

La Biblioteca Digitale Ligure mette a disposizione tre diverse modalità di ricerca: ricerca semplice; ricerca avanzata; ricerca per liste.

I contenuti digitali sono accessibili anche a partire dal CBL – Catalogo delle Biblioteche Liguri che, quando è presente la versione digitale di un documento, mostra nella scheda il relativo link alla BDL.

URL: <http://bibliotecadigitale.regione.liguria.it/opacbdl/opac/bdl/index.jsp>

La Biblioteca digitale della Bodleian Library e Ippolito Rosellini

Egitto

Anche la famosa Bodleian Library dell’Università di Oxford ha una nuova piattaforma, lanciata nel luglio 2015, che consente l’accesso gratuito ai suoi tesori digitalizzati.

«Digital.Bodleian provides access to parts of the collections of the Bodleian Libraries of the University of Oxford. The project began in 2011 and the website was launched in July 2015. In August 2015 over 120.000 digital objects were freely available online, with at least another 1.5 million images awaiting release. These images come from all over the world, from different time periods, and regarding different subjects.

Basic search is available. In addition, users can browse by collection. Many different collections are available, such as educational ephemera and children’s games of the 18th and 19th centuries, Burmese life and devotion, Cobbett’s parliamentary history, exploring Egypt in the 19th century, and the Gough map. It is possible to filter the collections: by early printed books, ephemera, history and politics, maps, oriental, prints and portraits, science and natural history, or western manuscripts».

Tra le opere digitalizzate segnaliamo l’importante edizione pisana dell’opera fondante l’archeologia egiziana, che fece seguito alla  memorabile spedizione franco-toscana in Egitto capitanata da Jean François Champollion e da Ippolito Rosellini nella prima metà dell’Ottocento:

Ippolito Rosellini, I monumenti dell’Egitto e della Nubia disegnati dalla spedizione scientifico-letteraria toscana in Egitto (Pisa, Capurro, 1832-1844)

Parte Prima: Monumenti storici (Tomo primoTomo secondoTomo terzo/parte primaTomo terzo/parte secondaTomo quarto)

Parte seconda: Monumenti civili (Tomo primo)

Parte terza: Monumenti del culto (Tomo unico)

Il Dipartimento di Scienze storiche dell’Università di Pisa ha dedicato un sito all’Archivio Ippolito Rosellini. Dalla pagina di presentazione del progetto:

«Ippolito Rosellini nasce a Pisa il 13 agosto 1800. A soli ventiquattro anni è già professore di Lingue orientali all’Università di Pisa, dove si era laureato.

La teoria di Jean François Champollion (1790-1832) sulla decifrazione del geroglifico cattura presto il suo interesse e lo porta a pubblicare, alla fine del 1825, uno scritto con il quale ne espone e divulga i risultati in italiano.

In quegli stessi anni i due studiosi hanno modo di incontrarsi in Italia e poi a Parigi. Insieme concepiscono il progetto di una spedizione congiunta di francesi e toscani in Egitto, sostenuta dall’appoggio politico e finanziario dei rispettivi governanti. La risposta favorevole del Granduca di Toscana, giunta all’inizio di settembre del 1827, è la molla che convince il sovrano francese Carlo X a superare varie riserve e ostacoli e a concedere il proprio appoggio all’impresa.

Se Champollion rimane il padre indiscusso della filologia egiziana grazie alla geniale decifrazione della scrittura geroglifica (1822), è all’italiano Rosellini che si deve la pubblicazione dell’opera fondante dell’archeologia egiziana, I Monumenti dell’Egitto e della Nubia.

La spedizione franco-toscana ideata e capitanata da Champollion e Rosellini aveva come obiettivo la documentazione dei monumenti dell’antico Egitto, allora misconosciuti, e la costituzione di collezioni di antichità egiziane.

Lasciata l’Europa alla volta dell’Egitto nel luglio del 1828, la missione intraprende un avventuroso viaggio che la porta in circa quindici mesi a visitare tutti i principali siti egiziani, fra i quali Giza, Saqqara, Menfi, Beni Hassan, Tebe, File e a giungere fino ad Abu Simbel e Wadi Halfa in Nubia. Al termine dell’esplorazione in Egitto e Nubia, Rosellini riporta in Toscana una massa imponente di materiale, tra cui il prezioso patrimonio di migliaia di disegni e note manoscritte a documentazione di monumenti e siti egiziani, che la Biblioteca Universitaria di Pisa custodisce con cura dal XIX secolo, e circa 1800 antichità, oggi al Museo Egizio di Firenze.

Una piccola collezione, costituita a titolo personale dallo zio di Ippolito, Gaetano Rosellini, ingegnere e membro della Spedizione, è oggi ospitata in parte presso il Museo dell’Opera del Duomo di Pisa e in parte nelle Collezioni Egittologiche dell’Ateneo pisano».

 

URL: <http://digital.bodleian.ox.ac.uk/>

Impronte digitali: le collezioni digitalizzate dell’Università di Firenze

Tavolemilani_1895_1896_tav_XV_Corinthus1

Archeologia dell’arte fenicia e protogreca

L’Università di Firenze mette a disposizione di tutti gli interessati un’ottima biblioteca digitale delle proprie collezioni storiche.

Impronte digitali è il prodotto di Digitalizzazione per i servizi bibliotecari, progetto nato col duplice scopo di contribuire alla diffusione del patrimonio culturale delle biblioteche dell’Ateneo, garantendo l’accesso online a una selezione di esemplari di pregio in loro possesso, e di preservare gli originali dai possibili danni derivanti dalla consultazione diretta.

In questo ambiente è possibile ricercare e utilizzare (consultare, inviare via mail, visualizzare e salvare in formato pdf ecc.) il materiale bibliografico digitalizzato a cura del Sistema Bibliotecario di Ateneo. Attualmente contiene le digitalizzazioni di parte del materiale raro e di pregio custodito nelle biblioteche dell’Università di Firenze. Le digitalizzazioni sono fruibili anche su Internet Culturale“.

Segnaliamo anche la possibilità di compire ricerche testuali all’interno delle opere digitalizzate.

URL: <http://magteca-fi-ese.inera.it/unifi/opac/unifi/free.jsp>

Biblioteca digitale sulla storia della Sicilia e del Mediterraneo

Mediterranea

Sul sito di «Mediterranea. Ricerche storiche», rivista di storia con sede a Palermo fondata da un gruppo di studiosi dell’Università di Palermo, è presenta una Biblioteca digitale dove è possibile scaricare la riproduzione in file PDF di molte pubblicazioni edite negli scorsi anni e dedicate alla storia della Sicilia e del Mediterraneo.

>> Accedi alla Biblioteca digitale

 

URL: <http://www.storiamediterranea.it/>

The Qatar Digital Library

Qatar

E’ stata appena inaugurata la Biblioteca digitale del Qatar, frutto della collaborazione tra la Biblioteca nazionale del Qatar e la British Library. Si tratta di una collezione digitale che contiene migliaia di documenti relativi alla storia dell’Oman e alle regioni del Golfo Persico e dell’Oceano Indiano, compresa la storia della Compagnia britannica delle Indie Orientali.

«The Qatar Digital Library (QDL) is making a vast archive featuring the cultural and historical heritage of the Gulf and wider region freely available online for the first time. It includes archives, maps, manuscripts, sound recordings, photographs and much more, complete with contextualised explanatory notes and links, in both English and Arabic.

Content currently available on the QDL was developed during the first phase of the partnership, reaching a total of 500,000 images by the end of 2014. More content is being added all the time, but current highlights the QDL is proud to showcase include:

  • India Office Records that span the period 1763–1951, comprising files from the Bushire Political Residency Records and the Bahrain Agency Records;
  • J. G. Lorimer’s Gazetteer of the Persian Gulf, Oman and Central Arabia (1908, 1915), a classic introduction to the history of the Gulf;
  • 500 maps, charts and plans of the Persian Gulf and the wider region
  • The Private papers of Sir Lewis Pelly, Political Resident in the Persian Gulf between 1862 and 1872;
  • Arabic Scientific Manuscripts from the British Library’s Manuscripts Collections, covering topics such as medicine, mathematics, astronomy and engineering;
  • A selection of photographs, postcards and other printed objects as well as sketches, drawings and watercolours; etchings, engravings and illustrations;
  • A selection of audio collection materials including 200 shellac discs recorded in Bahrain, Kuwait and Iraq between 1920 and 1940».

>> Leggi un articolo scritto in occasione del lancio del portale

URL: <http://www.qdl.qa/en/>

Biblioteca digitale sull’Islam

Islam_1

Al-Islam.org è una biblioteca digitale che contiene più di mille libri e articoli in formato digitale accessibili gratuitamente. E’ gestita da The Ahlul Bayt Digital Islamic Library Project (DILP).

Browse for free 1000+ books and articles about Islamic religion and the Muslim peoples.

«Al-Islam.org is created and maintained by the Ahlul Bayt Digital Islamic Library Project (DILP), a registered Non Profit Organisation that operates through the collaborative effort of volunteers based in many countries around the world. Our objectives are to digitize and present on the Internet quality Islamic resources, related to the history, law, practice, and society of the Islamic religion and the Muslim peoples, with particular emphasis on Twelver Shia Islamic school of thought. The purpose is to facilitate dissemination of knowledge through this global medium to locations where such resources are not commonly or easily accessible. In addition, we aim to encourage research and enquiry which the use of technology facilitates».

URL: <http://www.al-islam.org/>

Biblioteca digitale lombarda

Lombardia_1

La sezione BDL – Biblioteca digitale lombarda del portale Lombardia Beni Culturali nasce con lo scopo di mettere a disposizione un primo nucleo di fondi documentari digitalizzati e liberamente fruibili inerenti territorio, storia e arte della Lombardia, posseduti da biblioteche e archivi lombardi.

I documenti disponibili appartengono al patrimonio librario di cinque istituzioni: Biblioteca civica Angelo Mai di Bergamo, Biblioteca civica centrale di Monza, Biblioteca civica ‘Ricottiana’ di Voghera, Istituto per la storia dell’arte Lombarda, Biblioteca di scienze della storia e della documentazione storica dell’Università di Milano, Ufficio biblioteche della Provincia di Brescia.

Le biblioteche hanno individuato un insieme di documenti di particolare rilievo – per rarità e pregio, criticità dello stato di conservazione che limita l’utilizzo dell’originale, importanza ai fini della ricerca storica – da sottoporre alla digitalizzazione.

Sono attualmente presenti 1.180 libri digitalizzati, per un totale di circa 215.000 pagine.

Collezioni al momento disponibili (work in progress):

URL: <http://www.lombardiabeniculturali.it/dolly/>

ZVDD – Catalogo integrato delle opere a stampa digitalizzate in Germania

biblioteche digitali

ZVDD – Zentrale Verzeichnis Digitalisierte Drucke è un portale che consente di interrogare con un’unica interfaccia di ricerca le principali biblioteche digitali tedesche che contengono riproduzioni di opere a stampa pubblicate dal XV secolo ad oggi.

Le opere accessibili superano il milione di unità: si tratta di  monografie, fascicoli di rivista, opuscoli, spartiti musicali.

Qui l’elenco delle collezioni indicizzate (152 collezioni di 33 istituzioni culturali e scientifiche, in particolare biblioteche): http://www.zvdd.de/dms/

Il progetto è finanziato dal DFG – Deutsche Forschungsgemeinschaft (il Centro nazionale tedesco per la ricerca) ed è gestito e curato dalla Biblioteca dell’Università della Bassa Sassonia (SUB – Niedersächsischen Staats- und Universitätsbibliothek Göttingen).

 

URL: <http://www.zvdd.de/startseite/>

Inaugurata la DPLA – Digital Public Library of America

map

L’attesa DPLA – Digital Public Library of America, annunciata da molti mesi, è stata ufficialmente inaugurata poche ore fa. La DPLA contiene 2 milioni e 400 mila documenti.

Leggi qui la notizia:

“The Digital Public Library of America has launched a beta of its website today. The previously planned launch event was to be held at the Boston Public Library this week, but was cancelled as a result of the Boston marathon bombings.The DPLA’s portal brings together the digital collections of public libraries and museums across the country, hoping to offer a streamlined, one stop destination for searching archives.

The project is still in beta, but it launches with several special sections beyond its search portal, including a map and timeline which allow users to browse and search information and items visually, and a library of applications, giving users access to apps created by developers using the DPLA’s API. At the time of launch, the app library includes two applications, both for searching and visualizing the DPLA collections.

The Library also launches with several special exhibitions, including A History of Survivance: 19th c. Upper Midwest Native American Resources in the DPLA, developed with the Minnesota Digital Library, This Land Is Your Land: Parks and Public Spaces, developed by the South Carolina Digital Library, and Boston Sports Temples, developed by the Digital Commonwealth.

The DPLA launches with 2.4 million records, including access to the illuminated 1514 manuscript of The Book of Hours, daguerrotypes of Abraham Lincoln and George Washington, and works by Thomas Jefferson”.

URL: <http://dp.la/>

La biblioteca digitale della BEIC – Biblioteca europea di informazione e cultura

BEIC digitale

Oggi 30 novembre viene ufficialmente presentata la Biblioteca digitale della BEIC – Biblioteca europea di informazione e cultura.

La Fondazione BEIC, d’intesa con alcune importanti istituzioni mondiali, ha avviato un progetto di biblioteca digitale al fine di rendere disponibili fondi di opere di particolare pregio e interesse scientifico. Fra le istituzioni coinvolte figurano la Biblioteca Nazionale Braidense, l’Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, l’Accademia delle Scienze di Torino, l’Università degli Studi di Milano, il Dipartimento di italianistica dell’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma, l’Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere, la Fondazione Sismel di Firenze, l’Università degli Studi di Pavia, l’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo e altre istituzioni italiane e straniere.

Di seguito l’elenco delle prime collezioni digitali disponibili, alle quali altre se ne aggiungeranno:

Autori greci e latini
Poeti, scrittori, storici, filosofi, scienziati di Grecia e di Roma antica, in edizioni antiche. Vai alla collezione

Biblioteca Idraulica italiana
La collezione presenta un’ampia silloge di testi scientifici e storici in materia di acque, dal Cinquecento all’Ottocento. Vai alla collezione

Classici della cultura
I grandi autori e le opere fondamentali della cultura antica, medievale e moderna: letterature, filosofia, storia, religione, diritto, economia, scienze sociali, matematica, scienze fisiche chimiche e naturali, medicina. Vai alla collezione

Diritto europeo medievale e moderno
In collaborazione con il Dipartimento di Diritto privato e Storia del diritto dell’Università degli Studi di Milano la Collezione raccoglie una vasta raccolta di manoscritti e di opere in edizioni antiche e moderne di diritto comune, civile e canonico dall’alto medioevo al secolo XIX. Vai alla collezione

Filosofia
La collezione, che è appena agli inizi, raccoglierà i testi dei più importanti autori di filosofia antica medievale e moderna. Vai alla collezione

Incunaboli in lingua italiana
Realizzata in collaborazione con il Dipartimento di italianistica e spettacolo dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, la collezione includerà la digitalizzazione di tutti i volumi in lingua italiana (oltre 1600 titoli, provenienti da oltre 100 biblioteche italiane e straniere) pubblicati dall’invenzione della stampa al 1500. Vai alla collezione

Letteratura italiana
La collezione offre in formato digitale un’ampia raccolta di opere di poeti, letterati e scrittori italiani, includendo tra l’altro l’intera collana laterziana degli Scrittori d’Italia (287 volumi). Vai alla collezione

Storia
La Collezione conterrà una selezione opere di storia antica, medievale, moderna e contemporanea: fonti e storiografia. Vai alla collezione

Storia della Matematica
Una vasta raccolta di autori classici e di opere di riferimento storico di opere di matematica dall’antichità all’età moderna e contemporanea, in parte attinte dal fondo antico della Biblioteca Carlo Viganò di Brescia. Vai alla collezione

Storia della Medicina
Include una selezione di opere di medicina antiche, medievali e moderne, provenienti da diverse Biblioteche italiane, in particolare  dal Fondo Alfieri dell’Università degli Studi di Milano. Vai alla collezione

Storia delle scienze naturali, fisiche, chimiche
La collezione comprende opere a stampa di scienziati italiani ed europei dei secoli XV-XIX provenienti in prevalenza dal Museo Galileo di Firenze, dall’Accademia delle Scienze di Torino, dalla Biblioteca Nazionale Braidense e dalla Biblioteca Universitaria di Pavia. Vai alla collezione

Testi religiosi
La collezione, ancora in uno stadio iniziale, comprende un primo nucleo di opere di teologi cristiani del medioevo e dell’età moderna. Vai alla collezione

Viaggi in Italia e nel mondo
La collezione include una serie selezionata di opere in diverse Biblioteche non solo italiane, molte delle quali conservate nel Fondo Tursi della Biblioteca Marciana di Venezia. I resoconti dei viaggi costituiscono un genere di scrittura che all’interesse documentale coniuga la qualità storica  e letteraria. Vai alla colezione

Sitografia
A regime, circa 2.000 siti schedati e costantemente aggiornati scelti da esperti dei singoli settori disciplinari. Vai alla collezione

URL: <http://www.beic.it/it/articoli/biblioteca-digitale>

Gli archivi italiani durante la seconda guerra mondiale

E’ stato appena pubblicato nella biblioteca digitale della Direzione generale per gli Archivi l’interessante volume della collana “Quaderni della Rassegna degli Archivi di Stato”:

Elvira Gencarelli, Gli archivi italiani durante la seconda guerra mondiale, Roma 1979  (pp. VIII, 240).

L’autrice ha raccolto e vagliato le testimonianze relative alle vicende subite dal patrimonio archivistico italiano durante la seconda guerra mondiale e condotto un’indagine sommaria sui documenti prodotti negli anni del conflitto.

La parte più consistente del lavoro è costituita dalla pubblicazione di un’ampia scelta di documenti conservati nella quasi totalità presso l’Archivio centrale dello Stato e compresi tra il 25 luglio 1943, quando la caduta del regime fascista rese evidente la crisi dello Stato e delle istituzioni, ed i primi mesi del 1946, in cui si concluse la fase operativa del rientro a Roma degli archivi delle amministrazioni centrali trasferiti al Nord.

Indice

I. FONTI E STORIA DEGLI ARCHIVI

Le fonti conservate nell’Archivio Centrale dello Stato

La ‘cesura’ dell’8 settembre ed i suoi riflessi nelle fonti documentarie

Le fonti conservate negli Archivi di Stato

Storia degli archivi: dal 25 luglio 1943 al 25 aprile 1945

II. DOCUMENTI

III. IL RAPPORTO FINALE SUGLI ARCHIVI

Indice sommario dei documenti

Indice dei nomi di persona

Indice dei nomi di luogo

URL: <http://www.archivi.beniculturali.it/DGA-free/Quaderni/Quaderno_50.pdf>