Tag Archives: Biblioteca Franco Serantini

Le collezioni digitali della Biblioteca Franco Serantini

canto

La Biblioteca Franco Serantini di Pisa ha avviato un importante progetto di digitalizzazione delle proprie collezioni bibliografiche e documentarie.

La Biblioteca, archivio e centro di documentazione di storia sociale e contemporanea, nasce a Pisa nel 1979 per ricordare la figura di Franco Serantini, morto in carcere il 7 maggio 1972 a seguito dei colpi ricevuti dalla polizia al momento dell’arresto, avvenuto mentre si opponeva a un comizio fascista.

Scopo principale del centro è quello di conservare e valorizzare la memoria del movimento anarchico e di quello operaio dalla nascita ai giorni nostri. Inoltre possiede importanti raccolte sulla storia dell’antifascismo e della Resistenza, delle “eresie politiche” di sinistra, delle organizzazioni di base e dei movimenti studenteschi sorti in Italia dalla fine degli anni ’60 in poi.

La Biblioteca fa parte della rete nazionale degli Istituti storici della Resistenza in qualità di ente collegato e aderisce al progetto di portale di storia contemporanea ToscanaNovecento promosso dalla rete regionale degli Istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea.

La bella biblioteca digitale intente offrire ai ricercatori l’accesso online libero e gratuito a tutte le fonti primarie possedute dalla biblioteca.

Gli utenti possono esplorare i documenti liberamente o attraverso raccolte, progetti e percorsi tematici organizzati dalla biblioteca.
La banca dati sarà costantemente aggiornata e­ molti materiali saranno disponibili non appena sarà conclusa la fase di elaborazione e digitalizzazione.

URL: <http://bfscollezionidigitali.org/index.php>

Fogli volanti e manifesti della Biblioteca Franco Serantini di Pisa: catalogo e riproduzioni digitalizzate

La Biblioteca Franco Serantini di Pisa ha avviato l’opera di digitalizzazione del proprio posseduto di manifesti murali e fogli volanti composto da diverse migliaia di pezzi, che coprono un arco temporale che va dall’Unità ai giorni nostri, focalizzando l’attenzione sul periodo che va dall’Unità d’Italia alla nascita della Repubblica.

La prima fase del progetto ha previsto un censimento, molto sommario, dei fogli volanti del periodo temporale previsto presenti nelle collezioni e nei fondi della biblioteca. Si è passati poi alla digitalizzazione del materiale selezionato e poi alla catalogazione. La catalogazione, tuttora in corso, è effettuata con il software open source Koha.

Lo scopo di questo progetto è quello di valorizzare un materiale, considerato per decenni materiale minore e quindi poco conservato negli archivi e nelle biblioteche e soprattutto poco reso visibile, sepolto il più delle volte nei magazzini in attesa di essere inventariato e catalogato. Negli ultimi anni stiamo assistendo fortunatamente ad un risveglio dell’interesse per i fogli volanti e i manifesti. Tale nuova attenzione si colloca nel più ampio quadro dell’utilizzo della digitalizzazione dei testi manoscritti e a stampa per preservarne la conservazione e la memoria. I fogli volanti così come i manifesti sono infatti materiali più facilmente deperibili dei libri (per la scarsa qualità della carta, spesso di pochissima grammatura, e per la mancanza di una legatura che consolida) e quindi i più indicati per l’utilizzo delle nuove tecnologie, adatte anche a limitarne l’uso frequente. Le campagne di digitalizzazione hanno reso anche necessaria una riflessione adeguata sui criteri biblioteconomici e catalografici per il trattamento di questo materiale, riflessione che per ora è avvenuta in maniera poco omogenea e limitata spesso a fasce selzionate di materiale (come i bandi, i manifesti grafici, i fogli volanti antichi).

Il valore storico e documentario di questo materiale è indubbio. Grazie all’immediatezza dei messaggi veicolati e l’uso della grafica e delle illustrazioni, i fogli volanti e i manifesti sono stati capaci di raggiungere ampi strati della popolazione urbana, comprese le fasce sociali non acculturate o solo parzialmente alfabetizzate. Caratteristica di queste pubblicazioni è la loro natura occasionale, spesso legata all’ambiente locale. Questo legame con l’evento o con i fatti avvenuti in un determinato momento temporale rendono questo materiale unico e fondamentale per un’adeguata ricostruzione storica, non solo per conservare la memoria degli avvenimenti ma per capirli e approfondirli da ogni angolazione e per rompere il velo d’oblio che circonda e avvolge personaggi e figure, definite ‘minori, della Storia.

URL: <http://bfskoha.ns0.it/>