Tesori digitalizzati della Biblioteca Statale di Lucca

Lucca_statale_Tesori04.jpg_1944330924

Dal portale Internet Culturale:

«La collezione I ‘Tesori’ della Biblioteca statale di Lucca è composta da ventidue codici integralmente digitalizzati per Internet culturale.
La maggior parte di questi proviene dal fondo Lucchesini, divenuto di proprietà dell’Istituto dal 1833 con l’acquisto dagli eredi di Giacomo e Cesare Lucchesini. Una campionatura che, seppur limitata rispetto al numero complessivo di codici posseduti, permette di comprenderne l’importanza.

Tra i più antichi vi è Sermones de festivitatibus Domini cum omeliis (ms. 1389) contenente omelie di diversi Santi Padri, e principalmente di s. Agostino (secc. IX-XII). Diverse le miniature presenti con a c. 36v la raffigurazione del Cristo patiens, senza la croce, e con il braccio sinistro che al posto della mano presenta dei racemi che danno origine alla lettera D.

L’Evangeliarium (ms. 1379) è da segnalare per la presenza di miniature ed è stato prodotto in uno scriptorium ottoniano tra i secoli X ed XI.

Alla c. 1r del codice ms. 1383, Homiliae in Ezechielem, vi è l’iniziale miniata, apprezzabile per la resa grafica, cromatica e per ricorso a figure immaginare tipiche del medioevo. La scrittura, a più mani, risulta assai curata.

Il codice ms. 1386, Líber psalmorum cum commentario, sia per la scrittura che per la decorazione, attesta una produzione inglese d’inizio Duecento. Un preciso richiamo alla Bibbia di Winchester è nell’iniziale B a c.3r in cui sono raffigurati Cristo in trono ed Adamo ed Eva.

Diversi sono, invece, i capolettera del codice ms. 1405, Rhetorica ad Herennium, sia del tipo istoriato che abitato. A c. 1r compare Cicerone nell’atto di consegnare l’opera ad Erennio.

Gli altri codici presenti, tutti corredati da una sintetica scheda descrittiva d’aiuto alla ricerca ed alla consultazione, trattano prevalentemente argomenti a carattere filosofico e teologico. Le numerose note di possesso consentono, infine, di individuare le precedenti provenienze».

URL: <http://www.internetculturale.it/opencms/opencms/it/collezioni/collezione_0176.html>

Collezioni digitalizzate dell’Università di Napoli “L’Orientale”

UniOR

La piattaforma digitUNO rende disponibili le riproduzioni digitalizzate di testi e documenti del patrimonio bibliografico raro e di pregio dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”.

Il progetto, a cura del Sistema Bibliotecario di Ateneo, utilizza la piattaforma Omeka,  un software open source funzionale e flessibile già utilizzato a livello internazionale da un gran numero di biblioteche, musei, archivi e studiosi per pubblicare le proprie collezioni digitalizzate e che aderisce agli standard internazionali di descrizione bibliografica e di rappresentazione degli oggetti digitali.

La collezione comprende libri a stampa, documenti cartografici, manoscritti.

La sezione più cospicua è quella dedicata ai libri a stampa, con una selezione di opere che vanno dal XVI secolo agli inizi nel Novecento.

Molto interessante, invece, la sezione dediata alle carte geografiche. Il fondo cartografico dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” consiste in una raccolta di documenti, realizzati in Italia e all’estero, datati tra il XVII e il XX secolo. È una collezione geo-cartografica di notevole valore, composta da oltre 4.000 prodotti, tra atlanti, carte murali, fogli sciolti, planimetrie, carte topografiche, corografiche, planisferi, carte turistiche e tematiche alle diverse scale. Di particolare rilievo sono i manufatti del XVII e XVIII secolo, mentre le acquisizioni più recenti giungono al primo decennio degli anni Duemila.

Si tratta, in gran parte, di un fondo costituito da Elio Migliorini nel secondo dopoguerra (1942-1952), curato e arricchito da Vittorina Langella durante il suo magistero all’allora Istituto Universitario Orientale (1973-1990) e successivamente ampliato da Pasquale Coppola e Salvatore Diglio. A seguito di alterne vicende, legate anche ai numerosi trasferimenti delle sedi dell’Ateneo, negli ultimi venti anni la collezione è rimasta custodita in una piccola sala nella Biblioteca al IV piano di Palazzo Corigliano e solo di recente è stato possibile avviarne un iniziale riordino, per renderla nuovamente fruibile alla consultazione.

La varietà di tipologie dei materiali cartografici conservati attesta gli interessi di studio e di ricerca delle aree del mondo alle quali “L’Orientale” ha tradizionalmente rivolto la sua attenzione ed è espressione dei riflessi geografici e dei mutamenti geopolitici intervenuti – in differenti epoche storiche – in Asia, nel Vicino Oriente, in Africa, nelle Americhe, in Europa Occidentale e Orientale.

Nella prima fase il lavoro si è concentrato sulla selezione di una parte preziosa delle opere presenti, relative ai secoli XVII e XVIII, riuscendo ad effettuare il restauro e la digitalizzazione integrale di dieci manufatti (presenti nel catalogo on-line e resi disponibili alla consultazione), che mostrano un corpus di 1.460 immagini cartografiche e iconografiche.

URL: <http://digituno.unior.it/>

Una collezione di opuscoli “mazziniani” digitalizzata

mazzini_giuseppe

La Biblioteca Gino Bianco di Forlì, della quale abbiamo già parlato in questo post, è da tempo impegnata nella digitalizzazione e pubblicazione online di riviste e opuscoli di area liberal-socialista, libertaria, radicale, repubblicana.

E’ stata appena annunciata la conclusione di un interessante progetto che ha comportato la digitalizzazione di una raccolta di circa 200 tra opuscoli e libri ritrovata nella cantina di un simpatizzante mazziniano. La raccolta si è fortunosamente salvata da ripetuti sequestri di polizia.
La digitalizzazione e la messa online è stata possibile grazie all’Associazione mazziniana italiana, sezione Emilia-Romagna, proprietaria del fondo, e alla biblioteca dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Forlì, presso la quale il fondo è depositato.

E’ disponibile un un elenco ragionato dei titoli presenti nella raccolta. Per l’elenco completo degli opuscoli consultabili, vedi qui.

Un esempio delle pubblicazioni digitalizzate:

  • G. Mazzini, Dal Papa al Concilio ; Dal Concilio a Dio, (1875)
  • G. Mazzini, Dubbio e fede, (1876)
  • G. Mazzini, Il problema sociale, (1949)
  • V. Gioberti, Lettera con cui Vincenzo Gioberti (sotto il nome di Demofilo) si associa alla Giovine Italia, (1849)
  • L. Servanzi, Come la questione sociale si possa risolvere più presto e meglio colle teorie di Giuseppe Mazzini che con quelle dei socialisti, (18..?)
  • E. Bollazzi, Della filosofia religiosa di Giuseppe Mazzini, (1884)
  • A. Saffi, Mazzini nel 1848, (1885)
  • P. Sbarbaro, Da Socino a Mazzini, (1886)
  • F. Mormina Penna, Monarchia, Repubblica e questione sociale, (1887)
  • Vita apologetica di Giuseppe Mazzini, (1887)
  • A. Bandini Buti, L’idea morale politica e sociale di Giuseppe Mazzini, (1945)

URL: <http://www.bibliotecaginobianco.it/?r=28&s=146&p=263&t=opuscoli-mazziniani>

Catalogo delle traduzioni latine di Galeno

galeno

Galeno (Pergamo, 129-216) riveste un’enorme importanza nella storia della medicina e della scienza dalla tarda antichità fino al XIX sec. inoltrato.

In Occidente le sue opere sono state lette, studiate e commentate principalmente in latino e per secoli hanno rappresentato i testi di riferimento per lo studio della medicina nelle Università di tutta Europa.

Vi segnaliamo un catalogo elettronico che indicizza tutte le traduzioni latine di Galeno e dello pseudo-Galeno dal greco, dall’arabo e dall’ebraico che sono state prodotte dal VI al XVII sec. Le schede del catalogo sono molto curate e contengono note che aiutano a ricostruire la fortuna dei testi. Per ogni opera vengono censiti tutti gli esemplari manoscritti e a stampa fino ad oggi noti.

Nel catalogo è confluito il prezioso materiale raccolto da Richard Durling, grande studioso ed editore di Galeno latino. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1999, Virginia Brown, allora responsabile del Catalogus Translationum et Commentariorum, si è molto adoperata affinché il progetto sulle traduzioni latine di Galeno potesse proseguire e giungere a una conclusione.

Il catalogo è stato realizzato in collaborazione con la Scuola Normale Superiore di Pisa per la parte informatica e con i finanziamenti del Prin 2008 e dell’Università Politecnica delle Marche.

>>  Per approfondire la figura e le opere di Galeno, consigliamo la lettura (in lingua inglese) della voce Galen della Stanford Encyclopedia od Philosophy.

URL: <http://www.galenolatino.com/>

E-Periodica: riviste svizzere online

e-periodica

La piattaforma E-Periodica permette di visualizzare i contenuti digitalizzati di circa 400 riviste svizzere pubblicate dall’Ottocento ad oggi.

E-Periodica ist die neue Plattform der ETH-Bibliothek mit rund 400 digitalisierten Schweizer Zeitschriften.

URL: <http://www.e-periodica.ch/>

Le fonti archivistiche : catalogo delle guide e degli inventari editi (1861-1991)

Fonti Archivistiche

Nella Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è consultabile il volume:

Le fonti archivistiche : catalogo delle guide e degli inventari editi (1861-1991) / Ufficio centrale per i beni archivistici ; a cura di Maria Teresa Piano Mortari e Isotta Scandaliato Ciciani ; introduzione e indici dei fondi [di] Paola Carucci. – [Roma] : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici ; 1995. – 537 p. ; 25 cm. – (Pubblicazioni degli archivi di Stato. Sussidi ; 8). – ISBN: 88-7125-101-6.

«La ricerca sulle fonti archivistiche presenta una specifica difficoltà in ordine all’informazione relativa all’esistenza dei fondi, alla sede in cui sono conservati, al loro stato di ordinamento, alla presenza o meno di adeguati strumenti di ricerca.
L’arco cronologico cui si riferiscono le fonti archivistiche va dal Medioevo ai nostri giorni: ogni istituzione pubblica, ecclesiastica o privata, famiglie e singole personalità hanno prodotto nello svolgimento della loro attività un proprio archivio. Vicende legate alla storia politico-istituzionale, ragioni dinastiche e giuridiche, cessioni e concentrazioni di attribuzioni o di attività, distruzioni legittime e illegittime o accidentali, rimaneggiamenti globali o parziali dovuti al riuso dei documenti per finalità amministrative o riordinamenti determinati da interventi per fini di ricerca, la cui metodologia può variare nel tempo e risultare incongrua in un momento successivo, incidono sulla quantità delle fonti che si tramandano ai posteri, sulla loro configurazione che viene a modificarsi nel tempo, sulla loro ultima destinazione» [dall’Introduzione, p. 7].

Per comunicare le informazioni sulle fonti archivistiche si procede alla compilazione di guide e inventari, che descrivono nella loro globalità fondi ordinati e non ordinati, fornendo di massima ai ricercatori un primo livello di informazione sulle fonti censite; fanno il punto della situazione a un certa data e, quando si tratti di fondi conservati in sedi non istituzionalmente destinate alla ricerca storica, mirano anche a influire indirettamente sulla loro futura conservazione, rendendone nota l’esistenza.

URL: <http://151.12.58.123/dgagaeta/pdf.php?file=Sussidi/5715f272031bc.pdf>

Le lettere indirizzate a Jacob Burckhardt tra il 1842 e il 1897: una raccolta digitale

worldletter_collection4

Jacob Burckhardt (Basilea 1818 – ivi 1897) è considerato uno dei più importanti storici del XIX secolo. Dopo aver studiato teologia, filologia, storia dell’arte, filosofia, seguì all’università di Berlino i corsi in storia di Leopold von Ranke. Intraprese nel 1846 il primo viaggio in Italia. L’incontro con l’antichità lo portò a riformulare il problema della fine del mondo classico, visto non in chiave puramente negativa (Voltaire, Gibbon) ma come fondamento della nuova civiltà medievale (Die Zeit Konstantins des Grossen, 1852). Dall’insegnamento di storia dell’arte tenuto tra il 1855 e il 1858 presso il Politecnico di Zurigo nacque Der Cicerone (1855), introduzione al godimento delle opere d’arte italiane imperniata sulla figura di Raffaello. Nel 1858 cominciò a insegnare all’università di Basilea. Due anni dopo apparve Die Kultur der Renaissance in Italien. Ein Versuch, in cui Burckhardt fornì un’immagine vivacissima del Rinascimento italiano, considerato come epoca d’individualismo e di realismo, di scoperta dell’uomo e della natura. Postuma apparve l’ultima grande opera storica, la Griechische Kulturgeschichte (4 voll., 18981902). Ugualmente postume apparvero le Weltgeschichtliche Betrachtungen (1905), testimonianza della lucida, amara consapevolezza del prossimo e inevitabile avvento delle masse sulla scena della storia, cui seguirà, secondo Burckhardt, la distruzione dell’aristocrazia dello spirito e della cultura e la scomparsa di ogni libertà. Nel 1896 fu nominato socio straniero dell’Accademia dei Lincei [fonti: Enciclopedia Treccani online e Wikpedia].

«Burckhardsource.org è una biblioteca digitale creata in seno al progetto The European correspondence to Jacob Burckhardt, finanziato dallo European Research Council e coordinato dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, che si propone di creare un’edizione critica ad accesso aperto della corrispondenza allo storico dell’arte svizzero. Uno degli scopi del progetto è rispondere alle questioni filologiche per mezzo delle nuove tecnologie.

Le lettere a Jacob Burckhardt ricostruiscono una delle più significative corrispondenze del diciannovesimo secolo. Scritte da circa quattrocento corrispondenti in tedesco, italiano, inglese e francese, le lettere coprono infatti un arco temporale che va dal 1842 al 1897 e costituiscono una preziosa testimonianza di un periodo denso di importanti trasformazioni culturali. E’ in quegli anni che emerge il concetto moderno di democrazia e in cui la cultura industriale si definisce in contrasto con gli ideali neo-umanisti. La corrispondenza inoltre è una testimonianza del dibattito sulla nascita e il consolidamento della storia dell’arte come disciplina autonoma, separata dalla storia e dall’archeologia».

[da: Francesca Di Donato, Susanne Müller, Biblioteche digitali semantiche. Il progetto Burckhardtsource.org, «Bibliotime», anno XVI, numero 1, marzo 2013. URL: <http://www.aib.it/aib/sezioni/emr/bibtime/num-xvi-1/didonato.htm>]

 

URL: <http://burckhardtsource.org/>

Stampa clandestina del Centro di Ateneo per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea (Padova)

Supplemento a Il Cacasenno. Quindicinale polemico della 2 Divisione Alpina "Giustizia e Libertà".

Supplemento a Il Cacasenno. Quindicinale polemico della 2 Divisione Alpina “Giustizia e Libertà”.

«La raccolta di stampa clandestina dell’Istituto veneto per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea (Ivsrec), ora Centro di Ateneo per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea (Casrec), è costituita da 597 immagini suddivise in 49 collezioni.

Essa comprende giornali e materiale di propaganda (opuscoli, manifesti, volantini a stampa e anche copie ed estratti dattiloscritti o ciclostilati, in gran parte di area veneta) prodotto dai partiti politici, dai Comitati di Liberazione, dalle formazioni militari partigiane, dai comandi Alleati (PWB-Psychological Warfare Branch, Italy) durante la lotta di Liberazione fra il 1943 e il 1945. Include anche alcuni documenti di propaganda fascista perché attinenti in vario modo a materiali di stampa clandestina e con essi pervenuti. Per completezza si è deciso di inserire anche una serie di documenti contenenti direttive per la stampa, bozze, richieste, indicazioni relative alla preparazione e alla diffusione del materiale di propaganda.

I documenti sono conservati nell’Archivio del Centro di Ateneo per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea dell’Università di Padova.
La digitalizzazione è stata realizzata con il contributo della Regione Veneto (legge 29/2010)».

URL: <https://phaidra.cab.unipd.it/collections/casrec_stampa_clandestina>

Le lettere di August Wilhelm von Schlegel in edizione digitale

Schlegel

August Wilhelm Schlegel (Hannover 1767 – Bonn 1845) fondò a Berlino nel 1798, insieme al fratello Friedrich e alla moglie Caroline, la rivista «Athenaeum», considerata la pubblicazione programmatica del primo romanticismo tedesco. All’elaborazione teorica e alla redazione della rivista parteciparono alcune tra le personalità più importanti del panorama letterario dell’epoca, in particolare coloro che formeranno il cosiddetto gruppo di Jena, formato – oltre che dai fratelli Schlegel – da Schleiermacher, Caroline Schlegel (moglie di August), Novalis, Dorothea Mendelsshon Veit, Hülsen, Bernhardi, Sofie Bernhardi Tieck, Brinkmann, Fichte, Schelling e Tieck.

Nel 1801 August Wilhelm Schlegel tenne a Berlino le Vorlesungen über schöne Literatur und Kunst, di grande importanza sia per l’estetica sia per la critica romantica. Prendendo una posizione vicina a quella di Schelling e non risparmiando le critiche all’estetica kantiana, accusata di aver irrigidito le distinzioni dell’intelletto, Schlegel  sostenne una concezione organicistica della bellezza come espressione simbolica dell’infinito tanto nella natura quanto nell’arte. Collaborò alle Horene al Musenalmanach di Schiller, tradusse Dante, Cervantes, Calderón e soprattutto Shakespeare.

Il corpus della corrispondenza di August Wilhelm Schlegel comprende circa 4.500 lettere, acquisite nel 1873 dalla Biblioteca Reale di Dresda (oggi Sächsische Landesbibliothek – Staats- und Universitätsbibliothek Dresden – SLUB Dresden). Finora è stata pubblicata in edizioni a stampa solo una parte della raccolta: il progetto digitale che qui segnaliamo, ancora in corso d’opera, renderà accessibile per la prima volta l’intero corpus.

Per ogni lettera è liberamente disponibile online:

  • la digitalizzazione del manoscritto (compresi eventuali schizzi, abbozzi, disegni);
  • la digitalizzazione dell’eventuale edizione a stampa;
  • la trascrizione integrale del testo, ricercabile per parola.

URL: <http://august-wilhelm-schlegel.de/>

>> Per approfondire, consigliamo di leggere la voce dedicata a August Wilhelm Schlegel nella Stanford Encyclopedia of Philosophy

[via Archivalia]

Il nuovo portale di Carte da legare: gli archivi della psichiatria in Italia

Carte-da-legare

Carte da legare, il progetto della Direzione generale per gli archivi promosso per salvaguardare il patrimonio archivistico degli ex ospedali psichiatrici, si arricchisce di nuovi contenuti.

Il progetto, in corso dal 1999, è già stato illustrato in dettaglio in un altro post del nostro blog.

Il nuovo sito, lanciato il 2 febbraio, intende fornire, oltre alle descrizioni degli archivi, le statistiche dei dati socio-sanitari ricavati dalle cartelle cliniche e, inoltre, storie, immagini, filmati, link ad altri progetti ed esperienze relativi al mondo della psichiatria in generale e della cura della salute mentale.

La più importante novità del sito è costituita dalla consultazione della schedatura delle cartelle cliniche di 13 ex ospedali psichiatrici. Essa avviene dietro autorizzazione, nel rispetto della normativa sulla privacy. In tal modo si rendono finalmente pubblici i risultati di un lungo lavoro portato avanti per anni dalle Soprintendenze archivistiche territoriali, d’intesa con enti proprietari e gestori degli archivi.

URL: <http://www.cartedalegare.san.beniculturali.it/>

Videolezioni di Storia dell’Italia contemporanea (Istituto Luigi Sturzo)

Il ricco patrimonio dell’Istituto Luigi Sturzo custodisce importanti raccolte audiovisive, di provenienze e soggetti produttori diversi, costituite da film e fotografie dagli anni ’40 agli anni ’80 del Novecento. Numerosi sono i progetti realizzati nel corso degli anni per valorizzare questi giacimenti documentari, in particolare attraverso la creazione di banche dati consultabili sul web.

A partire da gennaio 2016 è in corso di svolgimento un progetto intitolato L’Italia demoscristiana: immagini e storia, che prevede un ciclo di incontri con proiezione di filmati d’epoca commentati da studiosi esperti dei temi specifici trattati. Per tutti gli incontri saranno disponibili online le videolezioni corredate dai documenti originali).

I temi, che ripercorrono la storia italiana ed europea, dal secondo dopoguerra agli anni Settanta, sono i seguenti:

1. Paolo Acanfora, La nascita delle istituzioni repubblicane (videolezione integrale a questo link)
2. Fernando Salsano, La ricostruzione. Dal Piano Marshall al boom economico (videolezione integrale a questo link)
3. Paolo Acanfora, L’Europa comunitaria: nascita e sviluppo  (videolezione integrale a questo link)
4. Renato Moro, Il Concilio Vaticano II  (videolezione integrale a questo link)
5. Pasquale Serra, Il Sessantotto e i giovani  (l’incontro si terrà il 7 aprile 2016)
6. Giovanni Ceci, La stagione del terrorismo. Il sequestro Moro  (l’incontro si terrà il 7 aprile 2016)

A margine del progetto, segnaliamo anche la videolezione di Ernesto G. Laura dal titolo Propaganda e comunicazione politica nei partiti italiani dal fascismo al secondo dopoguerra, attraverso il cinema, i manifesti, i fumetti.

 

URL: <http://cinemadc.com/>

Giornali e riviste dell’Illuminismo tedesco (1750-1815)

illuminismo

E’ in fase di completamento il progetto di digitalizzazione delle riviste tedesche pubblicate tra il 1750 e il 1815, realizzato dall’Università di Bielefeld con la collaborazione dell’editore Georg Olms Verlag  e dell’Accademia delle Scienze di Göttingen.

Il progetto, iniziato nel 2000, comprende i periodici contenuti nell’Index deutschsprachiger Zeitschriften 1750-1815 dell’Accademia delle Scienze di Göttingen (>> vai alla banca dati).

La terza fase, che dovrebbe concludersi nel 2016, prevede l’arricchimento della collezione con altre 31 riviste; il nuovo sito permette anche la stampa di ogni singolo articolo in pdf.

 

URL: <http://www.ub.uni-bielefeld.de/diglib/aufklaerung/neu/index.htm>

[via Bibliostoria]

Le fotografie dal ghetto di Łódź (Polonia) di Henryk Ross

Le rovine della Sinagoga in Wolborska Street , distrutta dai tedeschi nel 1939

Le rovine della Sinagoga in Wolborska Street , distrutta dai tedeschi nel 1939

La Art Gallery dell’Ontario ha messo in Rete la riproduzione digitale delle fotografie scattate da Henryk Ross (1910–1991) nel ghetto di Łódź tra il 1939 e il 1945. Si tratta di un archivio dal valore storico inestimabile che consta di più di 4.000 immagini.  Ross seppellì i negativi durante l’evacuazione del ghetto e, sopravvissuto allo sterminio, li recuperò nel 1945.

La città di Łódź, seconda per numero di abitanti della Polonia, al momento dell’inizio della Seconda guerra mondiale contava circa 250.000 abitanti ed era organizzata in una comunità ricca e culturalmente molto vivace. Fin dall’inizio dell’occupazione tedesca, nei primi giorni di settembre del 1939, iniziarono le persecuzioni contro di essa e nel maggio 1940 fu chiuso il ghetto della città, nel quale furono segregati circa 200.000 ebrei.

Per organizzare la popolazione locale e mantenere l’ordine le autorità tedesche imposero l’istituzione di un Judenrat (consiglio ebraico) all’interno del ghetto. Il consiglio del ghetto era presieduto da Mordechai Chaim Rumkowski, una delle figure più controverse della storia della persecuzione ebraica. Il suo ruolo lo pose in una posizione di grande responsabilità nei confronti degli abitanti del ghetto e gran parte del suo operato continua tutt’oggi ad essere tema di discussione degli storici. Egli obbligò ad enormi sforzi produttivi la popolazione, eseguendo puntualmente gli ordini tedeschi, nella speranza di salvare parte degli ebrei rinchiusi nel ghetto. Nel 1943 oltre il 95% della popolazione adulta era impiegato all’interno di 117 laboratori ed industrie, le quali, come si vantò Rumkowski con il sindaco di Łódź, rappresentavano “una vera miniera d’oro” ( >fonte: Wikipedia). In effetti, proprio a causa dell’estrema produttività il ghetto di Łódź sopravvisse più a lungo di ogni altro ghetto in Polonia ma ciò non fu sufficiente ad evitare il disastro: della popolazione ebraica del ghetto sopravvissero alla Seconda guerra mondiale meno di 10.000 persone.

Primo Levi, nel capitolo “La zona grigia” de I sommersi e i salvati, dedica Rumkoski alcune delle sue pagine più intense. Per approfondire l’argomento rimandiamo a un bell’articolo di Marco Belpoliti pubblicato su Doppiozero il 26 gennaio 2014 e intitolato Levi, Bellow e il Re dei Giudei

 

Qui la notizia dell’apertura al pubblico dell’archivio digitale:

«The Art Gallery of Ontario has launched a searchable, interactive digital archive of over 4,000 rare photographs from its Henryk Ross Collection of Lodz Ghetto Photographs. The archive, developed in partnership with Facing History and Ourselves and with contributions from Sarah and Chaim Neuberger Holocaust Education Centre, features digital copies of Henryk Ross’s original nitrate-based negatives, captured during the Second World War in the Lodz Ghetto of Poland. The launch of the website coincides with the 70th anniversary of the unearthing of Ross’s original negatives in 1945.

Henryk Ross (1910–1991) was a Polish-Jewish photojournalist employed by the Jewish Administration’s Statistics Department. At great risk to himself, Ross took thousands of photos of daily life in Poland’s Lodz Ghetto, which was occupied by German forces in 1939 and was the country’s second largest ghetto for the Jewish population after Warsaw. Ross hid his negatives by burying them in the ground after the last remaining residents of the ghetto were sent to Auschwitz, and excavated them only after the area was liberated from Nazi occupation in January 1945. Over half of the original 6,000 negatives survived, making his collection one of the largest of its kind to survive the Holocaust.

The Henryk Ross Collection was donated to the Art Gallery of Ontario by the Archive of Modern Conflict in 2007. The launch of the digital archive will allow people around the world to search and save images, tag photographs and add information in order to continue to build Ross’s legacy and enrich the public memory of the people and historical events he wished to commemorate. The website also features lesson plans and resources for teachers and students to learn about history, modern human rights issues and social change».

URL: <http://www.agolodzghetto.com/>

 

Ringraziamo Klaus Graf per aver segnalato questa risorsa nel suo blog Archivalia, da poco migrato sulla piattaforma di blog accademici Hypothèses.

Le edizioni della BnF – Bibliothèque nationale de France

BnF

La BnF – Bibliothèque nationale de France, da sempre all’avanguardia per idee innovative, si propone adesso anche come editore di pubblicazioni sia in formato cartaceo che in formato digitale.

«La Bibliothèque nationale de France est un éditeur public dont le catalogue compte plus de mille titres. Dans le cadre de sa politique de valorisation des collections, la BnF édite des catalogues raisonnés et des ouvrages scientifiques destinés aux chercheurs et aux professionnels des bibliothèques. Ces publications de référence sont le reflet de l’excellence scientifique de l’établissement».

>> Qui il catalogo completo.

Le edizioni digitali della BnF sono accessibili dalla piattaforma OpenEdition Books con modalità freemium. A seconda delle licenze d’uso, si possono leggere su schermo alcuni estratti o, in alcuni casi, la versione integrale (>> un esempio qui) ma si deve pagare per poter scaricare i file .pdf  o .epub delle pubblicazioni.

Ci sono comunque alcune pubblicazioni totalmente gratuite, comprese alcune interessanti app interattive. Ecco alcuni esempi:

Marcel Proust, L’Agenda 1906, éd. numérique, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

Marie Soulié, La merveilleuse aventure de l’écriture, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

Monique Pelletier, Cartographie de la France et du monde le la Renaissance au siècle des lumières, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2002 (>> vai alla scheda)

Hommage à Alexandre Kojève. Actes de la « Journée A. Kojève » du 28 janvier 2003. Sous la direction de Florence de Lussy, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2007 (>> vai alla scheda)

Louis XIV: une application iPad, direction éditoriale par Françoise Juhel, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

François Ier:  une application iPad et iPhone, direction scientifique par Bruno Petey-Girard et de Magali Vène; direction éditoriale par Françoise Juhel, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

L’âge d‘or des cartes marines: une application iPad et iPhone, direction scientifique par Jean-Yves Sarazin; conseil scientifique par Catherine Hofmann, Emmanuelle Vagnon, Hélène Richard et Mireille Pastoureau; direction éditoriale par Françoise Juhel,  Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2012 (>> vai alla scheda)

Candide, l’édition enriche: une application iPad, direction scientifique par Nicholas Cronk, Alexandre Chautemps, Ève Netchine et Corinne Le Bitouzél; direction éditoriale par Françoise Juhel,  Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2012 (>> vai alla scheda)

URL: <http://editions.bnf.fr/>

The New York Public Library Digital Collections: 180.000 documenti in pubblico dominio

Fotografia di Berenice Abbott (1935)

Fotografia di Berenice Abbott (1935)

La New York Public Library ha annunciato che a partire dal 6 gennaio 2016 i documenti digitalizzati disponibili nella biblioteca digitale NYPL Digital Collections sono scaricabili e liberamente riutilizzabili senza restrizioni di copyright. Si tratta di più di 180.000 documenti, che spaziano dalle fotografie ai manoscritti, dalle mappe storiche agli spartiti musicali, dai poster alle riproduzioni di opere d’arte.

La notizia è commentata diffusamente anche sul blog della NYPL:

«Today we are proud to announce that out-of-copyright materials in NYPL Digital Collections are now available as high-resolution downloads. No permission required, no hoops to jump through: just go forth and reuse!

[…]

The public domain release spans the breadth and depth of NYPL’s holdings, from the Library’s rich New York City collection, historic maps, botanical illustrations, unique manuscripts, photographs, ancient religious texts, and more. Materials include:

Visit nypl.org/publicdomain for information about the materials related to the public domain update and links to all of the projects demonstrating creative reuse of public domain materials. Go forth, and reuse!»

 

URL: <http://digitalcollections.nypl.org/>