Archivi categoria: Testi e documenti digitalizzati

Carlo e Nello Rosselli nella documentazione della BNCF e dell’Archivio centrale dello Stato

nello_e_carlo_rosselli_con_la_madre_amelia

Nella Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile un’opera in due volumi pubblicata in occasione di due mostre organizzate nel 2000 per ricordare il centenario delle nascite dei fratelli Rosselli.

Carlo e Nello Rosselli : catalogo delle mostre ed edizioni di fonti. – Città di Castello : Edimond ; [Roma] : Direzione generale per gli archivi, 2002.

VOLUME 1:  Lessico familiare : vita, cultura e politica della famiglia Rosselli all’insegna della libertà : Firenze 14 maggio-14 giugno 2002 / catalogo a cura di Zeffiro Ciuffoletti e Gian Luca Corradi ; mostra a cura di Artemisia Calcagni Abrami, Lucia Chimirri, Gian Luca Corradi  (>> scarica qui il volume in PDF)

VOLUME 2:  Un’ altra Italia nell’Italia del fascismo : Carlo e Nello Rosselli nella documentazione dell’Archivio centrale dello Stato : Roma, dal 20 giugno 2002 / mostra, catalogo ed edizione delle fonti a cura di Marina Giannetto  (>> scarica qui il volume in PDF

Dall’Introduzione di Zeffiro Ciuffoletti e Nicola Tranfaglia:

«Il contributo culturale, politico e umano che la famiglia Rosselli ha dato all’Italia merita di essere sottolineato e ricordato proprio come patrimonio collettivo. In questo senso vanno lette le iniziative che il Comitato nazionale rosselliano ha promosso a Roma nel novembre 2000 e le due mostre che alla vicenda della famiglia Rosselli sono state dedicate dalla Biblioteca Nazionale di Firenze e dall’Archivio Centrale dello Stato di Roma, ambedue fondate principalmente sulle preziose fonti documentarie e bibliografiche in loro possesso.

La prima di queste mostre, quella fiorentina, mira a illustrare la vicenda familiare dei Rosselli e la loro formazione culturale e politica, che ebbe come sfondo la Firenze dell’inizio secolo sino alla guerra mondiale e al fascismo.

La seconda mostra, quella romana, ricostruisce invece le vicende politiche e l’atteggiamento dello stato fascista nei confronti dei due fratelli e delle loro famiglie.

Negli ultimi anni gli studi rosselliani si sono allargati, passando dall’interesse per Carlo, autore di Socialismo liberale, ormai considerato un classico del pensiero politico italiano fra le due guerre, e per Nello, storico di valore, autore di fondamentali monografie sulla storia del Risorgimento italiano, alla loro madre Amelia e all’intera vicenda familiare. Una vicenda per molti aspetti di straordinario interesse non solo perché attraversa una delle fasi cruciali della storia italiana come quella della prima guerra mondiale e poi dell’avvento del fascismo, ma perché ci permette di cogliere i nodi e i problemi del nostro passato attraverso la cultura, la sensibilità, i valori di una famiglia educata al culto della patria, della libertà e della solidarietà sociale, sia per la parte dei Rosselli, sia per la parte dei Pincherle, la fanmiglia da cui proveniva Amelia, la madre di Aldo, Carlo e Nello».

Le edizioni bodoniane della Biblioteca nazionale centrale di Firenze

GiambattistaBodoni-ManualeTipografica-1818

Manuale tipografico (1818)

Dal portale Internet Culturale:

«Sono stati digitalizzati gli esemplari delle edizioni bodoniane presenti sia nel Fondo 22.K sia in altri fondi della Biblioteca nazionale centrale di Firenze che, nell’insieme, costituiscono una significativa testimonianza del valore e della diffusione della produzione della tipografia di Giovanni Battista (Giambattista) Bodoni. Numerosi di questi preziosi esemplari, alcuni dei quali in pergamena o in seta, provengono dalle raccolte palatine, che come è noto, contenevano le edizioni più pregiate e più rare della Biblioteca. Nominato direttore della Tipografia reale di Parma, si distinse per la pubblicazione di alcune eleganti edizioni di classici per cui utilizzò dei caratteri tipografici da lui stesso creati. Le edizioni del Bodoni ebbero un enorme successo dovuto soprattutto alla qualità delle stesse, per le quali utilizzava ricche illustrazioni ed eleganti tipografie. Membri dell’aristocrazia europea, collezionisti, eruditi usufruivano dei suoi libri in quanto lui stesso mescolava gli inchiostri, usava carta della miglior qualità, disegnava eleganti pagine e li stampava e rilegava premurosamente. Dopo la sua morte, nel 1818, fu pubblicato il Manuale tipografico che contiene più di 600 incisioni, caratteri latini ed esotici, mille ornamenti e vignette disegnate dal tipografo».

>>  Accedi alla collezione

***

Post correlato:   >> Biblioteca Bodoni: un portale dedicato  alla conoscenza e alla diffusione dell’opera del tipografo Giambattista Bodoni (1740-1813) e, per estensione, alla storia del libro nell’epoca della stampa manuale.

 

L’epistolario di Iacopo Ammannati Piccolomini, il «confidente» di papa Pio II

Papa Pio II (Enea Silvio Piccolomini)

Papa Pio II (Enea Silvio Piccolomini)

Nella collana «Fonti» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile l’opera in tre volumi:

Lettere (1444-1479) / Iacopo Ammannati Piccolomini ; a cura di Paolo Cherubini. – Roma : Ministero per i beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1997. – 3 vol. –  (Pubblicazioni degli archivi di Stato. Fonti ; 25).

Iacopo AMMANNATI (poi Ammannati Piccolomini), nato di antica famiglia pesciatina a Lucca l’8 marzo 1422 da Cristoforo, si trasferì ben presto a Pescia, dove compì i primi studi. Passò poi a Ferrara probabilmente all’inizio del 1430 per frequentare la scuola di Guarino veronese e in seguito a Firenze, per apprendervi da Leonardo Bruni e da Carlo Marsuppini la poetica e la retorica. Entrò poi in contatto col mondo umanistico fiorentino e con la Curia romana e, dopo un periodo di insegnamento al “Ginnasio Fiorentino”, entrò al servizio del cardinale Domenico Capranica, seguendolo in alcune ambascerie, tra cui quella presso il re di Napoli.
Assunto nella cancelleria papale da Cailisto III come apostolicorum diplomatum scriptor, nel 1455, mantenne la sua carica anche sotto Pio II, di cui divenne ben presto il consigliere più fidato; fu anzi come secretarius domesticus accolto nella famiglia stessa del pontefice, aggiungendone il cognome al proprio col diritto di cittadinanza senese.
Nel 1460 fu nominato vescovo di Pavia e nel 1477 ebbe in amministrazione anche il vescovato di Lucca. Morì il 10 sett. del 1479 a S. Lorenzo alle Grotte presso Bolsena e fu sepolto nella chiesa di S. Agostino a Roma.   >> leggi la voce del Dizionario Biografico degli Italiani

Questa importante pubblicazione è il frutto di uno sforzo ventennale con cui Paolo Cherubini ha messo insieme uno straordinario strumento di lavoro, completo di indici analitici e di una vasta bibliografia – insomma, un vero vademecum per chi studia il Quattrocento.

L’epistolario di Ammannati comprende 987 lettere.

Dall’Introduzione al primo volume:

«Tra gli epistolari umanistici che finora si conoscono, quello dell’Ammannati è senz’altro uno dei più ricchi, pur risultando ancora per molte parti lacunoso. Esso costituisce anche, soprattutto, un esempio fortunato, ed insieme complesso, di come si è andata formando e come si è tramandata un’opera umanistica. Straordinarie sono qui, infatti, la ricchezza e la varietà delle testimonianze rimasteci, le quali arrivano a coprire, per alcuni periodi, fin quasi la quotidiana attività epistolare del cardinale, della quale si colgono talora i diversi stadi, che testimoniano i momenti di crescita delle successive redazioni di una medesima lettera, le varianti d’autore, i suoi gusti in fatto di ortografia, la sua predilezione per determinate figure retoriche, le tecniche d’intervento materiale sul testo. Qualche volta riusciamo ad individuare le mani dei segretari che vergarono materialmente gli originali e le copie.

Esso è però, allo stesso tempo, complesso: non tutti i casi, infatti, si giunge a ricostruire con esattezza quegli stessi momenti preparatori, di cui s’intravede con certezza l’esistenza. Questo avviene in particolare per quelle lettere che ci sono pervenute in una redazione lontana tanto dall’originale, quanto da una probabile, successiva revisione d’autore, lettere che costituiscono di gran lunga la maggioranza. […]».

>> Per consultare il Tomo I clicca qui
>> Per consultare il  Tomo II clicca qui
>> Per consultare il  Tomo III clicca qui

Pubblicazioni del Bauhaus disponibili online

Bauhaus

«Grazie al lavoro di digitalizzazione svolto dalla Bibliothèque Kandinsky di Parigi, è ora possibile scaricare gratuitamente i principali titoli della scuola Bauhaus, fondata nel 1919 a Weimar, in Germania, dall’architetto Walter Gropius e destinata a cambiare l’arte del Novecento. La collezione – tutta in .pdf e, sì, in tedesco – comprende opere di Paul Klee, Kandinsky, Piet Mondrian e molti altri».

Via Studio

URL: <http://monoskop.org/Bauhaus>

Collezioni digitali sulla storia di Cuba

cuba

Segnaliamo la ricca pagina dedicata alle collezioni digitali della  Cuban Heritage Collection (CHC) delle Biblioteche dell’Università di Miami.

Alcuni percorsi tematici consigliati:

>> Guida alle raccolte fotografiche

«Photographs can be found in almost every archival collection held by the Cuban Heritage Collection.  These include images from Cuba and the Cuban diaspora spanning from the 19th to the 21st century».

>> Collezione di cartoline

«The Cuban Postcard Collection is a continuously growing collection of postcards of Cuba and the Cuban experience outside of Cuba produced from the turn of the 20th century to the present. It includes real photo, printed photo, and artist drawn postcards and provides views of many parts of the island as well as various aspects of Cuban communities in the United States and abroad.

Postcards in this collection have been purchased by or donated to the Cuban Heritage Collection for several decades. Several hundred postcards are acquired each year, allowing us to continue providing them as valuable research tools».

>> Panorami e vedute di Cuba

«Viewbooks are published booklets or souvenir albums primarily consisting of views of particular places, events, and activities. They most often include photographs, photomechanical prints, or postcards. This collection consists primarily of viewbooks of Cuba published on the island or in the United States from the 1850s to the 2000s».

>> Collezioni digitali sull’attività teatrale a Cuba

«One of the strengths of the Cuban Heritage Collection is its holdings of the papers of theater artists in Cuba and the diaspora, principally the papers of playwrights, designers, performers, directors, and theater companies. Included here are items digitized from these collections, primarily photographs, playbills, and costume and set designs».

 >> Cuban Refugees Centre

«The Cuban Refugee Program was established by the U.S. government in 1961 in response to the growing number of Cubans fleeing Fidel Castro’s regime and arriving in South Florida. The Program provided educational, medical, employment, and relocation services to Cuban refugees at the Cuban Refugee Center, also known as Freedom Tower and located in the building in downtown Miami that was the former headquarters of the newspaper The Miami News. The Cuban Refugee Program was phased out gradually by the terms of the Refugee Act of 1980 that merged it with other federal refugee initiatives. Over the course of 20 years, the Program assisted over half a million Cuban exiles.

The Cuban Refugee Center Records include correspondence, reports, publications, photographs, and clippings created and collected by Cuban Refugee Program staff and administrators. The records include information about efforts to relocate Cuban refugees to other parts of the United States and the work done by voluntary agencies such as Catholic Charities and the International Rescue Committee to carry out various aspects of the program. Digitized from this collection are selected photographs and samples of the newsletters published by the Cuban Refugee Program».

 

URL: <http://merrick.library.miami.edu/digitalprojects/chc.php>

Fonti per la Storia della Toscana / 8: Lucca giacobina (1799)

Lucca giacobina

Nella collana «Strumenti» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile il volume:

Giorgio Tori, Lucca giacobina. Primo governo democratico della Repubblica lucchese (1799). Vol. 1: Saggio introduttivo (Roma, 2000).

Dalla Premessa:

«Al mezzogiorno del 4 febbraio 1799 il generale Sérurier, convocato a Palazzo il Senato della Repubblica oligarchica lucchese, con gravi parole di circostanza decretò la fine dell’antica Repubblica cittadina. Si concludeva così un processo storico plurisecolare e si apriva un nuovo capitolo nella storia della città e del suo territorio. […]

La Costituzione della prima Repubblica democratica lucchese, strutturata sul modello francese della costituzione dell’anno III e soprattutto su quella della vicina Repubblica ligure, prevedeva un potere legislativo suddiviso in due Consigli, l’uno detto dei Giuniori e composto da 48 membri, l’altro di 24 membri, detto dei Seniori. […]

Il potere esecutivo fu costituito da un Direttorio composto da cinque membri e cinque ministri furono incaricati dell’amministrazione pubblica. Fu così costituito un ministro della Giustizia, uno dell’Interno, uno delle relazioni Estere uno della Guerra ed uno delle Finanze. […]

Il mutamento di governo avvenne senza eccessi e violenze private. L’entusiasmo dei novatori si manifestò soprattutto la sera del 4 febbraio, quando per decreto de Direttorio si dette una festa da ballo gratis al teatro Pantera e si illuminò il palazzo pubblico. Il giorno seguente fu piantato l’Albero della libertà in piazza San Michele e l’abate Severino Ferloni pronunziò un incendiario discorso patriottico accompagnato dal suono delle bande musicali e dalle acclamazioni del popolo accorso numeroso. La festa terminò con il Te Deum cantato nella cattedrale e un altro discorso del Ferloni inneggiante alla democrazia».

>> Per accedere al volume clicca qui

Disponibile online la collezione di manoscritti arabi della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Arabi

Riportiamo un post pubblicato sul blog Archeologia medievale:

«È disponibile online la riproduzione digitale dell’intera collezione di manoscritti arabi della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Si tratta di circa 34.000 immagini, accessibili per segnatura del manoscritto da questa pagina, in attesa che sia completato il catalogo, che consentirà l’accesso ai materiali anche attraverso i metadati descrittivi.

I 137 manoscritti della collezione sono distributi nei fondi Magliabechiano, Nazionale, Palatino e Nuove Accessioni. Al fondo Magliabechiano, che costituisce il fondo originario della Biblioteca Nazionale, appartengono 59 codici tra cui quelli provenienti dalla Stamperia Orientale Medicea, fondata nel 1584 a Roma dal cardinale Ferdinando de’ Medici, e diretta da Giovan Battista Raimondi, allo scopo di pubblicare testi religiosi e scientifici nelle lingue orientali e specialmente in arabo».

>> Continua a leggere

 

[grazie a Donatella Tronca]

Pubblicazioni del Getty Research Institute gratis online

Getty

Sul sito del Getty Research Institute sono disponibili gratuituamente online più di 250 pubblicazioni di Storia delle arti prodotte dall’istituto: cataloghi di mostre, fascicoli di riviste, atti di convegni e seminari, presentazione delle raccolte del museo Getty, saggi che trattano argomenti specifici di Scienze della conservazione dei beni culturali.

>>    Vai all’elenco delle pubblicazioni

 

URL: <http://www.getty.edu/publications/virtuallibrary/index.html>

 

[via Archivalia]

Archivio digitale della Rivoluzione francese

Rivoluzione francese

Klaus Graf segnala in questo post del suo blog Archivalia una bellissima banca dati dedicata alla Rivoluzione francese, frutto di un progetto di collaborazione tra l’Università di Stanford e la Bibliothèque nationale de France.

L’archivio è suddiviso in due sezioni:

Archivi parlamentari – Una raccolta di fonti sulla Rivoluzione francese presentate in ordine cronologico. Concepita intorno alla metà del XIX secolo, questa monumentale pubblicazione raccoglie tutte le deliberazioni parlamentari, lettere, discorsi, rapporti e altre fonti primarie d’archivio. Per ragioni di copyright, è stato possibile digitalizzare e rendere disponibili solo i volumi relativi agli anni 1787-1794.

Immagini della Rivoluzione francese – Si tratta di una raccolta di circa 14.000 immagini (stampe, illustrazioni, medaglie, monete e altri oggetti) che erano state selezionate dalla Bibliothèque nationale de France in occasione del bicentenario della Rivoluzione francese. Queste immagini, salvate originariamente su LaserDisc, sono state adesso digitalizzate ad alta risoluzione e sono ricercabili per parole chiave o attraverso filtri di ricerca (periodo storico, persone raffigurate, tipologia di immagine, nome degli artisti, nome del collezionista).

Il sito è disponibile nella versione in lingua inglese e nella versione in lingua francese.

 

The French Revolution Digital Archive (FRDA) is a multi-year collaboration of the Stanford University Libraries and the Bibliothèque nationale de France (BnF) to produce a digital version of the key research sources of the French Revolution and make them available to the international scholarly community. The archive is based around two main resources, the Archives parlementaires and a vast corpus of images first brought together in 1989 and known as the Images de la Revolution française.

The Archives parlementaires is a chronologically-ordered edited collection of sources on the French Revolution. It was conceived in the mid 19th century as a project to produce a definitive record of parliamentary deliberations and also includes letters, reports, speeches, and other first-hand accounts from a great variety of published and archival sources. Because of copyright limitations, FRDA contains the AP volumes covering the years 1787-1794. The text of these volumes has been marked up using TEI so that speakers, places, dates, and terms in the published index can be easily found.

The section Images of the French revolution provides access to the most complete searchable digital archive of French Revolution images available. Over 14,000 image-based items, primarily prints from the Departement des Estampes et de la Photographie, but also illustrations, medals, coins, and other objects, were selected for inclusion from across the BnF’s departments. Many originally entered the BnF on legal deposit, but others come from important collections acquired in the 19th and early 20th century.

 

URL: <http://frda-stage.stanford.edu/>

L’Inquisizione romana in Italia nell’età moderna

inquisizione_simbolo

Nella collana «Saggi» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile il volume che raccoglie gli atti del convegno Gli archivi dell’Inquisizione in Italia. Problemi di metodo tenutosi a Trieste nel 1988, con un saggio introduttivo di Adriano Prosperi:

L’Inquisizione romana in Italia nell’età moderna. Archivi, problemi di metodo e nuove ricerche. Atti del seminario internazionale, Trieste, 18-20 maggio 1988. Roma, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1991, pp. 404 (Saggi, 19).

Dalla Prefazione di Andrea Del Col e Giovanna Paolin:

Il Sant’Ufficio romano ha una configurazione istituzionale variega­ta. È infatti un tribunale al servizio principalmente della Chiesa, gestito da due Congregazioni della Santa Sede, quella del Sant’Ufficio e quella dell’Indice, ha i rapporti più vari, talvolta buoni, talvolta conflittuali, con le autorità dei diversi Stati italiani, ha una normativa generica e poco chiara, non è installato in tutti gli Stati e condivide spesso con i vescovi e talvolta con altre autorità ecclesiastiche il compito di agire contro i delitti di fede. […]

Nel seminario «Gli archivi dell’Inquisizione in Italia. Problemi di metodo», tenutosi a Trieste dal 18 al 20 maggio 1988, di cui si pubblicano ora gli atti, si affrontarono i problemi più rilevanti e promettenti in questo campo di ricerche: l’archivologia (come è stata acutamente definita la ricognizione e la ricostruzione interna degli archivi pervenuti), la metodologia delle fonti, la storia istituzionale. Le tre giornate, organizzate dall’Università di Trieste, Dipartimento di storia e dal Centro studi regionali di Udine, si proposero come seminario di lavoro e come tale si svolsero, con relazioni brevi e ampio spazio per il dibattito, che si rivelò molto vivace. […]

L’ordine dei contributi in questo volume non rispecchia l’ordine, funzionale alla discussione, che ebbero le relazioni al convengo, ma è stato reimpostato con criteri diversi. Parecchi testi mantengono il taglio sintetico e discorsivo che ebbero al convegno, altri sono diventati dei corposi articoli. Le relazioni tenute da Albano Biondi, Grazia Biondi, Carlo Ginzburg, Mariangela Sarra non vengono pubblicate nel volume, perché già edite in altra sede, dato che la pubblicazione degli atti non era originariamente prevista.

>> Per accedere al volume  clicca qui

L’intera produzione editoriale della Direzione generale per gli archivi è raggiungibile nel catalogo online.

 

Sullo stesso argomento leggi anche:

>> Censimento degli archivi dell’Inquisizione in Italia

Biblioteca digitale lombarda

Lombardia_1

La sezione BDL – Biblioteca digitale lombarda del portale Lombardia Beni Culturali nasce con lo scopo di mettere a disposizione un primo nucleo di fondi documentari digitalizzati e liberamente fruibili inerenti territorio, storia e arte della Lombardia, posseduti da biblioteche e archivi lombardi.

I documenti disponibili appartengono al patrimonio librario di cinque istituzioni: Biblioteca civica Angelo Mai di Bergamo, Biblioteca civica centrale di Monza, Biblioteca civica ‘Ricottiana’ di Voghera, Istituto per la storia dell’arte Lombarda, Biblioteca di scienze della storia e della documentazione storica dell’Università di Milano, Ufficio biblioteche della Provincia di Brescia.

Le biblioteche hanno individuato un insieme di documenti di particolare rilievo – per rarità e pregio, criticità dello stato di conservazione che limita l’utilizzo dell’originale, importanza ai fini della ricerca storica – da sottoporre alla digitalizzazione.

Sono attualmente presenti 1.180 libri digitalizzati, per un totale di circa 215.000 pagine.

Collezioni al momento disponibili (work in progress):

URL: <http://www.lombardiabeniculturali.it/dolly/>

Fonti per la Storia della Toscana / 4: L’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano

santo stefano

Nella collana «Saggi» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile il volume:

L’Ordine di Santo Stefano nella Toscana dei Lorena. Atti del convegno di studi, Pisa, 19-20 maggio 1989, Roma, 1992.

Il convegno di studi è stato organizzato nel 1989 dal Comune di Pisa, dall’Istituzione dei Cavalieri di S. Stefano e dall’Archivio di Stato di Pisa nell’ambito della celebrazione per il cinquantesimo anniversario della moderna ricostituzione dell’Ordine dei cavalieri di S. Stefano.

Nel corso del convegno hanno trovato spazio relazioni di carattere generale intese a far luce sul ruolo svolto dall’Ordine di S. Stefano in periodo lorenese e relazioni più specifiche incentrate sull’aspetto patri­moniale della storia dell’Ordine, soprattutto in relazione alle estese pro­prietà che deteneva in Toscana.

La seconda giornata del convegno ha concentrato gli interventi che più direttamente si sono riferiti alla documenta­zione conservata negli Archivi di Stato di Firenze, Livorno e Pisa.

 

Indice del volume

Giovanna TANTI, Presentazione

Franco ANGIOLINI, L’Ordine di S. Stefano negli anni della Reggenza (1737-1765): urti e contrasti per l’affermazione del potere lorenese in Toscana

Danilo MARRARA, L’Ordine di S. Stefano nell’età della Reggenza. Le riflessioni critiche di Pompeo Neri e la legge sulla nobiltà

Franz PESENDORFER, Il granduca Ferdinando III: la rina­scita dell’Ordine di S. Stefano

Romano Paolo COPPINI, L’Ordine di S. Stefano nella Toscana di Leopoldo II

Cesare CIANO, L’Ordine di S. Stefano e la ristrtturazio­ne delle forze navali toscane nell’età lorenese

Danilo BARSANTI, L’Ordine di S. Stefano nell’età di Pietro Leopoldo: le vicende delle fattorie del Pisano

Ivo BRAGIANTI, L’Ordine di S. Stefano nell’età di Pietro Leopoldo: le vicende delle fattorie della Valdichiana

Zeffiro CRUFFOLETTI, L’Ordine dei Cavalieri di S. Stefano nella storiografia

Calogero PIAZZA, L’Ordine di S. Stefano in età lorenese ed i paesi barbareschi

Renzo MAZZANTI, La rappresentazione cartografica del li­torale toscano nel periodo dei combattimenti sul mare del­l’Ordine di S. Stefano (1563-1716)

Rodolfo BERNARDINI, Considerazioni sui risultati della ricerca per la realizzazione della bibliografia antica e moderna sull’Ordine e sui Cavalieri di S. Stefano

Rodolfo BERNARDINI – Laura ZAMPIERI, Bibliografia antica e moderna sull’Ordine e sui Cavalieri di S. Stefano. Primo tentativo di catalogazione

Roberto PERTICI, Cosimo Andrea Sanminiatelli e il legittimismo italiano dell’età della Restaurazione

Paolo CASTIGNOLI, Strutture al servizio dei Cavalieri di S. Stefano a Livorno

Giovanna TANTI, Per una riflessione sul declino della nobil­tà in Toscana: i soccorsi agli ex-nobili poveri a Pisa in età napoleonica

URL: <http://www.archivi.beniculturali.it/index.php/news-home/biblioteca-digitale/item/734-biblioteca-digitale-%7C-lordine-di-s-stefano>

AVIREL – Archivio viaggiatori italiani a Roma e nel Lazio

Grand Tour

Il viaggio a Roma, evento culminante del Grand Tour, non solo è stato per secoli un fondamentale strumento di formazione delle élites intellettuali e politiche europee, ma ha anche contribuito a diffondere gli ideali legati all’eredità classica e a mantenere vivo un immaginario di tipo classicistico; elementi, questi, che si sono stratificati come parti rilevanti della tradizione intellettuale europea.

Tali funzioni assolte dall’esperienza romana dei viaggiatori sono state diffuse dai racconti e dalle descrizioni presenti negli scritti di viaggio, spesso pubblicati in stampe fortunate; dai reperti autenticamente antichi oppure falsi riportati in patria come souvenirs; dalle immagini dei monumenti e della vita romana create ad uso dei visitatori della città; dalle incisioni e dai testi presenti nelle guide turistiche. D’altra parte è anche da questi ideali e da questo immaginario, e dai loro veicoli di diffusione, che ha continuato ad alimentarsi il secolare flusso dei viaggiatori verso Roma.

AVIREL – Archivio viaggiatori italiani a Roma e nel Lazio è uno strumento di lavoro che raccoglie e rende consultabile online questo materiale di straordinaria importanza. Esso mette a disposizione degli studiosi i testi, la bibliografia e le immagini relativi al viaggio a Roma e nel Lazio, compiuto dagli italiani nel periodo compreso fra il 1800 e il 1920/1925.

AVIREL ha sede presso il Centro Interdipartimentale di Ricerca sul Viaggio dell’Università della Tuscia.

E’ presente un Catalogo Bibliografico che fornisce accesso alle notizie bibliografiche delle opere sul viaggio a Roma e nel Lazio e, in più una Biblioteca Digitale che contiene i testi codificati nel formato TEI,  basato sulla sintassi XML e divenuto uno standard de facto nella codifica digitale dei testi umanistici.

In AVIREL è presente inoltre un Catalogo Iconografico per la ricerca e la visualizzazione delle incisioni presenti nelle opere facenti parte dell’ambito del progetto.

URL: <http://avirel.unitus.it/>

BibAR – Biblioteca digitale di Archeologia medievale

Archeologia medievale

BibAr – Biblioteca Archeologica On-line è una biblioteca virtuale attraverso la quale è possibile consultare volumi scientifici di argomento archeologico editi da case editrici specializzate.

Il progetto BibAr è nato dall’esigenza di dare maggiore spazio alla sezione del Portale di Archeologia Medievale dell’Università degli Studi di Siena dedicata alla consultazione gratuita di testi archeologici, attiva già dal 2000. La progressiva espansione nel corso degli anni, incentivata anche dall’ottimo riscontro da parte dell’utenza, ed il gran numero di volumi e di contributi aveva infatti reso evidente la necessità di un contenitore più articolato, dotato di un’interfaccia agile e di una indicizzazione che ne facilitasse la consultazione.

Sono attualmente disponibili centinaia di documenti: ad oggi si contano 226 volumi e 46 articoli (per un totale di 153 Pdf scaricabili).

Le case editrici che collaborano al progetto possono scegliere il livello di accessibilità delle loro pubblicazioni: al fine di tutelare la legislazione vigente in materia di proprietà intellettuale, offrendo nello stesso tempo agli utenti le novità editoriali più interessanti, BibAr propone infatti che i volumi di pubblicazione più recente siano interamente visionabili a schermo ma che non possano essere stampati.

Tramite scansione digitale viene acquisita invece una selezione di pubblicazioni fuori commercio, difficilmente reperibili ma ancora preziose per il loro valore scientifico.

Autori o editori interessati a partecipare al progetto BibAr inviando i propri articoli e contributi sono invitati a contattare la redazione.

Questo servizio è completamente gratuito.

URL: <http://www.bibar.unisi.it>

Biblioteca Bodoni

bodoni

Il portale Biblioteca Bodoni è dedicato alla conoscenza e alla diffusione dell’opera del tipografo Giambattista Bodoni (1740-1813) e, per estensione, alla storia del libro nell’epoca della stampa manuale.

Il portale si articola in quattro sezioni:

BIBLIOTECA DIGITALE di libero accesso, all’interno della quale si possono scorrere ed esaminare virtualmente le stampe bodoniane, corredate da informazioni di carattere tipobibliografico e storico;

MONOGRAFIE in forma di libro elettronico incentrate sui diversi aspetti della storia e della produzione dell’illustre tipografo piemontese trapiantato a Parma, così come sulla storia del libro e della lettura;

EPISTOLARIO intercorso tra Bodoni e i suoi numerosi corrispondenti, avente ad oggetto la sua vita e la sua attività tipografica ed editoriale, unitamente ad altri documenti di interesse bodoniano;

NOTIZIE informative di argomento bodoniano affidate a un blog di libero accesso.

Il progetto si avvale della collaborazione della Biblioteca Palatina di Parma, del Museo Bodoniano di Parma e della casa editrice Ediciones Universidad Salamanca.

URL: <http://bibliotecabodoni.net/it/>