Archivi categoria: Riviste e quotidiani digitalizzati, e-journal

Il portale del cinema muto italiano

Il Portale del cinema muto italiano è un progetto del Centro sperimentale di cinematografia, realizzato in versione beta con il sostegno del MiBACT – Direzione generale cinema. Esso nasce per dare visibilità e accesso al patrimonio del cinema muto italiano recuperato negli anni  grazie all’impegno delle istituzioni e alla tenacia degli studiosi.

Il portale si propone come punto di accesso per la ricerca sui documenti storici (film, foto, manifesti, documenti cartacei, riviste d’epoca) e per approfondimenti di ricerca (studi storici, critici e filmografici).

Il portale si articola in più sezioni. In particolare segnaliamo:

  • Indice dei film: contiene i titoli delle opere consultabili; è navigabile e ordinabile in senso alfabetico, cronologico, per regista o per casa di produzione. Per ogni titolo è prevista, con inserimento in progress, una scheda filmografica corredata da un breve approfondimento storico-critico e da una descrizione dei materiali associati tramite i diversi link (video, immagini, documenti);
  • Percorsi: si offre al lettore l’opportunità di confrontarsi con i momenti fondamentali e con le tematiche più originali del cinema muto italiano, alla luce dello stato attuale delle conoscenze e della ricerca;
  • Riviste e monografie: elenco in progress delle riviste italiane del muto (1907-1929) e una significativa selezione di monografie d’epoca, entrambe con la relativa reperibilità. Per il momento sono state censite e incluse le riviste conservate dalla Biblioteca L. Chiarini del Centro Sperimentale di Cinematografia (>> leggi questo post) e dalla Biblioteca M. Gromo del Museo del Cinema di Torino, ma il progetto prevede l’estensione alle principali realtà, in particolare alle riviste della Biblioteca Nazionale di Firenze. E’ in programma anche l’attivazione dei link alle copie digitalizzate già pubblicate nel web;
  • Bibliografia: un’ampia selezione, organizzata per aree tematiche, di repertori, filmografie, volumi, studi su rivista, con una particolare attenzione ai testi pubblicati negli ultimi vent’anni.

Realizzato con risorse interne al CSC – Cineteca nazionale, si avvale della consulenza scientifica di Luca Mazzei (Università di Roma – Tor Vergata) e di Silvio Alovisio (Università di Torino).

URL: <http://www.ilcinemamuto.it/betatest/>

Punch: la più famosa rivista di satira inglese è stata digitalizzata

Punch è forse la più famosa rivista satirica inglese. Pubblicata con periodicità settimanale dal 1841 al 1992, e poi dal 1996 al 2002, ebbe fra i suoi collaboratori molti celebri scrittori e illustratori del XIX e XX secolo.

La rivista Punch fu fondata il 17 luglio 1841 da Henry Mayhew e dall’incisore Ebenezer Landells. Fu inizialmente curata da Mayhew (che avrebbe poi abbandonato quattro anni dopo) e da Mark Lemon. Il nome “Punch” faceva senza dubbio riferimento alla maschera omonima del teatro dei burattini di Punch e Judy (una versione clownesca, ma anche malvagia, del Pulcinella della commedia dell’arte italiana); tuttavia, nascondeva anche un gioco di parole sulla bevanda omonima: punch is nothing without lemon, ovvero “il punch non è niente senza limone” (ossia: “senza (Mark) Lemon”!).

In omaggio alla famosa rivista francese Le Charivari, fino al 1844 la rivista venne pubblicata con un sottotitolo Punch, or The London Charivari.

La rivista Punch divenne ben presto molto popolare nei salotti inglesi e ancora oggi rappresenta una fonte primaria importante per la storia del costume e della satira politica in Gran Bretagna.

L’Università di Heidelberg ha digitalizzato le annate complete dal 1841 al 1925 nell’ambito di un bellissimo progetto di digitalizzazione di più ampio respiro che riguarda la valorizzazione di riviste satiriche e d’arte dell’Ottocento e dei primi decenni del Novecento (per approfondimenti si rimanda alla lettura di questo post del nostro blog).

Le annate di Punch che vanno dal 1841 al 1925 sono liberamente consultabili online, mentre le annate successive, per ragioni di copyright, sono consultabili solo offline sulle postazioni informatiche che si trovano all’interno della sala di lettura della biblioteca dell’Università di Heidelbeg.

Il primo numero di Punch venne pubblicato il 17 luglio 1841.

Nel corso delle sua lunga e fortunata storia editoriale, la rivista Punch poté annoverare tra i propri collaboratori molti caricaturisti e scrittori famori. Tra i disegnatori più importanti ricordiamo John Leech, Linley Sambourne, Charles Keene, Leonard Raven-Hill.

Alla metà del Novecento Punch iniziò a perdere la propria presa sul pubblico, e nel 1992 dovette chiudere dopo 150 anni di attività. All’inizio del 1996, l’imprenditore egiziano Mohamed Al-Fayed acquistò i diritti sul nome della rivista e ne finanziò la riapertura. La nuova incarnazione di Punch non ebbe successo, e dovette chiudere nuovamente nel 2002.

URL: <http://www.ub.uni-heidelberg.de/helios/fachinfo/www/kunst/digilit/punch.html>

L’Esprit nouveau (1920-1925)

esprit

La prestigiosa rivista «L’Esprit nouveau», fondata nel 1919 dall’archietto Le Corbusier con il pittore Amedé  Ozenfant e il poeta Paul Dermée e uscita dal 1920 fino al 1925 (28 numeri), fu un fondamentale strumento di diffusione del movimento purista.

Il progetto di digitalizzazione e consultazione online è stato curato dalla biblioteca di Area delle Arti dell’Università Roma Tre; comprende varie funzioni di ricerca e la possibilità di scaricare e stampare i file dei singoli fascicoli in formato pdf ad una buona risoluzione.

URL: <http://arti.sba.uniroma3.it/esprit/>

[messaggio di Silvia Ruffini, che ringraziamo, inviato alla mailing list AIB-Cur]

Biblioteca digitale della Valle d’Aosta

18

Cordela è la raccolta di documenti digitali della Biblioteca regionale Bruno Salvadori e dell’Archivio storico regionale di Aosta.

Nata in seguito a campagne di digitalizzazione dei periodici storici locali avviate nel 2012, Cordela si è successivamente sviluppata fino a rendere oggi accessibili in forma digitale diverse tipologie di documenti: giornali e riviste, manoscritti, libri, cartografia storica, manifesti, stampe e disegni.

I fondi attualmente più rilevanti presenti in Cordela sono le collezioni di periodici storici, i registri parcellari del catasto del Regno di Sardegna, carte geografiche antiche e manifesti di esposizioni estive di artigianato di tradizione.

  • Attraverso le pagine dei giornali, è possibile leggere le cronache coeve di eventi quali la concessione dello Statuto Albertino, le guerre di indipendenza, l’Unità d’Italia, la questione linguistica, fino all’oscuro ventennio della dittatura e alle trasformazioni socioeconomiche del secondo dopoguerra.
  • Il Catasto Sardo offre una rappresentazione inedita completa del territorio valdostano intorno al 1770, periodo di grandi riforme e innovazioni istituzionali. Vi sono segnati i nomi dei proprietari di terre e fabbricati e l’entità dei rispettivi beni.
  • Sorta per rappresentare il teatro delle terre delle dinastie regnanti, la cartografia storica si è via via perfezionata fino a raggiungere ragguardevoli livelli tecnici e grafici a partire dai lavori di Tomaso Borgonio (1683) e di Giacomo Stagnon (1772).

L’accesso a Cordela è possibile da tutti i computer, tablet e smartphone dotati di collegamento internet.

I soli documenti protetti dalla normativa in materia di diritti d’autore, contrassegnati da un lucchetto, sono consultabili unicamente nelle sedi delle biblioteche regionali di Aosta, Morgex, Châtillon, Verrès e Donnas.

I libri e i periodici sono generalmente trattati in modalità OCR: in tal modo si possono effettuare ricerche per parole “full text”.

Per tutte le tipologie di documenti è possibile effettuare una ricerca semplice per parole contenute nelle schede descrittive (autore, titolo, anno, …) o una ricerca avanzata che permette di filtrare i risultati incrociando dati diversi.

E’ previsto un regolare sviluppo e aggiornamento delle collezioni negli anni, per mettere a disposizione del pubblico altri libri antichi e preziosi di interesse locale e le principali fonti archivistiche della storia valdostana.

URL: <http://cordela.regione.vda.it/home.aspx>

Giacomo Puccini nei periodici lucchesi: 1904-1911

Puccini

Il Centro Studi Giacomo Puccini di Lucca ha avviato un interessante progetto che prevede lo spoglio, la digitalizzazione e la trascrizione di tutti gli articoli riguardanti Giacomo Puccini che sono stati pubblicati sulla stampa periodica lucchese durante l’attività artistica del compositore. Per il momento sono stati resi disponibili, sul sito appositamente ideato con il titolo Giacomo Puccini nello specchio, gli articoli editi tra il 1904 e il 1911.

«Il sito offre l’immagine di Giacomo Puccini riflessa nei periodici lucchesi.
È noto che Puccini è stato uno dei primi compositori a suscitare un’attenzione continua da parte dei periodici, specializzati e non, che accompagnavano, si può dire giorno per giorno, la sua vita privata e la sua carriera; è noto anche che fu oggetto di una capillare promozione mediatica in Italia e all’estero: ne consegue che il numero degli articoli a lui dedicati è incalcolabile. Quanto è apparso sulla stampa dell’epoca desta da tempo l’attenzione degli studiosi.

Per gli anni 1904-1911 sono stati individuati, schedati, trascritti o riprodotti tutti gli articoli, le recensioni, le interviste, le corrispondenze, i trafiletti pubblicati sui periodici lucchesi conservati alla Biblioteca Statale di Lucca. Si è ritenuto opportuno però non inserire testi o riproduzioni di articoli il cui contenuto ripete quello di altri già presenti.
Si proseguirà nel lavoro per mettere a disposizione tutti gli articoli pubblicati a Lucca su Puccini durante la sua vita, con un prolungamento al 1926, per comprendere la prima rappresentazione lucchese di Turandot.

Il progetto ha preso le mosse dai risultati del Convegno internazionale di studi Giacomo Puccini nei teatri del mondo. Cronache dalla stampa periodica, organizzato nel dicembre 2008 dall’Istituto Storico Lucchese, con la collaborazione e la consulenza del Centro studi Giacomo Puccini, pubblicati in Giacomo Puccini nei teatri del mondo. Cronache dalla stampa periodica. Atti del Convegno internazionale di studi in 3 volumi (Lucca, Istituto storico lucchese, 2013)».

Si accede ai contenuti del sito previa registrazione gratuita.

URL: <http://periodici.puccini.it/index.php>

E-Periodica: riviste svizzere online

e-periodica

La piattaforma E-Periodica permette di visualizzare i contenuti digitalizzati di circa 400 riviste svizzere pubblicate dall’Ottocento ad oggi.

E-Periodica ist die neue Plattform der ETH-Bibliothek mit rund 400 digitalisierten Schweizer Zeitschriften.

URL: <http://www.e-periodica.ch/>

Giornali e riviste dell’Illuminismo tedesco (1750-1815)

illuminismo

E’ in fase di completamento il progetto di digitalizzazione delle riviste tedesche pubblicate tra il 1750 e il 1815, realizzato dall’Università di Bielefeld con la collaborazione dell’editore Georg Olms Verlag  e dell’Accademia delle Scienze di Göttingen.

Il progetto, iniziato nel 2000, comprende i periodici contenuti nell’Index deutschsprachiger Zeitschriften 1750-1815 dell’Accademia delle Scienze di Göttingen (>> vai alla banca dati).

La terza fase, che dovrebbe concludersi nel 2016, prevede l’arricchimento della collezione con altre 31 riviste; il nuovo sito permette anche la stampa di ogni singolo articolo in pdf.

 

URL: <http://www.ub.uni-bielefeld.de/diglib/aufklaerung/neu/index.htm>

[via Bibliostoria]

Biblioteca digitale romagnola: riviste storiche digitalizzate

RomagnaCartina

Segnaliamo l’emeroteca digitale della rete delle biblioteca romagnole (Provincia Ravenna, Provincia Forli-Cesena, Provincia Rimini, Repubblica di San Marino), che permette l’accesso alle riproduzioni digitalizzate di molte riviste storiche stampate in Romagna dal Settecento («La gazzetta di Ravenna») alla metà del Novecento.

Ecco l’elenco di tutte le testate disponibili:

– Ali di guerra  (annate 1941-1943)
– Annali di economia  (annate 1924-1939)
– Archivio di studi corporativi  (annate 1930-1938)
– L’arte fascista  (annate 1926-1929)
– La cavalcata  (annate 1923-1925)
– Il cittadino  (annata 1896)
– Corriere di Lugo  (annate 1908-1909)
– Cronache della guerra  (annate 1939-1943)
– La difesa della razza  (annate 1940, 1943)
– Il Domani  (annate 1911-1913)
– Il faro romagnolo  (annate 1915-1916)
– La fiaccola  (annata 1921)
– La fiaccola  (annate 1941-1942)
– La fiamma  (annata 1910)
– Fronte  (annate 1940-1943)
– La gazzetta di Lugo  (annate 1987-1898)
– La gazzetta di Ravenna  (annate 1716-1774)
– La giovine Italia  (annate 1937-1938)
– L’idea popolare  (annate 1920-1923)
– L’imparziale  (annate 1840-1847)
– Il lavoro  (annate 1871-1900)
– La libertà  (annate 1921-1923)
– La lotta  (annata 1889)
– Lotta di classe  (annata 1921)
– Il messaggero  (annata 1927)
– Il piccolo: settimanale cattolico  (annate 1945-1959)
– La nuova Europa  (annate 1944-1946)
– Popolo fascista  (annate 1922-1923)
– Rassegna montiana  (annate 1928-1929)
– Il ravennate  (annate 1864-1887)
– Razza e civiltà  (annate 1940-1943)
– La Romagna socialista  (annate 1921-1922)
– Santa Milizia: organo della Legione Romagna  (annate 1922-1944)
– Il Socialista  (annate 1902-1922, 1945-1950)
– La squilla  (annate 1914-1915)
– La vedetta  (annate 1892-1926)
– La via  (annate 1909-1910)
– La voce del combattente  (annata 1923)

URL: <http://scoprirete.bibliotecheromagna.it/SebinaOpac/.do?cdArticle=BIBLIODIGI>

Odradek: una nuova rivista di filosofia open access

rivista_num1 copia

Segnaliamo con piacere la nascita di una nuova rivista open access dedicata al rapporto tra filosofia e letteratura edita dal gruppo di ricerca Zetesis – Progetto di studi e Dialoghi Filosofici, che fa capo al Dipartimento di Civiltà e forme del sapere dell’Università di Pisa.

Odradek. Studies in Philosophy of Literature, Aesthetics and New Media Theories 

In particolare, la rivista incentra la sua indagine su questi temi:
  • filosofia della letteratura;
  • estetica;
  • teorie dei nuovi media.

La rivista è open access e peer reviewed.

Dalla pagina di presentazione del progetto editoriale:

«ODRADEK is an International Journal founded by Zetesis Research Group on the Quarrel between Philosophy and Poetry. Zetesis is a Research Center related to the University of Pisa History, Philosophy and Arts Department (see www.zetesis.cfs.unipi.it and www.zetesisproject.com).

The name “Odradek” evidently stems from Kafka’s tale “Die Sorge des Hausvaters”, where Odradek is an imaginary creature described as an object, but endowed with living properties which let father to think that it could also live after his death. There are many interpretations of what it is. Here is essential to say that Odradek is an undefinable entity as well as it is the object this Journal will investigate: the work of art.

More precisely, Odradek will explore three fields:

– the philosophy of literature: reflections developed over the centuries by philosophers and writers on the nature of poem, literature and narrative fiction, but also the quarrel between contemplative thought (theorein) and artistic-productive activity (poiesis) with regard of the style of philosophizing;

aesthetics: the philosophical theories concerning arts, beauty, sublime, metaphor, etc. and the related human faculties and impulses such as aesthetic judgement, genius, melancholy, play instinct, inspiration and compositive capacity;

new media theories: the philosophical exploration of how sensibility, arstistic capacity and communication changed in the age of the digitalization».

URL: <http://zetesis.cfs.unipi.it/Rivista/index.php/odradek/index>

Collezioni della Prima guerra mondiale della Biblioteca nazionale centrale di Firenze

BNCF_WW1

Nell’ambito delle celebrazioni del centenario della Prima guerra mondiale, la Biblioteca nazionale centrale di Firenze ha partecipato realizzando alcune collezioni digitali della documentazione conservata nei propri fondi librari.

LIBRI – I testi riguardano tutti gli aspetti sociali, economici e culturali del periodo bellico. Sono presenti biografie, trattati di sociologia, trattati militari, scritti inerenti tutti gli aspetti sanitari, testimonianze dei feriti. Sono compresi anche testi di legislazione del periodo bellico e opere di argomento giuridico relative alle problematiche di quegli anni. Non mancano opere letterarie in prosa e in versi ispirate alla guerra.

>> Accedi alla collezione (via Internet culturale)

PERIODICI – La collezione comprende per la maggior parte i periodici e i giornali che hanno giocato un ruolo importante durante il conflitto e nel periodo precedente l’entrata in guerra dell’Italia a fianco degli Alleati. Sono raccolti quotidiani volti a informare sugli effetti della guerra, in particolare attraverso scritti di economia, finanza, industria e società.

Ad esempio, è possibile trovare i seguenti giornali: Il fascio studentesco per la guerra e per l’idea nazionale; La Guerra sociale: settimanale, anarchico, interventista; La Guerra: pubblicazione settimanale, illustrata. Il movimento contro la guerra è invece rappresentato da pubblicazioni come: Guerra di classe; Sorgete !, ecc.

Ci sono diverse riviste di trincea che, utilizzando un linguaggio satirico e ironico, costituiscono una espressione divertente e commovente della vita quotidiana dei soldati italiani. Spesso si tratta di riviste che hanno come scopo di descrivere la sanguinosa guerra che investiva l’Europa: Annali della Grande Guerra; La guerra illustrata; Lettere di Soldati; bollettini ufficiali e diari di guerra.

Attraverso le cronache, le illustrazioni e le fotografie scattate durante questo periodo si può ricostruire un quadro realistico e critico del conflitto.

>> Accedi alla collezione (via Internet culturale)

ICONOGRAFIA – La collezione comprende fotografie, illustrazioni, cartoline, manifesti dalla prima guerra mondiale della Biblioteca nazionale centrale di Firenze. Vi si trovano caricature del fumettista politico Giuseppe Scalarini (1873-1948) pubblicate su L’Avanti con intenti pacifisti e antimilitaristi.

Per esempio, Il portafoglio della guerra e quello delle pensioni mostra un uomo ben nutrito e sorridente, con un grosso portafoglio, mentre una donna anziana piange guardando la sua piccola borsa. Questa vignetta mette in evidenza gli interessi di avidi finanzieri e industriali che hanno approfittato della guerra per arricchirsi.

Sono presenti anche caricature raffiguranti la questione adriatica e illustrazioni su impressioni e ricordi dei prigionieri di guerra italiani in Austria.

La collezione contiene anche fotografie dei monumenti danneggiati durante la guerra, fotografie che mostrano le donne coinvolte nella produzione bellica e sottoposte al lavoro massacrante sotto stretta disciplina militare, fotografie raffiguranti le varie fasi di lavorazione di materiale bellico delle industrie italiane, fotografie ricordo della guerra e dei campi di battaglia, in Italia e all’estero.

Infine, tra le pubblicazioni prodotte in Italia in memoria dei 650.000 morti in guerra, ci sono i manifesti. Tra questi, I soldati del Magrè caduti per la patria che commemora i soldati di una frazione del comune di Schio presso Vicenza.

>> Accedi alla collezione (via Internet culturale)

CARTE GEOGRAFICHE – La collezione raccoglie mappe e carte geografiche inerenti la Prima guerra mondiale. Queste, per la maggior parte, sono state prodotte dall‘Istituto geografico militare e l’Istituto Geografico De Agostini.

Le mappe rappresentano, per esempio, i confini geografici ed economici della Dalmazia italiana; i territori e i confini esistenti tra Italia e Austria; il territorio italiano dopo l’armistizio di Villa Giusti (novembre 1918), siglato a seguito del successo italiano nella battaglia di Vittorio Veneto e che pose fine alla Grande Guerra dopo quasi 3 anni e mezzo di battaglie.

Nella collezione sono comprese anche carte che raffigurano intere regioni, territori e piante di città come Milano o Trieste che danno una precisa rappresentazione di quelle città nei primi anni del Novecento.

>> Accedi alla collezione (via Internet culturale)

SPARTITI MUSICALI – Questa collezione composta da 339 spartiti raccoglie composizioni musicali di noti compositori italiani tra cui Alfredo Casella, Mario Castelnuovo Tedesco e Riccardo Zandonai.

Sono incluse marce militari, inni di guerra, canti popolari e canzoni per voce e pianoforte, opere corali e liriche, brani didattici e canzoni corali per l’infanzia. Nella collezione vale la pena di ricordare il canto nazionale Viva il re! per la musica di Stanislao Gastaldon su versi di Giosuè Carducci, poeta e scrittore italiano, Premio Nobel per la Letteratura nel 1906.

>> Accedi alla collezione (via Internet culturale)

Stampa e Resistenza: raccolta digitale di stampa clandestina conservata presso la Fondazione ISEC

Resistenza

Stampa e Resistenza è una raccolta digitale di materiale documentario conservato presso la Fondazione ISEC – Istituto per la storia dell’età contemporanea.

«A partire dalla fine degli anni Settanta sono stati versati all’allora Isrmo (Istituto per la Storia della Resistenza e del Movimento Operaio), e oggi Fondazione Isec (Fondazione istituto per la storia dell’età contemporanea ISEC – onlus), un gran numero di fondi archivistici e librari contenenti stampa clandestina, ossia periodici e numeri unici prodotti durante il fascismo e il periodo della guerra e della Resistenza. […]

Si tratta di 84 testate prodotte principalmente tra il 1943 e il 1945 da organizzazioni antifasciste e da brigate partigiane, spesso con una periodicità molto discontinua. Le testate sono organizzate in uno schedario alfabetico e di ognuna vengono caricati tutti i numeri disponibili. Il formato virtuale sfogliabile (flip book) permette una consultazione dettagliata da remoto. […]

Per numero di risorse digitalizzate e modalità di fruizione questa raccolta è unica nel suo genere in Italia».

 

URL: <http://www.stampaeresistenza.net/>

Quotidiani e giornali storici digitalizzati: Europeana Newspapers

europeana_newspapers_logo

Il progetto Europeana Newspapers (>> accedi al portale, che è parte della più ampia biblioteca digitale The European Library) mette a disposizione della libera consultazione online più di 10 milioni di pagine digitalizzate di giornali e quotidiani storici pubblicati in Europa.

Si possono applicare filtri di ricerca per data, luogo di pubblicazione, titolo, lingua, biblioteca che ha fornito la copia digitalizzata.

«The Historic Newspapers collection was assembled via Europeana Newspapers – an EU-funded project running from 2012-2015. This project was responsible for:

  • Creating the 10 million pages of full-text content via Optical Character; Recognition of existing digital images from partner libraries in the project;
  • Building the Historic Newspapers interface at The European Library;
  • Providing information on newspapers titles to Europeana.

The material included in the Historic Newspapers collection has been provided by a number of libraries across Europe. Much of the content is in the public domain but some remains under copyright. Please seek the written permission of the contributing library before reproducing, distributing or commercially exploit any material from this collection.

The European Library is keen to explore with the contributing libraries on the other ways that the data can be redistributed, eg. via APIs and open data. We will continue that discussion and try and make the data available in other ways.

The Historic Newspapers collection contains 10 million pages of full-text content. This text was created using Optical Character Recognition (OCR) – an automated process that converts visual images of numbers and letters into a machine-readable format. Once converted, users can search the text for names, locations and other terms located in the newspaper.

Because historic newspapers were sometimes printed in unusual fonts or on poor quality paper, the electronically translated text can contain errors. In the future, we hope to give users of the Historic Newspapers collection the ability to submit corrections to the OCR text».

URL: <http://www.theeuropeanlibrary.org/tel4/newspapers>

Il Resto del Carlino 1914-1918: la Grande Guerra in prima pagina

logo_grande_guerra        Resto del Carlino

Segnaliamo una bella iniziativa della Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna: ogni giorno viene messo in evidenza, all’interno della Biblioteca digitale, il numero de Il Resto del Carlino di cento anni fa.

Si parte con il 29 giugno del 1914, il giorno successivo all’attentato all’Arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono dell’impero Austro-Ungarico, con l’intenzione di ripercorre  con la cronaca d’epoca tutti gli avvenimenti della prima Guerra mondiale.

 

URL: <http://badigit.comune.bologna.it/ilrestodelcarlino/index.html>

Prima guerra mondiale: Giornali austriaci digitalizzati (1914-1918)

Die Bombe

ANNO – AustriaN Newspapers Online è un progetto della Österreichische Nationalbibliothek che dà libero accesso alla riproduzione digitale di quasi 3 milioni di pagine di quotidiani e riviste storiche pubblicate in Austria tra il 1810 e il 1935.

Il sito si distingue per l’ottima navigabilità e per l’eccellente qualità delle immagini.

Il 27 maggio 2014, in occasione delle commemorazioni per il centenario dello scoppio della Prima guerra mondiale, è stato annunciato che i giornali pubblicati tra il 1914 e il 1918 sono ricercabili per parole chiave sul testo pieno: una funzionalità che sarà molto apprezzata dagli studiosi.

Zeitungen von 1914 bis 1918 sind nun durchsuchbar!

Zum 100. Jahrestag des Beginns des Ersten Weltkrieges sind nun rund 70.000 Ausgaben aus den Jahren 1914 bis 1918 durch­such­bar.
Suchen Sie in: Tageszeitungen – Extraausgaben – Verlustlisten

 

[Grazie a Klaus Graf per la segnalazione]

Riviste europee delle avanguardie storiche digitalizzate

Action: Cahiers de philosophie et d’art

Action: Cahiers de philosophie et d’art

Il Blue Mountain Project della Princeton University è una collezione online che contiene più di 2.000 fascicoli di riviste d’avanguardia pubblicate in Europa tra il 1853 e il 1942. Tutti i fascicoli sono ricercabili a testo pieno, ovvero si può effettuare la ricerca di parole chiave attraverso questa maschera di ricerca.

Qui una panoramica delle riviste disponibili.

>> Ricerca per titolo

>> Ricerca per data

This collection contains fully searchable issues of important periodicals of the European avant-garde. This collection contains 2,017 issues comprising 48,653 pages and 51,570 articles.

URL: <http://bluemountain.princeton.edu/bluemtn/cgi-bin/bluemtn>

 

[Segnalazione di Dominique Poggi  >> leggi questo post]