Category Archives: Filosofia

Philo-Med: un portale tra filosofia e scienze biomediche

philomed

Segnaliamo sull’ultimo numero online della rivista «Bibliotime» (anno XIX, n. 3, novembre 2016) un articolo di Antonella Brunelli intitolato Il portale Philomed: un dialogo in rete all’intersezione tra filosofia e scienze biomediche.

L’articolo è dedicato al portale interdisciplinare PhiloMed, a cura del Dipartimento di Filosofia e comunicazione dell’Università di Bologna.

Dalla pagina di presentazione del progetto:

«Il portale PhiloMed è un progetto sperimentale di biblioteca digitale, ovvero di virtual desk reference interdisciplinare. Esso intende costituirsi come un prototipo web innovativo, con focus sulle discipline filosofiche applicate alla bio-medicina, ma esportabile anche ad altre intersezioni disciplinari. Rappresenta un tipo di organizzazione documentale non tradizionale, che propone alla comunità degli studiosi, in questo caso appartenenti ad una intersezione disciplinare a cavallo tra scienze umane e scienze pure, nuovi strumenti di apprendimento, di approfondimento, di interazione e di produzione di contenuti scientifico-accademici. In questo senso può essere inteso come un laboratorio virtuale, con funzionalità avanzate, inteso a favorire la creazione di spazi, virtuali e non, di collaborazione, scambio, apprendimento, produzione di nuovi modelli di ricerca, all’insegna dell’interattività. Alimentato dalle ricerche di un gruppo di lavoro in cui si intrecciano numerose competenze tecniche e scientifiche, PhiloMed si propone come uno strumento per orientarsi nel ricco e articolato scenario del dialogo tra filosofia e medicina».

URL: <http://www.philomed.it/>

 

Sull’argomento leggi anche questo post.

Catalogo delle traduzioni latine di Galeno

galeno

Galeno (Pergamo, 129-216) riveste un’enorme importanza nella storia della medicina e della scienza dalla tarda antichità fino al XIX sec. inoltrato.

In Occidente le sue opere sono state lette, studiate e commentate principalmente in latino e per secoli hanno rappresentato i testi di riferimento per lo studio della medicina nelle Università di tutta Europa.

Vi segnaliamo un catalogo elettronico che indicizza tutte le traduzioni latine di Galeno e dello pseudo-Galeno dal greco, dall’arabo e dall’ebraico che sono state prodotte dal VI al XVII sec. Le schede del catalogo sono molto curate e contengono note che aiutano a ricostruire la fortuna dei testi. Per ogni opera vengono censiti tutti gli esemplari manoscritti e a stampa fino ad oggi noti.

Nel catalogo è confluito il prezioso materiale raccolto da Richard Durling, grande studioso ed editore di Galeno latino. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1999, Virginia Brown, allora responsabile del Catalogus Translationum et Commentariorum, si è molto adoperata affinché il progetto sulle traduzioni latine di Galeno potesse proseguire e giungere a una conclusione.

Il catalogo è stato realizzato in collaborazione con la Scuola Normale Superiore di Pisa per la parte informatica e con i finanziamenti del Prin 2008 e dell’Università Politecnica delle Marche.

>>  Per approfondire la figura e le opere di Galeno, consigliamo la lettura (in lingua inglese) della voce Galen della Stanford Encyclopedia od Philosophy.

URL: <http://www.galenolatino.com/>

Plotino: una bibliografia

Plotino

Segnaliamo una ricca bibliografia dedicata al filosofo Plotino, a cura dello studioso canadese Richard Dufour:

«In this bibliography we intend to continue our bibliographical research on Plotinus, started in Plotinus: A Bibliography 1950-2000, Leiden, Brill, 2002 (a revised version of “Plotinus: A Bibliography 1950-2000”, Phronesis (46, 3), 2001). From now on our work will be on the Internet and will be updated several times a year. We want thus to offer a comprehensive list of publications on Plotinus by gathering all we can find in the most important bibliographical indexes available.

This bibliography has been published, for the most part, in a revised version with full indices: DUFOUR, Richard, “Bibliographie Plotinienne: 2000-2009”, in Études platoniciennes VI, Paris, Belles Lettres, 2009, p. 295-365».

[versione in lingua francese qui]

URL: <http://rdufour.free.fr/BibPlotin/anglais/Biblio.html>

PhiloMed: un portale d’intersezione tra Filosofia e Scienze Biomediche

Philomed

Il portale PhiloMed è un progetto sperimentale realizzato dall’Università di Bologna. E’ uno strumento di raccolta, selezione e organizzazione tematica di informazioni che promuove il dialogo interdisciplinare tra filosofia e scienze biomediche.

Si propone come un laboratorio virtuale, con funzionalità avanzate, inteso a favorire la creazione di spazi di collaborazione, scambio, apprendimento, produzione di nuovi modelli di ricerca, all’insegna dell’interattività.

Il portale è stato concepito e progettato da un gruppo di studiosi che è portatore di competenze scientifiche e tecniche molto diversificate. Organizza contenuti informativi e documenti di tipo scientifico-accademico in focus tematici, che prendono la forma di pagine ipertestuali e mappe tematiche, su base fortemente multidisciplinare.

E’ possibile trovare notizie su convegni e seminari, attività, progetti di ricerca, eventi in calendario oltre a libri, articoli, immagini, video, materiale audio.

Tutti i documenti sono indicizzati mediante metadati strutturati in maniera descrittiva e semantica, in modo da facilitare la ricerca di materiale da parte degli utenti. Lo spazio virtuale così organizzato e strutturato è adatto alle attività di gruppi di ricerca interdisciplinari e alla didattica, in collegamento coi dipartimenti e i centri di ricerca coinvolti nel progetto.

Il comitato scientifico del portale garantisce la validazione dei contenuti offerti e seleziona il materiale documentario pubblicato.

URL: <http://www.philomed.it/>

La biblioteca privata di Giovanni Gentile

Giovanni Gentile

La Biblioteca di Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma custodisce la Biblioteca privata di Giovanni Gentile, donata dagli eredi con atto del 30 gennaio 1954.

Il patrimonio della Biblioteca Gentile si compone di 13.461 monografie, 9.972 opuscoli e 157 periodici. Queste pubblicazioni, già presenti nei cataloghi cartacei, sono ora in corso di recupero retrospettivo nel catalogo informatizzato della Sapienza. A completamento di questo lavoro sarà possibile estrarne e pubblicarne separatamente il catalogo per autori e titoli.

Seguendo i link sottostanti si possono consultare le riproduzioni degli inventari depositati al momento della donazione. Il formato pdf e il riconoscimento mediante OCR consentono ricerche nel testo:

Una parte di questi documenti, oltre 800 monografie ed opuscoli, sono stati digitalizzati in occasione del settantesimo anniversario della morte di Gentile grazie ad un accordo tra Google e il MIBACT Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, al quale ha aderito La Sapienza tramite il Sistema Bibliotecario.

>>  Accedi alla teca digitale

 

URL: <http://bibliotecafilosofia.uniroma1.it/Fondilibrari/Gentile/gentile.htm>

L’Abecedario di Gilles Deleuze

gilles_deleuze

L’Abecedario di Gilles Deleuze (titolo originale: L’Abécédaire de Gilles Deleuze) non è un documentario ma un documento, sono sette ore di conversazione che Deleuze intrattiene con Claire Parnet, sua allieva, con la clausola che quanto verrà lì detto non troverà pubblicazione che dopo la morte del filosofo.

Prodotto per la televisione francese nel 1988, presentiamo qui una versione con sottotitoli in lingua spagnola pubblicata su Youtube e segnalata sul sito hipermedula.org.

  • A comme Animal
  • B comme Boisson
  • C comme Culture
  • D comme Désir
  • E comme Enfance
  • F comme Fidélité
  • G comme Gauche
  • H comme Histoire de la philosophie
  • I comme Idée
  • J comme Joie
  • K comme Kant
  • L comme Littérature
  • M comme Maladies
  • N comme Neurologie
  • O comme Opéra
  • P comme Professeur
  • Q comme Question
  • R comme Résistance
  • S comme Style
  • T comme Tennis
  • U comme Un
  • V comme Voyage
  • W comme Ludwig Wittgenstein
  • X et Y comme Inconnues
  • Z comme Zigzag

URL: <http://hipermedula.org/navegaciones/gilles-deleuze-el-abecedario-completo-subtitulado/>

 

L’opera integrale di David Hume disponibile online

DavidHume

Segnaliamo un sito interamente dedicato all’opera del filosofo inglese David Hume.

«This web site, davidhume.org, aims to provide a free and open access collection of almost everything written by the great Enlightenment thinker, David Hume, alongside bibliographies and links to Hume scholarship on the web. It is being developed by Peter Millican and Amyas Merivale, at Hertford CollegeUniversity of Oxford».

Elenco dei testi disponibili ( >> vai alle note editoriali):

 

URL: <http://www.davidhume.org/>

 

[grazie ad Alessio Paoletti per la segnalazione]

Tutta l’opera di John Stuart Mill online

13549

The Online Library on Liberty è un portale che raccoglie testi e documenti ispirati ai concetti di libertà e responsabilità individuale, liberi mercati.

«The purpose of the Online Library of Liberty is to promote interest in and understanding of the ideal of a society of free and responsible individuals. In particular, we are concerned with ideas about individual liberty, limited constitutional government, free markets, and peace».

Tra numerosi i testi presenti nella biblioteca digitale segnaliamo la sezione dedicata all’opera integrale del filosofo ed economista britannico John Stuart Mill.

The Collected Works of John Stuart Mill, ed. J.M. Robson (Toronto: University of Toronto Press, London: Routledge and Kegan Paul, 1963-1991), 33 vols. Editorial committee: J.M. Robinson, General Editor, Harold Bohme, J.C. Cairns, J.B. Conacher, D.P. Dryer, Marion Filipiuk, Frances Halpenny, Samuel Hollander, R.F. McRae, Ian Montagnes, Ann P. Robson, F.E. Sparshott.

L’intera opera, che consta di 33 volumi, è disponibile in vari formati (HTML, Facsimile PDF, Ebook PDF, Kindle).

 

URL: <http://oll.libertyfund.org/groups/46>

Grande Édition Marx et Engels – GEME

marx-engels

Il grande progetto collettivo GEME – Grande Édition de Marx et d’Engels nasce nel 2008 sotto la supervisione di Isabelle Garo (>> leggi un’intervista rilasciata nel 2008) con il fine di curare la pubblicazione di una traduzione francese, condotta con criteri di rigore scientifico, dell’opera integrale di Marx ed Engles, comprensiva anche di tutte le varianti manoscritte, degli articoli e delle lettere.

Il progetto procede a rilento, tuttavia è stato da poco reso disponibile in rete un corpus di notizie bibliografiche relativo alle traduzioni in francese delle opere di Marx ed Engels pubblicate tra il 1847 e il 1936, delle quali, quando possibile, viene fornita anche la riproduzione digitale integrale. Questa parte del lavoro è stata svolta in collaborazione con il Consorzio ARcMC – Archives des mondes contemporains di Digione ed è consultabile sul portale PANDOR.

>> Dossier di presentazione del progetto GEME: GEME.doc

 

URL: <http://pandor.u-bourgogne.fr/ead.html?id=FRMSH021_00004>

Charles Fourier e i socialisti utopistici

Charles Fourier

L’Association d’études fouriéristes ha sede a Besançon, la città natale del filosofo francese Charles Fourier (1772-1837). Costituitasi nel 1998, ha realizzato un bel sito dedicato alle operedi Fourier e alla corrente del socialismo utopistico a lui ispirata.

Segnaliamo in particolare la sezione dedicata alle biografie dei maggiori esponenti del fourierismo, redatto in collaborazione con il Dictionnaire biographique du mouvement ouvrier français, meglio conosciuto come il “Maitron”.

Il Dizionario biografico raccoglie i profili biografici di 428 persone che in qualche modo si sono ispirate, con i loro scritti o con le loro azioni, al pensiero di Charles Fourier.

Dictionnaire biographique du fouriérisme

Le Dictionnaire biographique du fouriérisme est une entreprise collective engagée en 2007 dans le cadre des activités de l’Association d’études fouriéristes. Il est placé sous la responsabilité de Thomas Bouchet, de Bernard Desmars et – depuis l’automne 2012 – de Jean-Claude Sosnowski.

Le DBF est en relation étroite avec les Cahiers Charles Fourier et en partenariat avec l’équipe du Dictionnaire biographique du mouvement ouvrier français (dir. : Claude Pennetier).

Les notices du Dictionnaire portent sur des individus qui se sont réclamés, dans leurs écrits et/ou dans leur action, même ponctuellement, de la pensée de Fourier, soit dans sa globalité soit sous tel ou tel de ses aspects, qu’ils appartiennent ou non à des groupes structurés, que l’orientation de ces groupes soit exclusivement ou partiellement sociétaire. Les notices qui leur sont consacrées mettent en lumière ce qui les apparente à l’histoire du fouriérisme sans pour autant négliger les autres aspects de leur existence.

URL: <http://www.charlesfourier.fr/spip.php?rubrique75>

The International Philosophical Bibliography (repertorio di Lovanio): banca dati retrospettiva online (1985-1996)

IPBretro_logo_small

The International Philosophical Bibliography / Répertoire Bibliographique de la Philosophie, noto anche come il Repertorio di Lovanio, è uno degli strumenti bibliografici più importanti per gli studi filosofici.

Si tratta di un repertorio bibliografico corrente pubblicato dall’Istituto superiore di filosofia dell’Università di Lovanio. Ha per oggetto la letteratura propriamente filosofica, nell’accezione piuttosto ristretta del termine: le discipline scientifiche imparentate con la filosofia e le discipline ausiliarie della filosofia non sono comprese se non per le pubblicazioni di ordine generale (ciò vale soprattutto per i settori della logica formalizzata, della linguistica, della psicologia, dell’estetica e della teologia, per le quali esistono già strumenti bibliografici specializzati).

Il repertorio di Lovanio indicizza libri (monografie e pubblicazioni collettive), articoli di rivista (>> vai alla lista dei periodici spogliati), contributi pubblicati in pubblicazioni collettive (ad es. gli atti di un congresso), recensioni di libri pubblicate in rivista.

La bibliografia esce regolarmente come pubblicazione periodica a stampa a partire dal 1934 (per una storia dettagliata delle vicende editoriali si rimanda a questa pagina). A partire dal 2004 è disponibile, su abbonamento, anche la versione online. E’ però disponibile gratuitamente la banca dati retrospettiva, che contiene le notizie bibliografiche raccolte tra il 1985 e il 1996.

La banca dati può essere interrrogata facendo ricerche per parole chiave attraverso la modalità Search (autore, titolo, data di pubblilcazione) oppure scorrendo lo schema di classificazione attraverso la modalità Browse.

La struttura della bibliografia comprende una sezione storica e una sezione tematica:

1. La sezione storica (intitolata HISTORY OF PHILOSOPHY) raccoglie tutti gli studi che hanno per oggetto la personalità o l’opera di un filosofo. L’appartenenza di un filosofo ad una certa epoca è determinata dalla sua nata di nascita. Nell’ambito di ciascuna epoca, la classificazione dei filosofi è determinata invece dall’ordine alfabetico dei loro nomi.

2. La sezione tematica (intitolata PHILOSOPHY) è strutturata in sezioni, corrispondenti alle principali branche della filosofia, che sono a loro volta articolate in sottosezioni.

 

URL: <http://pob.peeters-leuven.be/>

The Jean Bodin Project

Jean Bodin

Jean Bodin (1529/30 – 1596) è un filosofo giusta e teorico politico francese.

Nato ad Angers e trasferitosi a Parigi nel 1567, entrò al servizio di Enrico III e di suo fratello il duca di Alençon, diventando uno degli esponenti più autorevoli del partito dei politiques, che si adoperavano per restaurare l’autorità della monarchia. Con lo scritto Risposta al paradosso del signor di Malestroict circa il rincaro d’ogni cosa e il modo di porvi rimedio (1568), uno dei primi tentativi di analisi dei prezzi, Bodin si rivela tra i più acuti osservatori dei fenomeni monetari ed economici del suo tempo.

Come teorico della politica diede il suo maggiore contributo con I sei libri della repubblica (1576), che rappresentano lo sforzo più impegnativo di fare dello stato rinascimentale uno stato di diritto e di dare alla monarchia assoluta validità giuridica. Il suo princeps legibus solutus è la teorizzazione più esauriente dell’assolutismo ma, secondo Bodin, la sovranità deve rispettare le leggi religiose e i diritti di natura.

[fonte: Enciclopedia Garzanti della Filosofia]

The Bodin Project è un portale inglese che raccoglie le opere di Jean Bodin e una ricca bibliografia sugli studi a lui dedicati.

Dalla pagina di presentazione del progetto:

The Bodin Project is a non-profit operation the aim of which is to make available on-line materials to enhance knowledge and understanding of Jean Bodin, a pivotal figure in the history of sixteenth-century Europe, and especially the history of ideas. Regularly augmented, these materials include:

  • contemporary editions of Bodin’s principal publications, in .pdf format;
  • links to other sites relevant to Bodinian and related studies;
  • comprehensive bibliography of early editions of all of Bodin’s work;
  • on-going bibliography of post-2000 publications.

This site is one of the outputs of a research programme, funded by the UK’s Arts and Humanities Research Council, on ‘The Reception of Bodin’.

URL: <http://www2.hull.ac.uk/administration/the-bodin-project.aspx>

Wilfrid Sellars (1912-1989)

Albero

In occasione della recente pubblicazione della raccolta di scritti di Wilfrid Sellars (1912-1989) a cura di Carlo Marletti e Giacomo Turbanti:

W. Sellars, L’immagine scientifica e l’immagine manifesta. Pisa: ETS, 2013

segnaliamo un sito che raccoglie documenti e informazioni relative al filosofo americano, intitolato Problems from Wilfrid Sellarshttp://www.ditext.com/sellars/.

 

>> vai alla scheda di presentazione del libro:

Wilfrid Sellars è stato certamente uno dei più importanti filosofi, non solo di provenienza angloamericana, della seconda metà del secolo scorso. I suoi contributi alla filosofia contemporanea spaziano dall’epistemologia alla teoria dell’intenzionalità, dal trattamento dei controfattuali alla logica dell’induzione, dalla filosofia del linguaggio alla filosofia della scienza, dall’ontologia all’analisi della metafisica aristotelica, dall’analisi dell’opera kantiana alla critica dell’empirismo, dalla filosofia della percezione all’etica, dal problema mente-corpo alla filosofia dell’azione. La sua riflessione è innervata da un costante, profondo e innovativo confronto con i grandi temi della tradizione filosofia occidentale e sfugge in larga misura alla classica distinzione tra filosofia analitica e filosofia continentale.
La scelta delle opere raccolte in questo volume è orientata a ricostruire i nessi tematici centrali dell’elaborazione teoretica del pensiero di Sellars lungo tre linee principali: la definizione della nozione sellarsiana di “immagine scientifica dell’uomo nel mondo” e il suo contrasto con l'”immagine manifesta”, la filosofia della mente e il problema dell’intenzionalità, l’analisi delle relazioni tra pensiero e linguaggio. Al lettore viene suggerito un percorso per orientarsi nella varietà della produzione sellarsiana e per riconoscerne l’articolazione argomentativa e il carattere sistematico.

Wilfrid Sellars (Ann Arbor 1912 – Pittsburgh 1989) ha insegnato presso la University of Iowa, la University of Minnesota ed è stato dal 1963 University Professor of Philosophy presso la University of Pittsburgh. Tra i suoi lavori: Science, Perception and Reality (1963), Philosophical Perspectives (1967), Science and Meaphysics (1968), Essays in Philosophy and its History (1974), Pure Pragmatics and Possible Worlds (1980), Naturalism and Ontology (1980).

>> leggi l’articolo di Giorgio Rizzo La filosofia della mente di Wilfrid Sellars, pubblicato in rete sulla rivista elettronica «Giornale di Filosofia».

Le registrazioni audio delle lezioni di Foucault a Berkeley sulla parresia (1983)

Michel Foucault

A partire dagli anni Settanta il filosofo Michel Foucault diede inizio a un’attività di ricerca e di insegnamento nelle università degli Stati Uniti in cui spesso proponeva o anticipava le tematiche sviluppate nell’ambito del suo insegnamento al Collège de France.

Il tema della parresia (parrhesia) è oggetto di una serie di conferenze tenute in lingua inglese all’Università di Berkeley nell’ottobre e nel novembre del 1983: questa serie di sei lezioni si possono ascoltare in registrazione audio grazie alla segnalazione apparsa sul bel sito Continental Philosophy, curato dallo studioso iraniano Farhang Erfani.

Michel Foucault (1926-1984)

Discourse and Truth – Parrhesia, 1983 (English)

  1.  October 24, 1983 Part 1
    The meaning and evolution of the word Parrhesia (1:55:39)
  2.  October 24, 1983 Part 2
    Parrhesia in the Tragedies of Euripides (54:06)
  3.  October 31, 1983
    Parrhesia and the crisis of democratic institutions (1:01:22)
  4.  November 14, 1983 Part 1
    Practice of parrhesia (46:35)
  5.  November 14, 1983 Part 2
    Techniques of the Parrhesiastic Games (1:03:51)
  6.  November 21, 1983
    Conclusion (37:42)

Le lezioni di Berkeley sono state tradotte anche in italiano e pubblicate in questo volume:

Discorso e verità nella Grecia antica / Michel Foucalt ; edizione inglese a cura di Joseph Pearson ; edizione italiana a cura di Adelina Galeotti ; introduzione di Remo Bodei. – Roma : Donzelli, 1998. – xxii, 120 p. ; 22 cm. – (Universale Biblioteca ; 3).

Il testo in inglese è disponibile anche sul sito Foucault.info: http://www.foucault.info/documents/parrhesia/index.html.

Il tema di parresia è stato trattato da Foucault anche nei corsi del Collège de France del 1983 e del 1984: Le governement de soi et des autres (tradotto in italiano nel volume Il governo di sé e degli altri, a cura di M. Galzigna, Feltrinelli, 2009) e Le courage de la vérité (Il coraggio della verità, a cura di M. Galzigna, Feltrinelli, 2011).

Per un’introduzione al concetto di parresia in Foucault si può ascoltare questa video intervista a Mario Galzigna del 2009: http://www.ibridamenti.com/costruzioni-identitarie/2009/10/scrittori-allarsenale-mario-galzigna-video/#sthash.72BxXRWF.dpbs.

Altre registrazioni di interventi e lezioni di Foucault sono disponbili sul sito UbuWeb Sound e sul Portail Michel Foucault (sezione ‘Archives sonores’ >> leggi anche questo post del nostro blog).

L’epistolario di Friedrich Nietzsche: una banca dati

Friedrich-Nietzsche

Il Klassik Stiftung di Weimar ha messo in rete una banca dati delle lettere scritte e ricevute dal filosofo Friedrich Nietzsche. Si possono condurre ricerche per nome del mittente e del destinatario, per luogo, per data, per incipit. Per ogni lettera viene indicato il luogo dove è conservato l’originale (se noto) e i riferimenti bibliografici alle edizioni a stampa.

L’Archivio Nietsche fu fortemente voluto da Elisabeth Förster-Nietzsche, la quale si adoperò per raccogliere le lettere del fratello dopo la sua morte. Fu così che vennero raccolte prima a Naumburg e più tardi a Weimar – sede dell’archivio a partire dal 1896 – le lettere di Nietszche a Marie Baumgartner, Paul Deussen, Carl von Gersdorff, Peter Gast, Malwida von Meysenbug, Constantin Georg Naumann, Erwin Rohde, Ernst Schmeitzner e Heinrich von Stein. La maggior parte degli originali vennero acquistati, mentre in alcuni casi entrarono a far parte dell’archivio in seguito a una donazione.

Il medico Hermann Gocht, in seguito a un accordo con Elisabeth, aggiunse a questo nucleo iniziale un altro cospicuo numero di lettere: la raccolta conteneva soprattutto la corrispondenza indirizzata all’editore Ernst Wilhelm Fitzsch, a Carl Fuchs e a Reinhart von Seydlitz. Purtroppo questa collezione è oggi smembrata e non si conosce l’attuale ubicazione di gran parte degli originali; negli anni Trenta, tuttavia, Gocht aveva provveduto a fare delle copie delle lettere, per cui il contenuto delle missive ci è comunque noto.

Una parte rilevante della corrispondenza di Nietzsche non è antrata a far parte dell’Archivio di Weimar a causa di eventi esterni. Appartengono a questo gruppo le lettere del filosofo a Franz e Ida Overbeck, a Lou Salomé e Paul Rée, così come a Friedrich Ritschl. Anche le lettere di Franz Overbeck e di Erwin Rohde indirizzate a Nietzsche non si trovano a Weimar, tranne poche eccezioni. Le ultime furono respinte al mittente; le prime furono consegnate da Elisabeth alla Biblioteca Universitaria di Basilea negli anni Venti del Novecento. In mancanza degli originali, l’archivio cercò di procurarsi trascrizioni o fotocopie. Oggi queste testimonianze sono preziose perché in alcuni casi gli originali sono nel frattempo andati perduti.

Dall’autunno 1950 i materiali d’archivio del primitivo archivio Nietzsche si trovano nell’Archivio Goethe-Schiller.

Questa banca dati ha l’obiettivo di rendere disponibile in Internet gli indici di tutte le lettere conosciute ricevute e spedite da Nietzsche. In alcuni casi è disponibile anche la riproduzione digitalizzata degli originali.

[Leggi il testo originale della presentazione del progetto qui: seleziona >>Projektbeschreibung dal menu a sinistra]

URL: <http://ora-web.swkk.de/swk-db/niebrief/index.html>