Category Archives: Documenti di archivio, fondi archivistici

L’Archivio storico del Teatro La Scala di Milano è disponibile online

La Scala

Il Teatro La Scala di Milano ha digitalizzato e reso disponibili alcuni documenti del suo Archivio storico, offrendo al pubblico degli appassionati e degli studiosi la possibilità di accedere con facilità alla storia e al patrimonio artistico di uno dei teatri più famosi del mondo.

Sono disponibili numerosi documenti sulle opere, i balletti, i concerti eseguiti alla Scala a partire dal 1950: cronologie, cast, locandine, libretti, trame, discografie, introduzioni alle opere, 50.000 fotografie di spettacoli e artisti.

Il sito offre una vetrina web al momento semplificata rispetto all’enorme quantità di elementi contenuti nell’archivio esteso, l’Archivio DAM, che è quotidiano strumento di lavoro per i reparti del teatro.

URL: <http://www.archiviolascala.org/>

Fonti per la Storia della Toscana / 7: L’archivio di Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena nell’Archivio nazionale di Praga

Toscana Boemia

Nella collana «Strumenti» della Biblioteca Digitale della Direzione Generale per gli Archivi è disponibile il volume:

Fra Toscana e Boemia. L’archivio di Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena nell’Archivio nazionale di Praga. Inventario, a cura di Osola Gori e Diana Toccafondi (Roma, 2013).

Dalla Prefazione di Rossana Rummo:

«Da oltre trent’anni è in corso una proficua collaborazione tra la Direzione generale degli Archivi e l’Archivio nazionale di Praga, volta a recuperare e valorizzare le carte degli Asburgo di Toscana, patrimonio documentario di enorme importanza per la storia europea, diviso tra archivi italiani e cechi. […]

La pubblicazione di inventari o guide-inventari costituisce infatti uno strumento prezioso per diffondere la conoscenza di questi archivi disseminati in Europa, contribuendo nello stesso tempo a rafforzare i legami e gli scambi tra archivisti e studiosi dei diversi paesi.

Il volume presenta l’inventariazione analitica della documentazione della Prima Sezione, la più antica, dell’Archivio Lorena conservato a Praga, quella relativa al granduca Pietro Leopoldo d’Asburgo Lorena, granduca di Toscana dal 1765 al 1790 e poi imperatore.

La documentazione è costituita per lo più dalle relazioni dei viaggi compiuti dal sovrano nei vari territori e città della Toscana per tutto l’arco del suo regno. Nel loro complesso esse rappresentano una fonte di inestimabile valore per l’analisi della progettualità politica del principe riformatore, offrendo spunti preziosi per la storia del territorio, dell’architettura, dei costumi, delle pratiche in uso, della viabilità dello Stato toscano in epoca moderna».

 

>> Per accedere al volume clicca qui

Carteggi e manoscritti di Edvard Munch digitalizzati

“The Sky suddenly / turned blood-red / I paused, leaned / against the fence tired / to death” (MM T 2367)

“The Sky suddenly / turned blood-red / I paused, leaned / against the fence tired / to death” (MM T 2367)

Il Munch-Museum di Oslo ha avviato un progetto di digitalizzazione di tutte le lettere e i manoscritti di Edvard Munch.

>> Qui la piattaforma wiki che illustra il progetto e consente di consultare le prime 1747 lettere digitalizzate (su un totale di 5842).

>> Qui una raccolta di lettere e manoscritti in lingua tedesca.

>> Qui l’annuncio del lancio di una sezione dedicata agli scritti in lingua inglese:

«The English edition includes 68 of Munch’s literary sketches and notes on art. A total of 1100 manuscript pages have been translated. The authorised English translations of this selection of Munch’s writings are equipped with commentaries and accompanied by supplementary articles and facsimiles of the originals».

 

URL: <http://www.emunch.no/>

Nuova veste e nuovi contenuti per il sito dell’Archivio Datini di Prato

Datini

L’Archivio di Stato di Prato continua la sua politica di apertura sul web dei dati del proprio patrimonio avviata nel 2008 con la pubblicazione dell’archivio digitale del mercante Francesco di Marco Datini (1335-1410).

L’Archivio Datini è una fonte unica per la storia del mondo mercantile europeo nella seconda metà del Trecento, per conoscere le merci, i trasporti, le rotte, gli strumenti finanziari usati dagli operatori, la mentalità, le aspettative, le preoccupazioni dei protagonisti ed altro ancora. Il mondo datiniano è un universo di oltre 150.000 documenti sciolti e circa 600 registri.

Riportiamo parte dell’articolo di Ilaria Barbanti e Simone Pasquini pubblicato su regesta.com, il magazine di regesta.exe:

Dal 15 maggio l’Archivio Datini è online con una nuova veste grafica, nuovi contenuti digitali e nuove funzionalità. In questa stessa occasione è stato pubblicato anche il sito web dell’Istituto: dal nuovo sito è possibile l’accesso e la consultazione dei dati sui complessi documentari e sui soggetti produttori, nonché dell’inventario dell’Ospedale della Misericordia e Dolce, che contiene al suo interno due serie documentali di particolare interesse, completamente digitalizzate.

Nella prima sono conservate le oltre 800 lettere, datate dal 1401 al 1437, che compongono il carteggio di Giuliano Marcovaldi, rappresentante e procacciatore di affari per conto di società e mercanti interessati ai traffici tra i porti adriatici centro meridionali (sui Marcovaldi si veda la pubblicazione di Paola Pinelli “Il carteggio Marcovaldi (1401-1437) nell’Archivio di Stato di Prato”  sui Quaderni della Rassegna degli Archivi di Stato, disponibile sul sito della Direzione generale degli Archivi).

La seconda è costituita dai cosiddetti Segnali dei gettatelli, ossia i contrassegni e i biglietti che accompagnavano i bambini abbandonati e accolti dall’Ospedale della Misericordia e Dolce di Prato tra la fine del 1700 e il 1800 (sul «segnale» come testimonianza di un’identità da perdere/ritrovare si può leggere il saggio di Anna Maria Maccelli per l’École française de Rome).

L’Archivio Datini contiene documenti di amministrazione e carteggi che testimoniano in massima parte la vastissima attività svolta in campo industriale, commerciale, bancario dalle varie aziende cui Francesco Datini dette vita.

L’Archivio è articolato secondo gli otto principali fondaci che costituiscono le articolazioni dell’archivio e l’ossatura dell’ordinamento. Ciascun fondaco è suddiviso in due grandi sezioni: i libri contabili (a loro volta suddivisi nelle tradizionali serie)  e carteggio ricevuto.

I fondaci si susseguono in ordine cronologico di apertura:

  • Avignone: Libri contabili, 1363-1416 (284 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Avignone, 1368-1414 (1506 unità);
  • Prato: Libri contabili, 1348-1430 (285 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Prato,1367-1427 (10.262 unità);
  • Pisa: Libri contabili, 1382-1407 (154 unità), Carteggio ricevuto dal fondaco Pisa, 1378-1410 (38.502 unità);
  • Firenze: Libri contabili, 1381-1420 (188 unità), Carteggio ricevuto dal fondaco di Firenze, 1365-1420 (31.655 unità);
  • Genova: Libri contabili, 1384-1409 (46 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Genova, 1373-1409 (15.031 unità);
  • Barcellona: Libri contabili, 1363-1411 (65 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Barcellona, 1382-1412 (24.354 unità);
  • Valenza: Libri contabili, 1393-1412 (51 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Valenza, 1386-1419 (11.393 unità)
  • Majorca: Libri contabili, 1395-1411 (54 unità); Carteggio ricevuto dal fondaco di Valenza, 1391-1412 (10.580 unità);

Fuori dallo schema fondaco-aziende, ci sono le seguenti sezioni:

  • Carteggio privato (lettere inviate e ricevute da Datini, dalla moglie Margherita e da alcuni dei collaboratori di Datini);
  • Carteggio specializzato (questo suddiviso per per fondaci);
  • Appendice al carteggio (copie e minute di lettere; lettere dirette a località diverse dai fondaci);
  • Atti e documenti diversi (tra cui le assicurazioni);
  • Esecuzione testamentaria;
  • Estranei.

ll nuovo sito propone anche alcuni interessanti percorsi di lettura:

URL: <http://datini.archiviodistato.prato.it/>

Inventario online dell’Archivio personale di Winston Churchill

Sir Winston Churchill

Sir Winston Churchill

Il Churchill Archives Centre ha sede a Cambridge e raccoglie tutti i documenti originali scritti, inviati e ricevuti da Winston Churchill (1874-1965) nel corso della sua vita.

E’ disponibile online gratuitamente l’inventario di tutti i documenti presenti, ricercabile per parole chiavi (>> vai all’elenco dei termini indicizzati).

Gli originali possono essere consultati direttamente presso il Churchill Archive Centre, su appuntamento.

Le riproduzioni digitali dei documenti originali sono consultabili online solo da parte degli utenti abilitati (>> leggi le norme per l’accesso a pagamento).

The Churchill Papers consist of the original documents sent, received or composed by Sir Winston Churchill during the course of his long and active life.

The Churchill Papers are held at Churchill Archives Centre where they can be consulted by appointment.

The papers contain everything from Churchill’s childhood letters and school reports to his final writings. They include his personal correspondence with friends and family, and his official exchanges with kings, presidents, politicians and military leaders.

In April 1995 grants from the Heritage Lottery Fund and the John Paul Getty Foundation purchased the Churchill Papers for the nation.

The Churchill Papers have been catalogued in a project lasting over 6 years. This catalogue, containing over 70,000 entries is now available online and allows you to locate references to individual people, subjects or events at the touch of a button. The papers of Sir Winston Churchill comprise a total of 2,185 boxes (an estimated 1 million individual documents). The material consists of a variety of formats including paper, photographs, and artefacts.

The whole collection is now commonly known as the Churchill Papers, but historically it has been divided into two distinct groups.

  • The papers dating from before 27 July 1945, when Churchill’s first term as Prime Minister ended, are known as the Chartwell Papers and were originally owned by the Chartwell Trust (catalogue reference CHAR).
  • The papers dating from after 27 July 1945 (catalogue reference CHUR) are known as the Churchill Papers and were given to Churchill College by Lady Churchill in 1969.

Full list of classes in the Chartwell Papers (CHAR). Full list of classes in the Churchill Papers (CHUR).

Since 1974 the Papers have been housed at Churchill Archives Centre. The papers were previously held at the house of Churchill’s son, Randolph Churchill, at Stour, East Bergholt, Suffolk while he worked on the official biography of his father. When Randolph died in 1968 the Chartwell Papers were transferred to the Bodleian Library, Oxford where Martin Gilbert continued work on the official biography.

URL: <http://www.chu.cam.ac.uk/archives/churchill_papers/>

La banca dati CIVES: privilegi di cittadinanza veneziana, dalle origini all’anno 1500

CIVES

CIVES è una banca dati contenente tutti i privilegi di cittadinanza veneziana trovati nelle fonti d’archivio fino all’anno 1500.

Il gruppo di ricerca del progetto CIVES ha lavorato sotto la guida del prof. Reinhold Mueller (Università degli Studi di Venezia).

URL: <http://www.civesveneciarum.net/>

 

[ringraziamo il dott. Andrea Bocchi per la segnalazione]

I manoscritti di Raymond Queneau digitalizzati

Raymond Queneau (credits  Samuel Chagalov, da una foto Jacques Haillot)

Raymond Queneau (Samuel Chagalov, da una foto di Jacques Haillot)

E’ liberamente consultabile online l’inventario del fondo personale di Raymond Queneau (1903 – 1976), che contiene le fotocopie di circa 30.000 carte manoscritte e dattiloscritte custodite a Digione presso l’Università della Borgogna. Sono disponibili anche le riproduzioni digitalizzate delle carte, ad eccezione delle opere inedite, delle lettere e delle opere in corso di pubblicazione.

Ce fonds a pour origine les photocopies des documents originaux (manuscrits, notes) de Raymond Queneau conservés par M. Jean-Marie Queneau, fils et ayant-droit de Raymond Queneau. On compte l’équivalent d’environ 30000 feuillets A4 répartis dans 100 boîtes. Ils ont été complétés par une revue de presse due à Raymond Queneau lui-même – il était abonné à l’Argus de la presse jusque dans les années soixante – qui a été complétée par la suite. […]

L’inventaire sommaire du fonds Queneau est le fruit de l’activité du CIDRE de Limoges dans les années 80. Il ne respecte bien sûr pas la norme internationale de description archivitique (ISAD(G), 1999) mais, en l’état actuel, il permet une précieuse première approche à distance du contenu de cet ensemble manuscrit et tapuscrit, littéraire et scientifique.

L’inventaire et les manuscrits numérisés sont accessibles sur Internet, à l’exception des inédits, de la correspondance, des documents pour lesquels une autorisation de publication est en cours. L’accès à ces inédits sera possible et contrôlé à la Bibliothèque universitaire de Dijon.
Cette restriction d’accès est une volonté de l’ayant-droit.

Qui un’introduzione in lingua inglese.

URL: <http://www.queneau.fr/>

La documentazione storica e fotografica delle catacombe dagli archivi della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra

santagnese

Riportiamo una notizia molto interessante pubblicata sul sito regesta.com, la newsletter di regesta.exe (azienda specializzata in progetti di valorizzazione dei beni culturali e tecnologie per la comunicazione dei contenuti digitali):

“L’archivio digitale della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra viene reso disponibile su un nuovo sito web. La collezione delle prime 10.000 foto storiche di catacombe, ipogei, basiliche cimiteriali, splendidi affreschi, sculture, apre squarci spesso inediti su tesori a volte ancora inaccessibili ai non addetti ai lavori; le 20.000 riproduzioni digitali degli Atti e dei Verbali della Commissione, dei Giornali di scavo, delle corrispondenze raccontano la quotidianità di un lavoro minuzioso e appassionato (rilievi e piante di luoghi dei lavori, riproduzioni di iscrizioni, elenco dei monumenti con indicazione esatta topografica e con annessi calchi delle epigrafi, bolli e iscrizioni) lungo oltre 160 anni di vita della Commissione” [leggi tutto l’articolo].

Le immagini sono disponibili gratuitamente solo in bassa definizione.

I documenti sono disponibili in riproduzione integrale solo a pagamento: si può però consultare la descrizione inventariale.

Per acquistare le foto digitali in alta risoluzione o per richiedere copia della documentazione storica disponibile è necessario registrarsi.

 

URL: <http://www.archeologiasacra.net/pcas-web/>

Archivio digitale della Rivoluzione francese

Rivoluzione francese

Klaus Graf segnala in questo post del suo blog Archivalia una bellissima banca dati dedicata alla Rivoluzione francese, frutto di un progetto di collaborazione tra l’Università di Stanford e la Bibliothèque nationale de France.

L’archivio è suddiviso in due sezioni:

Archivi parlamentari – Una raccolta di fonti sulla Rivoluzione francese presentate in ordine cronologico. Concepita intorno alla metà del XIX secolo, questa monumentale pubblicazione raccoglie tutte le deliberazioni parlamentari, lettere, discorsi, rapporti e altre fonti primarie d’archivio. Per ragioni di copyright, è stato possibile digitalizzare e rendere disponibili solo i volumi relativi agli anni 1787-1794.

Immagini della Rivoluzione francese – Si tratta di una raccolta di circa 14.000 immagini (stampe, illustrazioni, medaglie, monete e altri oggetti) che erano state selezionate dalla Bibliothèque nationale de France in occasione del bicentenario della Rivoluzione francese. Queste immagini, salvate originariamente su LaserDisc, sono state adesso digitalizzate ad alta risoluzione e sono ricercabili per parole chiave o attraverso filtri di ricerca (periodo storico, persone raffigurate, tipologia di immagine, nome degli artisti, nome del collezionista).

Il sito è disponibile nella versione in lingua inglese e nella versione in lingua francese.

 

The French Revolution Digital Archive (FRDA) is a multi-year collaboration of the Stanford University Libraries and the Bibliothèque nationale de France (BnF) to produce a digital version of the key research sources of the French Revolution and make them available to the international scholarly community. The archive is based around two main resources, the Archives parlementaires and a vast corpus of images first brought together in 1989 and known as the Images de la Revolution française.

The Archives parlementaires is a chronologically-ordered edited collection of sources on the French Revolution. It was conceived in the mid 19th century as a project to produce a definitive record of parliamentary deliberations and also includes letters, reports, speeches, and other first-hand accounts from a great variety of published and archival sources. Because of copyright limitations, FRDA contains the AP volumes covering the years 1787-1794. The text of these volumes has been marked up using TEI so that speakers, places, dates, and terms in the published index can be easily found.

The section Images of the French revolution provides access to the most complete searchable digital archive of French Revolution images available. Over 14,000 image-based items, primarily prints from the Departement des Estampes et de la Photographie, but also illustrations, medals, coins, and other objects, were selected for inclusion from across the BnF’s departments. Many originally entered the BnF on legal deposit, but others come from important collections acquired in the 19th and early 20th century.

 

URL: <http://frda-stage.stanford.edu/>

L’Archivio di Giovanni Pascoli è in rete

Pascoli

E’ stato inaugurato ieri con una giornata di studi che si tenuta presso la Scuola Normale Superiore di Pisa il nuovo portale dedicato al poeta Giovanni Pascoli.

Il portale prende il titolo Giovanni Pascoli nello specchio delle sue carte. L’archivio e la casa di Giovanni e Maria Pascoli a Castelvecchio.

Il progetto, promosso e curato dalla Soprintendenza Archivistica per la Toscana in collaborazione con il Ministero dei Beni culturali e la Scuola Normale Superiore, consiste nella digitalizzazione e nella descrizione informatizzata di tutte le carte dell’archivio, attuata secondo le più accurate metodologie archivistiche.

Il progetto comprende:

  • l’inventariazione informatizzata e la digitalizzazione delle circa 61.000 unità documentarie che compongono l’archivio di Giovanni e Maria Pascoli (carteggi, manoscritti, foto, documenti diversi), per un totale di circa 150.000 immagini (>> cerca documenti);
  • la redazione di una bibliografia su Giovanni Pascoli che contiene più di 8.000 titoli di studi dedicati alla vita e all’opera del poeta (>> vai alla maschera di ricerca).

URL: <http://www.pascoli.archivi.beniculturali.it/>

Banca dati degli iscritti al Partito nazionale fascista del Fascio di Torino

pnf_immagine

Giovedì 5 dicembre 2013, sul sito dell’Archivio di Stato di Torino, è stata pubblicata la Banca dati degli iscritti al Partito nazionale fascista del Fascio di Torino.

La nascita ufficiale del Partito nazionale fascista (Pnf) risale al Congresso di Roma (7-10 novembre 1921) e il suo scioglimento fu deliberato dal governo presieduto dal maresciallo Badoglio il 27 luglio 1943.

Alla scadenza dei 70 anni dalla soppressione del Partito nazionale fascista sono resi accessibili, come consentito dalla legge, i dati del più grande fondo documentario di questo tipo esistente in Italia.

Giunge così a compimento un lavoro ultra ventennale di schedatura degli oltre 80.000 fascicoli personali che costituiscono il  fondo della Federazione fascista torinese, giunto alle Sezioni Riunite dell’Archivio di Stato verso la fine degli anni ’40. Dentro ogni busta, la scheda personale con fotografia e la documentazione amministrativa dell’adesione del titolare, prima al “movimento” fascista e poi al Partito, con preziosi dati cronologici e un ricco corredo di tessere, carte personali e lettere presentate a sostegno della richiesta di iscrizione.

Per il ricercatore di storia sociale sono di grande importanza i dati sulla professione e sulle categorie professionali specializzate. Per la distribuzione territoriale si sottolinea l’importanza del Circolo rionale di appartenenza, poi definito Gruppo rionale, che permette una rappresentazione cartografica delle iscrizioni. Di particolare rilievo sono i fascicoli degli appartenenti al Gruppo universitario (Guf) che sopperiscono in parte alla perdita dei fascicoli di immatricolazione dell’Università di Torino.

>> Leggi l’articolo pubblicato su Il Mondo degli Archivi

URL: <http://archiviodistatotorino.beniculturali.it/work/pnf_src.php>

Il fondo Miscellanea Medicea dell’Archivio di Stato di Firenze: inventario (in PDF)

miscellanea

Sul sito dell’Archivio di Stato di Firenze è disponibile in formato PDF l’inventario dei primi 200 pezzi del fondo Miscellanea Medicea, costituito da 730 pezzi (scatole, registri e volumi rilegati) prodotti tra il sec. XVI – sec. XVIII.

Archivio di Stato di Firenze, Miscellanea Medicea I (1-200), inventario a cura di Silvia Baggio e Piero Marchi. Roma, Ministero per i beni e le attività culturali. Direzione generale per gli archivi, 2002.

Dalla Introduzione:

«L’archivio chiamato Miscellanea Medicea, così come è giunto fino a noi, consiste in un complesso documentario che abbraccia l’intero periodo del granducato mediceo, dal primo trentennio del XVI secolo fino al 1737, anno della morte dell’ultimo granduca Medici e del passaggio alla dinastia lorenese. Le carte erano originariamente comprese nel più vasto insieme costituito dall’archivio mediceo, per descrivere sommariamente il quale vale la pena di richiamare la lucida definizione data da Filippo Valenti di un altro archivio di corte: “era insieme e fondamentalmente tre cose: l’archivio di famiglia (…); l’archivio della dinastia (…) e dei diritti ad essa spettanti che è quanto dire archivio costitutivo dello Stato in quanto dominio ereditario della famiglia; l’archivio del governo (…) vale a dire di quella parte dell’amministrazione dello Stato e della direzione dei suoi rapporti con l’estero che spettava direttamente al principe e che egli espletava per tramite dei propri segretari e della propria cancelleria”. Di questa triplice valenza dell’archivio mediceo partecipano anche le carte della Miscellanea, sulla cui origine ci soffermeremo soprattutto in rapporto alla storia dell’intera concentrazione medicea che vari interventi archivistici, succedutisi a partire dai primi anni dell’Ottocento, suddivisero in fondi separati e distinti».

INDICE

Prefazione – File PDF (45 KB) di Rosalia Manno Tolu

Introduzione – File PDF (187 KB)
– La storia e la tradizione della Miscellanea medicea
– Note metodologiche
– Bibliografia delle opere consultate
– Abbreviazioni e segni diacritici
– Tavole di raffronto tra le vecchie segnature e le attuali
– Tavole di raffronto tra le seganture del 1950 e le attuali

Inventario – File PDF (1174 KB)

Indici – File PDF (360 KB)
– Indice alfabetico di persone e luoghi
– Indice alfabetico di materie e istituzioni

Albero genealogico della Famiglia Medici – ramo granducale – File PDF (27 KB)

URL: <http://www.archiviodistato.firenze.it/nuovosito/index.php?id=436>

Organizzazione, gestione e conservazione degli archivi di impresa

Archivi di impresa

E’ disponibile gratuitamente online il volume L’impresa dell’archivio. Organizzazione, gestione e conservazione dell’archivio d’impresa, a cura di Roberto Baglioni e Fabio Del Giudice (Firenze, Edizioni Polistampa, 2012).

Il volume raccoglie le relazioni presentate al seminario organizzato tra Firenze e Pontedera (Pisa) dall’Associazione Nazionale Archivistica Italiana – Sezione Toscana nel dicembre del 2009. Partendo dall’esempio della Piaggio di Pontedera, il testo fornisce un aggiornamento sistematico e complessivo sulle più recenti metodologie e strategie della gestione documentale, intesa come fattore di efficienza ed elemento di competitività per l’impresa, nelle diverse fasi di vita del suo archivio: dalla definizione e attuazione di politiche di conservazione dell’archivio corrente, fino all’importanza che l’archivio storico ricopre per l’impresa stessa, non soltanto sotto il profilo storico e storico economico, ma anche per l’implemento e la crescita dell’immagine aziendale.

Un testo prezioso per il personale operante negli archivi di impresa e per gli enti pubblici o privati che conservano archivi aziendali, nonché per gli studenti dei corsi di laurea in archivistica, delle scuole degli Archivi di Stato e per i liberi professionisti.

Il volume, edito da Polistampa, è liberamente scaricabile in formato PDF:

[via Il mondo degli archivi]

Trattati di pace europei in età moderna (1450-1789)

Trattati

Il progetto Europäische Friedensverträge der Vormoderne (Trattati di pace europei in età moderna) è stato ideato dall’Institut für Europäische Geschichte (Istituto per la Storia Europea) di Magonza.

Scopo del progetto è quello di riunire su un unico sito internet le riproduzioni dei principali trattati internazionali di pace europei dell’età moderna, dal 1450 al 1789.

>> Vai alla maschera di ricerca

URL: <http://www.ieg-friedensvertraege.de>

Censimento degli archivi dell’Inquisizione in Italia

foto_inquisizione

Negli ultimi venti anni le prospettive di ricerca sull’Inquisizione in Italia e sui temi connessi sono state profondamente mutate da un avvenimento archivistico senza precedenti: l’apertura nel 1998 degli archivi centrali del Sant’Ufficio e dell’Indice, conservati presso la Congregazione per la Dottrina della Fede in Vaticano.

Nel dicembre 2002 la Direzione generale per gli archivi  e la Congregazione per la Dottrina della Fede hanno stipulato un primo accordo teso a sostenere l’inventariazione dei fondi conservati presso l’archivio della Congregazione. Il lavoro avviato ha ben presto mostrato l’esigenza di conoscere in termini il più possibile esaurienti e precisi il panorama complessivo della documentazione disponibile, specificandone localizzazione, natura, caratteristiche e condizioni di conservazione e di consultabilità, sia a livello centrale che nelle molteplici sedi di conservazione sull’intero territorio italiano e anche all’estero.

Sulla scia di questi sviluppi sia storiografici sia archivistici si è avviata nel 2003 una collaborazione tra storici universitari, dirigenti dell’amministrazione archivistica di Stato e l’Archivio per la Congregazione per la Dottrina della fede per mettere in cantiere un censimento degli archivi e della documentazione inquisitoriale in Italia che rispondesse ai più aggiornati criteri. A tal fine è stato adottato un adeguato modello concettuale di rappresentazione e di descrizione dei fondi. In tal senso si è fatto ricorso al SIUSA – Sistema informativo unificato delle Soprintendenze archivistiche, un sistema informativo relazionale che si prefigura come particolarmente adatto anche per censimenti tematici.

Il risultato di questo progetto è il sito Censimento degli archivi inquisitoriali in Italia, recentemente arricchito con le schede relative al censimento degli archivi per l’Inquisizione in Piemonte.

Il sistema informativo prevede la possibilità di descrivere e ricercare:

A)  Complessi archivistici 

L’indagine può essere avviata attraverso due opzioni di ricerca guidata:

    • indice dei fondi scanditi nelle partizioni che li compongono;
    • indice generale dei complessi relativa a complessi archivistici di ogni livello.

Ricerche significative possono essere effettuate pure a partire da specifiche tipologie documentarie (processi per delitti contro la fede, lettere dell.Inquisizione romana, ecc.), delle quali viene offerta una sintetica descrizione generale: a partire da esse si può risalire alle descrizioni dei relativi complessi archivistici presenti nella banca dati.

B)  Soggetti produttori

L’indagine può essere avviata attraverso due opzioni di ricerca guidata:

      • enti (dalla diversa natura giuridica quali Inquisizioni periferiche, magistrature statali…);
      • famiglie (voce esclusa per la documentazione inquisitoriale);
      • persone (singoli inquisitori nel medioevo, commissari speciali, oppure giudici laici in casi particolari).

Ricerche significative possono essere effettuate pure a partire da:

      • i contesti storico-istituzionali all’interno dei quali hanno operato i soggetti che hanno prodotto la documentazione;
      • profili istituzionali generali contenenti notizie comuni ad analoghi soggetti produttori (ad es. tribunale vescovile…);
      • gli ambiti territoriali interessati dall’attività dei soggetti che hanno prodotto la documentazione;
      • i soggetti che li conservano.

URL: <http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?RicProgetto=inquisizione>

Per approfondire:

Anna Pia Bidolli, Il Sistema Archivistico nazionale e i documenti dell’Inquisizione in Italia, in «Giornale di storia» (2011).