Archivi categoria: Posts

Le fotografie dal ghetto di Łódź (Polonia) di Henryk Ross

Le rovine della Sinagoga in Wolborska Street , distrutta dai tedeschi nel 1939

Le rovine della Sinagoga in Wolborska Street , distrutta dai tedeschi nel 1939

La Art Gallery dell’Ontario ha messo in Rete la riproduzione digitale delle fotografie scattate da Henryk Ross (1910–1991) nel ghetto di Łódź tra il 1939 e il 1945. Si tratta di un archivio dal valore storico inestimabile che consta di più di 4.000 immagini.  Ross seppellì i negativi durante l’evacuazione del ghetto e, sopravvissuto allo sterminio, li recuperò nel 1945.

La città di Łódź, seconda per numero di abitanti della Polonia, al momento dell’inizio della Seconda guerra mondiale contava circa 250.000 abitanti ed era organizzata in una comunità ricca e culturalmente molto vivace. Fin dall’inizio dell’occupazione tedesca, nei primi giorni di settembre del 1939, iniziarono le persecuzioni contro di essa e nel maggio 1940 fu chiuso il ghetto della città, nel quale furono segregati circa 200.000 ebrei.

Per organizzare la popolazione locale e mantenere l’ordine le autorità tedesche imposero l’istituzione di un Judenrat (consiglio ebraico) all’interno del ghetto. Il consiglio del ghetto era presieduto da Mordechai Chaim Rumkowski, una delle figure più controverse della storia della persecuzione ebraica. Il suo ruolo lo pose in una posizione di grande responsabilità nei confronti degli abitanti del ghetto e gran parte del suo operato continua tutt’oggi ad essere tema di discussione degli storici. Egli obbligò ad enormi sforzi produttivi la popolazione, eseguendo puntualmente gli ordini tedeschi, nella speranza di salvare parte degli ebrei rinchiusi nel ghetto. Nel 1943 oltre il 95% della popolazione adulta era impiegato all’interno di 117 laboratori ed industrie, le quali, come si vantò Rumkowski con il sindaco di Łódź, rappresentavano “una vera miniera d’oro” ( >fonte: Wikipedia). In effetti, proprio a causa dell’estrema produttività il ghetto di Łódź sopravvisse più a lungo di ogni altro ghetto in Polonia ma ciò non fu sufficiente ad evitare il disastro: della popolazione ebraica del ghetto sopravvissero alla Seconda guerra mondiale meno di 10.000 persone.

Primo Levi, nel capitolo “La zona grigia” de I sommersi e i salvati, dedica Rumkoski alcune delle sue pagine più intense. Per approfondire l’argomento rimandiamo a un bell’articolo di Marco Belpoliti pubblicato su Doppiozero il 26 gennaio 2014 e intitolato Levi, Bellow e il Re dei Giudei

 

Qui la notizia dell’apertura al pubblico dell’archivio digitale:

«The Art Gallery of Ontario has launched a searchable, interactive digital archive of over 4,000 rare photographs from its Henryk Ross Collection of Lodz Ghetto Photographs. The archive, developed in partnership with Facing History and Ourselves and with contributions from Sarah and Chaim Neuberger Holocaust Education Centre, features digital copies of Henryk Ross’s original nitrate-based negatives, captured during the Second World War in the Lodz Ghetto of Poland. The launch of the website coincides with the 70th anniversary of the unearthing of Ross’s original negatives in 1945.

Henryk Ross (1910–1991) was a Polish-Jewish photojournalist employed by the Jewish Administration’s Statistics Department. At great risk to himself, Ross took thousands of photos of daily life in Poland’s Lodz Ghetto, which was occupied by German forces in 1939 and was the country’s second largest ghetto for the Jewish population after Warsaw. Ross hid his negatives by burying them in the ground after the last remaining residents of the ghetto were sent to Auschwitz, and excavated them only after the area was liberated from Nazi occupation in January 1945. Over half of the original 6,000 negatives survived, making his collection one of the largest of its kind to survive the Holocaust.

The Henryk Ross Collection was donated to the Art Gallery of Ontario by the Archive of Modern Conflict in 2007. The launch of the digital archive will allow people around the world to search and save images, tag photographs and add information in order to continue to build Ross’s legacy and enrich the public memory of the people and historical events he wished to commemorate. The website also features lesson plans and resources for teachers and students to learn about history, modern human rights issues and social change».

URL: <http://www.agolodzghetto.com/>

 

Ringraziamo Klaus Graf per aver segnalato questa risorsa nel suo blog Archivalia, da poco migrato sulla piattaforma di blog accademici Hypothèses.

Le edizioni della BnF – Bibliothèque nationale de France

BnF

La BnF – Bibliothèque nationale de France, da sempre all’avanguardia per idee innovative, si propone adesso anche come editore di pubblicazioni sia in formato cartaceo che in formato digitale.

«La Bibliothèque nationale de France est un éditeur public dont le catalogue compte plus de mille titres. Dans le cadre de sa politique de valorisation des collections, la BnF édite des catalogues raisonnés et des ouvrages scientifiques destinés aux chercheurs et aux professionnels des bibliothèques. Ces publications de référence sont le reflet de l’excellence scientifique de l’établissement».

>> Qui il catalogo completo.

Le edizioni digitali della BnF sono accessibili dalla piattaforma OpenEdition Books con modalità freemium. A seconda delle licenze d’uso, si possono leggere su schermo alcuni estratti o, in alcuni casi, la versione integrale (>> un esempio qui) ma si deve pagare per poter scaricare i file .pdf  o .epub delle pubblicazioni.

Ci sono comunque alcune pubblicazioni totalmente gratuite, comprese alcune interessanti app interattive. Ecco alcuni esempi:

Marcel Proust, L’Agenda 1906, éd. numérique, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

Marie Soulié, La merveilleuse aventure de l’écriture, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

Monique Pelletier, Cartographie de la France et du monde le la Renaissance au siècle des lumières, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2002 (>> vai alla scheda)

Hommage à Alexandre Kojève. Actes de la « Journée A. Kojève » du 28 janvier 2003. Sous la direction de Florence de Lussy, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2007 (>> vai alla scheda)

Louis XIV: une application iPad, direction éditoriale par Françoise Juhel, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

François Ier:  une application iPad et iPhone, direction scientifique par Bruno Petey-Girard et de Magali Vène; direction éditoriale par Françoise Juhel, Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2015 (>> vai alla scheda)

L’âge d‘or des cartes marines: une application iPad et iPhone, direction scientifique par Jean-Yves Sarazin; conseil scientifique par Catherine Hofmann, Emmanuelle Vagnon, Hélène Richard et Mireille Pastoureau; direction éditoriale par Françoise Juhel,  Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2012 (>> vai alla scheda)

Candide, l’édition enriche: une application iPad, direction scientifique par Nicholas Cronk, Alexandre Chautemps, Ève Netchine et Corinne Le Bitouzél; direction éditoriale par Françoise Juhel,  Éditions de la Bibliothèque nationale de France, 2012 (>> vai alla scheda)

URL: <http://editions.bnf.fr/>

The New York Public Library Digital Collections: 180.000 documenti in pubblico dominio

Fotografia di Berenice Abbott (1935)

Fotografia di Berenice Abbott (1935)

La New York Public Library ha annunciato che a partire dal 6 gennaio 2016 i documenti digitalizzati disponibili nella biblioteca digitale NYPL Digital Collections sono scaricabili e liberamente riutilizzabili senza restrizioni di copyright. Si tratta di più di 180.000 documenti, che spaziano dalle fotografie ai manoscritti, dalle mappe storiche agli spartiti musicali, dai poster alle riproduzioni di opere d’arte.

La notizia è commentata diffusamente anche sul blog della NYPL:

«Today we are proud to announce that out-of-copyright materials in NYPL Digital Collections are now available as high-resolution downloads. No permission required, no hoops to jump through: just go forth and reuse!

[…]

The public domain release spans the breadth and depth of NYPL’s holdings, from the Library’s rich New York City collection, historic maps, botanical illustrations, unique manuscripts, photographs, ancient religious texts, and more. Materials include:

Visit nypl.org/publicdomain for information about the materials related to the public domain update and links to all of the projects demonstrating creative reuse of public domain materials. Go forth, and reuse!»

 

URL: <http://digitalcollections.nypl.org/>

Un’intervista alla curatrice del blog

_DSC7543

Ringraziamo Alessia Smaniotto di OpenEdition Italia per averci dedicato tempo e attenzione!

« Elena Franchini, ben prima di essere pioniera tra i blogger in italiano sulla piattaforma Hypotheses.org (il suo Filosofia & Storia è il primo blog in italiano creato su Hypotheses.org) è stata pioniera in Italia, più in generale, nella creazione di un blog a destinazione dei ricercatori che permettesse di segnalare risorse disponibili online e utili alla ricerca: era il 2007, pochi anni dopo la nascita, in Italia, dei primi servizi gratuiti per la gestione dei blog, nei primi anni 2000. Filosofia & Storia ha raggiunto Hypotheses, piattaforma internazionale dedicata a blog accademici di area umanistica e delle scienze sociali, nel 2013. Le abbiamo chiesto se poteva rispondere via mail alle nostre curiosità sul suo percorso e sulla sua pratica del blogging, e ci ha accontentato.

Come ha conosciuto Hypotheses.org​?​

Ho scoperto Hypotheses.org perché, come bibliotecaria addetta al servizio di reference e document delivery, utilizzavo la piattaforma Revues.org per la ricerca di articoli di riviste di ambito umanistico ed ero interessata alla pubblicazione di studi accademici con modalità “open”. All’epoca gestivo un blog per la Biblioteca di Filosofia e Storia dell’Università di Pisa sulla piattaforma WordPress. Nel 2013 pubblicai un post dedicato alla collezione OpenEdition Books. […] »

Continua a leggere:  http://openeditionitalia.it/636

Un portale dedicato alla storia della musica al femminile

Musiciste

MUGI – Musik und Gender im Internet è un interessante progetto curato dalla Accademia per la musica e il teatro di Amburgo (Hochschule für Musik und Theater Hamburg) dedicato al ruolo che hanno avuto le donne nell’esercizio e nella trasmissione nella musica, per un approccio sociale agli studi musicologici nell’ambito dei più recenti studi di genere.

Il sito consente di navigare tra documenti e articoli redatti con grande cura. Purtroppo non esiste una traduzione in lingua inglese, ad eccezione di una breve pagina di presentazione del progetto e delle sue finalità. Ne riportiamo una parte:

«The project Music and Gender on the Internet was created based on women studies, gender studies, and queer studies, a field first established in the U.S. that also experienced dynamic development in Europe. Music history, even today, is explored and documented as the history of authors and their works, rather than the history of cultural behavior. Subsequently many women musicians that were active in areas such as interpretation, music pedagogy and promotion are often overlooked, because they were not apparent to the public eye.

The distinct goal of the MUGI project is therefore to further develop the methodical aspects of women and gender studies and to integrate it into musicology studies in universities and conservatoriums».

Il nocciolo del progetto è il Lexikon, raccolta di 463 voci enciclopediche dedicate non solo a donne compositrici, ma anche a interpreti, insegnanti, intellettuali che si sono distinte in campo musicale. Il Lexikon è molto ben strutturato ed è facilmente navigabile.

La sezione Multimedia è invece dedicata a contributi su temi specifici, presentati con intento divulgativo e didattico. Si veda ad esempio il modulo dedicato ad Anna Morsch, Marie Lipius, Lina Ramann, tre donne che scrissero di musica nell’Ottocento.

 

URL: <http://mugi.hfmt-hamburg.de/>

Storia del Muro di Berlino

Berlin Mauer_1961

Berlino, settembre 1961

Il sito tedesco Chronik der Mauer (qui la versione in lingua inglese) racconta con fotografie, documenti, registrazioni audio la storia del muro di Berlino ripercorrendo mese per mese tutta la storia della città divisa, dal 13 agosto 1961 al 9 novembre 1989.

Il sito è frutto della collaborazione tra il Centro per la storia contemporanea di Potsdam (Zentrum für Zeithistorische Forschung Potsdam), l’Agenzia federale per l’educazione civica (Bundeszentrale für politische Bildung) e la radio tedesca Deutschlandradio.

 

URL: <http://www.chronik-der-mauer.de/>

Odradek n. 2: call for papers

plato2

Segnaliamo che è aperta la selezione di contributi originali in vista dell’uscita del secondo numero di Odradek (>> leggi un post dedicato al primo numero),  la rivista open access dedicata al rapporto tra filosofia e letteratura edita dal gruppo di ricerca Zetesis – Progetto di studi e Dialoghi Filosofici, che fa capo al Dipartimento di Civiltà e forme del sapere dell’Università di Pisa.

Il tema oggetto del fascicolo in preparazione è il seguente:

The Quarrel between Poetry and Philosophy

Tutte le informazioni qui.  In sintesi:

«Authors are cordially invited to submit papers for the upcoming second edition of the Journal that will deal with The Quarrel between Poetry and Philosophy.

Submission deadline: 20th December 2015.

The topic of the proposals might include, but need not to be restricted to:

1. Any philosophical and/or poetic experience which has nourished and/or questioned the distinction between imagination and thought, myths and logos, and so on.

2. The problem of the style of philosophy and the role of rhetoric in philosophy

3. Limits and potentialities of a philosophy of poetry

4. Features of a literature aiming to be philosophical

5. Any political aspects entailed in the Quarrel.

6. The distinction between verse and prose as decisive or not to distinguish poetry from philosophy.

 

All papers will be reviewed according to our peer review process policy.

Languages: English, French, German, Italian, Portuguese Spanish».

 

URL: <http://zetesis.cfs.unipi.it/Rivista/index.php/odradek/announcement/view/2>

Biblioteca digitale romagnola: riviste storiche digitalizzate

RomagnaCartina

Segnaliamo l’emeroteca digitale della rete delle biblioteca romagnole (Provincia Ravenna, Provincia Forli-Cesena, Provincia Rimini, Repubblica di San Marino), che permette l’accesso alle riproduzioni digitalizzate di molte riviste storiche stampate in Romagna dal Settecento («La gazzetta di Ravenna») alla metà del Novecento.

Ecco l’elenco di tutte le testate disponibili:

– Ali di guerra  (annate 1941-1943)
– Annali di economia  (annate 1924-1939)
– Archivio di studi corporativi  (annate 1930-1938)
– L’arte fascista  (annate 1926-1929)
– La cavalcata  (annate 1923-1925)
– Il cittadino  (annata 1896)
– Corriere di Lugo  (annate 1908-1909)
– Cronache della guerra  (annate 1939-1943)
– La difesa della razza  (annate 1940, 1943)
– Il Domani  (annate 1911-1913)
– Il faro romagnolo  (annate 1915-1916)
– La fiaccola  (annata 1921)
– La fiaccola  (annate 1941-1942)
– La fiamma  (annata 1910)
– Fronte  (annate 1940-1943)
– La gazzetta di Lugo  (annate 1987-1898)
– La gazzetta di Ravenna  (annate 1716-1774)
– La giovine Italia  (annate 1937-1938)
– L’idea popolare  (annate 1920-1923)
– L’imparziale  (annate 1840-1847)
– Il lavoro  (annate 1871-1900)
– La libertà  (annate 1921-1923)
– La lotta  (annata 1889)
– Lotta di classe  (annata 1921)
– Il messaggero  (annata 1927)
– Il piccolo: settimanale cattolico  (annate 1945-1959)
– La nuova Europa  (annate 1944-1946)
– Popolo fascista  (annate 1922-1923)
– Rassegna montiana  (annate 1928-1929)
– Il ravennate  (annate 1864-1887)
– Razza e civiltà  (annate 1940-1943)
– La Romagna socialista  (annate 1921-1922)
– Santa Milizia: organo della Legione Romagna  (annate 1922-1944)
– Il Socialista  (annate 1902-1922, 1945-1950)
– La squilla  (annate 1914-1915)
– La vedetta  (annate 1892-1926)
– La via  (annate 1909-1910)
– La voce del combattente  (annata 1923)

URL: <http://scoprirete.bibliotecheromagna.it/SebinaOpac/.do?cdArticle=BIBLIODIGI>

Le Guerre d’Italia (1494-1559): una bibliografia curata dalla BnF

La tregua di Nizza del 1538 tra Francesco I e Carlo V

La tregua di Nizza del 1538 tra Francesco I e Carlo V

La BnF – Bibliothèque nationale de France redige utili bibliografie tematiche basandosi sui documenti posseduti e catalogati dalla biblioteca.

Tra le bibliografie di Storia disponibili, segnaliamo quella dedicata alle Guerre in Italia (1495-1559).

Per un breve quadro introduttivo, riportiamo i primi paragrafi della voce Wikipedia Guerre d’Italia del XVI secolo:

«Le Guerre d’Italia o Grandi Guerre d’Italia furono una serie di otto conflitti, combattuti prevalentemente sul suolo italiano nella prima metà del secolo XVI (per la precisione durarono dal 1494 al 1559), aventi come obiettivo finale la supremazia in Europa.

Furono inizialmente scatenate da alcuni sovrani francesi, che inviarono nella penisola italiana le loro truppe, per far valere i loro diritti ereditari sul Regno di Napoli e poi sul Ducato di Milano. Da locali le guerre divennero in breve tempo di scala europea, coinvolgendo oltre alla Francia, soprattutto la Spagnae il Sacro Romano Impero.

Al termine delle guerre la Spagna si affermò come la principale potenza continentale, ponendo gran parte della penisola italiana sotto la sua dominazione diretta (Regno di Napoli, Ducato di Milano, Stato dei Presidi) o indiretta; gli unici stati italiani che seppero mantenere una certa autonomia furono ilDucato di Savoia (legato alla Francia) e la Repubblica di Venezia, mentre il Papato, pur autonomo, risultava perlopiù legato alla Spagna dalla comune politica di far prevalere in Europa la Controriforma cattolica».

>> Scarica la bibliografia  [file .pdf – 376 Kb – 22 pagine]

Plotino: una bibliografia

Plotino

Segnaliamo una ricca bibliografia dedicata al filosofo Plotino, a cura dello studioso canadese Richard Dufour:

«In this bibliography we intend to continue our bibliographical research on Plotinus, started in Plotinus: A Bibliography 1950-2000, Leiden, Brill, 2002 (a revised version of “Plotinus: A Bibliography 1950-2000”, Phronesis (46, 3), 2001). From now on our work will be on the Internet and will be updated several times a year. We want thus to offer a comprehensive list of publications on Plotinus by gathering all we can find in the most important bibliographical indexes available.

This bibliography has been published, for the most part, in a revised version with full indices: DUFOUR, Richard, “Bibliographie Plotinienne: 2000-2009”, in Études platoniciennes VI, Paris, Belles Lettres, 2009, p. 295-365».

[versione in lingua francese qui]

URL: <http://rdufour.free.fr/BibPlotin/anglais/Biblio.html>

La Biblioteca digitale della Società Ligure di Storia Patria

testata_atti

La Società Ligure di Storia Patria, grazie al contributo di alcuni sponsor privati quali la  Compagnia di San Paolo e della Fondazione CARIGE, ha intrapreso  nell’autunno del 2011 un piano di digitalizzazione delle proprie pubblicazioni esaurite, al fine di presentare ai soci e agli utenti il ricco complesso di testi scientifici editi in oltre un secolo e mezzo di studi, riprodotti in formato digitale e liberamente scaricabili.

Periodici e collane:

Nella primavera del 2013 la Società ha intrapreso anche un ampio piano di digitalizzazione di risorse manoscritte utili allo studio e all’approfondimento della Storia della Liguria.

Manoscritti di argomento locale conservati presso l’Archivio storico del Comune di Genova:

 

URL: <http://www.storiapatriagenova.eu/BD_info.asp>

Odradek: una nuova rivista di filosofia open access

rivista_num1 copia

Segnaliamo con piacere la nascita di una nuova rivista open access dedicata al rapporto tra filosofia e letteratura edita dal gruppo di ricerca Zetesis – Progetto di studi e Dialoghi Filosofici, che fa capo al Dipartimento di Civiltà e forme del sapere dell’Università di Pisa.

Odradek. Studies in Philosophy of Literature, Aesthetics and New Media Theories 

In particolare, la rivista incentra la sua indagine su questi temi:
  • filosofia della letteratura;
  • estetica;
  • teorie dei nuovi media.

La rivista è open access e peer reviewed.

Dalla pagina di presentazione del progetto editoriale:

«ODRADEK is an International Journal founded by Zetesis Research Group on the Quarrel between Philosophy and Poetry. Zetesis is a Research Center related to the University of Pisa History, Philosophy and Arts Department (see www.zetesis.cfs.unipi.it and www.zetesisproject.com).

The name “Odradek” evidently stems from Kafka’s tale “Die Sorge des Hausvaters”, where Odradek is an imaginary creature described as an object, but endowed with living properties which let father to think that it could also live after his death. There are many interpretations of what it is. Here is essential to say that Odradek is an undefinable entity as well as it is the object this Journal will investigate: the work of art.

More precisely, Odradek will explore three fields:

– the philosophy of literature: reflections developed over the centuries by philosophers and writers on the nature of poem, literature and narrative fiction, but also the quarrel between contemplative thought (theorein) and artistic-productive activity (poiesis) with regard of the style of philosophizing;

aesthetics: the philosophical theories concerning arts, beauty, sublime, metaphor, etc. and the related human faculties and impulses such as aesthetic judgement, genius, melancholy, play instinct, inspiration and compositive capacity;

new media theories: the philosophical exploration of how sensibility, arstistic capacity and communication changed in the age of the digitalization».

URL: <http://zetesis.cfs.unipi.it/Rivista/index.php/odradek/index>

Biblioteca digitale ligure

testata_left

La Biblioteca Digitale Ligure (BDL), inaugurata il 22 giugno 2015, è un servizio offerto dalla Regione Liguria allo scopo di permettere a tutti l’accesso a contenuti digitali messi a disposizione dalle biblioteche liguri, da altre istituzioni liguri e dalla Regione stessa.

La BDL può accogliere contenuti di ogni tipo (immagini, testi, audio, video), sia derivati da originali non digitali (ad esempio libri o periodici su carta, dischi o nastri audio), sia prodotti dall’origine in formato digitale (ad esempio fotografie digitali, libri pubblicati solo come ebook).

Le collezioni presenti nella Biblioteca digitale ligure sono state realizzate da soggetti diversi nel corso di un notevole periodo di tempo, per cui possono differenziarsi per le caratteristiche tecniche delle immagini (o degli altri oggetti digitali) e dei metadati, in conseguenza dell’evoluzione dei criteri di realizzazione di queste attività e di quella degli strumenti di digitalizzazione.

Di seguito si elencano le raccolte già presenti o in fase di trattamento per l’acquisizione, con l’avvertenza che nella BDL possono anche essere presenti pezzi singoli digitalizzati autonomamente senza quindi che appartengano ad una raccolta.

  1. Cinquecentine e libri di medicina dei secoli 16. e 17. della Biblioteca Medica Mario Segale dell’Ospedale Galliera di Genova
  2. Documenti antichi, manoscritti o a stampa, di carattere geografico e cartografico
  3. Raccolta fotografica della Biblioteca Civica di Camogli
  4. Libri antichi e manoscritti della Biblioteca Civica Berio di Genova
  5. Opuscoli della Biblioteca Civica Mazzini di La Spezia
  6. Periodico “Il Mare” della Biblioteca Civica di Rapallo
  7. Manoscritti e incunaboli della Biblioteca Civica Barrili di Savona
  8. Periodici locali della Biblioteca Civica Barrili di Savona

 

La Biblioteca Digitale Ligure mette a disposizione tre diverse modalità di ricerca: ricerca semplice; ricerca avanzata; ricerca per liste.

I contenuti digitali sono accessibili anche a partire dal CBL – Catalogo delle Biblioteche Liguri che, quando è presente la versione digitale di un documento, mostra nella scheda il relativo link alla BDL.

URL: <http://bibliotecadigitale.regione.liguria.it/opacbdl/opac/bdl/index.jsp>

La Biblioteca digitale della Bodleian Library e Ippolito Rosellini

Egitto

Anche la famosa Bodleian Library dell’Università di Oxford ha una nuova piattaforma, lanciata nel luglio 2015, che consente l’accesso gratuito ai suoi tesori digitalizzati.

«Digital.Bodleian provides access to parts of the collections of the Bodleian Libraries of the University of Oxford. The project began in 2011 and the website was launched in July 2015. In August 2015 over 120.000 digital objects were freely available online, with at least another 1.5 million images awaiting release. These images come from all over the world, from different time periods, and regarding different subjects.

Basic search is available. In addition, users can browse by collection. Many different collections are available, such as educational ephemera and children’s games of the 18th and 19th centuries, Burmese life and devotion, Cobbett’s parliamentary history, exploring Egypt in the 19th century, and the Gough map. It is possible to filter the collections: by early printed books, ephemera, history and politics, maps, oriental, prints and portraits, science and natural history, or western manuscripts».

Tra le opere digitalizzate segnaliamo l’importante edizione pisana dell’opera fondante l’archeologia egiziana, che fece seguito alla  memorabile spedizione franco-toscana in Egitto capitanata da Jean François Champollion e da Ippolito Rosellini nella prima metà dell’Ottocento:

Ippolito Rosellini, I monumenti dell’Egitto e della Nubia disegnati dalla spedizione scientifico-letteraria toscana in Egitto (Pisa, Capurro, 1832-1844)

Parte Prima: Monumenti storici (Tomo primoTomo secondoTomo terzo/parte primaTomo terzo/parte secondaTomo quarto)

Parte seconda: Monumenti civili (Tomo primo)

Parte terza: Monumenti del culto (Tomo unico)

Il Dipartimento di Scienze storiche dell’Università di Pisa ha dedicato un sito all’Archivio Ippolito Rosellini. Dalla pagina di presentazione del progetto:

«Ippolito Rosellini nasce a Pisa il 13 agosto 1800. A soli ventiquattro anni è già professore di Lingue orientali all’Università di Pisa, dove si era laureato.

La teoria di Jean François Champollion (1790-1832) sulla decifrazione del geroglifico cattura presto il suo interesse e lo porta a pubblicare, alla fine del 1825, uno scritto con il quale ne espone e divulga i risultati in italiano.

In quegli stessi anni i due studiosi hanno modo di incontrarsi in Italia e poi a Parigi. Insieme concepiscono il progetto di una spedizione congiunta di francesi e toscani in Egitto, sostenuta dall’appoggio politico e finanziario dei rispettivi governanti. La risposta favorevole del Granduca di Toscana, giunta all’inizio di settembre del 1827, è la molla che convince il sovrano francese Carlo X a superare varie riserve e ostacoli e a concedere il proprio appoggio all’impresa.

Se Champollion rimane il padre indiscusso della filologia egiziana grazie alla geniale decifrazione della scrittura geroglifica (1822), è all’italiano Rosellini che si deve la pubblicazione dell’opera fondante dell’archeologia egiziana, I Monumenti dell’Egitto e della Nubia.

La spedizione franco-toscana ideata e capitanata da Champollion e Rosellini aveva come obiettivo la documentazione dei monumenti dell’antico Egitto, allora misconosciuti, e la costituzione di collezioni di antichità egiziane.

Lasciata l’Europa alla volta dell’Egitto nel luglio del 1828, la missione intraprende un avventuroso viaggio che la porta in circa quindici mesi a visitare tutti i principali siti egiziani, fra i quali Giza, Saqqara, Menfi, Beni Hassan, Tebe, File e a giungere fino ad Abu Simbel e Wadi Halfa in Nubia. Al termine dell’esplorazione in Egitto e Nubia, Rosellini riporta in Toscana una massa imponente di materiale, tra cui il prezioso patrimonio di migliaia di disegni e note manoscritte a documentazione di monumenti e siti egiziani, che la Biblioteca Universitaria di Pisa custodisce con cura dal XIX secolo, e circa 1800 antichità, oggi al Museo Egizio di Firenze.

Una piccola collezione, costituita a titolo personale dallo zio di Ippolito, Gaetano Rosellini, ingegnere e membro della Spedizione, è oggi ospitata in parte presso il Museo dell’Opera del Duomo di Pisa e in parte nelle Collezioni Egittologiche dell’Ateneo pisano».

 

URL: <http://digital.bodleian.ox.ac.uk/>

Storia dell’economia: le collezioni digitalizzate della Fondazione Einaudi

Einaudi

“Grazie all’erogazione di un contributo della Regione Piemonte sono state digitalizzate alcune delle più importanti opere economiche, italiane e straniere, in traduzione italiana, pubblicate dal 1600 al 1830 e possedute dalla Biblioteca e 198 titoli di opere, articoli e lettere di Luigi Einaudi.

Si tratta in totale di 450 titoli per un totale di circa 85.000 pagine, consultabili sul sito TECA Digitale della Regione Piemonte.

Sono, invece, in fase di pubblicazione nella Teca digitale, ma sono già usufruibili in sede, i dvd relativi a:

  • le prime tre serie della collana Biblioteca dell’economista, pubblicata dall’Utet tra il 1850 e il 1892, costituite da  43 volumi per un totale di circa 50.000 pagine.
  • il periodico «La Riforma sociale» e il suo proseguimento naturale, la «Rivista di storia economica», pubblicate tra il 1894 e il 1943 e consistenti di 51 volumi per un totale di circa 45.500 pagine.
  • il Catalogo della biblioteca di Luigi Einaudi: opere economiche e politiche dei secoli XVI-XIX, a cura di Dora Franceschi Spinazzola,  Torino, Fondazione Luigi Einaudi, 1981 in 2 volumi e  del suo Supplemento: numeri A 1-A 1000,  Torino, Fondazione Luigi Einaudi, 1991 per un totale di circa 1.300 pagine”.

[dalla home page del sito]

URL: <http://www.fondazioneeinaudi.it/biblioteca/collezioni-digitalizzate/>

 

via Bibliostoria, il blog della Biblioteca di Scienze della storia dell’Università di Milano